Banner Athlon

Air Italy. Manifestazione davanti al Consiglio Regionale

Manifestazione oggi dei lavoratori Air Italy e diverse sigle sindacali per chiedere alla Giunta Regionale di supportarli per per una proroga della cassa integrazione che scadrà il 31 dicembre 2021. In particolare si punta all'adozione di un provvedimento analogo a quello che interessa gli ex dipendenti Alitalia non riassorbiti nella newco statale Ita. Le richieste delle parti sono chiare: evitare che numerosi lavoratori, con le loro famiglie, rimangano senza risorse economiche, soprattutto ora, in un periodo molto delicato e difficile. Nel fare questo, viene auspicata una collaborazione tra Regione Sardegna e Regione Lombardia, al fine di costituire un fronte più compatto nella richiesta di proroga della cassa integrazione, da sottoporre al Governo.

Meteo. Nuova allerta della Protezione Civile fino alle 12 di mercoledì 17 novembre

Le condizioni meteo avverse che stanno flagellando la Sardegna non accennano a migliorare. Dopo i bollettini di allerta per la giornata di lunedì e martedì, la Protezione Civile Regionale ha emesso un altro avviso di condizioni meteo avverse per pioggia e temporali, che si estende fino alle 12.00 di mercoledì 17 novembre. In particolare, tale situazione sarebbe dovuta ad un sistema ciclonico caratterizzato da minimi chiusi, sia al suolo che in quota, che al momento stazionano tra la Sardegna e l'Africa. Una circostanza che porterà sull'isola precipitazioni sparse, anche a carattere di rovescio o temporale, soprattutto sui settori meridionale e orientale.

Cagliari. Scuole chiuse anche martedì 16 novembre

Scuole cittadine di ogni ordine e grado chiuse anche durante la giornata di martedì 16 novembre. E' quanto riporta l'ordinanza n. 107 del 15.11.2021, disposta dal primo cittadino Paolo Truzzu, a seguito del persistere della situazione di allerta meteo. Il provvedimento, finalizzato anche a limitare la circolazione nelle strade e i relativi pericoli, prevede la chiusura di tutte le scuole cittadine di ogni ordine e grado con conseguente sospensione delle attività didattiche e dispone che i dirigenti scolastici garantiscano, comunque, il presidio dei plessi per consentire le necessarie verifiche tecniche. Chiusi anche parchi, impianti sportivi, biblioteche, musei e asili nido. A ciò si aggiunge anche la chiusura del Cimitero di Bonaria, del Cimitero di Pirri e del Cimitero di San Michele, fermo restando che quest’ultimo resterà agibile solo per la ricezione delle salme e per le altre attività di Polizia Mortuaria.

Cagliari. Al via la 26a edizione del V-art

Ritorna a Cagliari il V-art, il Festival Internazionale Immagine d’Autore diretto dal regista Giovanni Coda. Dal 17 al 19 novembre la 26° edizione di uno dei più importanti e storici festival del cinema, della videoarte, animazione, ricerca elettronica ed elettroacustica e della documentaristica sperimentale in Sardegna riparte stavolta finalmente in presenza, alla Cineteca Sarda, in viale Trieste n. 126. Tre film, uno per ogni serata con inizio alle 18.00, che puntano l’obiettivo sulla militanza di genere, sulle discriminazioni e sulle diversità, su tematiche e storie difficili e lontane dai canoni comuni. Temi molto cari a Coda, regista e fotografo pluripremiato nel mondo che quest’anno ha festeggiato il trentennale della sua attività artistica, e che invitano a riflettere tra momenti di poesia e realtà senza filtri. Si parte il 17 novembre con la presentazione del volume “Il salotto di Giò Stajano” di Willy Vaira. Dal 1972 al 1975 Giò Stajano, all'anagrafe Gioacchino Stajano Starace, conte Briganti di Panico, primo gay pubblicamente dichiarato in Italia e protagonista della Dolce vita romana, giornalista colto e irriverente, tiene su “Men”, settimanale per “soli uomini”, la rubrica “Il salotto di Oscar W. Spolverato da Giò Stajano”. È la prima volta nell’Italia degli anni Settanta che la stampa dedica uno spazio esclusivo al mondo omosessuale, attraverso le duecento lettere alla settimana di uomini che cercano attraverso questa rubrica consiglio e conforto. Emerge un Paese che costringe a nascondere il proprio orientamento sessuale nel contesto affettivo e lavorativo. Nel libro vi è una scelta delle lettere di “Il salotto”. Presentazione con l’autore Willy Vaira, insieme a Giovanni Minerba, regista e fondatore con Ottavio Mai del Lovers Film Festival - il più antico festival sui temi Lgbtqi d'Europa e terzo nel mondo. Segue la proiezione del film “Il fico del regime”, regia di Giovanni Minerba e Ottavio Mai. Un documentario dedicato a Giò Stajano, scomparsa nel 2011 all’età di 79 anni. Nata Gioacchino Stajano Starace, nel 1959 pubblica il racconto autobiografico apertamente gay “Roma capovolta”, subito sequestrato per oltraggio al pudore. Fellini gli chiede di interpretare se stesso in un cammeo della Dolce Vita. Negli anni Ottanta cambia sesso assumendo il nome di Maria Gioacchina e nel ’92 pubblica “La mia vita scandalosa” prima del tentativo di diventare suora laica a Vische. Il 18 novembre il film “Gli anni amari”, regia di Andrea Adriatico (2019) dedicato alla vita e ai luoghi di Mario Mieli, personalità di grande rilievo nell’Italia degli anni Settanta, tra i fondatori del movimento omosessuale nostrano. Nato nel 1952 a Milano e morto tragicamente suicida nel 1983, prima dei trentun anni, fu intellettuale, scrittore, provocatore, ma soprattutto pensatore e innovatore dimenticato. La pellicola ne segue i passi a partire dall’adolescenza al liceo classico Giuseppe Parini di Milano e dai rapporti familiari. La gioventù e la vita notturna sfrenata, quando ancora omosessualità era sinonimo di disturbo mentale. Mario è protagonista assoluto, attorno al quale gravitano nomi e volti di amici e compagni che, con lui, hanno contribuito a cambiare la storia. Ultimo appuntamento il 19 novembre con la proiezione del film “Stonewall”, regia di Roland Emmerich (2015). La pellicola narra le vicende dei moti di Stonewall, del 1969, una serie di violenti scontri fra gruppi di omosessuali e la polizia di New York. Ingresso gratuito consentito solo con il green pass.

Cagliari. Concerto di Fabio Concato all'Auditorium

Grande attesa per il concerto di Fabio Concato domenica 14 Novembre, alle ore 20.30 all’Auditorium del Conservatorio di Cagliari. Organizzato dall’Associazione Domina Edizioni Musicali, con la direzione artistica del Patron Marcotullio Coco, l'evento si inserisce nell'ambito della VIII Edizione del Bflat Jazz Festival 2021. La rassegna, iniziata a settembre, vede tra i protagonisti artisti di fama internazionale tra cui i Matt Bianco, Jesse Davis, Rosalia De Souza, Tony Momrelle, e tanti altri. Oltre 20 appuntamenti, che si svolgono tra lo storico Jazz Club di Via del Pozzetto ed il Conservatorio di Cagliari. Fabio Concato, una delle più belle certezze della nostra musica d’autore, nel corso degli anni, ha saputo ritagliarsi uno spazio importante con le sue canzoni, narrando in modo molto personale, le piccole grandi storie della quotidianità. Nostalgie, ricordi, speranze, rivelazioni e confessioni appena delineate, lampi d’allegria contagiosa e momenti di grande tenerezza popolano il mondo delle sue canzoni, simili a foto, illustrazioni e annotazioni in un diario della memoria che è riuscito sempre a fare breccia sia nell’immaginario che nella sensibilità del pubblico. Artista poetico e intimista, mai sopra le righe, pacato nei modi e nelle interpretazioni, in questa occasione si presenta con tre grandi compagni di viaggio: Paolo Di Sabatino al piano e agli arrangiamenti, Marco Siniscalco al basso e Glauco Di Sabatino alla batteria. Durante l'esibizione ripercorrerà la sua quarantennale carriera, proponendo i pezzi più celebri del suo repertorio. Un viaggio meraviglioso con arrangiamenti rielaborati in chiave jazz.

Arborea. Tutto pronto per la 37a Mostra dei bovini da latte

Un altro segnale nel segno della ripartenza, nonostante i devastanti effetti della pandemia. E così Arborea si prepara ad ospitare la 37a edizione della Mostra Regionale del Bovino da Latte. L'evento, che si svolgerà dal 19 al 20 novembre presso il centro fieristico di Arborea dopo quasi due di anni di stop imposti, prevede la partecipazione di 11 aziende e 109 capi iscritti tutti appartenenti alla razza Frisona Italiana. Organizzata da ANAFIBJ (Associazione Nazionale Allevatori della Frisona Italiana, della Bruna e della Jersey), Associazione Allevatori della Regione Sardegna, Comune di Arborea ed il sostegno economico della Regione Autonoma della Sardegna, la manifestazione rappresenta un importante appuntamento per il comparto della zootecnica, con l'introduzione di alcune novità in grado di valorizzare il lavoro degli allevatori coinvolti. Novità e innovazione, senza però alterare i valori che da sempre hanno contraddistinto l'evento, in un'ottica di continuità e maggiore coinvolgimento dei giovani.

San Sperate. Terzo appuntamento di Antas Apertas

Clown, giochi e soprese. Sono gli ingredienti principali che caratterizzano il terzo appuntamento di Antas Apertas, la rassegna teatrale organizzata dalla compagnia Antas Teatro. Da venerdì a domenica va in scena “Rendez-vous comique”, spettacolo di clowneria per grandi e piccoli con Raimonda Mercurio e Stefano Farris. Si tratta di un racconto tra due clown alle prese con sorprendenti sfide e prove di abilità, che ai colpi di scena preferisce la semplicità dello stupore e una scenografia fatta di oggetti inventati a partire da materiali di riciclo. Venerdì 12 e sabato 13 sarà presentato ai ragazzi e ragazze delle scuole di San Sperate, domenica 14 alle 19 sarà in scena per il pubblico dello spazio Antas. La rassegna Antas Apertas, giunta alla sua sesta edizione, ha preso il via il 29 ottobre nello spazio di via Arbarei 10 con una selezione delle produzioni più significative e rappresentative della sua attività.

“Con la riapertura dei teatri e la riconquista del quotidiano abbiamo pensato che sia giunto il momento di guardarci dentro e presentarci alla comunità con il nostro lavoro – sottolineano gli ideatori della rassegna - un nuovo inizio, una ripartenza all'insegna della cultura, della poesia, della musica”.

L'appuntamento successivo, “Ballata del giudice bandito”, prende spunto dal romanzo “Apologo del giudice bandito”, il primo romanzo di Sergio Atzeni pubblicato da Sellerio nel 1986. In scena, da venerdì 19 a domenica 21 novembre, l'attore Stefano Farris e il musicista e cantautore Luca Marcia per la regia di Giacomo Casti. L'ultimo fine settimana di novembre è dedicato invece ad Antonio Gramsci, filosofo, giornalista, politico e scrittore sardo amato e conosciuto in tutto il mondo: “L'isola di Antonio. Gramsci, la Sardegna e la memoria” di e con Giacomo Casti e Francesco Medda è un reading concerto su Gramsci, il suo rapporto con la Sardegna e i suoi affetti, colto attraverso le lettere che ha inviato alla famiglia e agli amici durante i dolorosi anni di prigionia. Gli spettacoli del 26 e 27 novembre sono per le scuole, domenica 28 sarà allo spazio Antas. “Rio Murtas”, sesto titolo in cartellone, sarà presentato tra il 3 e il 5 dicembre. Scritto da Anselmo Spiga, storico protagonista del teatro di San Sperate e tra i fondatori di Antas, racconta un fatto di cronaca nera realmente accaduto nel 1943, in un momento drammatico e infelice in cui l'Italia usciva dal secondo conflitto mondiale sconfitta e in preda a una generale sfiducia verso la giustizia. Unico attore in scena è Giulio Landis, le musiche sono state interamente riscritte e saranno eseguite dal vivo da Francesco Medda. “Moby Dick, o i classici punk”, produzione recente della compagnia sansperatina è un originale e suggestivo excursus storico- letterario attraverso il capolavoro scritto da Herman Melville nel 1851, considerato un caposaldo della letteratura americana. Giacomo Casti condurrà il pubblico in un percorso ricco di assonanze che mostrano Moby Dick incredibilmente vicino al movimento punk di New York di fine anni Settanta. Con lui sul palco una delle migliori band attualmente in circolazione nell'Isola, La Città di Notte. Appuntamento il 10, 11 e 12 dicembre. A chiudere la rassegna un appuntamento musicale: martedì 21 e mercoledì 22 dicembre alle 21 Francesco Medda e Mauro Palmas presenteranno “Meigama”, disco di musica elettronica e liuti di prodotto da Antas. Con loro Giampaolo Mameli, artista e ceramista di San Sperate, che ha confezionato l'artwork del disco in ceramica. L'ingresso a tutti gli spettacoli avverrà nel rispetto della normativa per la prevenzione del Covid-19. Il biglietto è di 8 euro (ad eccezione di “Rendez-vous comique” con ingresso a 3 euro). Martedì, mercoledì, venerdì e sabato ingresso a teatro alle 21, domenica alle 19. Antas Apertas è realizzato con il contributo del Fondo Unico Spettacolo, della Regione autonoma della Sardegna, del Comune di San Sperate.

Cagliari. "Luigi", opera artistica in tributo a Gigi Riva con la partecipazione di Luca Ward

Il prossimo 11 novembre alle ore 21:00 andrà in scena l’opera artistica "Luigi", viaggio introspettivo nell’animo di Gigi Riva, ideata e prodotta dal creativo Giorgio Pitzianti in collaborazione con il Conservatorio di Cagliari e la Fondazione del Teatro Lirico. In particolare, si tratta di un format atipico, da qui l'identificazione in opera artistica, dove si uniranno la narrazione, il teatro e la musica sotto una precisa chiave ontologica necessaria per svelare in 6 atti il Gigi Riva intimo andando oltre le leggendarie gesta sportive. I monologhi, interpretati da Luca Ward, racconteranno gli aspetti più profondi del Riva bambino, adolescente e adulto, portandoci fino ai giorni nostri e ci aiuteranno a entrare in una relazione diretta con Luigi nella cui esperienza è possibile fondersi. Ogni atto sarà accompagnato dall'esecuzione di un movimento musicale inedito d’impronta cinematografica, con l'intento di suscitare una forte emotività nello spettatore. Alla base della composizione, curata dallo stesso Pitzianti, c’è il viaggio introspettivo che l’autore dell'opera per primo ha intrapreso. L'elaborazione e l’orchestrazione sono state condivise con il compositore Christian Cassinelli, il pianista Riccardo Leone e Tommaso Spada. Stretta la collaborazione con il Conservatorio di Cagliari che, per l'occasione, ha coinvolto i propri musicisti: al flauto Manuela Loddo, clarinetto Paolo Pontillo, corno Gabriele Casti e Luca Sirocchi, arpa Laura Busia, percussioni Cinzia Curridori, pianoforte Caterina Monaco, tenori Francesco Scalas e Francesco Piano e basso Roberto Onnis, violino Margherita Moccia, viola Maria Chiara Moccia, violoncello Giada Vettori, contrabbasso Tommaso Spada. Particolare rilevanza sarà data anche alle rappresentazioni teatrali, in stretta collaborazione con la Fondazione Teatro Lirico di Cagliari, che, assieme alla musica, attraverso la luce, permetteranno di avvicinarci a Luigi in una forte immedesimazione con lui nei momenti più significativi della sua vita. L'opera è patrocinata dalla Regione Autonoma della Sardegna, dal Comune di Cagliari e sostenuta dalla Fondazione di Sardegna.
Sottoscrivi questo feed RSS
giweather joomla module