Ogliastra. Si ribalta il fuoristrada, un morto e un ferito grave

E' accaduto nella notte tra lunedì e martedì, lungo la provinciale tra Villagrande Strisaili e Talana. Un fuoristrada con a bordo un agricoltore di 63 anni e il nipote di 39, si è ribaltato ed è finito in una scarpata. Il più anziano dei due, sbalzato dal mezzo, è rimasto schiacciato ed è deceduto. Il nipote, che ha riportato gravi ferite, è stato trasportato in elisoccorso all'ospedale di Nuoro. Avviate le indagini della Polizia Stradale di Lanusei per cercare di ricostruire l'esatta dinamica dell'incidente.

Università Cagliari. Aumentano gli iscritti

In base ai dati raccolti dall'ateneo cagliaritano, nell'ultimo anno accademico gli iscritti sono aumentati dell'11,2%. In particolare durante gli anni accademici 2017/18 e 2018/19 gli immatricolati ai corsi di laurea triennali e a ciclo unico hanno fatto registrare un saldo positivo del 9,5% (+334 studenti in più rispetto al periodo 2017/18). Il numero di iscritti al primo anno fa invece registrare un aumento di 390 unità (pari all'8%) rispetto al precedente anno accademico. I positivi dati relativi agli iscritti hanno evidenziato risultati eccellenti anche per quanto riguarda i corsi di laurea magistrale, arricchiti da un importante allargamento dell'offerta formativa. Nello specifico per il biennio specialistico, che offre ai giovani sardi numerosi nuovi corsi di laurea, l'aumento degli iscritti al primo anno ha fatto registrare un + 25% (+280 studenti). In definitiva, nel 2018/19 gli iscritti hanno raggiunto quota 6631, contro i 5961 dell'anno precedente. Un risultato che soddisfa il rettore Del Zompo che, insieme ai suoi collaboratori, ha dedicato gli ultimi quattro anni ad una migliore comunicazione dell'offerta e ad un innalzamento della qualità di corsi magistrali.

Turismo. Cresce il business delle case in affitto

In base a quanto rilevato da Homeaway, operatore specializzato nell'offerta di case vacanza in affitto, in Sardegna il business delle case in affitto è in forte crescita. Nel 2018 in Sardegna si è assistito ad un incremento del 31% delle prenotazioni, rispetto al 2017. A far registrate i tassi di crescita più significativi la provincia di Nuoro con un incremento del 40% sul 2017. A seguire il sud Sardegna (+34%), la provincia di Sassari (+29%) e la provincia di Oristano con un +26%. La provincia di Cagliari si è invece piazzata all'ultimo posto con un incremento del 25% rispetto all'anno precedente. Il fatturato stimato, generato dal business delle seconde case, si attesta intorno agli 85 milioni di euro su base annua. A renderlo noto è Extra, associazione specializzata in case in affitto, b&b e affittacamere. Il periodo più importante è quello estivo con un territorio, quello compreso da Costa Rei a Carloforte, a darla da padrone.

Università Cagliari. Aterosclerosi, la radiologia dell’ateneo brilla per gli studi sui rischi cerebrovascolari

Un altro risultato di prestigio su scala internazionale. The Lancet neurology nel numero in uscita a giugno pubblica l’articolo “Imaging biomarkers of vulnerable carotid plaques for stroke risk prediction and their potential clinical implications”. Il primo autore è Luca Saba. Ordinario e direttore della struttura di radiologia al Policlinico universitario “Duilio Casula”, il docente dell’ateneo di Cagliari ha rimarcato quanto sia decisivo il gioco di squadra sia per la maturazione di relazioni scientifiche e confronti di elevato profilo, sia per tradurre i percorsi di ricerca innovativi e le best practices nella quotidianità didattica e assistenziale. Ovvero, oltre che per la credibilità e la reputazione dell’ateneo, un balzo in avanti anche per la qualità delle cure e delle diagnosi. Con lo specialista cagliaritano hanno firmato il lavoro effettuato con i principali gruppi al mondo che si occupano della prevenzione dello stroke, i professori Max Wintermark (Stanford), Tobias Saam (Monaco), Rolf Jager (Londra), Chun Yuan (Seattle), David Saloner (San Francisco), Bruce Wasserman (Baltimora) e Leo Bonati (Basilea). “Il nostro lavoro definisce le strategie e potenzialità nell’identificare dei parametri che determinano la vulnerabilità della placca carotidea con successiva embolizzazione ed evento ischemico cerebrale. Le tecniche di imaging - rimarca Luca Saba - permettono un’analisi sempre più dettagliata di vasi arteriosi, consentendo non solo lo studio luminografico (simil-angiografico) ma arricchendo questi esami di informazioni relative alla parete vasale e pertanto della placca carotidea stessa”. La patologia aterosclerotica dell’arteria carotide è riconosciuta come una delle maggiori cause di eventi cerebrovascolari. “Fino alla metà degli anni ‘90 le tecniche di imaging non invasivo non avevano raggiunto un livello di qualità tale da analizzare la parete vasale, la modalità di visualizzazione delle arterie carotidi era rappresentata dall’angiografia. Abbiamo lavorato - aggiunge il docente - sull’identificazione dei bio-markers di imaging utili a ridefinire il rischio di stroke e prevenirlo”. “Questa tecnica, puramente luminografica, non consente - spiega il professor Saba - di avere informazioni sulla struttura della placca ma semplicemente sul grado di stenosi che essa determina, o ancora delle sue eventuali irregolarità morfologiche (la più grossolana delle quali è l’ulcerazione). Pertanto, quando a partire dai primi anni Ottanta, iniziarono i grandi trial internazionali multicentrici randomizzati, quali Nascet e Ecst, per identificare le caratteristiche che dovevano avere le lesioni aterosclerotiche carotidee perché fosse proficuo effettuare un intervento di rimozione della placca (trombo-endo-artectomia o stenting) il parametro cardine di imaging considerato per stratificare il rischio fu il grado di stenosi”. Da una serie di trials sono maturate le linee guida adottate, nel corso degli anni, dalle Società scientifiche nazionali e internazionali. “Linee che indicano l’eventuale necessità di intervento chirurgico in ragione del grado di stenosi (bilanciato da presenza/assenza di sintomaticità e presenza/assenza di eventuali irregolarità del profilo luminale di placca, quali le ulcerazioni). Nonostante ciò, studi istopatologici, hanno dimostrato - sottolinea Luca Saba - come altri parametri, oltre al mero grado di stenosi, rappresentino una chiave fondamentale nella fisiopatologia della rottura della placca carotidea, con successiva embolizzazione distale. Quali ad esempio, la presenza di emorragia intra-placca, la rottura del cappuccio fibroso, la presenza di un core lipidico necrotico”. Il professore lancia un messaggio per la popolazione e la classe medica: “Attualmente, la radiologia più avanzata è in grado di identificare tali caratteristiche di rischio con il beneficio clinico che ne deriva in termini di potenziale prevenzione”.

Cagliari. Porto Canale: luce di speranza in fondo al tunnel

Dopo le preoccupanti notizie dei giorni scorsi, connesse alla messa in liquidazione della Cict, società del gruppo Contship concessionaria della gestione dello scalo industriale di Macchiareddu, si vede una luce in fondo al tunnel. Pare infatti che all'ordine del giorno dell'assemblea dei soci, prevista per il 30 aprile, vi sia la ricomposizione delle perdite societarie. Una circostanza che fa sperare in una permanenza di Cict a Cagliari, con tutto quello che ne consegue dal punto di vista occupazionale. In ballo c'è il futuro di 700 lavoratori, includendo anche l'indotto. Alla notizia positiva notizia si aggiunge la possibilità che il colosso della logistica Hapag Lloyd possa continuare a mantenere almeno una parte, anche se limitata, dei suoi traffici nel porto di Cagliari. Intanto il Cacip, socio Cict all'8%, si sta impegnando per trovare anche una soluzione regionale per sbloccare tutti i problemi amministrativi (compresi quelli con la Soprintendenza), alla base dello stallo nella pianificazione di nuovi interventi. Impegno che riguarderebbe anche lo sblocco della situazione che ostacola il decollo di Zone economiche speciali e della Zona franca.

Università Cagliari. Al via il progetto Generazione E su ricerca, trasporto spaziale e diagnostica

E' stato presentato oggi a Roma, presso la Casa dell’aviatore, il progetto denominato Generazione E (Ricerca e sperimentazione di materiali, sistemi diagnostici e di controllo ambientale per i veicoli di trasporto spaziale di generazione Evoluta). Il progetto è coordinato dal Distretto aerospaziale della Sardegna (Dass), capofila di un parternariato che comprende anche il Dicm (Dipartimento di ingegneria meccanica, chimica e dei materiali) dell’Università di Cagliari. Il kick off meeting vede anche la partecipazione dei rappresentanti del Miur (Ministero istruzione, università e ricerca). Con il coordinamento tecnico-scientifico di Giacomo Cao - direttore Dimcm dell’ateneo di Cagliari e presidente del Dass - il progetto prevede costi per circa quattro milioni di euro, il 50 per cento a carico del Miur. “È stato approvato il primo progetto a carattere nazionale che vede il Distretto capofila di un partenariato di grande valore e competenza. Siamo particolarmente orgogliosi - dice il professor Cao - del risultato raggiunto che consente ad alcuni soci, quali la nostra Università, titolare di una quota progettuale di circa un milione e quattrocento mila euro, il Cira e la Im, di poter contribuire in modo diretto all’iniziativa Sptf (Space propulsion test facility), annunciata dal socio Avio nel luglio 2017 e in parte già avviata in Sardegna”. Oltre ai ricercatori del Dimcm - in prima fila in ambito internazionale negli studi del settore aerospazio - fanno parte del Dass, Centro italiano ricerche aerospaziali (Cira), Innovative materials, Centro ricerca aerospaziale Sapienza-Roma, Distretto tecnologico nazionale sull'energia e l’Università del Salento (Dipartimento ingegneria dell’innovazione), Sophia high tech, più la collaborazione del Dipartimento di ingegneria civile e ambientale (Università di Perugia) e Avio Spa. Generazione E è finanziato dal Miur - tematica Aerospazio -, bando di ricerca industriale e sviluppo sperimentale nelle dodici aree di specializzazione individuate dal Piano nazionale della ricerca 2015-2020 emanato nel novembre 2017. I principali obiettivi, nell’ambito del settore della propulsione spaziale, riguardano: l’analisi delle relative prestazioni attraverso modelli calibrati su risultati di test a terra, lo sviluppo di metodi di caratterizzazione di materiali ad alta temperatura, la realizzazione di un prototipo per l’abbattimento delle emissioni per prove a terra e lo sviluppo di tecniche di diagnostica avanzata.

Sassari. Incidente sul lavoro, grave un operaio

Schiacciato dal mezzo per la fresatura dell'asfalto in via Luna e Sole, nell'ambito del cantiere per il ripristino del manto stradale dopo la posa della fibra ottica. E' quanto accaduto ad un dipendente della ditta Conglomerati bituminosi, impegnata nei lavori. Il guidatore del mezzo, inserita la retromarcia, non si è accorto del collega che stava dietro e lo ha investito. Trasportato al pronto soccorso dell'ospedale Santissima Annunziata, le sue condizioni sono apparse da subito molto gravi, tanto da essere ricoverato nel reparto di Rianimazione. Intanto la Polizia Locale ha avviato le indagini per definire l'esatta dinamica dei fatti.

Cagliari. Sequestrati 290 articoli contraffatti a Sant'Elia

I Baschi Verdi della Guardia di Finanza, durante un controllo nel quartiere di Sant’Elia, sede di mercatino domenicale, hanno individuato una “bancarella” abusiva con esposte numerose paia di scarpe e articoli di maglieria. Alla vista dei Finanzieri, i due venditori hanno tentato di raccogliere velocemente la loro mercanzia, ma senza esito: i militari li hanno tempestivamente intercettati ed hanno iniziato le operazioni di identificazione dei soggetti e di riscontro della merce venduta. Attività di riscontro che hanno coinvolto anche l'autovettura dei due venditori, parcheggiata nei pressi della bancarella e utilizzata come magazzino per ulteriore merce da vendere. Complessivamente, sono stati rinvenuti 290 articoli non originali tra scarpe, capi d’abbigliamento e accessori, recanti marchi riconducibili a note case di moda, quali Nike, Adidas, Liu-Jo, Hogan, All-Star, Colmar, Saucony, Fred Perry, Fila, D&G, Armani, Gucci. Tutti gli articoli, a prima vista non dissimili dagli originali, presentavano un grado di contraffazione elevato, distinguendosi da quelli venduti tramite i canali ufficiali, per pochi e accurati dettagli, difficili da riprodurre senza i macchinari propri delle “case madri”. La merce è stata sottoposta a sequestro ed i venditori, 2 soggetti extracomunitari con regolare permesso di soggiorno, sono stati segnalati alla locale Autorità Giudiziaria per il reato di contraffazione. Dall’inizio dell’anno, complessivamente sono stati sequestrati 138.617 articoli contraffatti e segnali all’Autorità Giudiziaria 15 soggetti. Sono tutt’ora in corso approfondimenti investigativi volti a verificare i canali di approvvigionamento di prodotti contraffatti.
Sottoscrivi questo feed RSS

3°C

Cagliari

Partly Cloudy

Humidity: 77%

Wind: 14.48 km/h

  • 03 Jan 2019 13°C 1°C
  • 04 Jan 2019 12°C 1°C