Banner Athlon

Coronavirus. Aggiornamento del 25 giugno: 1.853 nuovi positivi, 2 decessi

Nelle ultime 24 ore in Sardegna si registrano 1.853 ulteriori casi confermati di positività al Covid-19. In totale sono stati processati, fra molecolari e antigenici, 6.023 tamponi. Si registrano anche due decessi: un uomo di 81 anni, residente nella provincia di Sassari, e un uomo di 92 anni, residente nella provincia di Nuoro. Cala a 7 il numero dei pazienti ricoverati nei reparti di terapia intensiva, così come quello delle persone ricoverate in area medica, ad oggi 98. Sempre in aumento i casi di isolamento domiciliare che raggiungono quota 19.431.

Meteo. Ondate di calore a Cagliari: nuova allerta del Ministero della Salute

Continuano le ondate di calore. Le alte temperature che contraddistinguono il clima sardo in queste ore, hanno portato il Ministero della Salute e la Protezione Civile nazionale a diramare una nuovo avviso di allerta ondate di calore per l'area di Cagliari. In particolare, l'intera giornata di venerdì 24, sarà interessata da allerta codice arancione (livello 2). Mentre nelle giornate di sabato 25 e domenica 26 giugno 2022 l'allerta scenderà a codice giallo (livello 1). Nella pagina web https://www.salute.gov.it/portale/caldo/homeCaldo.jsp del Ministero sono pubblicati “Dieci consigli utili”. Si tratta di semplici regole comportamentali in grado di limitare l’esposizione alle alte temperature, facilitare il raffreddamento del corpo ed evitare la disidratazione, ridurre i rischi nelle persone più fragili (persone molto anziane, persone con problemi di salute, che assumono farmaci, neonati e bambini molto piccoli).

Coronavirus. Aggiornamento del 24 giugno: 1.808 contagi, 1 decesso

In Sardegna si registrano oggi 1.808 ulteriori casi confermati di positività al Covid-19. Sono stati processati in totale, fra molecolari e antigenici, 5.903 tamponi. Si registra il decesso di una donna di 96 anni, residente nella Città Metropolitana di Cagliari. I pazienti ricoverati nei reparti di terapia intensiva sono 8, dato invariato rispetto all'aggiornamento precedente. Invariato, a 104, il numero delle persone ricoverate in area medica. Salgono a 18.382 i casi di isolamento domiciliare.

Agricoltura. PSR 2023 - 2027, in arrivo 820 mln di euro

Alla Sardegna andranno 820 milioni di euro per finanziare il Programma di sviluppo rurale 2023-2027. Ad annunciarlo é l’assessore regionale dell’Agricoltura, Gabriella Murgia, che fa il punto sulla ripartizione dei fondi assegnati alle Regioni secondo quanto previsto dall’intesa raggiunta in Conferenza Stato-Regioni il 21 giugno scorso.

“Con il nuovo riparto – spiega l’assessore Murgia – è stata stabilita un’equa suddivisione tra le Regioni con l’introduzione di parametri oggettivi che tengono conto delle diverse realtà territoriali. Rispetto a una prima proposta che assegnava alla Sardegna circa 740 milioni di euro siamo riusciti a ottenere maggiori risorse dopo una lunga negoziazione. Va rappresentato che la dotazione del Feasr a livello europeo si è ridotta e conseguentemente tutti i programmi nazionali e regionali hanno meno risorse a disposizione. Inoltre la comparazione con la precedente programmazione deve tener conto del fatto che per effetto dello slittamento di un biennio nell’attuazione della nuova programmazione, quella che ora si sta avviando ha una durata di soli cinque anni”.

Cagliari. Celebrazioni per il 248° compleanno della Guardia di Finanza

Una location d’eccezione per celebrare il 248° anniversario della Fondazione della Guardia di Finanza. Giovedì pomeriggio il Molo Ichnusa, vestito a festa, ha ospitato una nutrita rappresentanza di militari appartenenti alla componente marittima, terrestre e aerea delle Fiamme Gialle operanti in Sardegna. Insieme a loro numerose autorità civili, militari e religiose, tutti riuniti per festeggiare il compleanno del Corpo, ma anche per fare un bilancio dei risultati di servizio conseguiti in Sardegna dal 1° gennaio 2021 al 31 maggio 2022.

A parlare con una selezionata rappresentanza di giornalisti, a bordo del Guardiacoste “Vice Brigadiere De Falco”, è il Generale di Divisione Gioacchino Angeloni, Comandante Regionale. Dopo aver esternato i propri ringraziamenti all’Autorità Portuale di Cagliari e al Team Luna Rossa per l’ospitalità offerta, il Generale Angeloni evidenzia le principali attività che hanno visto coinvolti gli uomini e le donne della Guardia di Finanza nel contrasto alla criminalità e a tutela di cittadini e imprese.

In particolare nel 2021 e nei primi cinque mesi del 2022 sono stati eseguiti oltre 29 mila interventi ispettivi e oltre 2 mila indagini per contrastare gli illeciti economico – finanziari e le infiltrazioni della criminalità nell’economia. Un impegno “a tutto campo”- come sottolineato dal Generale - reso possibile grazie al lavoro costante e all’abnegazione di tutte le risorse a disposizione, impegno che non è venuto meno neanche durante il difficile periodo del lockdown.

Contrasto delle frodi sui crediti d’imposta e dell’evasione fiscale, tutela della spesa pubblica, contrasto della criminalità organizzata ed economico – finanziaria, ma anche operazioni di soccorso e concorso nei servizi di ordine e sicurezza pubblica. Sono queste le aree di intervento che hanno impegnato i finanzieri in terra sarda, portando a risultati di grande rilievo. Tutto questo senza trascurare le innumerevoli attività finalizzate a potenziare la comunicazione verso l’esterno, considerata di fondamentale importanza per una migliore sensibilizzazione della collettività verso comportamenti virtuosi. orientati al rispetto delle regole.

E tra gli impegni per l’immediato futuro, quello della prevenzione e repressione dei temuti tentativi di sperpero dei fondi del PNRR, fondamentali per dare slancio all’economia reale e favorire l’occupazione giovanile. Al termine della parte istituzionale, la serata di festa è proseguita con il rinfresco che ha coinvolto tutti i presenti.

Cabras. Nasce "L’Isola dei Giganti - Festival internazionale di Archeologia"

Nasce ufficialmente in Sardegna L’Isola dei Giganti - Festival internazionale di Archeologia. Sette appuntamenti in cinque diversi siti, dal 28 giugno al 3 luglio, che puntano a far conoscere lo straordinario patrimonio archeologico di Cabras e Barumini attraverso momenti di altissimo valore scientifico e artistico. Un evento promosso dalla Fondazione Mont‘e Prama in collaborazione, tra gli altri, con il Ministero della Cultura, la Regione Autonoma della Sardegna, il Comune di Cabras, la Fondazione di Sardegna, la Fondazione Barumini Sistema Cultura e l’Associazione Enti Locali per le Attività Culturali e di Spettacolo. L'iniziativa vede coinvolto, per la direzione artistica, anche il musicista Paolo Fresu. Un programma arricchito da un format innovativo per la Sardegna: la conferenza spettacolo caratterizzata da momenti di confronto e approfondimento scientifico tra i massimi esperti nei campi dell’archeologia, dei beni culturali e museali in campo nazionale ed estero e spazi dedicati all’intrattenimento. Uno dei momenti più attesi è previsto il 2 luglio a Tharros con la consegna del Premio Mont‘e Prama a Piero Angela. Nella stessa giornata è in programma una conferenza convegno di grande rilievo internazionale dedicata alla Sardegna Isola Megalitica con la partecipazione dei direttori tra i più importanti musei archeologici d’Europa, come Manfred Nawrohr (Curatore Capo del Neues Museum di Berlino), Angeliki Koukouvou (Direttrice del Museo Archeologico di Salonicco), Jusep Boya y Busquet (Direttore Museo Archeologico di Barcellona) e Aurelie Clemente-Ruiz (Direttrice Musée de l’Homme di Parigi). Senza dimenticare Paolo Giulierini (Direttore del MAN di Napoli), Barbara Faedda (Direttrice dell’Italian Academy presso la Columbia University) e Francesco Muscolino (Direttore Museo Archeologico Nazionale di Cagliari).

"Siamo finalmente giunti al via di una manifestazione che abbiamo voluto intensamente, la prima organizzata a Cabras dalla Fondazione Mont'e Prama e che si svolgerà nel cuore pulsante dei luoghi dei ritrovamenti. Il disegno di valorizzazione del sistema Sinis Terra di Mont'e Prama trova concretezza e permette di toccare con mano il frutto di un lavoro costante e attento, che oggi vede i Giganti protagonisti del mondo dell'archeologia, non solo ospiti in viaggio ma padroni di casa pronti ad accogliere" ha sottolineato il presidente della Fondazione Mont'e Prama, Anthony Muroni.

"Oggi ci troviamo nel luogo in cui tutto è iniziato lo scorso primo luglio, con la firma dello Statuto - ha dichiarato il primo cittadino di Cabras, Andrea Abis - é stato un anno durante il quale i risultati raggiunti da parte di Comune e Fondazione, in collaborazione continua, sono stati numerosi. Il Festival Internazionale dell'Archeologia rappresenta un traguardo importante perché è un attrattore di cultura e di bellezza e si appresta a diventare un appuntamento costante per Cabras, con una sempre maggiore partecipazione e un coinvolgimento della comunità intera".

“Con l’appuntamento del Festival Internazionale dell’Archeologia si consolida il rapporto di collaborazione tra la Fondazione Barumini Sistema Cultura e la Fondazione Mont’e Prama che punta a rafforzare la cooperazione con importanti partner nel percorso di sviluppo di strategie mirate a valorizzare il nostro patrimonio storico, archeologico e culturale - ha commentato Emanuele Lilliu, presidente della Fondazione Barumini Sistema Cultura - siamo felici di poter ospitare il pre festival nel nostro sito Unesco, come momento di condivisione della bellezza dei nostri siti. Questo Festival rappresenta solo il primo appuntamento di un programma di collaborazione che riteniamo molto proficuo per raggiungere questi obiettivi in sinergia con un sito così importante come Mont’e Prama. Siamo sicuri che questa collaborazione porterà grandi benefici anche alle nostre azioni comuni di sviluppo turistico, veicolando in tanti appuntamenti l’immagine più genuina dei nostri territori ricchi di storia e tradizione”.

Si partirà il 28 giugno a Barumini con un pre-festival a pochi passi da “Su Nuraxi”, sito archeologico patrimonio dell’Unesco. Una serata dedicata a Giovanni Lilliu, con letture di alcuni suoi brani – spicca la presenza dell’attore Michele Placido - per celebrare la sua figura e la storia della scoperta del grande castello nuragico. Per i saluti istituzionali si attende la presenza, tra gli altri, del ministro Dario Franceschini e del presidente della Regione Christian Solinas. Ogni appuntamento prevede un concerto, uno spazio curato da Giacomo Serreli: il primo momento musicale è dedicato al Cuncurdu e Tenore di Orosei. Nella stessa giornata prenderanno avvio le attività della “Scuola estiva in archeologia per il turismo” che ha l’obiettivo di fornire a studenti, operatori e giornalisti del settore culturale e turistico, strumenti di conoscenza volti alla promozione e alla comunicazione dei beni archeologici e culturali nell’ambito dell’offerta turistica. Dal 29 giugno al 3 luglio “L’Isola dei Giganti” si sposta a Cabras. Il 29 giugno il festival sarà a Mont’e Prama. L’area degli scavi sarà per la prima volta protagonista di un evento tra musica e archeologia dal titolo “Racconti di una scoperta straordinaria” con gli studiosi e gli archeologi che negli anni si sono occupati degli scavi. Il 30 giugno ci si sposterà nel giardino del Museo Civico di Cabras, “Il mare racconta: Il relitto di Malu Entu e il prezioso carico di lingotti di piombo”. Il 1 luglio si replicherà nel giardino del Museo di Cabras per “In viaggio verso la nuova casa dei Giganti”. Il 2 luglio all’anfiteatro di Tharros spazio all’Archeoastronomia con i “I racconti del cielo di Tharros: “Percorsi celesti e Archeoastronomia”. Chiusura prevista domenica 3 luglio, sempre a Tharros, con la “presentazione esiti dei laboratori della scuola estiva in archeologia per il turismo”. Tantissimi gli artisti che animeranno le serate del festival, molti dei quali si ritroveranno nel grande finale del 3 luglio con il progetto multimediale “Sonos ‘e Memoria” di Gianfranco Cabiddu e con le musiche dal vivo di Paolo Fresu (Tromba e flicorno), Furio di Castri (Contrabbasso), Elena Ledda (Voce), Luigi Lai (Launeddas), Mauro Palmas (Mandola), Antonello Salis (Fisarmonica), Federico Sanesi (Percussioni), Carlo Cabiddu (Violoncello), Su Concordiu ‘e su Rosariu di Santulussurgiu e il Coro Polifonico a 4 voci: Marcello Malìca, Roberto Iriu, Antonio Migheli e Mario Corona. Maggiori info su: isoladeigiganti.it

Turismo. Dati sui primi giorni di giugno incoraggianti, prevista stagione in crescita

“I dati dei flussi turistici dei primi giorni di giugno sono incoraggianti, stiamo certamente consolidando i dati del 2021, ma soprattutto superando quelli del 2019, che era stata un'annata record. Perciò, mi aspetto una stagione turistica in crescita per la Sardegna, grazie anche all’azione di alcuni vettori che hanno ormai consolidato un rapporto di fiducia con l’aeroporto cagliaritano, segno della capacità attrattiva di Cagliari e della Sardegna in generale”.

Lo ha dichiarato questa mattina l’assessore regionale del Turismo, Gianni Chessa, presente alla celebrazione dei quindici anni di attività della compagnia Ryanair nello scalo cagliaritano. La collaborazione con i vettori aerei si sta rivelando vincente, come confermato dal numero sempre più significativo di turisti che scelgono l'isola quale meta ideale per le loro vacanze.

“I numeri che la compagnia low cost ha enunciato confermano ulteriormente l’utilità della collaborazione che la Regione ha intrapreso coi tre aeroporti isolan - sottolinea infatti Chessa - a garanzia non solo della mobilità dei sardi, ma anche dello sviluppo del turismo, settore vitale per lo sviluppo economico della Sardegna. L’attività promozionale portata avanti dalla Giunta Regionale non ha avuto un attimo di tregua, anche durante l’emergenza sanitaria, e i risultati lo dimostrano. Abbiamo fatto molti sforzi - ha continuato l'assessore - e impegnato tante risorse, con l’obiettivo di consolidare i flussi estivi, ma anche di destagionalizzare pienamente. Grazie anche alle rotte garantite per tutto l’anno e ad una serie di grandi eventi, in particolare sportivi e culturali”.

Coronavirus. Aggiornamento del 23 giugno: 1.999 contagi, 1 decesso

La morsa del famigerato Coronavirus pare non voglia proprio allentare la presa. Infatti, nelle ultime 24 ore, nell'isola si registrano 1.999 ulteriori casi confermati di positività. In totale sono stati processati, fra molecolari e antigenici, 6.057 tamponi. Si registra anche il decesso di un uomo di 73 anni, residente nella Città Metropolitana di Cagliari. Rimane stabile a 8 il numero dei pazienti ricoverati nei reparti di terapia intensiva, mentre cala a 104 quello delle persone ricoverate in area medica. Balzo in avanti per gli isolamenti domiciliari che raggiungono quota 17.595.
Sottoscrivi questo feed RSS
giweather joomla module