A Lollove, borgo rurale che non cresce e non muore si svolgerà una due giorni dedicata ai fuochi di Sant’Antonio, la tradizionale celebrazione tra pagano e ritualità cristiana che accoglie il carnevale sardo e così il risveglio della primavera.