Sanità regionale. Comuni del sassarese senza il servizio di prelievo del sangue

In evidenza Sanità regionale. Comuni del sassarese senza il servizio di prelievo del sangue
Con l'entrata in vigore, dal 1° gennaio, del provvedimento che sospende il servizio di prelievo del sangue con le autoemoteche, 15 comuni del sassarese sono rimasti senza questo importante servizio, costringendo di fatto i cittadini a recarsi a Sassari. Una situazione di disagio che ha suscitato la reazione dei comuni coinvolti che ora chiedono alla Giunta Regionale di annullare il "famigerato" provvedimento. A rappresentarli, il sindaco di Thiesi, Gianfranco Soletta, presidente della Conferenza sanitaria di Sassari, l'organismo di vigilanza e programmazione socio-sanitaria che raggruppa tutti gli amministratori locali del territorio. La rabbia degli amministratori locali è motivata soprattutto dal fatto che l'annullamento del servizio in questione sarebbe ascrivibile anche all'asserita carenza di personale medico. Una giustificazione ritenuta non condivisibile, considerando che il prelievo è un'attività tipicamente delegata al personale paramedico. Ad affiancare gli amministratori dei 15 comuni nella loro protesta anche la capogruppo del M5s in Consiglio regionale Desirè Manca.
Ultima modifica ilMercoledì, 08 Gennaio 2020 23:00

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

giweather joomla module