Due giorni di incontri istituzionali e visite alle realtà del patrimonio agricolo sardo, in particolare dei comparti vitivinicolo e del sughero.

E' quanto prevede il programma del sottosegretario del Ministero dell’Agricoltura, Sovranità Alimentare e Foreste (Masaf), Luigi D’Eramo, in Sardegna per un sopralluogo alle realtà del Sulcis e della Gallura.

Ad accompagnarlo l’assessore regionale dell’Agricoltura, Valeria Satta. “È stato un onore avere con noi il nostro sottosegretario all'Agricoltura – ha dichiarato l’assessore Satta – con il quale abbiamo potuto discutere dei progetti e investimenti che il Governo ha già messo in campo e che prevede di attuare nel breve periodo per il comparto. Una visita importante per fargli conoscere da vicino realtà e prodotti della Sardegna, una terra unica che deve essere raccontata come merita”.

In particolare, nella giornata di venerdì l’assessore Satta e il sottosegretario D’Eramo hanno incontrato amministratori locali, operatori di aziende agricole e del comparto vitivinicolo nelle località di Santadi, Sant'Anna Arresi, e Nuxis. Oggi la visita è proseguita nel nord della Sardegna per un sopralluogo alle sugherete e un incontro con i sindaci del territorio.

Il sottosegretario del Masaf ha messo in evidenza come il futuro del comparto dell’agricoltura e degli allevamenti, settore strategico per l’economia della nostra Isola, dovrà far convergere innovazione e usi locali, così da “rendere il settore sempre più competitivo salvaguardando la tradizione e restando leader nella qualità” e ha parlato dei fondi destinati dal Governo all’innovazione, alla meccanizzazione e l’agricoltura di precisione e all’ammodernamento dei frantoi oleari, oltre a quelli per la ricerca.

“Siamo tornati nuovamente nel Sulcis, questa volta insieme al sottosegretario D’Eramo – ha detto l’assessore Satta – per testimoniare quanto questo territorio abbia da offrire a livello di qualità altissima dei propri prodotti ed eccellenze. Oggi ci siamo spostati in Gallura per ascoltare invece i rappresentanti del settore del sughero e gli amministratori locali dei territori coinvolti”. Nella sala consiliare del Comune di Calangianus l’assessore Satta e il sottosegretario del Masaf sono stati ricevuti dal sindaco del Paese, Fabio Albieri, per una riunione cui hanno partecipato i sindaci dei comuni limitrofi e altri rappresentanti della politica e dell’imprenditoria isolane.

“Il settore del sughero in Sardegna – ha spiegato l’assessore dell’Agricoltura – è stato leader europeo e mondiale fino agli anni 90, quando c’è stata una brusca frenata per il comparto che ha inevitabilmente portato delle ripercussioni sull’intero tessuto economico e sociale della zona. Mi sono pertanto impegnata a riaprire il tavolo del sughero: per farlo, come sempre sentirò tutte le parti coinvolte per poter prendere delle decisioni che rispondano a quante più esigenze possibile. Anche su questo tema – ha concluso l’esponente della Giunta Regionale – il sottosegretario D’Eramo ci ha dato la massima disponibilità per il raccordo tra Regione e Ministero”.