Cagliari. Tari tra le più basse in Italia (nel 2020)

A spiegarlo è il primo cittadino del capoluogo, Massimo Zedda, insieme all'assessora alle Politiche per il decoro urbano, Claudia Medda, in occasione dell'avvio della quarta fase del servizio di raccolta porta a porta in città. Nello specifico, l'annunciata riduzione della tassa dovrebbe essere commisurata all'incremento della raccolta differenziata. In questo senso la Tari dovrebbe ridursi del 25% nel 2019, per arrivare al 30% entro il 2020. L'abbattimento dei costi - come ha sottolineato Medda - potrà essere agevolato a seguito delle minori sanzioni che la Regione ha commutato sinora al Comune per il mancato raggiungimento della differenziata. In particolare il minore ricorso allo smaltimento presso l'inceneritore, che attualmente costa al Comune 13 milioni di euro all'anno, dovrebbe far risparmiare circa due milioni. Ad oggi il livello di raccolta differenziata a Cagliari si attesta al 42%, registrando un +12% rispetto all'avvio del servizio porta a porta scattato con la prima fase il 9 aprile del 2018.

Cagliari. Comune e Croce Rossa insieme in prima linea in soccorso dei senza fissa dimora

Per un motivo o per un altro rischiano la vita tutti i giorni, in estate e in inverno per strada. È per far fronte maggiormente alle necessità dei senza fissa dimora che vivono e dormono all’addiaccio che dall’1 giugno a Cagliari sono operativi per tutto l’anno la “Unità di strada” e il “Presidio emergenze”, gestito dalla Croce Rossa in convenzione con il Comune. A esemplificare l’alleanza l’assessore Ferdinando Secchi. “Fa parte di un percorso più ampio che l’Amministrazione comunale sta portando avanti da tempo in soccorso delle fasce più fragili, con azioni concrete”, ha rimarcato il titolare delle Politiche sociali e Salute. E stando ai dati raccolti, “il territorio cittadino conta una quarantina di senza fissa dimora, pochissimi cagliaritani”. Tanti, troppi ancora, ma comunque decisamente meno rispetto ai 400 registrati dall’Istat nel 2016, al netto degli sbarchi di migranti. Insomma, non sarà portato soltanto supporto, attenzione e ascolto. Ma anche “un kit di assistenza di cibo (panino, succo di frutta, bevande calde e acqua), vestiario e coperte; nei casi più gravi verrà richiesto un intervento sanitario o garantito un posto letto temporaneo di emergenza”. Costo annuale, finanziato in gran parte con i fondi PON METRO dell'Unione Europea, 120mila euro: saranno rimborsate soltanto le fatture quietanzate relative alle spese elencate nella convenzione come ammissibili. L'attività vedrà impegnati oltre 60 volontari, tutti adeguatamente formati. “Tra loro anche mediatori culturali, assistenti sociali, psicologi e un nuovissimo attrezzato automezzo, acquistato dalla Croce Rossa, grazie alle donazioni volontarie dei cittadini”, ha spiegato Fernanda Loche, presidente CRI Cagliari. La convenzione è stata stipulata a seguito di un procedimento di gara, destinato alle sole organizzazioni di volontariato e associazioni di promozione sociale, secondo quanto stabilito dal “Codice del Terzo Settore” emanato a luglio 2017. Prevista anche la gestione di un “Presidio emergenze” gestito di concerto con il Servizio Politiche sociali e Salute, far fronte situazione indifferibili che si verificano nei fine settimana e nei giorni festivi. Il Comune potrà diffondere il numero telefonico di reperibilità esclusivamente alle Forze dell'Ordine e alle altre Istituzioni coinvolte. I cittadini potranno invece inoltrare le segnalazioni al Comune. Per Rita Polo, presidente della Commissione Politiche sociali e Salute “la convenzione rappresenta un segnale importante che evidenzia anche la proficua alleanza fra Istituzioni e Terzo settore” e che si basa sulla “assistenza differenziata”, sul “monitoraggio delle persone che entrano in contatto con la rete di servizi” e su “percorsi di reinserimento sociale”.

Cagliari. Giornata Internazionale di sensibilizzazione sulle Neurofibromatosi

Tre giorni di ricerca, metodiche innovative, casi clinici. Da giovedì 17 e fino a sabato 19 maggio, l’asse di Medicina - Cittadella universitaria, Monserrato - e la sala conferenze del Molo Ichnusa - Cagliari, ospita i lavori del Meeting internazionale di Endodonzia clinica e chirurgica. Curati da Elisabetta Cotti, direttore del Master di Endodonzia clinica e chirurgica dell’ateneo di Cagliari, i lavori coinvolgono oltre trenta specialisti provenienti da mezza Europa. Docenti e allievi: decine di specializzandi sono infatti coinvolti nel Meeting che prevede relazioni, casi clinici, dibattito e confronto sulle tematiche e le metodiche della disciplina. I lavori si aprono a Monserrato con una conferenza sul futuro dell’odontoiatria del professor Nairn Wilson, prestigioso esponente del Royal College of Surgeons of England. Giovedì, sempre a Monserrato, si svolge la riunione internazionale per la preparazione di un protocollo congiunto di ricerca con la partecipazione della Società europea di Endodonzia e la Società europea di Cardiologia. All’incontro prendono parte, Elisabetta Cotti e Giuseppe Mercuro - direttore del dipartimento di Scienze mediche e rappresentante del gruppo di Cardiologia - per l’Università di Cagliari. I professori Paul Dummer (Università Cardiff), Leo Tjiaderhane (Università Helsinki), Segura Egea (Università Siviglia, rappresentante Società europea endodonzia). Venerdì, dalle 9 alle 17, l’incontro prevede il closed meeting di Endodonzia, moderato da Elisabetta Cotti con la partecipazione dei docenti Paul Dummer e Claudia Dettori. Durante i lavori - che si tengono al Molo Ichnusa di Cagliari - specializzandi e docenti dei Master in Endodonzia delle Università di Cagliari e Siviglia si confrontano sui temi della ricerca e della clinica. I docenti intervengono con casi specifici. Alle relazioni prende parte anche Hagay Shemesh (Università Amsterdam). Al closed meeting parteciopano, tra gli altri, anche gli specialisti Giulia Bardini, Olimpia Ottonello, Michela Mura, Martín Jiménez, Isabel Crespo Gallardo, Paloma Montero Miralles, Alessandro Goddi, Noemi Montis, Davide Musu, Antonio Noto.

Sassari. Arriva il Baby Point a Palazzo Ducale

Un angolo riservato, dotato di due poltroncine, un fasciatoio e un separé, dove allattare e cambiare i neonati. Si tratta del cosiddetto Baby Point che da oggi trova spazio all'interno del municipio sassarese. Inaugurato oggi, lo spazio risulta essere privo di barriere architettoniche ed è finalizzato alla promozione dell'allattamento al seno. L'obiettivo è quello di creare una rete di Baby Point in tutto il territorio, proprio partendo dall'esempio di Palazzo Ducale. Per arredare lo spazio dedicato alle mamme si è ricorso alle donazioni di diversi privati e, in parte, agli oggetti del centro di riuso.

Cagliari. Terrore in Comune all'assessorato per le Politiche Sociali

E' accaduto questa mattina intorno alle undici presso gli uffici dell'assessorato comunale alle Politiche Sociali, in via Sauro. Un cinquantenne con giaccone nero e pantaloni da tuta mimetica, si è introdotto all'interno degli uffici armato di ascia. Era lì per il rilascio dei contributi di solidarietà, ma non trovando personale (gli uffici erano chiusi) è andato in escandescenza minacciando la guardia giurata e, prima di fuggire, ha danneggiato alcuni arredi e distributori automatici. L'ascia era nascosta sotto il giaccone. Per fortuna nessun danno alle persone. I Carabinieri hanno avviato le indagini per cercare di trovare l'uomo.

Cagliari. Una panchina rossa contro la violenza sulla donne

Un nastro rosso sul cancello del Municipio: sabato 25 novembre, Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne, dalle 8 alle 13, le cittadine e i cittadini potranno testimoniare il proprio rifiuto a ogni forma di violenza legando un nastro rosso – messo a disposizione dal Comune – all'ingresso del Palazzo Civico come segno di impegno collettivo e trasversale. In contemporanea con le altre città metropolitane, anche Cagliari aderisce all'iniziativa promossa dal Movimento degli Stati Generali delle Donne su invito dell'Autorità di Gestione PonMetro con l'individuazione di una panchina da dipingere di rosso, simbolo delle azioni di contrasto alla violenza contro le donne: l'appuntamento è per le 10.30 nel giardino tra via Cugia e via Pessina, in prossimità del Tribunale. Sempre all'interno delle attività di sensibilizzazione della settimana, in serata la Torre dell'Elefante sarà illuminata di arancione per la campagna #Orangetheworld e UNiTE, iniziativa del Comitato Nazionale UN Women Italia. Gli appuntamenti per “Parità è rispetto delle differenze. Cagliari contro la violenza”, che dal 18 a oggi sono stati numerosi, andranno avanti sino a domenica 26: in allegato il programma completo.
Sottoscrivi questo feed RSS

19°C

Cagliari

Mostly Cloudy

Humidity: 82%

Wind: 8.05 km/h

  • 19 Oct 2018 23°C 18°C
  • 20 Oct 2018 23°C 18°C