Cagliari. Parcheggi a pagamento nelle vie Carboni Boi, Cugia, Scano e Tuveri

A partire dal lunedì 13 luglio 2020, scatta l'obbligo di pagamento per poter parcheggiare nelle vie Carboni Boi, Cugia, Scano e Tuveri. La tariffa oraria applicata sarà uguale a quella in vigore nelle aree di sosta a pagamento in superficie zona piazza Repubblica. A decretarlo è l'ordinanza dirigenziale n. 585/2020 emanata dagli uffici comunali. In particolare, le zone interessate dal provvedimento sono:

via Carboni Boi (tra le vie Sanna Randaccio e Scano, su entrambi i lati delle due carreggiate);

via Pasquale Cugia (tra le vie Sanna Randaccio e Scano, su entrambi i lati delle due carreggiate);

via Scano (tra le vie Carboni Boi e Cugia, su entrambi i lati esterni delle due carreggiate);

via G.B. Tuveri (tra le vie Scano e Puccini, su entrambi i lati della carreggiata).

Cagliari. Aperti in sicurezza 42 centri estivi

All'indomani del decreto governativo sulla fase due post coronavirus, l'ufficio della pubblica istruzione del comune di Cagliari ha aperto la procedura per l'attivazione dei centri estivi cittadini. L'obiettivo è tutelare la sicurezza dei giovani e garantire loro un'estate di gioco e accoglienza, uno spazio dove ricominciare, dopo la povertà sociale ed educativa in cui i nostri bambini sono vissuti a causa del Covid 19. Il Comune di Cagliari è stato l'unico Comune in Sardegna ad attivare un'istruttoria per l'autorizzazione dei centri estivi e lo ha fatto ancora prima dell'approvazione dei vari atti regionali in materia, proseguendo poi sempre con l'istruttoria anche quando le linee guida governative hanno previsto solo un'autocertificazione. Molte le domande pervenute agli uffici della Pubblica Istruzione e per tutti i progetti presentati è stata concessa l'autorizzare di avvio del centro estivo, nel rispetto rigoroso delle indicazioni di legge su dispositivi di sicurezza, planimetrie, assicurazione e distanziamento sociale. Attualmente sono oltre 42 i centri estivi operativi, dislocati in diverse zone della città, alcuni attivi già dal 15 giungo e accolgono bambini e ragazzi da 0 ai 17 anni. Anche per la fascia di età 0-3 anni sono stati autorizzati, sempre nel rispetto delle norme di sicurezza, spazi gioco in strutture dedicate, appunto, ai più piccoli; proprio nei giorni scorsi è partita l'accoglienza estiva anche nei due asili comunali di via Watt e di Via Crespellani. Le strutture che ospitano i centri estivi saranno aperte per tutta la stagione e alcune fino a metà settembre. Un segnale importante per le famiglie, già tanto provate dal lungo lockdown.

“Abbiamo fatto un grande lavoro, uno sforzo organizzativo incredibile: 42 centri estivi operativi, in totale sicurezza, per venire incontro alle esigenze delle famiglie, dei bimbi e dei ragazzi cagliaritani”, così Rita Dedola, assessore alla Pubblica Istruzione, racconta come l’Amministrazione di Cagliari si sia attivata per garantire un’estate tranquilla alle famiglie.

 

Le attività sono svolte in collaborazione con l'Assessorato al Verde Pubblico e l'Assessorato alle Politiche Sociali

Francesco Accardo conclude il suo viaggio a Predoi in valle Aurina

L'ingegnere cagliaritano era partito due mesi fa per attraversare l'Italia e documentare il post quarantena. Operatore culturale e direttore della Fondazione Siotto, dal 5 giugno attraversa l'Italia in sella alla sua bicicletta per documentare il post quarantena da Covid-19. Ora è finalmente arrivato al termine della sua avventura, raggiungendo il comune di Predoi nella Valle Aurina, ricevuto dal sindaco Robert Steger. Era stato ricevuto anche dal primo cittadino di Cagliari, Paolo Truzzu, alla vigilia della partenza e aveva rimarcato la sua idea di viaggio “a impatto zero e un ritorno al legame tra l’uomo e il territorio in cui vive e si muove, alla riscoperta della lentezza e dei mezzi semplici”. Dal centro del Mediterraneo alla vetta più a nord d'Italia: in virtù della loro natura di luogo di confine e del profondo rapporto con il territorio minerario che li circonda e che da entrambi viene valorizzato, i due comuni di Cagliari e Predoi (sulla Valle Aurina, nella provincia di Bolzano) instaurano dunque un legame di amicizia e di solidarietà, volto a promuovere lo scambio di informazioni geografiche, sociali, culturali, sportive ed economiche. I due comuni celebrano con questo patto la partenza e l'arrivo di un percorso che ha abbracciato e riunito l'Italia, grazie a “Tramonti”, il progetto promosso dalla Fondazione Siotto, che ha visto Francesco Accardo percorrere l’ Italia in bicicletta nel periodo della sua riapertura dopo la quarantena. Un segnale di speranza e di entusiasmo per la ripresa della quotidianità e un invito a scoprire le bellezze del nostro territorio.

“Il Progetto Tramonti di Francesco Accardo rappresenta una straordinaria avventura in un momento difficilissimo per il nostro Paese. - sostiene il vicesindaco Giorgio Angius - Si conclude un percorso che vince le diffidenze e abbraccia l'Italia intera: condividiamo con il Comune di Predoi l'onore di aver visto la partenza e l'arrivo di questa lunga e intensa percorrenza, che segna l'avvio di una felice collaborazione tra le due amministrazioni”.

“Il giro d’Italia fatto in bicicletta da Francesco Accardo porta un grande messaggio positivo e fiducia per futuro del nostro paese - sostiene il sindaco Robert Steger - L’Italia si muove nuovamente e l’abbraccio tra il mio Comune e il Comune di Cagliari e un segno forte di ripartenza per tutto l’Europa e il mondo”.

Cagliari. Spettacoli: le coppie in bianco e nero

A partire da oggi e per tutto Luglio, ogni martedì e giovedì del mese verso le 21, al calar del sole, verranno proiettati film cult in bianco e nero presso la biblioteca Emilio Lussu nel parco di Monte Claro, spazio antistante la cappella di Santa Maria Chiara. Il leitmotiv della rassegna sono le coppie, famose, reali, professionali. Si parte questo martedì da Fred Astarire & Ginger Rogers in Follie di inverno (1936); per questo film una scena di ballo è stata provata così tante volte che Miss Ginger dovette abbandonare per quel giorno le riprese perché le sanguinarono i piedi. Giovedì sera è la volta di Acque del Sud, di Howard Hawks (1944), con il duro e cinico Humphrey Bogart e la femme fatale dalla pettinatura inconfondibile, Lauren Bacal. Cary Grant e Ingrid Bergman, in Notorius-L’amante perduta, di Alfred Hitchcock (1946) verrà proiettato martedi 14 Luglio e poi Lui e Lei, la coppia nella vita e nella pellicola, Spencer Tracy e Katharine Hepburn. Martedì 21 luglio in scena Alberto Sordi e Franca Valeri, nell’esilarante Il Vedovo, di Dino Risi ( 1959). Marcello Mastroianni e Claudia Cardinale saranno invece i protagonisti di giovedì 23 luglio ne Il bell’Antonio, commedia amara di Bolognini (1960). Il nevrotico Woody Allen e Diane Keaton allieteranno la serata di martedì 28 luglio con Manahattan (1979). Chiudono la rassegna, giovedì 30 Luglio, 80 protagonisti in coppia, nel film corale di Corbucci Il giorno più corto (1963), in cui molti attori lavorarono gratis per salvare la Titanus, all'ora in cattive acque. La rassegna, che compie 10 anni dalla fondazione della biblioteca, è in bianco e nero, a voler sottolineare il rapporto tra letteratura e cinema, visto che le pagine di un libro sono bianche e nere. Questo evento è reso possibile grazie al contributo della Cineteca Sarda e della Città Metropolitana di Cagliari. In base alle norme vigenti per la prevenzione e contenimento del rischio da contagio Covid-19, sono disponibili 70 posti.

Korus

Cagliari. Ersu: riaprono le cucine, finisce la protesta degli studenti

La notizia sull'occupazione della mensa di via Trentino, da parte degli studenti, ha avuto un grosso risalto nella pagine dei principali media regionali. La protesta era nata a causa dello scadente servizio mensa - costituito da un sobrio lunch-box - dovuto alla chiusura delle cucine per l'emergenza coronavirus. Ora, considerata la riapertura delle cucine degli studentati, l'occupazione non ha più ragion d'essere e gli studenti liberano i locali mensa di via Trentino dopo tre notti e quattro giorni consecutivi di protesta. Il comitato "Gli Studenti Universitari" esprimono una moderata soddisfazione, considerando la riapertura delle cucine un primo risultato verso una maggiore garanzia per il diritto allo studio. In questo senso non sono escluse ulteriori manifestazioni, finalizzate a ribadire l'importanza di "un pasto caldo dignitoso e la possibilità di consumarlo in mensa".

Cagliari. Al via progetto "Io sono stupefacente"

“Io sono stupefacente”, si chiama così il progetto presentato questa mattina nella sala consiliare del Palazzo Civico, dalla Fipe Confcommercio Sud Sardegna e dal Comitato di Quartiere Stampace. Una campagna social, animatori e operatori sul territorio e formazione per coloro che lavorano nei pubblici esercizi come antidoto alle dipendenze da alcol e sostanze stupefacenti tra i giovani, nella fascia di età 16 - 24 anni.

"Un progetto nato dal confronto con la FIPE Confcommercio e il Comitato residenti Stampace – ha sottolineato Viviana Lantini assessora alla Politiche sociali - con il preciso obiettivo di dare un aiuto e un supporto ai giovani, di focalizzare l'attenzione proprio su di essi, spesso dei giovanissimi, che fanno uso di alcol e di sostanze stupefacenti, con il preciso intento di evitare le conseguenze più gravi che derivano dall'abuso, sia in termini di danni per la salute, e sia di danni riflessi, come l'infortunistica stradale”

"Un'iniziativa frutto di un grande lavoro di squadra - ha ribadito l'assessore alle Attività Produttive e Turismo Alessandro Sorgia – una grande sinergia per combattere il disagio di giovani e di residenti nei quartieri della movida. Un lavoro costante, anche di controllo, in collaborazione con gli attori istituzionali e un forte affiancamento con i commercianti”.

“In seguito al confronto tra gli operatori dell'associazione Confcommercio Fipe Sud Sardegna e i residenti del Comitato quartiere Stampace, si è comunemente condiviso che tra i temi principali in un’ottica di crescita comune e condivisione del territorio c’è il tema della movida" - ha spiegato il rappresentante Fipe Confcommercio Sud Sardegna Emanuele Frongia. "Tra entusiasmi e critiche oggi, si vogliono affrontare le difficoltà di carico antropico importanti nel centro storico e sviluppare i vari problemi analizzando le varie cause che spesso portano a fenomeni di devianza ed espressioni di disagio giovanile, la campagna vuole diventare un progetto pilota per tutti i comuni dell’Isola”- ha concluso Frongia. Il progetto, che ha come partner il centro per il trattamento dei disturbi psichiatrici correlati ad alcol e gioco d’azzardo del Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze dell’Ats (zona sud), la Croce Rossa Italiana sezione di Cagliari, il Gruppo Regionale Gap (centro trattamento alcol e gap) e l’agenzia Publikendi, partirà tra circa due settimane. Ogni ultimo venerdì e sabato del mese sarà presente nel centro storico un'equipe di operatori del Sert accompagnati da operatori e formatori giovanili che oltre ad entrare in contatto con la popolazione giovanile tra i16 e i 24 anni, fornirà il supporto specialistico e di consulenza a chi ne avesse bisogno. Si andrà avanti per tutta l’estate con una campagna di comunicazione che riporterà i seguenti messaggi: “Libertà dai condizionamenti esterni del gruppo e dei modelli proposti dai media e dalla pubblicità”,”Maturità nella scelta di voler restare lucidi mentalmente quando si vive una situazione di svago” e ancora “Consapevolezza dei possibili danni diretti ed indiretti alla salute collegati all’abuso di alcol e all'utilizzo di sostanze stupefacenti”. La comunicazione cercherà di avvalersi di testimonial vicini ai giovani come cantanti, rappers e personaggi del mondo dello sport. A supporto della campagna, locandine in tutti gli esercizi pubblici che vogliono sostenere l’iniziativa, una formazione per tutti gli operatori più vicini ai giovani (camerieri, barman, cassieri) e al termine del percorso si firmerà un codice etico che accompagnerà lo svolgimento delle attività nei prossimi anni.

Cagliari. Teatro Lirico: stagione estiva 2020 nella piazza Amedeo Nazzari

Si è svolta questa mattina la conferenza stampa per la presentazione delle iniziative culturali di matrice privata che dal 14 agosto al 2 settembre verranno ospitate nell'arena di piazza Amedeo Nazzari, in coincidenza con l'interruzione della stagione teatrale del Lirico. Presente all'incontro il vicesindaco di Cagliari, Giorgio Angius, che ha sottolineato la prossima diffusione dei dettagli necessari alle associazioni culturali per poter richiedere l'utilizzo della piazza per la realizzazione di concerti, lirica e balletto. Intanto, da venerdì 17 luglio la Fondazione Teatro Lirico di Cagliari presenta la Stagione Estiva 2020 che prevederà l'articolazione di sei distinti programmi, tutti replicati il giorno successivo, per un’ora e senza intervallo. Il tutto a partire dalle ore 21. Finanziata anche con fondi regionali, l’arena che é completa di tutti gli allestimenti necessari, dal palcoscenico, alle torri faro, alle 490 sedute per il pubblico, nel pieno rispetto delle norme anti Covid-19. Alla presentazione ospitata nel foyer di platea della “principale azienda culturale della Sardegna”, anche il sovrintendente del Lirico. “la Stagione Estiva 2020 del Teatro Lirico - ha evidenziato Nicola Colabianchi - è stata pensata appositamente come una programmazione estiva, che si adatta a uno spazio all’aperto, uno spazio al fresco delle sere cagliaritane”. In primo piano l’Orchestra e il Coro del Lirico, quest’ultimo diretto da Donato Sivo e impegnato in tre programmi, tutti rilevanti. Si parte dunque venerdì 17 luglio. A Giampaolo Bisanti, applaudito direttore milanese la cui energia conquista sempre il pubblico cagliaritano, spetta il compito di dirigere, alla guida delle compagini orchestrale e corale, il concerto inaugurale del 17 e 18 luglio, che propone un programma musicale - “popolare ma non banale” ha rimarcato il soprintendente Nicola Colabianchi - che prevede l’esecuzione di famose arie e celeberrime pagine corali e sinfoniche, tratte da altrettanto popolari opere liriche. In qualità di soprano solista debutta a Cagliari Alessandra Di Giorgio, giovane artista serba (nata a Belgrado) dall’ampio repertorio lirico-drammatico. Il 24 e 25 luglio sale sul podio Paolo Arrivabeni, direttore lombardo, stimato in tutto il panorama nazionale ed internazionale, che ritorna a Cagliari dopo aver diretto La Traviata (luglio 2004), Simon Boccanegra (giugno 2005) e Macbeth (ottobre/novembre 2019) e a cui spetta il compito di dirigere l’Orchestra del Teatro Lirico in un programma che include 2 trascinanti pagine russe (Glinka e Čajkovskij) e una, affascinante e di raro ascolto, inglese (Elgar). Giuseppe Finzi, direttore pugliese, apprezzato “direttore residente” della San Francisco Opera dal 2011 al 2015 e che nel 2017 diresse, con grande successo di pubblico e critica, la prima europea di La Ciociara di Marco Tutino al Teatro Lirico di Cagliari, ritorna alla guida dei due complessi stabili della Fondazione il 31 luglio-1 agosto per un’imperdibile ed accattivante “serata francese” dedicata a Fauré, Ravel, Debussy e, in chiusura, a quell’Apprendista stregone di Dukas che Walt Disney ha contribuito a far conoscere al mondo attraverso il suo capolavoro cinematografico “Fantasia”. Il 7 e 8 agosto Giuseppe Grazioli, direttore specialista nel repertorio novecentesco, la cui collaborazione è stata sempre particolarmente apprezzata nel nostro teatro (ha inaugurato la Stagione lirica e di balletto 2020 con Palla de’ Mozzi di Marinuzzi), si esibisce in un programma colto e piacevole che propone le affascinanti sonorità e le preziose suggestioni della musica americana novecentesca di Copland, Barber e Williams. L’11 e 12 agosto, ci si sposta all’interno del Teatro Lirico (sala), dove, con tutte le meticolose precauzione sanitarie del caso, il Coro del Teatro Lirico, diretto da Donato Sivo, propone una scintillante e insolita serata dedicata alle grandi pagine corali, alle immortali colonne sonore e ai medley tratti da famosissimi film e musical che appartengono al patrimonio culturale di ciascuno di noi. Gershwin, Bernstein, Gore, Berlin, Coleman, Goodwin, Enya, Arlen, Lloyd Webber ci faranno, ancora una volta, sognare ad occhi aperti! La rassegna musicale si conclude il 13 e 14 agosto con un Gala internazionale di danza, diretto da Domenico Longo al suo debutto a Cagliari, che, alla guida dell’Orchestra del Teatro Lirico, propone celeberrimi pas de deux e virtuosistici assoli tratti dai più amati balletti classici (Il lago dei cigni, Don Chisciotte, Carmen Suite, Romeo e Giulietta, La Sylphide), nell’interpretazione di étoiles e primi ballerini che, essendo coppie anche nella vita privata, potranno eseguire le coreografie in programma senza alcun distanziamento fisico.

Cagliari. Eliminato l’obbligo del contingentamento degli ingressi nei mercati civici

Con l’ordinanza n. 39 del 3 luglio 2020, a cura del primo cittadino Paolo Truzzu, viene eliminato l’obbligo del contingentamento degli ingressi nei mercati civici comunali, sia al chiuso che all’aperto, e nel mercato ittico. Pertanto, a partire da sabato 4 luglio, l’acceso ai mercati non sarà più soggetto a limitazioni pur permanendo l’obbligo di rispettare la distanza interpersonale di almeno un metro sia fra gli operatori, che fra questi e la clientela, che fra i clienti fra di loro. Rimane anche l’obbligo, per gli operatori e per i clienti, di usare le mascherine. Una particolare attenzione è quindi richiesta a tutti i concessionari e gli operatori del mercato i quali saranno direttamente responsabili del mantenimento della distanza minima fra i clienti del loro box, dell’uso delle mascherine da parte di questi e della messa a disposizione di tutti i presidi sanitari di igienizzazione richiesti dalle disposizioni attualmente in vigore.
Sottoscrivi questo feed RSS

giweather joomla module