Banner Athlon

Cagliari. "Inclusion for all", lo sportello e numero verde di Ierfop

"Inclusion for all", si chiama così lo sportello d'ascolto di Ierfop che ha dedicato un dipartimento dedicato per le persone sordo cieche. Tra le attività a supporto ai servizi già in essere di segretariato sociale, un seminario, lo stesso sportello d'ascolto e un numero verde cui rivolgersi per tutte le esigenze manifestate delle persone sordo cieche. In particolare, il numero verde é già attivo e gratuito (800 800 184), accessibile per tutto il territorio nazionale. Soddisfatto Roberto Pili, presidente dello Ierfop, che ha sottolineato come l'attenzione alla disabilità e alla sorda cecità richieda una dedizione quotidiana, non solo in occasione delle giornate ad esse specificamente dedicate. Direttamente coinvolti nell'iniziativa di Ierfop, oltre a Roberto Pili, anche Donatella Rita Petretto, delegata dal rettore dell'Università di Cagliari per il coordinamento ed il monitoraggio delle iniziative a supporto degli studenti con disabilità, disturbi specifici ed altre difficoltà di apprendimento e Bachisio Zolo, direttore della formazione di Ierfop. Nel corso degli anni Ierfop ha attivato diverse iniziative in materia di cecità, anche a livello nazionale, promuovendo e gestendo numerosi percorsi formativi che hanno consentito la formazione e la sensibilizzazione di tanti operatori.

Cagliari. Architettura: sessione di chiusura del Seminario di Villard 23

Sì è aperta oggi la sessione di chiusura del Seminario di Villard 23, uno dei principali laboratori internazionali di Architettura, animato da decine di docenti e studenti provenienti da 18 diverse università, da Mendrisio a Milano, da Parigi a Venezia. In accordo con il Comune di Cagliari il tema di studio di quest'anno è stato il fronte Ovest della città. Presente il vicesindaco e assessore Giorgio Angius.

"Abbiamo ritenuto di voler chiedere agli studenti del Seminario di Villard 23 idee per lo sviluppo sostenibile dell'area urbana intorno alla Laguna di Santa Gilla, per la molteplicità di aspetti da valorizzare, dalla pesca allo sport, dalla cultura al tempo libero", ha riferito il rappresentate dell'Amministrazione Civica, titolare della pianificazione strategica, sviluppo urbanistico e verde pubblico.

Questo pomeriggio i lavori sono proseguiti con Massimiliano Falferri, responsabile Villard 23, Joao Ferreira Nunes, e il suo “Paesaggio e persone”, e Jean Michel Landecy, con “Composer avec le paysage”. Nella giornata di venerdì 1° luglio, saranno invece presentati i lavori degli studenti, esposti al Ghetto degli Ebrei, con ingresso libero. Mentre per la mattinata di sabato 2 luglio, sempre nel centro d'arte e cultura di via Santa Croce 18, sono previsti gli interventi di Marco Cadinu, con “L'acqua, la storia, la forma della città. Il Caso Cagliari”, e Samanta Bartocci, Rosa manca e Laura Pujia, con “Itinerario per la città”. Alle 13 chiusura del seminario.

Cagliari. Siglato il Protocollo d'intesa “INPS per tutti”

Con un Protocollo di intesa che si snoda lungo i suoi undici articoli, oggi il Comune di Cagliari, l'INPS, l'Arcidiocesi di Cagliari – Caritas e il Comitato di Cagliari della Croce Rossa Italiana hanno dato il via ad un rapporto di collaborazione per rendere più semplice a tutti l'accesso ai benefici e alle prerogative dell'istituto di previdenza. In particolare il documento “INPS per tutti” è stato sottoscritto nella Sala del Retablo del Palazzo Civico di via Roma, dal Sindaco di Cagliari, Paolo Truzzu, dal Direttore regionale dell'INPS, Alessandro Tombolini, dal Direttore della Caritas, Marco Lai e dalla Presidente del Comitato di Cagliari della Croce Rossa Italiana, Fernanda Loche.

“Se con questo protocollo – il commento del Sindaco Truzzu – riuscissimo ad aiutare anche solo una persona, sarebbe un grande risultato. Puntiamo ai soggetti che probabilmente non sanno di avere diritti ed opportunità e grazie agli altri soggetti che hanno aderito, possiamo dar loro una mano. Questo è un segnale importante del fatto che una città non dipende solo dalle amministrazioni ma dalla collaborazione di tutti”.

Ognuno per le sue competenze, i vari firmatari si sono impegnati a portare in maniera capillare in tutta la città, i diritti che anche i più deboli, i cittadini ai margini, hanno e possono far valere. Lo ha sostenuto in maniera forte anche il Presidente nazionale dell'INPS, Pasquale Tridico che, pur non avendo potuto essere presente alla conferenza stampa della firma del protocollo, ha partecipato in videoconferenza.

“Questo progetto ha un valore sociale molto elevato – la conferma di Pasquale Tridico – perché ci consente di raggiungere anche gli ultimi, quelli che non riescono ad accedere a prestazioni complesse. Sono soggetti ai qual mancano le informazioni per poter esprimere i loro diritti e saremo noi ad andare loro incontro grazie alle sinergie nate sul territorio. Non ci interessa un risultato quantitativamente elevato, ma vogliamo che le prestazioni arrivino, fossero anche pochi, a chi ne ha diritto e che altrimenti non avrebbe altri mezzi per ottenerle”.

Oltre ai firmatari del Protocollo, hanno partecipato all'incontro con la stampa, il Presidente del Consiglio Comunale, Edoardo Tocco, le Presidenti delle Commissioni Pari Opportunità e Politiche Sociali, Stefania Loi e Antonella Scarfò e l'Assessora alle Politiche Sociali, Viviana Lantini.

“Quanto fatto con questo esempio di rete virtuosa – ha commentato l'Assessora Lantini – andrebbe fatto tutti i giorni perché solo tutti insieme si possono cercare delle soluzioni. E questo può essere fatto in tanti altri settori. Le persone ai margini della società si trovano lontane dal conoscere i loro diritti e non ne beneficiano. Questo Protocollo vuole arrivare a loro, prima di tutto ascoltandole e poi facendo in modo che chi ha dei diritti, possa esercitarli”.

A parlare a nome dell'INPS è stato anche il Direttore regionale, Alessandro Tombolini. “Innovazione non significa solo avere nuove tecnologie, ma comportamenti diversi, sinergie, che portano solo ottimi frutti. Dobbiamo pensare che non tutti conoscano e sappiano esprimere i propri diritti. Eliminiamo il gap culturale per chi non ha dimestichezza con un modulo o con una sede INPS”. A chiudere gli interventi prima della sottoscrizione del documento, sono stati Fernanda Loche e Don Marco Lai. “Lo scopo di questo Protocollo è dare alla persone più ai margini, quelle senza dimora, la possibilità di usufruire di bonus dei quali non sono a conoscenza” il pensiero della Presidente della CRI – Cagliari alla quale ha fatto eco il Direttore della Caritas. “Dobbiamo essere come delle antenne di ascolto per poi intercettare quei soggetti che magari rischiano di stare fuori e vivere ancora di più nella marginalità e nella sofferenza. Stiamo costruendo comunità in una città ideale e INPS per tutti credo sia un passaggio fondamentale per l'accesso ai diritti e alle opportunità a favore anche dei più deboli”.

Cagliari. Il primo cittadino Truzzu incontra l'ambasciatore d'Israele in Italia

Al centro dell'incontro di questa mattina, tra il sindaco Truzzu e l'ambasciatore d'Israele in Italia, Dror Eydar, ambiente e verde pubblico, turismo e ricettività, energie rinnovabili e smart city. I due si sono soffermati anche sulle crescenti potenzialità del capoluogo di regione di attrarre nuovi investimenti. L’incontro di questa mattina è stato anche l’occasione per ribadire i legami col Paese Mediorientale e gettare le basi per future collaborazioni per lo sviluppo del territorio. Con il consueto scambio di doni e le foto di rito, il sindaco Truzzu ha salutato l'ambasciatore Dror Eydar. Arrivato ieri, si tratterrà in Sardegna ancora per due giorni. Per lui gli auguri di buon lavoro.

Cagliari. Nuova protesta autotrasportatori per caro carburante

Gli autotrasportatori sardi fanno sentire nuovamente la loro voce, per protestare contro il caro carburanti. Lo fanno con un sit-in, cominciato questa mattina, davanti al porto del capoluogo, ingresso Dogane. L'iniziativa organizzata dagli Autotrasportatori sardi riuniti, é finalizzata a sensibilizzare le istituzioni per giungere alla definizione di un tetto massimo al prezzo del gasolio, da fissare al di sotto di 1,60 euro per litro e l'istituzione del "gasolio professionale". In base a quanto sostenuto dei manifestanti, tale provvedimento consentirebbe una più rapida soluzione per consentire alla categoria di sopravvivere, evitando i tempi della burocrazia per l'implementazione delle agevolazioni disposte per Legge. Di fatto - come sottolineato dai camionisti - sono state investite importanti risorse in mezzi meno inquinanti, a fronte delle quali non c'é stata ancora una effettiva fruizione del credito di imposta, pari a euro 0,28 al litro. In aggiunta, un'altra ragione alla base delle protesta degli autotrasportatori é quella connessa ai costi minimi di sicurezza che, per per legge, definiscono un limite inderogabile al di sotto del quale non è consentito al committente del trasporto di remunerare la prestazione. Tra le altre motivazioni della protesta, anche i significativi costi delle tratte marittime che le imprese sarde devono sopportare. E per quanto riguarda la durata della manifestazione, nelle prossime ore si saprà se di breve durata o ad oltranza.

Incendi. Pericolo con codice giallo nel cagliaritano

Le alte temperature che stanno caratterizzando le giornate dei cagliaritani certo non aiutano a mitigare il rischio di incendi. Di fatto la Protezione Civile Regionale ha diramato un nuovo bollettino di pericolo incendi per la giornata di lunedì 27 giugno. Ad essere interessate le zone del cagliaritano, ma anche il resto della Sardegna. Considerando la prevista entità del fenomeno, la Protezione Civile ha attribuito al pericolo il codice giallo. Ad essere escluse le fasce costiere settentrionale e quella orientale, caratterizzate da codice verde, ovvero, pericolo basso.

Cagliari. Al via "Giro d'Italia Donne"

"Bella ragazza che vai in bicicletta, uscendo presto di casa senza cappello e senza parabrezza per il tuo giro d'Italia oh, pedala, pedala, pedala (Una Ragazza Al Giro D’Italia, Tresa De Sio)"

Ci siamo quasi. Le gambe e i pedali sono pronti, le ruote sono gonfie, inforcate le bici e Viaaaa.... Il Giro d'Italia Donne partirà giovedì 30 giugno da Cagliari. Tre le tappe in Sardegna. Quella inaugurale, del capoluogo, é una cronometro individuale di 4,8 km. Partirà dal Parco di Molentargius Saline, sino ad arrivare nel Lungo Poetto. Le atlete potranno ammirare i fenicotteri rosa planare e ammirare la meravigliosa spiaggia cittadina. Per poi proseguire, con la seconda tappa, prevista per il 1° luglio: Villasimius - Tortolì, che si estenderà per una lunghezza di 117,3 km. L’ultima e terza tappa sarda, si svolgerà il 2 luglio con la Dorgali – Olbia, un percorso di 112,7 km. Al termine, le ragazze raggiungeranno la penisola e attraverseranno diverse regioni: Emilia-Romagna, Lombardia, Trentino-Alto Adige e Veneto. Il taglio del traguardo finale é previsto per il 10 luglio a Padova. Saranno più di 140 le atlete, delle migliori 24 squadre al mondo, fra cui 13 squadre dell’UCI Women’s World Team, provenienti, oltre che dall’Italia, da Australia, Colombia, Emirati Arabi Uniti, Francia, Germania, Norvegia, Olanda, Spagna, Stati Uniti, Svizzera. Tutte loro si contenderanno la “Maglia Rosa”. In particolare saranno presenti alla partenza la campionessa del mondo Elisa Balsamo, la campionessa italiana e medaglia di bronzo olimpica, Elisa Longo Borghini, la maglia azzurra Marta Cavalli, vincitrice dell’importante “Freccia Vallone”, una tappa in linea che si corre ogni primavera, in Belgio. Ma ci saranno anche le agguerrite Marta Bastianelli, Chiara Contorni, Vittoria Guazzini, Sofia Bertizzolo e le migliori cicliste del movimento ciclistico internazionale.

"Quando stacchi tutti e arrivi da solo, la vittoria ha il sapore del trio" (Marco Pantani)

Daniele Cardia

Cagliari. Sequestrati quasi 100.000 kg di prodotti energetici e un deposito commerciale di oltre 8.000 m2

La Guardia di Finanza, Nucleo di Polizia Economico Finanziaria di Cagliari, nel corso di un controllo avviato nel comparto delle accise sui prodotti energetici, ha proceduto al sequestro preventivo di un intero deposito commerciale avente una capacità di stoccaggio di oltre 2.000 metri cubi, contenente 22.900 litri di gasolio (pari a 19.000 kg) e 78.000 kg di oli combustibili e lubrificanti. Prodotti risultati immagazzinati in assenza del prescritto certificato di prevenzione incendi, come previsto dalla normativa di settore per i prodotti energetici che, per consistenza, impiego e quantità, risultano altamente infiammabili o esplodenti. Di fatto, i controlli effettuati dai militari delle Fiamme Gialle hanno fatto emergere l'assenza della documentazione obbligatoria ad evidenza delle misure tecniche, adottate dal titolare dell'azienda, per la prevenzione dei citati pericoli. Per questo motivo il rappresentante legale della società interessata é stato segnalato alla competente Autorità Giudiziaria per la violazione dell’articolo 20 del D,Lgs. 139/06 (sanzioni penali e sospensione dell’attività) ed articolo 55 (sanzioni per il datore di lavoro e il dirigente) del D.Lgs. 81/08 (Testo Unico Sicurezza sul lavoro). L’attività condotta dalla Guardia di Finanza, si inserisce nell'ambito di un piano di intensificazione degli interventi volti a vigilare sull’andamento dei prezzi di vendita al pubblico di tali prodotti, così come sui prezzi praticati lungo l’intera filiera della distribuzione commerciale.
Sottoscrivi questo feed RSS
giweather joomla module