Sanità locale. "Si restituisca dignità all'ospedale di Isili ed affidabilità alla politica regionale"

In evidenza Sanità locale. "Si restituisca dignità all'ospedale di Isili ed affidabilità alla politica regionale"
E' quanto auspica la consigliera regionale del M5S Carla Cuccu, segretaria della commissione sanità, che denuncia la precaria situazione della sanità sarda, soprattutto nei territori più periferici. "Come la storia insegna - ha sottolineato Cuccu - spesso si attendono i giorni di festa per adottare provvedimenti che ledono i diritti dei cittadini, nella speranza che passino inosservati. Ma così non e' accaduto per la delibera n.156 del 31 ottobre 2019 con cui l'ATS ha sancito l'accorpamento delle chirurgie degli ospedali di zone disagiate, quali il "San Giuseppe" di Isili ed il "San Marcellino" di Muravera. Provvedimento, in evidente contrasto con una razionale organizzazione sanitaria che garantisca il diritto alla salute ed alle prestazioni sanitarie per i cittadini". La consigliera pentastallata attacca: "ci vediamo costretti a stigmatizzare, ancora una volta, che le scelte politiche del governo regionale, nei fatti, continuano ad essere in continuità col governo precedente; disattendendo, così, le promesse elettorali in campo sanitario. Con questo inconcepibile provvedimento, si isolano dalle città due realtà fortemente depauperate ed in sofferenza da anni, accelerandone la scomparsa. Ancora una volta - continua la Cuccu - si pongono in essere scelte programmatiche che non mettono il cittadino al centro di un'organica e funzionale programmazione efficiente. Il reparto di chirurgia del San Giuseppe di Isili - conclude la consigliera del Movimento 5 Stelle - deve essere riaperto immediatamente, restituendo dignità alla sanità di questo territorio disagiato ed affidabilità dei cittadini verso la politica".
Ultima modifica ilDomenica, 03 Novembre 2019 16:45

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

giweather joomla module