BANNER 300X250

Impresa. Bando regionale a sostegno delle cooperative

Al via, dal 28 giugno, il bando regionale per la concessione di contributi alle cooperative. In questo senso sono state pubblicate le Disposizioni attuative per l’apertura dei termini per la presentazione della Domanda di Contributo Telematica (DCT) - Annualità 2021, previste dall’Avviso pubblico ad efficacia triennale, approvato il 24 aprile 2020. In particolare, la Domanda di Contributo Telematica (DCT), potrà essere presentata dai soggetti interessati a partire dalle ore 10:00 del 28 giugno 2021 ed entro le ore 23:59 del 09 luglio 2021, esclusivamente utilizzando l’apposito applicativo SIL, reso disponibile dalla Regione Autonoma della Sardegna sul sito web http://www.sardegnalavoro.it/.

“Le ultime Disposizioni Attuative, denominate “Integrazioni e Modifiche Annualità 2021” - ha sottolineato l’assessore regionale del Lavoro, Alessandra Zedda - modificano e integrano l’avviso, a seguito del processo di implementazione del “Sistema Informativo Lavoro della Regione Sardegna” (SIL) per l’informatizzazione e gestione delle domande. La grande novità - ha aggiunto l'esponente della Giunta Regionale - è la nuova procedura, totalmente informatizzata e al passo coi tempi. I contributi sono a sostegno degli organismi regionali e/o territoriali delle associazioni cooperativistiche, giuridicamente riconosciute ed operanti in Sardegna”.

Parco Geominerario. Al via contratto per 367 lavoratori ex ATI-IFRAS

Parte oggi il contratto sulle assunzioni di 367 dipendenti di ex Ati-Ifras, coinvolti nel progetto di sviluppo del Parco Geominerario Storico Ambientale della Sardegna. La nuova società che si è aggiudicata il bando pubblico - come previsto da norma regionale e gestito e attuato da Aspal attraverso una gara internazionale di “Facility Management” - ha proceduto così all’assunzione di 367 lavoratori totali, afferenti a diversi cantieri comunali, con un contratto a tempo determinato biennale che prevede anche attività formative e di crescita professionale. Ora l'obiettivo della Regione é quello di costruire il futuro dei lavoratori, attraverso progetti che mirano alla tutela dei siti archeologici, in piena sinergia con gli Enti coinvolti e le Amministrazioni comunali, cercando di dare continuità alle prospettive di occupazione, oltre i 2 anni previsti dal contratto.

Formazione e lavoro. Ripartono i corsi formativi in autofinanziamento per Oss, Aso, Parricchieri, Estetiste

Riaperta in Sardegna la procedura di riconoscimento dei percorsi formativi in regime di autofinanziamento, in particolare quelli relativi alla professione sanitaria. Tra questi, operatore sociosanitario (OSS) e assistente di studio odontoiatrico (ASO). In aggiunta, la riapertura della procedura riguarda anche la qualifica per parrucchiere ed estetista. Ad annunciarlo é Alessandra Zedda, assessore regionale del Lavoro, che ha sottolineato: "ripartono le attività formative, nel pieno rispetto dei protocolli anti Covid-19, che rappresentano uno strumento efficace per un rapido inserimento nel mercato del lavoro. Era fondamentale riattivare i corsi per coloro che vogliono intraprendere una carriera professionale e per dare la possibilità, anche ai giovani, di acquisire competenze e qualifiche necessarie nella ricerca di una occupazione, soprattutto in ambiti particolarmente utili a fronteggiare l’emergenza epidemiologica”. La determinazione regionale per la riapertura dei termini dei percorsi di formazione in autofinanziamento - adottata dall’Assessorato del Lavoro, Formazione e Cooperazione Sociale - prevede la presentazione dei progetti da parte delle Agenzie Formative, entro il 9 luglio 2021. In particolare, per ogni Agenzia Formativa possono essere approvati fino a un massimo di dieci percorsi formativi e per ciascun percorso un numero massimo di due edizioni. L’istruttoria seguirà prioritariamente un ordine cronologico ed eventuali istanze di reiterazione di proposte progettuali già approvate in precedenti annualità dovranno essere ripresentate come nuove istanze.

Lavoro. Boom di domande per il bando (R)esisto

Grande partecipazione nelle prime ore di apertura del bando (R)esisto rivolto, a partire da oggi, alle lavoratrici e ai lavoratori autonomi, senza dipendenti, residenti in Sardegna. Dopo una prima mezz’ora a rilento in cui sono arrivate contemporaneamente oltre 4500 domande, il sistema ha accolto regolarmente tutte le istanze che tuttora stanno pervenendo. Nello specifico l'apertura del secondo termine del Fondo (R)esisto, prevede una dotazione finanziaria pari a 22 milioni e 525mila euro, non ancora interamente impegnata, a favore di lavoratrici e lavoratori titolari di partita Iva. Soddisfazione é stata espressa dall’assessore regionale del Lavoro, Alessandra Zedda, che ha sottolineato: "alla luce di questi dati possiamo esprimere soddisfazione per il buon risultato che sta riscuotendo il bando. Abbiamo colto l’esigenza reale di tutte le categorie gravemente colpite dalla crisi e stiamo intervenendo con una significativa iniezione di risorse che daranno loro ristoro. Ci aspettiamo ancora un cospicuo numero di ulteriori istanze nelle prossime ore che la Regione fin da ora si sta impegnando a soddisfare”.

Impresa e pandemia. Bando regionale (R)Esisto: i chiarimenti dell'assessore regionale del Lavoro Alessandra Zedda

“Il bando (R)ESISTO non è un click day, perché la possibilità di partecipare non si ferma una volta esaurite le risorse, ma è una procedura valutativa a sportello”. E' quanto sottolineato da Alessandra Zedda, assessore regionale del lavoro, nel corso del webinar di questa mattina, organizzato dall’assessorato del Lavoro per approfondire le opportunità del bando. Opportunità che riguardano da vicino le imprese sarde e gli autonomi, particolarmente colpiti dalla pandemia causata da Covid-19.

“L’obiettivo principale dell’avviso - ha precisato l’esponente dell’esecutivo Solinas - è quello di sostenere il costo del lavoro. Abbiamo messo in campo una serie di strumenti che aiutano le imprese e le partite iva a mitigare una crisi economica senza precedenti, che ha messo in ginocchio il nostro tessuto produttivo. Il Fondo - ha aggiunto Zedda - è uno strumento complesso, che ha richiesto molta manodopera, frutto di un lungo lavoro di concertazione tra la Regione, i beneficiari, le parti sociali e datoriali, che hanno presentato l’esigenza di chiarire alcuni aspetti. (R)ESISTO - ha concluso l’assessore del lavoro - ha una dotazione finanziaria pari a 63.539.000,00 di euro. E’ dunque una grande opportunità, ma non una soluzione per tutti. Uno stanziamento ingente, che ci impone l’obbligo di essere speso correttamente, anche come investimento per il futuro. Nel corso del 2021, la Regione andrà incontro anche a quelle categorie che non hanno potuto partecipare”.

L’apertura del bando sarà a pari condizioni, ma per evitare un sovraccarico del sistema informatico e garantire la serenità di tutti i partecipanti la partecipazione sarà diluita in 3 diverse date. Le grandi imprese potranno presentare le domande dall’8 febbraio 2021, le partite iva, che non hanno un rapporto di lavoro dipendente, dall’11 febbraio, e le medie, piccole e micro imprese, dal 17. Propedeutica alla presentazione della domanda di aiuto telematica, gli interessati dovranno effettuare la registrazione dell’impresa al SIL Sardegna come “Impresa” all’interno dell’area dedicata del portale www.sardegnalavoro.it, a cura del rappresentante legale o del procuratore dell’ impresa, in possesso dei requisiti previsti dall’avviso. Le Imprese già registrate possono utilizzare le credenziali d’accesso già in loro possesso

Istruzione. Costituito il nuovo ITS del Turismo e Beni Culturali

“Con la formale costituzione del nuovo Istituto Tecnico Superiore ad Olbia viene mantenuta in pieno la volontà politica che ha portato a questo importante traguardo. Un traguardo importante per tutto il territorio e per l’intera economia della Sardegna di cui vado particolarmente fiero.”

A dirlo è l’assessore Regionale della Pubblica Istruzione, Andrea Biancareddu che ha voluto fortemente l’avvio del nuovo ITS, che si occuperà di Turismo e Beni Culturali in Sardegna. La Fondazione ITS con, sede ad Olbia, nasce in un territorio regionale che vanta una delle più grandi e antiche vocazioni turistiche e vede coinvolti oltre che la scuola, l’Università e la formazione professionale, gli Enti Locali della Gallura e alcune delle più importanti imprese turistiche del territorio. La Fondazione opererà in sinergia anche con le altre Fondazioni già operanti in Sardegna e sarà in grado di offrire una istruzione superiore e formativa di assoluto livello a tutti i ragazzi sardi, in un settore strategico come quello del turismo. Si parte, quest’anno, con due percorsi di istruzione, per tecnico superiore per la ricettività turistico ricettiva. Un percorso si terrà nella sede di Olbia mentre un altro percorso di istruzione superiore si svolgerà nella sede di Tempio, per coprire così tutti fabbisogni di istruzione che uniscano virtualmente la montagna e la costa nord orientale e nord occidentale della Sardegna.

Lavoro. Pubblicato l'avviso per le coop di tipo B per i contributi in conto occupazione

Pubblicato l’Avviso per la concessione di contributi in conto occupazione che prevede un sostegno economico, nell’ambito del regime di Aiuti “de minimis”, a favore delle Cooperative Sociali di tipo “B” iscritte all’albo regionale, in attuazione della Legge Regionale del 22 aprile 1997. La dotazione finanziaria complessiva di 4 milioni e 500 mila euro - equamente ripartita per gli anni 2020, 2021 e 2022 - prevede la concessione di un contributo in conto occupazione a ciascun socio lavoratore nella misura del 50 per cento della retribuzione lorda prevista dal contratto collettivo nazionale di categoria, oppure nella misura dell’80 per cento per ciascun socio appartenente alle categorie di persone svantaggiate. La presentazione delle domande potrà essere effettuata, a partire dalle ore 10 del 27 novembre 2020 ed entro e non oltre le ore 23.59 del 9 dicembre 2020, esclusivamente utilizzando l’applicativo reso disponibile dalla Regione Sardegna nell’ambito del Sistema Informativo del Lavoro e della formazione Professionale (SIL) all’indirizzo: www.sardegnalavoro.it. L’ordine cronologico di invio telematico delle stesse richieste costituisce unico elemento di priorità nell’assegnazione dell’aiuto. Le Cooperative e i Consorzi di Cooperative, all’atto della presentazione della Domanda, prenoteranno la quota parte di risorse richieste per il singolo destinatario.

Lavoro. Posticipata la scadenza del bando per il potenziamento delle cooperative

Su impulso delle associazioni di categoria, la Regione ha posticipato al 23 novembre la scadenza dell’Avviso, rivolto a cooperative e loro consorzi per l'ottenimento di contributi finalizzati al potenziamento economico delle attività produttive e dei servizi. La data di chiusura dei termini rimane invariata alle 23.59 del 30 novembre 2020 e le domande potranno essere presentate utilizzando esclusivamente l’applicativo reso disponibile dalla Regione Autonoma della Sardegna nell’ambito del Sistema Informativo del Lavoro e della formazione Professionale (SIL) all’indirizzo: www.sardegnalavoro.it.

“Vogliamo andare incontro alle esigenze del comparto consentendo al maggior numero di imprese cooperative di poter partecipare al bando - ha dichiarato l’assessore regionale del Lavoro, Alessandra Zedda. Mutualità e solidarietà sono alla base del sistema cooperativistico e la Regione intende promuovere e favorire anche lo sviluppo dei questi elementi per far crescere l'economia".

Sottoscrivi questo feed RSS

giweather joomla module