Cagliari. Sant'Elia: auto precipita dalla scogliera

Ancora da chiarire le circostanze che hanno portato l'auto a precipitare dalla scogliera. I soccorsi, scattati non appena si è avuta notizia dell'accaduto, sono attivati per verificare che all'interno del mezzo non ci fossero passeggeri. Impegnati sul posto Capitaneria di Porto, sommozzatori dei Vigili del Fuoco e Carabinieri. Tutti quanti non hanno rinvenuto alcuna persona né all'interno della vettura né nelle vicinanze. E mentre proseguono le ricerche da parte dei sommozzatori, l'auto è stata recuperata. Tra le ipotesi al vaglio degli investigatori, quella di un probabile furto dell'auto, lasciata poi cadere giù dalla scogliera.

Cagliari. Approvato il progetto esecutivo del Porticciolo della piccola Pesca di Sant’Elia

Martedì 17 dicembre la Giunta Comunale, su proposta dell’Assessore ai Lavori Pubblici Gabriella Deidda, ha approvato il Progetto Esecutivo del “Porticciolo della piccola Pesca” di Sant’Elia. Le spese di realizzazione delle opere ammontano a 4 milioni e duecento mila euro. Nello specifico, l’intervento prevede la realizzazione di un molo di sopraflutto, ed un molo di sottoflutto entrambi di forma curvilinea. Il porto, con la configurazione del primo lotto, è in grado di ospitare 36 imbarcazioni con una lunghezza massima pari a metri 12 e sarà dotato di uno scalo che consentirà l’alaggio e il varo autonomo dagli utenti del porto. Previsto per il mese di gennaio 2020 l'avvio dei lavori.

Cagliari. Il racconto della sclerosi multipla attraverso quaranta fotografie

E' l'obiettivo della mostra curata dalla biologa Giovanna Porcu, allestita presso il Lazzaretto di Sant'Elia. Quaranta fotografie che ritraggono i volti di tredici persone affette dalla sclerosi multipla. A collaborare con Giovanna Porcu anche la psicologa Anna Maria Perillo, impegnata per due anni ad incontrare nove donne e un uomo ammalati di sclerosi multipla che hanno offerto le loro testimonianze. La mostra, dal forte significato educativo e di sensibilizzazione, andrà avanti fino al 10 ottobre. Tra le iniziative collaterali anche una tavola rotonda intitolata "Una, cento, mille storie di sclerosi multipla". Tra i relatori Eleonora Cocco (responsabile del Centro sclerosi Multipla dell'ospedale Binaghi); Gabriela Spinicci (neurologa al Binaghi); Ignazio Montisci (urologo al Marino); Anna Maria Perillo (psicologa dell'Aism di Cagliari); Aide Esu (docente di Sociologia generale dell'Università di Cagliari).

Cagliari. Sant'Elia: riaperto l'asilo di via Schiavazzi dopo la ristrutturazione

“Quaranta bambini potranno riprendere a frequentare l’asilo di via Schiavazzi, chiuso da febbraio a causa di un incendio. Avevamo promesso la riapertura: impegno mantenuto. Sono molto soddisfatto”. Queste le parole del sindaco Paolo Truzzu a termine di un'operazione che l'Amministrazione comunale ha voluto mettere in campo per rispondere alle esigente del quartiere e di tutta la città. Formalmente riaperto (martedì 9 settembre 2019), ieri mattina ad affiancare il Primo cittadino durante un sopralluogo all'asilo di Sant'Elia anche Rita Dedola, che, nella veste di assessora della Pubblica istruzione, ha rimarcato come l'obiettivo sia stato raggiunto raggiunto con un “grande lavoro di squadra”, a cui hanno contribuito diversi servizi e assessorati diversi. Dello stesso avviso anche Roberta Perra, presidente della Commissione Pubblica Istruzione.

Cagliari. Il 24 e 25 agosto si rinnova l’appuntamento con la Sagra del Pesce di Sant’Elia

Cucinato dai volontari del Comitato, fritto o grigliato, accompagnato con vino, pane e frutta, il pesce del Golfo è l’atteso protagonista di quella che per l'undicesima volta sarà una vera e propria festa del gusto e di comunità. A partire dalle 19, sabato 24 e domenica 25 agosto, lo storico quartiere adagiato sul promontorio della Sella Del Diavolo si riempirà infatti di migliaia di appassionati del buon cibo, in occasione di una delle manifestazione più tipiche della tradizione cagliaritana: la Sagra del Pesce a Sant'Elia. Anche lo scenario sarà particolarmente suggestivo, visto che la Sagra si svolgerà sulla sul Piazzale del Lazzaretto, nel tratto adiacente il Centro Culturale d’Arte di via dei Navigatori. Ed è proprio sulla piazza che verranno allestiti stand enogastronomici, chioschi e tavoli per3mila posti a sedere. Sostenuta dal Comune, “con piacere e grande convinzione” - come sottolineato dall'assessore Alessandro Sorgia - anche quest’anno saranno circa 20 mila le persone che parteciperanno alla due giorni del quartiere Sant’Elia. “Divenuta punto di riferimento per cagliaritani e visitatori, l’appuntamento – ha spiegato il titolare delle Attività produttive, Turismo e Promozione del territorio - costituisce un tassello fondamentale del progetto Cagliari Città Turistica”. L’idea è anche quella di “realizzare una app istituzionale”, dedicata a chiunque vorrà conoscere eventi e manifestazioni di interesse pubblico e turistico, nonché i servizi che il Capoluogo è in grado di offrire per poterli vivere al meglio. Per l’occasione verranno quindi arrostiti e fritti tremila chili di pesce fra muggini, orate, spigole, calamari, occhioni e gamberetti. “Si potrà inoltre degustare insalata di mare, circa 1000 chili, accompagnato da buon vino pane e anguria”, hanno precisato gli organizzatori. In programma anche spettacoli, concerti e intrattenimento per i più piccoli. A supportare la manifestazione anche Ctm Spa. “Questo fine settimana, nelle serate di sabato 24 e domenica 25 agosto, dalle ore 18 alle 24 sarà attivo il servizio navetta )link più sotto) dal parcheggio dello Stadio di Sant’Elia all’ex Lazzaretto e viceversa”, ha annunciato il presidente Roberto Porrà alla conferenza stampa di presentazione della Sagra ospitata stamani al Centro Culturale d’Arte. Da Andrea Loi, presidente dell’associazione Sagra del Pesce a Sant’Elia, “un ringraziamento particolare va alle tante volontarie che per l’importante contribuito che danno alla realizzazione della manifestazione”. Nata da un gruppo di amici, l’obiettivo della Sagra è quello di valorizzare il quartiere e non solo.

Cagliari. Blitz mercato S. Elia: sequestro di ulteriore materiale contraffatto

Il bliz della Guardia di Finanza di Cagliari, effettuato durante il mercato domenicale di Sant’Elia, ha prodotto ulteriori sviluppi. Di fatto i finanzieri hanno ampliato lo spettro delle investigazioni e si sono recati presso l’abitazione dei due venditori, colti in fallo, nel Comune di Quartu Sant'Elena. Al suo interno, in prima battuta, i Baschi Verdi hanno rinvenuto scatole e bustoni contenenti ulteriore materiale contraffatto – non dissimile per tipologia e marchi riportati da quelli sequestrati su strada – pronti per essere commercializzati. Ma la scoperta più interessante è stata quella relativa al rinvenimento di un ingente quantitativo di etichette adesive ed in stoffa, riprodotte, per forma e dimensioni, in modo da essere applicate su scarpe, maglieria ed accessori “neutri” e trasformarli, almeno ad un primo sguardo, in prodotti del tutto simili agli originali. Infatti, prendendo ad esempio una scarpa, la stessa sembrava identica all’originale, ma, ad una osservazione più approfondita, i marchi apposti risultavano posticci e non perfettamente allineati, nonché, la suola non riportava i loghi del brand di appartenenza. L’abitazione dei due venditori è risultata così essere un luogo di vero e proprio assemblaggio dei prodotti illeciti, operazione che avveniva semplicemente con l’applicazione delle etichette grazie a colla e ferro da stiro, strumenti trovati in loco. Complessivamente, sono stati rinvenuti e quindi posti sotto sequestro, tra magliette felpe, pantaloni, scarpe ed occhiali, 849 prodotti nonché 6.617 etichette riportanti i marchi Fila, Converse, Nike, Colmar, Saucony Adidas e Timberland.

Cagliari. Sequestrati 290 articoli contraffatti a Sant'Elia

I Baschi Verdi della Guardia di Finanza, durante un controllo nel quartiere di Sant’Elia, sede di mercatino domenicale, hanno individuato una “bancarella” abusiva con esposte numerose paia di scarpe e articoli di maglieria. Alla vista dei Finanzieri, i due venditori hanno tentato di raccogliere velocemente la loro mercanzia, ma senza esito: i militari li hanno tempestivamente intercettati ed hanno iniziato le operazioni di identificazione dei soggetti e di riscontro della merce venduta. Attività di riscontro che hanno coinvolto anche l'autovettura dei due venditori, parcheggiata nei pressi della bancarella e utilizzata come magazzino per ulteriore merce da vendere. Complessivamente, sono stati rinvenuti 290 articoli non originali tra scarpe, capi d’abbigliamento e accessori, recanti marchi riconducibili a note case di moda, quali Nike, Adidas, Liu-Jo, Hogan, All-Star, Colmar, Saucony, Fred Perry, Fila, D&G, Armani, Gucci. Tutti gli articoli, a prima vista non dissimili dagli originali, presentavano un grado di contraffazione elevato, distinguendosi da quelli venduti tramite i canali ufficiali, per pochi e accurati dettagli, difficili da riprodurre senza i macchinari propri delle “case madri”. La merce è stata sottoposta a sequestro ed i venditori, 2 soggetti extracomunitari con regolare permesso di soggiorno, sono stati segnalati alla locale Autorità Giudiziaria per il reato di contraffazione. Dall’inizio dell’anno, complessivamente sono stati sequestrati 138.617 articoli contraffatti e segnali all’Autorità Giudiziaria 15 soggetti. Sono tutt’ora in corso approfondimenti investigativi volti a verificare i canali di approvvigionamento di prodotti contraffatti.

Cagliari Scoperta centrale di spaccio a Sant'Elia

I Baschi Verdi della 2a Compagnia della Guardia di Finanza di Cagliari e i Carabinieri della Stazione Carabinieri di San Bartolomeo, con l’ausilio delle unità cinofile della Guardia di Finanza hanno effettuato ieri un servizio di perlustrazione del quartiere Sant’Elia. All’altezza di Via Schiavazzi, i militari hanno concentrato la loro attenzione su un palazzo nelle cui adiacenze notavano un via vai di persone, alcune delle quali note alle Forze dell’Ordine per specifici precedenti in materia di sostanze stupefacenti, ma soprattutto, sulle scale esterne del primo e del secondo piano, alcuni soggetti con atteggiamenti guardinghi e sospetti, tipici delle “vedette”. Finanzieri e Carabinieri hanno quindi fatto scattare il blitz: salendo da ambedue le scale laterali del palazzo – con un classico “intervento a tenaglia” – sono dapprima riusciti a immobilizzare le vedette e successivamente a raggiungere gli spacciatori prima che questi potessero rifugiarsi all’interno degli appartamenti. Le perquisizioni – dapprima effettuate nell’appartamento e nel vano ascensore adibiti a vero e proprio market della droga e successivamente nelle abitazioni dei 3 soggetti trovati intenti alle attività di spaccio – hanno portato al rinvenimento di un ingente quantitativo di stupefacente: 1.486 dosi di eroina (per un totale di 239,15 grammi), 845 dosi di cocaina (per complessivi 140,35 grammi), 56,51 grammi di hashish e 30,37 grammi di marijuana. Finanzieri e Carabinieri hanno inoltre rinvenuto e sottoposto a sequestro strumentazione necessaria a gestire la “piazza di spaccio”: una macchina conta banconote, bilancini di precisione, coltelli per tagliare lo stupefacente, bustine monodose per il confezionamento delle dosi, oltre che 7.050 euro in contanti, già provento della precedente attività di spaccio. Sono stati altresì trovate due pistole a piombini ed un fucile ad aria compressa, armi cui sono stati asportati i segni distintivi (tappino rosso) che contraddistinguono un’arma “giocattolo” rendendola del tutto identica ad una reale. Sono così stati tratti in arresto quattro soggetti per spaccio e detenzione di sostanze stupefacenti e resistenza a Pubblico Ufficiale cui si aggiunge, per uno, il reato di evasione in quanto già sottoposto agli arresti domiciliari e per un altro la violazione della misura della sorveglianza speciale. Per un quinto soggetto è scattata la denuncia per concorso in spaccio di sostanze stupefacenti. I quattro soggetti arrestati sono stati tradotti nella Casa Circondariale di Uta.
Sottoscrivi questo feed RSS

giweather joomla module