Femminicidi. In Sardegna escalation di violenza: convocazione straordinaria e urgente del Consiglio Regionale

In evidenza Femminicidi. In Sardegna escalation di violenza: convocazione straordinaria e urgente del Consiglio Regionale
E' l’appello della consigliera regionale del M5s, Desirè Manca, che ha presentato una richiesta formale di convocazione straordinaria e urgente del Consiglio regionale, sottoscritta da tutti i Gruppi di minoranza, per discutere dell’escalation di violenza sulle donne sarde degli ultimi giorni.

“Due femminicidi in 48 ore - sottolinea Manca - é un’escalation di violenza fortemente allarmante che si inserisce in un’emergenza che non sembra avere fine quella che ha interessato la Sardegna. A pochi giorni dai fatti drammatici di Sennori, dove un uomo ha sparato alla fidanzata ferendola gravemente, in Provincia di Cagliari, a Quartucciu, un uomo di 67 anni ha ucciso la moglie a coltellate. I dati sui femminicidi e sulla violenza sulle donne rilevati dall’Istat, fino a due anni fa - precisa l'esponente del M5S - sono preoccupanti, quelli attuali hanno superato ogni limite di tolleranza. La Sardegna è tra le regioni italiane in cui si commettono più omicidi, ed è opportuno che la massima Assemblea sarda si riunisca con urgenza per discutere di questo preoccupante fenomeno e che individui le azioni da mettere in atto per prevenirlo e arginarlo. Prevenzione e contrasto devono essere il nostro obiettivo perché queste terribili pagine di cronaca nera vengano eliminate per sempre”.

“Secondo i più recenti dati sul fenomeno, diffusi nel marzo 2020 – prosegue la consigliera pentastellata – l’isola è in cima alle tabelle stilate dall’Istat in base ai dati forniti dal Ministero dell’Interno e dalla banca dati della Direzione generale della Polizia criminale. Nel triennio 2010/2012 le vittime di femminicidio in Sardegna erano 0,28 ogni 100mila abitanti e l’isola era la penultima regione italiana. Dal 2013 al 2015, il numero è raddoppiato: 0,48 femminicidi ogni 100mila abitanti che hanno portato l’isola al 12esimo posto su 21. Un'impennata drammatica che sta subendo una pericolosa accelerazione. La politica non può stare a guardare, è nostro dovere intervenire immediatamente”.

Ultima modifica ilLunedì, 13 Settembre 2021 19:22
giweather joomla module