Sassari. Sicurezza a rischio, ancora chiuse due scuole dell'infanzia

Rientro a scuola ma non per tutti. Sicuramente per i piccoli utenti delle scuole dell'infanzia della borgata di Ottava e di viale Trieste. Ad impedire il rientro presso il plesso di Ottava il perdurare dei lavori di messa in sicurezza e ripristino che dureranno ancora un altro mese. Intanto l'Amministrazione Comunale ha trovato una soluzione temporanea per consentire comunque la fruizione del servizio. In questo senso i piccoli alunni sono stati indirizzati verso l'istituto comprensivo di Li Punti, dove saranno accompagnati grazie al servizio gratuito scuolabus messo a disposizione dal Comune. Ancora da avviare i lavori in viale Trieste. Qui non é ancora chiaro quali siano gli interventi da effettuare. I bambini frequenteranno comunque le lezioni presso il plesso di via Gorizia.

Fondi per le periferie. I sindaci non abbassano la guardia

In attesa che il premier Conte sblocchi i fondi per le periferie, attarverso un decreto che dovrebbe concretizzarsi entro una settimana, i sindaci non mollano e ribadiscono di essere pronti a "consegnare le fasce al presidente della Repubblica Mattarella" qualora non si arrivasse ad una conclusione della vicenda. Si tratta infatti di risorse fondamentali che, per alcune città sarde, riguardano la realizzazione di importanti progetti. Nel caso di Sassari i milioni previsti dal bando periferie sono complessivamente 22, di cui 14 già operativi. Risorse che serviranno per l'adeguamento di strade e marciapiedi, la conversione di due strutture scolastiche attualmente occupate da abusivi in case popolari, la mobilità sostenibile e la creazione di orti urbani. Anche Nuoro attende con ansia che la volontà politica del Governo si trasformi in atti concreti. In particolare i milioni a disposizione per il capolugo barbaricino sarebbero 18. Fondi a rischio se l'accordo del Governo con l'Anci non verrà rispettato.

Sassari. Test di veterinaria: 40 posti per 224 candidati

La prova per l'accesso al corso di laurea in Medicina veterinaria dell'Università di Sassari, ha visto questa mattina l'affluenza di duecentoventiquattro apiranti veterinari per un totale di 40 posti disponibili. La prova, della durata di 100 minuti, prevedeva 60 quesiti di cultura generale e ragionamento logico, biologia, chimica, fisica e matematica, con cinque opzioni di risposta per ciascuna domanda. Gli esiti del test verranno pubblicati il 19 settembre sull'area riservata del sito www.universitaly.it. Per la graduatoria nazionale bisognerà aspettare il 2 ottobre.

Sassari. Mancata indicazione dell'uovo tra gli ingredienti. Interviene la ASSL

A causa di una non conformità nell'etichetta, che non indicava la presenza dell'uovo tra gli ingredienti e come allergene, il Dipartimento di Prevenzione - Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione (Sian) della ASSL di Sassari ha attivato le procedure d'urgenza per la verifica del ritiro dal mercato dei prodotti dell'impresa alimentare di Ittiri "Ditta Sarria, I dolci della Sardegna snc"ditta confezioni di "Dolci misti". I dolci in questione sarebbero , i "Papassini" e "Papassini alle noci". Tutto é nato da una segnalazione del SIAN del Piemonte per una sospetta reazione allergica accusata da una bambina piemontese che si trovava in Sardegna per le vacanze. La famiglia della bimba avrebbe infatti acquistato i prodotti in questione, portandoli in Piemonte. La collaborazione della ditta produttrice é stata repentina, provvedendo al ritiro dai canali di vendita dei prodotti con etichettatura non conforme.

Sassari. Casa di riposo per anziani abusiva

Mancanza di autorizzazioni, impiego di lavoratori in nero, mancato rispetto del rapporto minimo - fissato per legge - fra i metri quadri disponibili e le persone ospitate, locali non adeguati, violazione delle normative in materia di salute e igiene alimentare e totale inosservanza delle norme fiscali e tributarie. E' quanto rilevato dalla Guardia di Finanza di Sassari presso la casa di riposo che ospitava una decina di anziani nella zona del quartiere Latte Dolce. In particolare i controlli, svolti in collaborazione del personale della Assl di Sassari, hanno consentito l'accertamento di tre rapporti di lavoro irregolari, oltre alla mancanza assoluta delle autorizzazioni amministrative necessarie. I gestori della struttura sono stati denunciati.

Sassari. Abbandona suv in nella spiaggia di Porto Ferro

La scoperta è della compagnia barracellare, impegnata nel servizio antincendio nella zona di Porto Ferro. Un turista ha abbandonato l'auto a noleggio, rimasta insabbiata, tra le dune. Avvisati dagli uomini della compagnia barracellare, gli agenti della Municipale, hanno avviato le indagini per risalire all'identità del turista incivile. Lo attende infatti una multa salata e, probabilmente, anche anche una denuncia penale in quanto la spiaggia di Porto Ferro si trova all'interno di una zona naturale a vincolo paesaggistico totale.

Sassari. Danni provocati dalle raffiche di vento

Pomeriggio caratterizzato da una vera e propria bufera di vento. In diverse zone della città sono stati abbattuti diversi alberi. In particolare in via Paganini, via Nesta, via Buonarotti, via Besta, nella zona industriale di Predda Niedda e in viale San Pietro, di fronte alle cliniche universitarie. A Monte Ore, l'impianto di sollevamento di Abbanoa è stato messo fuori uso. Intorno alle 17 la linea elettrica, gestita dalla società che eroga i servizi idrici in Sardegna, è stata bloccata da un guasto. Immediato l'intervento dei tecnici che hanno proceduto alla riparazione e al riavvio dell'impianto. Le forti raffiche di vento hanno procurato diverso lavoro ai Vigili del Fuoco che sono intervenuti per rimuovere i fusti e i rami dalle strade e per ripristinare le condizioni di sicurezza, anche se l'allarme non è ancora cessato. Anche Oristano ha fatto i conti con il forte vento, responsabile per diversi disagi che hanno comportato l'abbattimento di diversi alberi.

Sassari. Campagna contro l'azzardopatia

Parte da Sassari la campagna contro l'azzardopatia promossa dall'associazione Crew e finanziata dall'assessorato regionale della Pubblica istruzione. Alla presentazione del progetto “Azzardopatia – Scomettiamo su di te”, finalizzato alla sensibilizzazione sui rischi derivanti dal gioco d'azzardo patologico, erano presenti la consigliera regionale Daniela Forma, prima firmataria di una proposta di legge regionale per contrastare il gioco d'azzardo patologico, insieme al consigliere regionale Raimondo Caciotto e al presidente del Consiglio Regionale, Gianfranco Ganau. Proprio lo stesso Ganau ha sottolineato che "quello che serve è una sensibilizzazione contro i rischi per combattere la ludopatia, che sia strutturata in maniera capillare per contrastare un fenomeno che oggi coinvolge soprattutto i giovani. Manca indubbiamente un quadro normativo regionale che metta a sistema le attività di prevenzione e informazione. Per questo a fine maggio è stata depositata una proposta di legge, prima firmataria la consigliera regionale Daniela Forma insieme al consigliere regionale Raimondo Caciotto, oggi qui presente insieme a me per ringraziare l'associazione Crew e i comuni coinvolti in un progetto importante per il quale il Consiglio regionale è pronto a fare la propria parte. "La proposta - ha continuato il Presidente del Consiglio Regionale - prevede un intervento organico da parte della Regione Sardegna, attraverso la definizione di un piano biennale che stabilisce le attività in ordine alla prevenzione, alla cura e riabilitazione dei soggetti problematici e patologici. Le azioni sono mirate a sensibilizzare sui rischi del fenomeno, i minori, i più deboli e le persone economicamente disagiate, quelli più esposti a questo tipo di patologia che oggi è stata riconosciuta anche livello nazionale tra i livelli essenziali di assistenza. La proposta è al momento ferma in sesta commissione – ha chiarito il presidente del Consiglio – il mio impegno sarà quello di sollecitare la discussione affinché il testo possa arrivare il più rapidamente possibile in Aula per un'approvazione definitiva della legge e avere così dei chiari riferimenti normativi anche nella nostra Regione». All'incontro con la stampa erano presenti Lisa Benvenuto dell'associazione Crew, capofila del progetto, l'assessora alle Politiche sociali del comune di Sassari, Monica Spanedda, il sindaco e la consigliera comunale di Alghero, Mario Bruno e Giusy Piccone e Marco Ladu dell'associazione Mondo X. Il progetto di sensibilizzazione, sostenuto anche dai comuni di Sassari e Alghero prevede la promozione di trenta incontri pubblici in tutta l'isola, il coinvolgimento di venti istituti scolastici, eventi teatrali, attività di animazione, comunicazione e informazione e anche la realizzazione di due concorsi per la creazione di un videospot. Lunedì 16 luglio sarà il comune di Alghero ad ospitare il primo degli incontri nei territori, mentre il comune di Sassari accoglierà la manifestazione conclusiva di tutto il progetto prevista a novembre.
Sottoscrivi questo feed RSS

25°C

Cagliari

Partly Cloudy

Humidity: 82%

Wind: 17.70 km/h

  • 19 Sep 2018 27°C 20°C
  • 20 Sep 2018 27°C 20°C