In Velo Veritas. Come rendere contemporanea la tradizione sarda. Di Giulietta Grauso

Loro si chiamano Mariafrancesca Maniga e Giuseppe Scalas, insieme hanno fondato il marchio, “In velo veritas”, iniziativa che si caratterizza per rendere contemporanea la tradizione sarda. Li abbiamo intervistati per scoprire qualcosa di più sulla loro attività. Come nasce il vostro lavoro? “L'attività nasce da un momento di ispirazione per entrambi. L'occasione fu una fiera a Cagliari, nel 2015, dove presentammo 100 magliette in cui decidemmo di disegnare una donna nuda, con il copricapo della tradizione Sarda, simbolo temporale ed iconografico. Da qui nacque il nostro primo marchio, In Velo Veritas che infatti rappresenta una donna elegante e nuda, con un copricapo della tradizione. Questa mostra ebbe successo. E cominciarono a richiederci le magliette da vari negozi in Sardegna ed in Italia. Proprio quello che sognavamo, lavorare in Sardegna, e comunque fare un marchio italiano”. Che attività svolgevate prima di questo evento? “Giuseppe già disegnava donne Berbere e Sarde, io lavoravo nel settore dell'abbigliamento, tra Cagliari e Milano. Giuseppe lavorava anche nella Cooperazione, con laboratori di disegno per bambini. Entrambi siamo nati ad Assemini e siamo stati sempre appassionati di storia del costune e disegno tessile”. Perchè in Velo Veritas? “Questo è un gioco di parole, con una espressione latina, in vino veritas, che richiama la spontaneità e la verità dell'uomo. Anche noi vogliamo evidenziare questa spontaneità per la donna, che deve sentirsi libera di essere sempre se stessa, abbandonando schemi e stereotipi che la imprigionerebbero. Il velo rappresenta un accessorio per lei, un accessorio a cui attribuire il significato che lei vuole. Anche la nudità è un modo di uscire da uno stereotipo. La donna che si manifesta e che si definisce da se. Per cui in velo veritas”. Dove si trova il vostro laboratorio? “Inizialmente aprimmo uno spazio in via Napoli, dove realizzare le magliette e poi in piazzetta Dettori n°4, alla Marina, chiamato Temporary Lab, dove ci troviamo attualmente. Qui disegnamo i nostri prodotti e gli esponiamo. In questi giorni, ma è solo per poco, ci troviamo nello spazio del pittore bosano Mariano Chelo, in via Garibaldi, per una collaborazione artistica con lui”. Chi di voi due ha disegnato la donna In velo veritas? “E' Strano, ma è stata proprio una creazione di entrambi, la disegnammo insieme, a mano, prima e poi in digitale, ed è quella che compare nel nostro logo, ritratta nella parte del busto”. Cosa fate nel complesso oltre alle magliette? “Dalle grafiche per maglie, tenendo le stesse serigrafie, abbiamo iniziato a realizzare dei foulard su seta, con fantasie geometriche e colori. Le aziende di produzione delle maglie e dei foulard sono prevalemntemente sarde, anche se per i foulard ci siamo appoggiati ad un azienda della penisola. Poi abbiamo realizzato dei mobili per un'azienda di Milano, Extroverso, nel 2018; cubi luminosi, paraventi che richiamano fantasie geometriche, tavolini e sedute. Realizziamo anche quadri, pitture, stampe, cuscini dipinti a mano, e complementi d'arredo, sempre con le nostre fantasie”. A quali fiere avete partecipato? “Abbiamo partecipato a moltissimi eventi, ma tra questi grande rilievo hanno avuto il Fuori salone di Milano, che è una parte del Salone del Mobile, con varie esposizioni parallele e “La Maisòn & Objet, a Parigi, una fiera bellissima sulla casa”. La Sardegna a Milano ed in Francia, grazie al progetto in velo veritas, finalmente in una chiave modernissima eppur sempre legata alla tradizione. Progetti per il futuro? “Vorremmo continuare a lavorare contro la violenza sulle donne. Al centro del nostro discorso c'è sempre la donna con la sua libertà, talmente libera che può permettersi di essere nuda, ma nella tradizione. Vorremmo continuare su questo filone. Molte associazioni che si occupano di questi temi ci hanno chiesto di collaborare a dei progetti sulla donna. Abbiamo una posizione abbastanza ferma su queste tematiche". Per chi volesse mettersi in contatto con Mariafrancesca e Giuseppe può farlo visitando il loro temporary lab in piazza Dettori 4, oppure consultando il sito www.inveloveritas.it. Giulietta Grauso

Cagliari. La padrona in ospedale e il cane chiuso in casa per alcuni giorni

E' accaduto a in un'abitazione di Pirri. Il piccolo Yorkshire di tre anni e di nome Rocco finalmente é stato tratto in salvo da poliziotti e Vigili del Fuoco che lo hanno trovato affamato e disidratato. La sua padrona era stata ricoverata in ospedale e nessuno si é reso conto della sua presenza in casa. Ad accorgersi dei sui lamenti, probabilmente dovuti alla fame, i vicini di casa che hanno allertato il 113. Finalmente libero, Rocco verrà accudito dal personale del Dog hotel fino a quando la sua padrona sarà tornata a casa.

Cagliari. Scoperta evasione fiscale per oltre 1,8 milioni di euro

La Guardia di Finanza di Cagliari, nell’ambito delle iniziative finalizzate al contrasto dell’evasione fiscale, ha concluso due interventi ispettivi nei confronti di altrettante realtà commerciali del capoluogo, operanti una nel settore dei trasporti, l’altra nel settore del commercio all’ingrosso di abbigliamento. In entrambi i casi l’azione delle Fiamme Gialle si é concentrata sulla verifica del corretto adempimento delle disposizioni tributarie vigenti ai fini dell’I.V.A. e delle Imposte Dirette. In particolare, nel primo caso l’attività di verifica ha permesso di constatare che, per due annualità, la società aveva inserito nelle previste dichiarazioni alcuni costi in realtà non deducibili, abbassando così la base imponibile per pagare di conseguenza tasse più basse. Il raffronto, quindi, tra la documentazione contabile esaminata e le dichiarazioni prese a riscontro ha evidenziato un indebito inserimento di costi per € 429.360 con una conseguente evasione I.V.A. per quasi 94.500 €. Nel secondo caso, invece, i finanzieri, esaminando l’intero impianto contabile della società per due anni di imposta e raffrontandolo con la documentazione rinvenuta durante la verifica, hanno constatato che l’azienda aveva omesso di inserire in bilancio alcune operazioni commerciali, non dichiarandone così i relativi ricavi. Al termine delle operazioni, i militari hanno constatato una sottrazione al fisco di ricavi per oltre 1.371.000 € ed un’evasione I.V.A. di oltre 416.000 €.

Cagliari. Disagi per la viabilità nell'Asse Mediano

I disagi per la viabilità nell'Asse Mediano, già emersi nei giorni scorsi a causa di un incidente stradale, a quanto pare sono destinati a continuare. Infatti, dalle 9 del mattino di martedì 18 verranno avviati i lavori per la sostituzione di un attenuatore d’urto sullo svincolo di via Dei Carroz, in direzione SS.131. L'intervento, effettuato dalla ditta di manutenzione stradale, Cages, renderà necessario, per circa 15 giorni, il restringimento della carreggiata.

Cagliari. Esercitazione a Pirri sulle procedure da adottare in caso di allerta meteo

Il rischio allerta meteo diventa sempre più importante per le amministrazioni locali. E' in questo senso che il Comune di Cagliari, per il 18 e il 26 settembre, in collaborazione con la Protezione Civile comunale, la Polizia Municipale e i volontari sperimenterà le misure del Piano di emergenza. Nello specifico, alle ore 9,30 si terranno due esercitazioni sulle procedure operative da adottare nel territorio di Pirri in occasione delle allerte meteo, con particolare riferimento a quelle previste nel Piano di emergenza vigente. Alle esercitazioni parteciperanno, oltre ai tecnici reperibili della Protezione Civile e la Polizia Municipale anche le squadre formate da autisti e operatori e le Associazioni di volontariato convenzionate con il Comune. Entrambe le esercitazioni partiranno dalla piazza Italia.

Calcio serie A. Il Cagliari pareggia con il Milan

Al suo rientro dopo i pesanti mesi di stop forzato, Joao Pedro segna al 4° minuto portando il Cagliari in vantaggio dopo un'arrembaggio costante dei rossoblù, con la squadra di Gattuso costretta a difendersi. La squadra di Maran continua così per almeno un'ora, fino a quando il Milan, a fatica, riesce a trovare il gioco e, con Higuain, trova il goal del pareggio al 10° minuto del secondo tempo. Il risultato del Sardegna Arena conferma che il Cagliari c'è e che non teme il confronto con le grandi squadre. Grazie al punto conquistato contro il Milan i rossoblù raggiungono quota 5 in classifica.

Cagliari. Stadio, protocollo d’intesa tra Università e Sportium

Siglato in rettorato l’accordo quinquennale tra gli specialisti dell’Ateneo e il consorzio che si è aggiudicato il concorso internazionale per progettare e realizzare l’impianto del Cagliari calcio. Il protocollo d'intesa è stato sottoscritto tra l’Università di Cagliari, e in particolare con gli specialisti del Dicaar (Dipartimento ingegneria civile, ambientale e architettura diretto da Giorgio Massacci) e il consorzio Sportium. Per l’ateneo ha firmato Maria Chiara di Guardo (pro rettore Innovazione e territorio). Per Sportium, sono intervenuti il presidente Giovanni Giacobone e il consigliere Fabio Bandirali. Ai lavori ha preso parte anche Ginevra Balletto (Dicaar) referente per il protocollo, seguito dall’allora direttore del Dicaar, Antonello Sanna. L’intesa tra il pool di ingegneri ed esperti dell’Ateneo cagliaritano coinvolti nelle fasi di progettazione dell’impianto sportivo che dovrà sorgere sulle ceneri del Sant’Elia, matura nell’ambito dell’aggiudicazione del concorso internazionale di idee a invito vinto da Sportium scarl. Il consorzio è impegnato nella redazione dell’aggiornamento dello studio di fattibilità ex legge 147/2013 (art. 1 commi 303-305) e legge 96/2017 art. 62. ed è in attesa di siglare l’accordo relativo alla progettazione definitiva, esecutiva, direzione lavori, certificazione Leed (Leadership in energy and environmental design, attestazione sui materiali impiegati nel progetto) e in modalità Bim (Building information modeling, metodo per la gestione delle costruzioni) del nuovo stadio per il Cagliari calcio. “Il protocollo - spiega la professoressa Di Guardo - nasce dalla volontà di rafforzare la terza missione del nostro ateneo, in riferimento allo sviluppo tecno-economico e socio-ambientale”. Università e Sportium hanno individuato al centro dell’intesa “singole attività di ricerca-consulenza in riferimento al nuovo stadio per il Cagliari Calcio”. In particolare, si tratta di “tipologie inerenti studi, ricerca e didattica, dai cluster materiali a sport in the city, trasferimento tecnologico, tirocini, visite didattiche e di comunicazione. Ma sono state previste - rimarca l’ingegner Balletto, che nell’elaborazione del cluster materiali si è mossa in accordo con Luisa Pani (Dicaar) - anche consulenze connesse a valorizzazione e diffusione della ricerca, innovazione e prototipi-brevetti”. Il protocollo prevede che l’Università e Sportium possano attuare “apposite convenzioni che disciplinano nel dettaglio l’espletamento delle attività in relazione ai specifici fabbisogni e saranno da riferirsi ai singoli docenti, unioni di dipartimenti e/o spin off di UniCa”. Con una durata di cinque anni, “l’intesa ci inorgoglisce e ratifica un percorso in materia di ricerca, innovazione e sviluppo della progettazione del nuovo stadio del capoluogo” ha aggiunto l’architetto Giacobone.

Vaccini. Continuano i controlli del Nas sulla documentazione

Coordinati dal maggiore Davide Colajanni, i controlli del Nas nelle scuole delle province di Cagliari e Oristano continueranno fino al 14 settembre. Obiettivo, quello di verificare la veridicità delle dichiarazioni prodotte dei genitori, attraverso il confronto con le certificazioni prodotte dalla Asl. Al netto degli errori commessi in buona fede dai genitori, i controlli dei Carabinieri si concentrano sulla documentazione totalmente o parzialmente fasulla e sulla verifica dei vaccini effettuati in diverse Asl. Una situazione complessa che richiede molta attenzione e che, in alcuni casi, ha fatto emergere la completa corrispondenza delle certificazioni Asl alle dichierazioni dei genitori. Tuttavia in alcune scuole il dato che è emerso ha evidenziato una discrepanza tra certificazioni Asl e autocertificazioni nell'ordine, rispettivamente, del 60% - 40%. Insomma, dai controlli effettuati fino ad ora si registrano situazioni differenti, che cambiano radicalmente da istituto a istituto.
Sottoscrivi questo feed RSS

25°C

Cagliari

Partly Cloudy

Humidity: 82%

Wind: 17.70 km/h

  • 19 Sep 2018 27°C 20°C
  • 20 Sep 2018 27°C 20°C