Monserrato. Cade la Giunta Comunale

I segnali c'erano tutti, non ultimo le dimissioni del primo cittadino, poi rientrate, alla vigilia di Pasqua. Ora non c'è più niente da fare. Complice la mancata approvazione del bilancio, la Giunta Comunale va a casa e arriva il commissario. L'epilogo questo pomeriggio in Municipio, quando è apparso chiaro che non c'erano i voti sufficienti per l'approvazione del documento contabile.

Monserrato. Atto intimidatorio contro sindaco, assessore e comandante Polizia Municipale

Tre buste contenenti proiettili. E' quanto si sono visti recapitare il primo cittadino di Monserrato, Tomaso Locci, un assessore comunale e il comandante della Polizia Municipale, Massimiliano Zurru. Ad intercettare le buste, il centro di smistamento delle Poste di Elmas. L'episodio sarebbe accaduto qualche giorno fa ma reso noto solo oggi in coincidenza della seduta del Consiglio Comunale. Quanto successo a Monserrato si inserisce nel lunghissimo filone di atti intimidatori che da tempo stanno coinvolgendo gli amministratori locali dell'isola. Ultimo in ordine di tempo, quello del 15 aprile scorso, perpetrato ai danni della casa di campagna del vicesindaco di Esporlatu. Intanto il sindaco di Monserrato, che aveva presentato le proprie dimissioni, poi ritirate, fa sapere che affida alla sua famiglia la decisione se continuare o meno il suo percorso da primo cittadino.

Monserrato. Individuato evasole totale per oltre 176 mila euro

La Guardia di Finanza di Cagliari, nell'ambito delle attività volte a contrastare l'evasione fiscale, ha individuato un evasore totale che ha complessivamente occultato oltre 176.000 di euro al fisco. La verifica fiscale delle Fiamme Gialle ha coinvolto un professionista operante nel settore medico. Nello specifico, il professionista avrebbe operato senza osservare la normativa civilistico – fiscale, disattendendo agli obblighi contabili, dichiarativi e di versamento dei tributi e risultando, per le quattro annualità sottoposte a controllo, evasore totale per complessivi 176.259 euro.

Monserrato. Sport e solidarietà con la gara podistica “Corri per la vita”

Sabato 16 settembre 2017 si terrà a Monserrato la prima edizione della manifestazione podistica di corsa su strada “Corri per la Vita – Trofeo Antonello Cardia”, organizzata da Prometeo AITF Onlus e Pauly Onlus, con il benestare della FIDAL - Comitato regionale della Sardegna e il patrocinio del Comune di Monserrato, nell'ambito della programmazione di "Monserrato sotto le stelle". Il ritrovo per giudici e concorrenti è fissato per le ore 16.30, mentre la gara avrà inizio alle ore 17.30 con partenza in via del Redentore, all'altezza del civico n. 216. Il percorso prescelto è un circuito di 600 metri che si sviluppa nell’area dei giardinetti. Saranno ammessi a partecipare uomini e donne suddivisi in più categorie (esordienti A, B e C; ragazzi; cadetti; allievi/juniores/promesse/senior). Gli interessati dovranno iscriversi entro il prossimo 13 settembre, seguendo le indicazioni del regolamento di gara. Saranno, tuttavia, accettate iscrizioni anche il giorno della manifestazione. La quota di iscrizione è pari a 5 euro e comprende T-shirt dell’evento, pettorale, assistenza sanitaria e ristoro durante e dopo la gara. Gli organizzatori raccomandano ai partecipanti di leggere attentamente il regolamento della manifestazione. “Corri per la Vita” non sarà, però, solo un evento sportivo: sarà anche uno strumento per promuovere la donazione degli organi. Durante la manifestazione, infatti, i volontari della Prometeo saranno a disposizione per fornire informazioni e materiale divulgativo su questo tema e sui trapianti di organi. Per ulteriori informazioni è possibile contattare i seguenti referenti: Giuseppe Argiolas (tel. 3293792449, e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.) Gianni Abis (tel. 3356596399), Davide Marceddu (tel. 3388432738), Giorgio Palmas (tel. 3287089023).

Monserrato. Sport e solidarietà con la gara podistica “Corri per la vita”

Il sindaco di Cagliari, Massimo Zedda, con un'apposita oon ordinanza sindacale, ha imposto il divieto assoluto di vendita per asporto di bevande alcoliche e non alcoliche contenute in contenitori di vetro o in latina, in occasione delle partite di calcio disputate dal Cagliari, presso lo Stadio Sardegna Arena. Il provvedimento vale sia per le partite del Campionato di serie A (Stagione 2017 – 2018), sia per quelle della Coppa Italia. Il divieto di vendita per asporto si intende adottato nei confronti di tutti gli operatori commerciali e di tutti gli esercizi pubblici operanti, anche in forma ambulante, nelle aree in prossimità dello Stadio Sardegna Arena. Nello specifico, Via Pessagno, da Ponte Colombo a Ponte Vittorio; Viale San Bartolomeo, da Ponte Vittorio a Circonvallazione Sud; Circonvallazione Sud, da viale San Bartolomeo a Ponte Colombo e nel territorio da esse circoscritto. Il divieto sarà in vigore nelle due ore precedenti l’orario di inizio della partita di calcio e si protrarrà sino al termine delle due ore successive alla conclusione di ciascun incontro. Per le violazioni previste sanzioni amministrative pecunarie da €. 25,00 a €. 500,00.

Cagliari. Sequestrati circa 12 chili di cocaina, effettuati 4 arresti e una denuncia

La Guardia di Finanza di Cagliari nell’ambito delle attività di monitoraggio e controllo, intensificate con l'arrivo della stagione estiva, giovedì pomeriggio hanno effettuato un blitz in località Monserrato che ha consentito il sequestro di oltre 11,5 chilogrammi di cocaina. Con l’ausilio delle unità cinofile sono inoltre scattate le perquisizioni che hanno portato al ritrovamento di 4.300 euro in contanti, probabilmente provento di precedente attività di spaccio. I tre responsabili di 47, 57 e 53 anni, risultati tutti gravati da precedenti specifici, per acquisto, trasporto e illecita detenzione di stupefacenti, sono stati arrestati e condotti presso la casa circondariale di Uta, a disposizione dell’autorita’ giudiziaria. I controlli delle Fiamme Gialle proseguiranno nelle località a maggiore vocazione turistica - tra le quali l’area del cagliaritano - in vari ambiti di intervento, in particolare per prevenire e contrastare gli illeciti della “filiera del falso” (smercio e vendita di prodotti non sicuri e contraffatti), l’abusivismo commerciale, il lavoro “in nero” o “irregolare”, le violazioni alla disciplina dei prezzi, l’evasione fiscale, le irregolarità commesse a mezzo dei sistemi di pagamento alternativi ai canali bancari (money transfer), senza, tuttavia, trascurare i traffici illeciti di altro genere, come quello della droga.
Sottoscrivi questo feed RSS

Cagliari