Cagliari. Scoperto evasore totale che ha occultato al fisco ricavi per oltre 307 mila euro

La Guardia di Finanza, 2a Compagnia di Cagliari, a seguito di una una verifica fiscale nei confronti di una ditta con sede nel capoluogo ed operante nel settore della logistica, ha rilevato una evasione per oltre 307 mila euro. In particolare la ditta in questione non avrebbe dichiarato i ricavi relativi al periodo di imposta 2016 - 2018. L'attività di verifica delle Fiamme Gialle si inserisce nell'ambito del quotidiano controllo economico, con particolare riferimento alle merci viaggianti su strada, effettuato anche grazie alle informazioni disponibili nelle banche dati in uso al Corpo. Informazioni che sono state integrate con l'attività di ricostruzione analitica dell’effettivo volume d’affari realizzato dalla ditta verificata, attraverso l’analisi della documentazione extracontabile rinvenuta all’atto dell’accesso oltre che dai dati forniti dai clienti sia attraverso la banca dati “Spesometro” che attraverso questionari. Nello specifico, l’attività ispettiva ha consentito di rilevare, oltre l’omessa presentazione delle dichiarazioni annuali, l’occultamento di ricavi per 307.152 euro, costi indeducibili (appositamente inseriti in dichiarazione, nonostante non ne ricorressero i presupposti, per abbassare la base imponibile e pagare, di conseguenza, meno tasse) per 21.472 euro ed un’I.V.A. per 89.843 euro.

Coronavirus. Incontro tra Protezione Civile Regionale e sindaci sardi

Si è svolto oggi a Cagliari un incontro tra la Protezione Civile Regionale e i sindaci della Sardegna. Obiettivo, quello di informare e condividere tutte le informazioni sull'emergenza coronavirus e sulle modalità di intervento adottate per evitare la diffusione del contagio. Durante l'incontro é stato sottolineato ancora una volta il ruolo e l'importanza del Comitato operativo Comunale (COC), operativo in tutti i centri dell'Isola, impegnato nel gestire l'emergenza in caso di sintomi accertati. Ad illustrare gli strumenti ed i dispositivi messi in campo dalla Protezione Civile Regionale, l'assessore regionale delegato Gianni Lampis che ha ricordato i controlli con i termoscanner, già operativi presso gli aeroporti regionali. Una strumentazione che serve a rilevare la temperatura di chi arriva in Sardegna e che presto sarà operativa anche nei porti sardi, a partire da quello del capoluogo regionale. Dopo aver illustrato lo stato di avanzamento delle procedure messe in atto, i rappresentanti della Protezione Civile hanno quindi esortato i sindaci a sensibilizzare le loro comunità sull'importanza delle buone pratiche da adottare per evitare il contagio.

Serramanna. Evasore totale nasconde al fisco ricavi per quasi 470 mila euro

La Guardia di Finanza, Tenenza di Sanluri, ha concluso una verifica fiscale nei confronti di una ditta individuale di Serramanna operante nel settore degli autotrasporti. Sulla base delle banche dati a disposizione ed a mirati riscontri sul territorio, con particolare riferimento ai controlli sui beni viaggianti su strada, i Finanzieri hanno individuato l’azienda in questione che, pur svolgendo regolarmente la propria attività, non adempiva all’obbligo della presentazione delle dichiarazioni fiscali ai fini delle imposte sul reddito e dell’I.V.A., qualificandosi quindi come evasore totale. In particolare é stato possibile riscontrare il volume di affari effettivamente realizzato, attraverso il conteggio delle fatture fiscali che il titolare dell’impresa regolarmente emetteva ma che non annotava in contabilità. Alla termine della verifica é emersa l’omessa presentazione della dichiarazione dei redditi, dell’I.V.A. per le annualità dal 2014 al 2018, che ha portato a constatare l’occultamento di ricavi per complessivi 469.950 euro con una con seguente evasione dell’imposta sul valore aggiunto per 103.384 euro. L’analisi della documentazione utilizzata per effettuare la verifica fiscale, ha inoltre condotto i Finanzieri a constatare che il titolare dell’azienda aveva altresì evitato di versare all’Erario ritenute d’acconto pari a 2.066 euro operate sulle retribuzioni corrisposte al personale dipendente.

Meteo. In arrivo vento e mareggiate per mercoledì 26 febbraio

Il forte vento e le mareggiate previste a partire dalle prime ore nella giornata di mercoledì, hanno portato il Servizio di Protezione Civile regionale a diramare un Avviso di Condizioni Meteorologiche Avverse valido dalle 3 alle 23 di mercoledì 26 febbraio 2020. Nello specifico, sulla Sardegna settentrionale e sui rilievi orientali soffieranno venti forti da Nord-Ovest fino a burrasca. Sulle coste settentrionali della Sardegna si prevedono mareggiate.

Carbonia. Pugnala al petto il compagno, scatta l'arresto

L'episodio si è svolto presso un'abitazione del centro sulcitano. Una quarantenne ha tentato di uccidere il compagno con una coltellata al petto, provocando una ferita vicino al cuore. La vittima è un giovane di 23 anni originario di Trani. Alla base dell'accaduto una violenta lite tra i due, scoppiata alle prime luci dell'aba e dopo una serata passata in alcuni locali, probabilmente per la gelosia della donna. Intervenuti sul posto i medici del 118 hanno trasportato il giovane al Brotzu in elicottero. Operato, il 23 enne è già fuori pericolo. La donna, dopo essere stata interrogata dai Carabinieri, ha ammesso le proprie responsabilità ed é stata arrestata con l'accusa di tentato omicidio.

Air Italy. I lavoratori chiedono udienza al presidente Mattarella

Continuano le iniziative di protesta dei lavoratori della compagnia aerea in liquidazione. In occasione della vista del presidente della Repubblica a Sassari, dove lunedì mattina presenzierà all'inaugurazione dell'Anno Accademico, i dipendenti di Air Italy chiedono di incontrarlo per parlargli della loro delicata situazione. La richiesta di udienza con Mattarella, segue alla manifestazione di sensibilizzazione che i lavoratori di Air Italy hanno messo in scena domenica alle 15 presso lo stadio "Bruno Nespoli", in occasione della partita dell'Olbia contro la Pistoiese. Una iniziativa che ha visto i calciatori delle due squadre coinvolte entrare in campo con una maglietta bianca con la scritta "Salviamo Air Italy". Con la crisi della compagnia aerea perderanno il posto di lavoro 1.450 persone. Di queste 600 operano in Sardegna.

Emettevano scontrini senza annotarli in contabilità: scoperti 2 evasori totali che hanno nascosto al fisco ricavi per oltre 1,2 milioni di euro

La Guardia di Finanza, Tenenza di Sanluri, hanno concluso due verifiche fiscali nei confronti di altrettante realtà commerciali con sede nell’immediato hinterland, operanti nel settore della produzione alimentare. In particolare i Finanzieri hanno individuato le due aziende che, pur svolgendo regolarmente la propria attività, non adempivano all’obbligo della presentazione delle dichiarazioni fiscali ai fini delle imposte sul reddito e dell’I.V.A., qualificandosi quindi come evasori totali. L’attività ispettiva si è concentrata sulla ricostruzione analitica del reddito di impresa, operata anche attraverso lo strumento dello “spesometro integrato”, database in cui sono contenuti tutti i dati relativi alle fatture emesse e ricevute da ogni contribuente titolare di partita I.V.A. Sulla base dei controlli effettuati é stato quindi possibile riscontrare i volumi di affari effettivamente realizzati, attraverso il conteggio delle fatture e degli scontrini fiscali che i titolari dell’imprese regolarmente emettevano e che, parzialmente, annotavano in contabilità, stratagemma questo che serviva per non destare sospetti durante i controlli strumentali sulla certificazione dei corrispettivi. In entrambi i casi verificati, é emersa l’omissione della registrazione di corrispettivi ma anche della presentazione della dichiarazione dei redditi e dell’I.V.A.. Tutto questo per plurime annualità, con conseguente occultamento di ricavi, per il primo soggetto controllato, per oltre 544.815 euro (con un’evasione I.V.A. di 21.792 euro) e nel secondo caso per 706.000 euro (cui è conseguita una evasione dell’imposta sul valore aggiunto di 32.730 euro). In aggiunta, durante il secondo controllo, l’azione trasversale delle Fiamme Gialle ha consentito di constatare irregolarità in ordine all’osservanza delle norme che disciplinano il mondo del lavoro. Di fatto, all’atto dell’accesso presso l’azienda, dopo aver proceduto all'identificazione di tutto il personale intento a prestare la propria attività lavorativa, è emersa la posizione di un soggetto per il quale il datore di lavoro non ha saputo fornire la documentazione attestante la regolare assunzione. I successivi approfondimenti hanno appurato che il dipendente era impiegato “in nero”, privo cioè di qualsiasi regolarizzazione formale del rapporto di lavoro, circostanza che costituisce una irregolarità dal punto di vista fiscale ma che soprattutto non fornisce alcuna tutela assistenziale e contributiva al lavoratore. Per tale violazione, il titolare della ditta sottoposta a verifica, oltre alla diffida a regolarizzare il lavoratore irregolare, è stato destinatario di una sanzione amministrativa da un minimo di 1.800 euro ad un massimo di 10.800 euro.

Cagliari. Open Day degli Asili Nido

Scegliere l’asilo nido per i propri bambini non è facile. È una decisione importante, perché qui inizia il percorso che li porterà prima nella scuola, poi all’interno del mondo del lavoro. La domanda che ci si pone è dunque: qual è la struttura e l’offerta formativa che più si addice alle esigenze dei futuri scolari e delle famiglie? La centralità dell’esperienza che i piccoli dai 3 mesi ai 3 anni si apprestano a vivere, è il punto dal quale l’Amministrazione comunale di Cagliari è partita per organizzare l’Open Day degli Asili Nido che venerdì 28 e sabato 29 febbraio sarà ospitato nella grande sala al piano terreno e primo della Scuola Civica di Musica di via Venezia 23.

Di oggi la presentazione al Municipio. “Un evento – ha spiegato l’assessore alla Pubblica istruzione Rita Dedola – che avevo promesso all’inizio del mio mandato perché ritengo opportuno ed essenziale che l’offerta formativa relativa agli asili nido fosse il più possibile divulgata e conosciuta”.

Alla due giorni di via Venezia prenderanno perciò parte, sia gli asili comunali, che quelli convenzionati. In tutto 21 istituzioni, ognuna con un proprio desk informativo, perché ”è opportuno che i genitori vengano messi a conoscenza di quelle che sono le opportunità all’interno del territorio comunale di Cagliari, per poter scegliere in assoluta serenità – ha puntualizzato l’esponente dell’Esecutivo cittadino - secondo quelle che sono le loro esigenze lavorative o di abitazione”. L’appuntamento per tutti è quindi alla Scuola Civica di Musica di via Venezia 23 nei seguenti giorni e orari: venerdì 28 (dalle 15 alle 19) e sabato 29 febbraio (dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 19).

Sottoscrivi questo feed RSS

giweather joomla module