BANNER 300X250

Cagliari. Sport all'aperto con il progetto “Giochiamo nei parchi di Cagliari”

In evidenza Cagliari. Sport all'aperto con il progetto “Giochiamo nei parchi di Cagliari”
L’Amministrazione Comunale ha aderito al progetto “Giochiamo nei parchi di Cagliari”. Ideato dall’associazione ASSEM con il contributo delle tre associazioni sportive dilettantistiche, Beta, Cagliari Atletica Leggera e COLOR’S GYM, il progetto é finalizzato ad incentivare l’attività sportiva dei bambini dai sei ai tredici anni, anche grazie al coinvolgimento delle scuole primarie e secondarie di primo grado.

"Attraverso questo progetto, vogliamo fare in modo - ha spiegato il primo cittadino di Cagliari, Paolo Truzzu - che i giovani, categoria che ha subito uno dei danni più pesanti nel corso della pandemia, possano avere la possibilità, dopo quindici mesi di inattività, di recuperare il tempo perduto facendo attività motoria. In questo modo, guidati da professionisti, potranno non solo ricominciare a fare sport ma allo stesso tempo riscoprire i nostri parchi”.

Attraverso il coinvolgimento dei laureati in Scienze Motorie, gli organizzatori hanno voluto abbinare i tre aspetti dello sport, della natura e della socializzazione nel momento in cui il Covid sembra aver lasciato uno spiraglio di ritorno alla normalità. E in questo contesto si sono subito inseriti gli operatori di ASSEM, associazione che raggruppa i laureati in Scienze Motorie e gli altri professionisti qualificati, mettendo a disposizione l’esperienza e la qualità del lavoro degli associati, in favore dei piccoli sportivi. A fare da scenario all’attività sportiva di base, saranno i parchi cittadini, per il momento tre nella fase sperimentale del progetto che prenderà il via la seconda settimana di giugno. Si parte con Monte Urpinu e Terramaini, per poi puntare a coinvolgere non solo tutte le principali aree verdi della città ma anche un maggior numero di associazioni sportive e scuole.

“Ci auguriamo - ha commentato l’Assessore allo Sport Carlo Tack - che il progetto piaccia e che alle prime tre associazioni se ne aggiungano anche altre. Perché con iniziative come questa, possiamo puntare non solo all’aspetto sportivo ma anche alla valorizzazione di alcune aree fino ad ora inutilizzate”.

Molto dipenderà dalla risposta degli appassionati che potranno aderire all’iniziativa direttamente nei parchi cittadini rivolgendosi ai rappresentanti delle associazioni coinvolte.

Ultima modifica ilLunedì, 07 Giugno 2021 19:29

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

giweather joomla module