Banner Athlon

Cagliari. La fiaccola di Special Olympics Torino 2022 fa tappa in città

Sarà il il primo cittadino, Paolo Truzzu, ad accendere ufficialmente la fiaccola dei prossimi giochi Special Olympics, utilizzando la fiamma olimpica in arrivo dalla Sicilia. L'evento si svolgerà mercoledì 4 maggio alle ore 16 presso il Municipio. In vista dei giochi in programma a Torino dal 4 al 9 giugno 2022, che vedranno coinvolti più di tremila atleti che si confronteranno in venti diverse discipline, la fiaccola farà il giro d'Italia prima di raggiungere il Piemonte. In particolare, alle 15 di mercoledì 4 maggio il fuoco olimpico, custodito in una apposita teca, arriverà a Marina Piccola a bordo di una motovedetta, proveniente dalla Sicilia. Un'ora dopo è previsto l'attracco al molo Ichnusa da dove, scortata dalle forze armate e accompagnata dal Questore di Cagliari, Paolo Rossi e dal Vice Questore, Pio Russo, dalla direttrice regionale Special Olympics, Stefania Rosas e da Luciano Scandariato, referente regionale dell'area atleti, verrà trasferita nel Palazzo Civico di via Roma Ad attendere la teca, oltre al Sindaco Truzzu e agli altri rappresentanti dell'Amministrazione Comunale, anche l'arcivescovo di Cagliari, Giuseppe Baturi.

Calcio. Serie A: il Cagliari esonera Mazzarri

Sette sconfitte su otto partite. L'ultima, quella contro il Verona in casa, é stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso. E così il Mister Mazzarri é stato esonerato. A sostituirlo sarà il tecnico della Primavera, Alessandro Agostini. All'ex difensore del Cagliari, il compito di cercare una salvezza difficile ma non impossibile, nelle ultime tre partite che ancora restano.

Cagliari. Riparte il 6 maggio “1 €uro festival” al Tetro delle Saline

Dal 6 maggio all'8 giugno si ripropone al pubblico, presso il Teatro delle Saline "1 €uro festival". Ventidue appuntamenti in tutto, 11 spettacoli preceduti da altrettante microstorie per ogni turno, ricchi di qualità, forieri di un’arte giovane e con nuove matrici espressive. Ne é convinta anche Enrica Anedda Endrich, che nella veste di presidente della Commissione comunale Cultura, questa mattina ha parlato di “ripartenza della cultura dopo due anni di blocchi causati dal Covid-19”.

“È bello entrare in questo Teatro impreziosito anche per il contesto paesaggistico di prestigio che contraddistingue Cagliari nel panorama nazionale e sul quale l'Amministrazione comunale e la Città metropolitana stanno puntando per diventare Capitale verde europea. Ed è bello – ha aggiunto la presidente - il lavoro che Akroàma, ingegnoso, ha fatto in questi anni per promuovere la cultura e il teatro perfino nella scuola. "1 €uro festival", in particolare, ha la capacità di coinvolgere tante compagnie e cittadini, per tornare a offrire loro un senso di comunità, attraverso opere di livello, da Dostoevkij a Rostand”. Dopo il nuovo regolamento per la cultura - ha annunciato infine Enrica Anedda Endrich - il prossimo lavoro dell'Amministrazione comunale sarà quello di riuscire a fare un'agenda di tutti gli eventi culturali, per promuoverli e coinvolgere cittadini, visitatori e turisti”.

Si comincia venerdì 6 maggio, alle 20,30 con microstorie, per proseguire, alle 21,00 con “Racconti Fantastici” da “La mite” e “Sogno di un uomo ridicolo” di Dostoevskij, regia di Elisabetta Podda, direzione artistica di Lelio Lecis e con Alberto Marcello, Enrico Inserra e Giulia Pirchl. Il 10 maggio é la volta di “La classe”, il 13 dell' “L'ultima risata”, il 17 “La sorpresa, il 20 “Chi dice donna dice Dante”, il 21 “Maruzza Musumeci”, il 24 “Due fratelli”, il 27 “Cirano” e il 31 maggio “Oh tello!” Il 3 giugno va in scena “Esercizi con stile”, mentre il 7 esordisce “Tu chi ti credi di essere”, di Marta Proietti Orzella: un one woman show dove l'attrice, con la complicità di una cantante e di un musicista, interpreta diversi personaggi “un pò a limite” alle prese con la propria identità. Nato nel 1999 come “Teatro a Mille lire”, pure cambiando nome e aggiornando la valuta la rassegna è rimasta fedele al suo dna. “Lo spirito che contraddistingue “1 €uro festival” - ha infatti confermato Francesco Murgia di Akroàma – rimane quello di promuovere e far conoscere al vasto pubblico alcune fra le realtà più interessanti del panorama teatrale”.

Cagliari. Le iniziative nel giorno dedicato a Sant'Efisio

Saranno più di cinquecento le persone coinvolte nelle iniziative che faranno da contorno alla 366a edizione della Festa di Sant'Efisio dal 1° al 4 maggio. A queste se ne aggiungono altre promosse dall'assessorato comunale alle Attività Produttive e Turismo, guidato dall'Assessore Alessandro Sorgia. Un programma di appuntamenti che coinvolgerà non solo cittadini e turisti, ma che vedrà protagonisti gli operatori commerciali della città già provati da una pesante situazione di crisi dovuta alla pandemia. Tra gli appuntamenti salienti della festa, il concerto in programma sabato 30 aprile in Piazza del Carmine e le iniziative in programma al Parco di Molentargius, cui si aggiungono quelle del Castello Village Festival al Bastione. Il cartellone completo è stato presentato oggi presso il Palazzo Civico di via Roma. A fare gli onori di casa l'assessore Alessandro Sorgia, affiancato dal direttore artistico della Festa di Sant'Efisio, Ottavio Nieddu e da Ambra Pintore che curerà la regia dell'evento di Piazza del Carmine.

“I biglietti per le tribune .- ha commentato l'Assessore Sorgia – stanno andando a ruba e considerato il grande afflusso previsto, per il quale ci appelliamo al buonsenso di tutti, abbiamo pensato di delocalizzare gli appuntamenti. Sant'Efisio, dunque, non solo in via Roma e nelle strade di passaggio della processione, ma anche in altri punti della città. Bastione, Piazza del Carmine, Marina Piccola e Poetto, oltre che Molentargius e non solo. Saranno tante le iniziative che accontenteranno i gusti di tutti”.

Presenti alla conferenza stampa i rappresentanti di tutte le associazioni e delle attività che hanno dato la loro adesione. Tutti pronti a fare la loro parte perché sia una iniziative di successo.

“Abbiamo deciso – ha confermato Stefano Rolla, presidente del CCN Corso Vittorio Emanuele II – di aprire il 1° maggio e questa non è stata una decisione scontata perché spesso le persone danno più valore ala famiglia prima del commercio. Quest’anno abbiamo lottato per far capire quale potesse essere il valore di una città aperta che può diventare una vetrina per la Sardegna”.

Con l'aiuto di quasi trecento persone dello staff, è stato fatto un passo deciso per l'avvio di una manifestazione che porterà Cagliari ancora più alla ribalta del turismo non solo nazionale.

“L'obiettivo – ha aggiunto Sorgia – è quello di valorizzare anche quartieri che non sempre hanno avuto attenzione. Per esempio il quartiere di Castello che si animerà grazie al Village e agli artisti che si esibiranno in una giornata ricca di musica, arte, cultura e spettacolo”.

La prima edizione di “Cagliari Turismo”, iniziativa legata al turismo sostenibile, ambientale e culturale, che andrà in scena al Parco di Molentargius, completerà un quadro solo parziale perché le iniziative in città sono tante altre.

“Iniziamo sabato 30 alle 21 in Piazza del Carmine con “Non fermiamo la tradizione, progetto che – ha illustrato Ottavio Nieddu – incarna un punto fermo al quale teniamo molto. Il 1 maggio a partire dalle 18 si prosegue con la festa popolare di tuttii gruppi, circa 25, che partecipano alla processione la mattina. E sempre alle 18 ci sarà la premiazione con il Toson d'Oro”.

Launeddas, canti a cuncordu e tenori scalderanno l'atmosfera in attesa del 4 maggio quando, per il rientro del Santo, sette formazioni di cori polifonici accoglieranno il cocchio. Musica differente per altri palati, quella in programma al Bastione dove il 1° maggio, dalle 11 alle 23, dieci artisti sardi e due ospiti in arrivo da oltre Tirreno, si alterneranno sul palco. L'ingresso sarà gratuito e l'incasso della vendita dei prodotti alimentari sarà in parte devoluto all'Associazione Millesport e alla Fondazione Giulini. Costumi sardi, artigiani al lavoro e artisti di strada completeranno il quadro di una Festa che coinvolgerà Cagliari e gran parte della Sardegna con un'offerta capace di avere il consenso di tutti.

Cagliari. Rilevamento della velocità nel mese di maggio 2022

Il Corpo Polizia Municipale di Cagliari ha reso noto i giorni e i luoghi in cui saranno operativi gli strumenti di controllo della velocità per il mese di maggio 2022. La comunicazione, finalizzata a sensibilizzare gli automobilisti per una moderazione della velocità, prevede il seguente calendario:

lunedì 2 - Asse Mediano, dalle 9 alle 13,30;

martedì 3 - via Lungosaline, dalle 14,30 alle 19;

mercoledì 4 - viale Salvatore Ferrara, dalle 9 alle 13,30;

lunedì 9 - Asse Mediano, dalle 14,30 alle 19;

martedì 10 - viale Salvatore Ferrara, dalle 9 alle 13,30;

mercoledì 11 - Asse Mediano, dalle 14,30 alle 19;

giovedì 12 - via Lungosaline, dalle 9,00 alle 13,30;

martedì 17 - viale Salvatore Ferrara, dalle 14,30 alle 19;

mercoledì 18 - via Lungosaline, dalle 9,00 alle 13,30;

martedì 24 - Asse Mediano, dalle 9 alle 13,30

In caso di superamento dei limiti di velocità, verranno applicate le sanzioni previste dall'articolo 142 del Codice della Strada.

Cagliari. 366a Festa di Sant'Efisio: temporanee modifiche al traffico per montaggio allestimenti

In vista del 1° maggio, per consentire l'allestimento del palco nella piazza Del Carmine e il posizionamento dei transennamenti nei punti di passaggio della processione in occasione della 366a Festa di Sant'Efisio, a partire dal 30 aprile 2022 sono previste temporanee modifiche al traffico nel quartiere Stampace e zone limitrofe. In particolare:

largo Carlo Felice: su ambo i lati e nell’isola centrale, dalle 14 del 30 aprile sino alle 24 dell'1 maggio 2 è istituito il divieto di sosta con rimozione forzata; sarà inoltre vietato il transito veicolare dalle 6 del mattino sino alla mezzanotte dell'1 maggio;

piazza Madonna del Carmine / via Sassari: il lato della piazza fronte viale Trieste è già interessato dal divieto di sosta con rimozione forzata, che proseguirà sino alla mezzanotte del 2 maggio; sul restante perimetro della piazza e nella via Sassari, tra la piazza Del Carmine e la via Malta, su ambo i lati, sarà istituito il divieto di sosta con rimozione forzata dalle 16 del 30 aprile alla mezzanotte dellì'1 maggio. Sarà inoltre vietato anche il transito, nello stesso ambito, dalle 20 alle 24 del 30 aprile e dalle 6 del mattino alle 24 dell'1 maggio;

percorso processione 1 maggio: in tutte le vie interessate (via Sant'Efisio, vico III Sant'Efisio, vie Fara, Santa Margherita, Tigellio, Palabanda, Carbonazzi, Sant’Ignazio Da Laconi, Portoscalas, San Giovanni Bosco, Azuni, piazza Yenne, corso Vittorio Emanuele II, vie Baylle e Sassari, piazza Madonna Del Carmine, vie Crispi, Giovanni Maria Angioy e Mameli, largo Carlo Felice, piazza Matteotti, vie Sassari, La Playa e traversa I La Playa, ponte Della Scafa e viale Pula) è istituito il divieto di sosta con rimozione forzata dalle 6 del mattino sino alle 15;

via Roma lato portici: nel tratto compreso tra la piazza Deffenu e il largo Carlo Felice, dalle 6 del mattino sino alle 22 dell'1 maggio, divieto di transito e sosta con rimozione forzata;

via Monsignor Giussani: nei 15 metri precedenti l’intersezione con la via Nicolodi, sul lato sinistro, divieto di sosta con rimozione forzata dalle ore 6 alle ore 15 dell'1 maggio;

via Nicolodi: all’intersezione con la via monsignor Giussani, su ambo i lati e per 15 metri, divieto di sosta con rimozione forzata dalle ore 6 alle ore 15 dell'1 maggio;

area proprietà Regione Sardegna – viale La Playa: è già in vigore il divieto di sosta con rimozione forzata sino alle ore 15 dell'1 maggio e sarà ripetuto dalle ore 15 alle 24 del 4 maggio;

area proprietà Regione Sardegna – piazza Sorcinelli: divieto di sosta con rimozione forzata dalle ore 6 alle 16 dell'1 maggio;

In conseguenza delle modifiche alla viabilità, dalle ore 20 alle 24 del 30 aprile e dalle ore 6 alle 24 dell'1 maggio, sarà inoltre necessario predisporre le seguenti ulteriori prescrizioni:

via Crispi: obbligo di svolta a sinistra all’intersezione con la via Sassari;

via Maddalena: per chi la percorre da la via Roma, divieto di svolta a destra all’altezza della piazza Del Carmine e obbligo di svolta a sinistra all’incrocio con il viale Trieste; per chi la percorre in senso inverso, obbligo di svolta a destra all’incrocio con il viale Trieste.

Cagliari. La “Sfilata di Sant'Efisio” del ceramista Pulli in mostra a Palazzo Doglio

“Sfilata di Sant'Efisio”. Un titolo simbolico che ispira bellezza, quello scelto dal maestro ceramista Pulli, che attraverso una magica lavorazione dona anima alla terracotta. Un titolo capace di evocare “una storia lunga 366 anni, che Cagliari e la Sardegna hanno voglia di raccontare e tornare a vivere ancora il 1°maggio, in presenza. Un titolo che si esprime nelle forme del cocchio e nelle traccas trainate dai buoi, nei mille colori degli abiti tradizionali di cavalieri e figuranti devoti. E poi l'Altern Nos in sella a un cavallo bianco. Sono circa 150 i pezzi in esposizione per i prossimi cinque giorni a Palazzo Doglio. A rimarcarlo sono stati l'assessore comunale Alessandro Sorgia e l'Alter Nos, Viviana Lantini.

“Oltre l'aspetto religioso – hanno spiegato ai giornalisti – dopo due anni di blocco dovuto al coronavirus, la Festa tornerà a essere gioia e spensieratezza. Ma anche occasione importante per promuovere la città e il territorio”.

“Questo progetto – ha spiegato Pulli – nasce nel periodo del lockdown, quando il Santo non poteva andare fra la gente. Il mio pensiero è stato perciò di celebrarlo attraverso la ceramica, interpretando al femminile la figura dell'Alter Nos”.

Alla presentazione di questa mattina anche una folta rappresentanza di miliziani in abito tradizionale e dell'Arciconfraternita del Gonfalone, tra i protagonisti della Festa di Sant'Efisio. A plaudire all'iniziativa diversi esponenti del mondo produttivo cittadino che hanno parlato di “festa identitaria” e “vetrina nazionale e internazionale”. Così, “i negozi delle vie del centro domenica 1° maggio resteranno aperti”, ha annunciato Stefano Rolla.

Cagliari. Sa Die de Sa Sardigna, giornata di festa a Sa Manifattura

In occasione dei festeggiamenti per Sa Die de Sa Sardigna, tornano in presenza una serie di appuntamenti che spaziano dalle rievocazioni storiche alle celebrazioni religiose e istituzionali passando per i dibattiti e le iniziative culturali. In particolare, il calendario proposto dalla Regione presenta diversi eventi. Si comincia alla 9,30 di giovedì 28 aprile alla Cattedrale di Cagliari con la Santa Messa officiata dall’arcivescovo Giuseppe Baturi. Le altre iniziative prenderanno il via dalle 10 del mattino a Sa Manifattura, in Viale Regina Margherita, dove proseguiranno fino alle 22. Il primo appuntamento sarà con la manifestazione di rievocazione storica de Sa Die de Sa Sardigna, anticipata dall’esecuzione solenne dell’inno “Procurade ‘e moderare Barones, sa tirannia” a cura del Coro Carrales. A caratterizzare la mattinata nella fascia oraria che va dalle 10.00 alle 13.00 e nel pomeriggio dalle 15.00 alle 19.30 i banchi didattici sul periodo Nuragico (oggetti di vita quotidiana; monili, bronzetti; archeologia sperimentale con telaio; fattura del pane timbrato con le pintadere; mostra di abbigliamento civile e militare; armi e armature) e Giudicale (sartoria e moda con riproduzione dell’abito di Mariano IV; riproduzione di testi biblici e del celebre trattato noto come Flos Duellatorum; armi e armature; strategia militare con focus sul conflitto tra Arborea, sotto il controllo del giudice Mariano IV, e Aragona; scherma, con dimostrazioni duellistiche; arcieria con dimostrazioni di tiro con l’arco; produzione di pergamene). Un banco didattico sarà riservato anche al 1700. Spazio, quindi, anche all’allestimento e mostra del vestiario militare in utilizzo tra sardi e piemontesi, con la spiegazione dettagliata del vestito originale di fine ‘700 della Corte Sabauda in Sardegna e dei vestiti miliziani. In esposizione ci saranno anche le armi originali del periodo, sia quelle in dotazione ai sardi (cannetta sarda a pietra focaia assemblata a Tempio-Pausania; leppa de ghinzu; forche in ferro in dotazione ai meno abbienti dell’epoca) sia le armi in dotazione ai piemontesi (fucile a pietra focaia con baionetta -1790-1812; pistola di cavalleria -1770; sciabole da dragone -fine ‘700; pistolone a tromba). Relativamente alle manifestazioni di rievocazione storica, dalle 10:30 alle 11:15 presso la postazione nuragica sarà possibile assistere alla rappresentazione teatrale di un rito sacro per l’iniziazione di due guerrieri che si apprestano a partire in battaglia, richiamando su di loro la benevolenza delle divinità, mentre dalle 11:30 alle 12:30, presso la postazione giudicale, si terrà la rappresentazione teatrale dell’investitura di un cavaliere arborense che giurerà fedeltà a Mariano IV. A seguire verrà messo in scena un duello in arme. Gli eventi saranno riproposti nel pomeriggio a partire dalle 16,30 per il periodo nuragico e dalle 17,30 per quello giudicale. Nel secondo caso gli ospiti de sa Manifattura potranno assistere alla vestizione dei cavalieri; alla rappresentazione di una delle battaglie avvenuta tra Arborea e Aragona a fine ‘300; alla rappresentazione teatrale riguardante l’investitura di un combattente che, per meriti ottenuti in battaglia, acquisì il rango di cavaliere. In chiusura di giornata, la Storia diventa musica con “ Sa die de s’acciappa”, ovvero una gara di poeti improvvisatori in programma dalle 19,30 alle 20, ma diventa anche spettacolo teatrale con la rappresentazione della “emozione” del 28 aprile 1794 dalle 20,30 alle 22.
Sottoscrivi questo feed RSS
giweather joomla module