Cagliari. Inchiesta della Procura per i lavori alla Torre dell'Elefante

La vicenda aveva sollevato alcune polemiche. Stiamo parlando dei lavori di restauro e consolidamento alla Torre dell'Elefante. Avviati d'urgenza dal Comune, i lavori hanno infatti previsto l'utilizzo di un ponteggio, ancorato alla torre con un'ottantina di piccole perforazioni per fissare i tasselli alla pietra medioevale. Per questo motivo la Soprintendenza aveva bloccato l'intervento di restauro. Ora, a seguito di una relazione dei Carabinieri del Nucleo tutela del patrimonio artistico e culturale di Cagliari sull'intervento, la Procura ha aperto un'inchiesta. Al momento non viene ipotizzata alcuna ipotesi di reato anche se il procuratore aggiunto, Paolo De Angelis, ha aperto un fascicolo per "atti relativi", termine utilizzato per indicare l'assenza di indagati e ipotesi di reato. L'obiettivo è quello di accertare quanto effettivamente accaduto al monumento medioevale.

Sintesi riflessive su "Il Piccolo Principe". Rosaria Floris

"Dedico questo libro all’adulto che una volta è stato bambino e al bambino che una volta è stato adulto". Così apre il volume l’autore Antoine de Saint Exupery. "L'essenziale non è invisibile agli occhi". "Non si vede se non col cuore”. La vera bellezza delle persone sta in ciò che hanno chiuso in modo segreto dentro. Per scoprire e trovare l’amico, la sua anima, dobbiamo impegnarci e approfondire il rapporto con lui, ma specialmente dobbiamo assumerci responsabilità. Così il libro inizia il suo cammino. Per la prima volta è stato pubblicato a New York il 6 aprile del 1943. Inizia così descrivendo un pilota costretto, causa avaria, ad atterrare nel Deserto del Sahara, mentre cerca di riparare il guasto. Ad un certo punto gli si avvicina un bambino (il piccolo principe) chiedendogli di disegnare una pecora. Perché una pecora? Lui non sapeva disegnare pecore, l’unica cosa che aveva disegnato era un serpente boa che mangiava un elefante, ma una pecora non ci sarebbe riuscito, e poi, perchè una pecora. Perché questa avrebbe mangiato l’erba del suo pianeta gli rispose il bambino, perché il suo pianeta era così piccolo quasi come una casa: l’asteroide B612 in cui lui era l’unico essere vivente. C’erano poi tre vulcani, uno dei quali inoperoso e poi c’era una rosa. Quella rosa che lui amava tanto con la quale trascorreva tutto il tempo, era la sua amica, le voleva bene ed era da essa ricambiato. Prima di arrivare sul pianeta terra aveva visitato altri asteroidi. Qui aveva incontrato: nell’Asteroide 325 un Re che come suddito unico aveva un topo e che pretendeva di regnare su tutto e pensare di esercitare il suo potere ordinando al Sole di tramontare- Nell’Asteroide 326, il 2° pianeta, aveva incontrato il Vanitoso, unico abitante che voleva essere sempre lodato e applaudito, acclamato. Il piccolo principe rimane perplesso di fronte a tanta vanità e quando gli chiede a cosa serva quel cappello, gli risponde che gli serviva per salutare quando veniva acclamato, ma purtroppo ad acclamarlo non c’era nessuno. "I Grandi sono davvero strani" andava ripetendosi. Sull’Asteroide 327 incontra l’ubriacone che passava tutto il suo tempo a bere per dimenticare che si vergognava di bere. Sull’Asteroide 328 incontra altri e ancora sull’Asteroide 329 incontra il Lampionaio che accendeva i lampioni quando il sole tramontava ma il pianeta girava su se stesso, tanto in fretta che era obbligato ad accendere continuamente i lampioni. Però, il piccolo principe pensava alla su dedizione al lavoro e la rispettava. nell’Asteroide 330 incontra il Geografo, un sapiente che però non sa dove si trovano i fiumi, il laghi, i monti, e non può spostarsi per andare a vedere dove stanno perché è molto impegnato e chiede al piccolo principe di recarsi lui sulla terra per andare a vedere dove questi siano. Quante cose, quanto da riflettere, leggendo quello che questo piccolo principe ci ha raccontato, insegnandoci a saper vedere - "L’ESSENZIALE NON E’ VISIBILE AGLI OCCHI". Rosaria Floris

Istruzione. Gli appelli del "Comitato delle Valige" per l'arrivo del ministro Fedeli

Arriva in Sardegna il ministro dell'Istruzione Valeria Fedeli e il "Comitato delle Valigie" si prepara ad accoglierla con un nuovo appello. "Una spada di Damocle - si legge in un comunicato firmato dalla portavoce Bianca Locci - pende sulla testa di coloro che sono stati spediti fuori regione e che, per come si stanno mettendo le cose, temono di non potervi rientrare, così come coloro che proprio perché in possesso dei titoli richiesti, si trovano ancora fuori provincia. Gentile ministra avrà avuto modo di constatare personalmente, quanto siano distanti l'una dall'altra le province in Sardegna e avrà senz'altro verificato che il mare ci separa dal resto della penisola. Ribadiamo che i posti qui ci sono ed è giusto che chi è stato assunto abbia al pari degli altri colleghi la possibilità di vivere dove ha scelto con la propria famiglia e possibilmente nella propria terra". Una rivendicazione chiara che non lascia spazio ad interpretazioni, anche in considerazione del non secondario aspetto economico: "è ingiusto che alcuni lavoratori dello stesso comparto - si legge nella nota stampa - debbano vivere vedendosi lo stipendio dimezzato per dover pagare viaggio, vitto e alloggio". Nell'attesa dell'arrivo del ministro, atteso a Sassari e Cagliari, rimangono i dubbi sul futuro di tanti diocenti sardi che per ora non possono dormire sonni tranquilli.

Cagliari. Nuovo servizio di spazzamento strade

E'partito nei giorni scorsi il nuovo servizio di spazzamento meccanizzato delle strade cittadine. I mezzi della società che gestisce il servizio stanno attualmente operando in 41 vie, ma sarà progressivamente interessata tutta la città. L'Amministrazione Comunale fa sapere che per permettere una pulizia delle strade più accurata è necessario avere le vie libere, in modo da consentire il passaggio dei mezzi meccanici, che avviene con frequenza mensile secondo un calendario prestabilito. Intanto la società incaricata del servizio sta completando la sistemazione della cartellonistica fissa verticale di divieto di sosta con possibilità di rimozione forzata: la segnaletica indica il giorno fissato per lo spazzamento in tutte le strade cittadine, e la fascia oraria 6-11 in cui avviene il passaggio dei mezzi. Durante i periodi più caldi dell'anno, secondo le stesse modalità e negli stessi giorni al servizio di spazzamento meccanizzato sarà affiancato il lavaggio delle strade. Previste sanzioni per il mancato rispetto di quanto prescritto nella cartellonistica. Di seguito l'elenco delle prime vie in cui sono posizionati i cartelli e si sta provvedendo allo spazzamento meccanizzato nelle giornate indicate sui cartelli stessi: via Roma (da piazza Amendola al Largo Carlo Felice), via XX Settembre, via Sassari (da piazza del Carmine a viale La Plaia), Largo Carlo Felice (da via Roma a piazza Yenne), via Gallura, vico Nuoro, via Mameli, vico Malta, viale Colombo, piazza San Cosimo, via Gregorio Magno, via San Giorgio, Piazza Indipendenza, via Sant'Ignazio, via Gianturco, viale Monastir (tra via dell'Agricoltura e via Gherardo delle Notti), via dell'Agricoltura, via Oristano, via Vittorio Emanuele, via Orlando, via Ada Negri, via San Mauro, via Taranto, via San Rocco, via Porcell, via Malta, vico I Barone Rossi, via Chironi, piazza Tristani, via Fadda, piazza Donatori di sangue (ex parcheggio Banco di Sardegna), viale Pula, via Calabria, via Canavese, via Versilia, via Stazione Vecchia, via Giussano, via De Gioannis, viale Regina Elena, via Lanusei, via San Cosimo.

Alcoa. Cessione definitiva verso metà febbraio

La cessione dell'Alcoa a Syder Alloys dovrebbe concretizzarsi a metà febbraio 2018. E' quanto fa sapere il segretario della Fim Cisl, Marco Bentivogli a seguito dell'incontro che si è tenuto al Mise. In base a quanto riferito dall'azienda acquirente, dopo la cessione ci vorranno alcuni mesi (circa 6) per verificare lo stato di funzionamento dell'impianto dopo la riaccensione. L'investimento complessivo dell'operazione su aggira intorno ai 135 milioni di euro, Importo che dovrebbe portare livelli occupazionali significativi. In questo senso potrebbero essere 376 le risorse dirette impiegate, cui se ne dovrebero aggiungere 70 esterne, per una produzione massima di 150 mila tonnellate di alluminio l'anno. A questo punto sarà importante - come sottolineato da Bentivogli - che Regione, Enti Locali, gestore dell'energia facciano la loro parte, rispetto agli impegni e le autorizzazioni, a partire dall'AIA, che dal memorandum of understanding ad oggi si sono impegnati a garantire. Fondamentale anche accompagnare la riapertura dello stabilimento con un percorso formativo, utile per un efficace reinserimento lavorativo.

70° edizione della “Fiera Internazionale della Sardegna”. Di Rosaria Floris

La prima edizione edizione della “Fiera Campionaria Sarda“ è del 1949, presso la Passeggiata Coperta del Bastione San Remy. Inaugurata dal sindaco di Cagliari, Luigi Crespellani in data 22 febbraio, l'evento ha visto la partecipazione di Giulio Andreotti e dell’On. Antonio Maxia. La pasticceria di Giovanni Marcello espone un a torta che riproduce il Palazzo Civico di Cagliari. La seconda edizione è del 1950. Questa volta, il 25 febbraio 1950, è il Cinegiardino ad ospitarla, in una Cagliari ancora sotto un clima di povertà con tanta gente accolta in caserme create appositamente per loro, per i senza tetto. Una città ancora coperta da macerie della appena passata guerra, distrutta, ma con un grande spirito e una spiccata voglia di crescita e di rinnovamento. L’idea di replicare l’evento è ancora della Camera di Commercio. Per l'occasione viene riservata una superficie di circa 6000 mq, il doppio rispetto alla precedente edizione svoltasi presso la passeggiata coperta del Bastione. Che enorme emozione, che caos, che speranze, mentre il presidente della Regione, Luigi Crespellani, tagliava il nastro alla presenza del sindaco Pietro Leo, del Prefetto, Federico Solimea, dell’Arcivescovo Paolo Botto e altri notabili. Oltre 500 espositori: aziende e ditte sarde, concessionari e rappresentanti di prodotti oltre mare. Tanti i visitatori in quel febbraio rigido ma quasi sempre baciato dal sole e colorato d’azzurro. Viale Merello, Cinegiardino, adiacenti spazi con locali in cui fanno bella mostra macchine agricole, motori ma anche macchine da scrivere, da cucire, utensili e, bellissimo in bella mostra, il motoscooter “Lambretta”. Cosa che ha incuriosito tanto i visitatori, anche tre mufloni portati dalla riserva di Capo Figari. E gli affari pare abbiano sfiorato il mezzo miliardo di lire. Certamente ancora esperimenti. L’esito è stato buono, tanto da generare la speranza e la consapevolezza che Cagliari Capitale, in futuro possa aspirare ad avere una Fiera permanente. Nel 1951 la Fiera Campionaria della Sardegna si trasferisce definitivamente a “Su Siccu”. Rosaria Floris

Calcio. Cagliari - Juve, multato Giulini

Non si placano le polemiche sul risultato del match Cagliari - Juventus. La contestata vittoria dei bianconeri ora porta anche una multa di 10 mila euro a carico del presidente rossoblù, Tommaso Giulini. Il provvedimento, disposto dal giudice sportivo della Serie A Gerardo Mastrandrea, giunge a seguito delle asserite "espressioni offensive nel confronti del VAR", proferite da Giulini al termine della gara. Il presidente aveva infatti sottolineato: "oggi non possiamo giocarci la partita perchè non ci danno un calcio di rigore evidente: spiegateci cosa dobbiamo pensare. Incredibile non vedere una cosa del genere, è assurdo: Calvarese può anche sbagliare, ma Banti al Var non può non segnalarglielo. Una cosa incredibile".

Cagliari. Presentazione dell'evento Il Viaggio della Costituzione

Mercoledì 10 gennaio alle ore 10.30 nella Sala Consiliare del Palazzo Civico di via Roma 145, si terrà la conferenza stampa di presentazione dell’evento Il Viaggio della Costituzione. A settanta anni dalla nascita della Costituzione della Repubblica Italiana, la Presidenza del Consiglio dei Ministri intende rinnovare e sottolineare l’amore e il rispetto per la nostra Carta costituente. Il progetto Il Viaggio della Costituzione porta la Carta Costituzionale fisicamente e idealmente ancora più vicina a tutti gli italiani, attraverso un viaggio in dodici città italiane, creando uno spazio rappresentativo e aperto ai cittadini, con approfondimenti grafici e multimediali, frasi di personaggi chiave della nostra storia e della nostra cultura. A ciascuna delle città sono associati uno dei primi dodici articoli, recanti i principi fondamentali, e il tema cardine ad esso ispirato. Cagliari è la quinta delle dodici città ad ospitare il progetto e la mostra itinerante sulla Carta Costituzionale. La tappa del capoluogo sardo è dedicata al quinto articolo della Costituzione e al tema “Autonomia e Decentramento”. Saranno presenti all'evento il Sindaco Massimo Zedda, il Prefetto di Cagliari Tiziana Giovanna Costantino, il Rettore dell'Università degli Studi di Cagliari Maria del Zompo e il Presidente della Regione Sardegna Francesco Pigliaru. Terminata la presentazione, alle ore 12.00, si terrà l’inaugurazione della mostra presso l’Ex Manifattura Tabacchi, in viale Regina Margherita 33.
Sottoscrivi questo feed RSS

Cagliari