La Maddalena. Ospedale Paolo Merlo in condizioni critiche

In evidenza La Maddalena. Ospedale Paolo Merlo in condizioni critiche
A denunciarlo è il M5S che con la sua consigliera regionale, Carla Cuccu, presenta una interpellanza per garantire a maddalenini e turisti un efficiente servizio sanitario. “Nella seduta del 25 ottobre 2017 il Consiglio regionale ha approvato il documento “Ridefinizione della rete ospedaliera della Regione Autonoma della Sardegna”, contenente le disposizioni per la riorganizzazione della rete ospedaliera sarda, tenendo in considerazione aspetti fondamentali come le condizioni geomorfologiche della nostra Isola, le difficoltà dei trasporti, le criticità legate all’insularità. In particolare - sottolinea la consigliera pentastellata - viene prescritto di porre particolare attenzione alla situazione delle isole minori, come quelle di San Pietro e La Maddalena. Indicazioni importantissime e purtroppo rimaste sulla carta, date le condizioni in cui versa oggi l’Ospedale Paolo Merlo, che, come come tanti altri presidi ospedalieri sardi meno fortunati, negli ultimi tempi ha continuato a perdere pezzi. Non si contano i reparti chiusi: Punto Nascita, Guardia Pediatrica, Chirurgia, consulenza Cardiologica. Mentre i servizi di Oncologia, Anestesia e Rianimazione sono stati depotenziati, quelli di Ostetricia e Ginecologia garantiti solo in alcune fasce orarie e la Dialisi, assicurata da un unico medico proveniente saltuariamente da Olbia. La Regione - continua la Cuccu - non deve dimenticare i presidi ospedalieri fondamentali per il territorio”. L'esponente del M5S in Consiglio regionale ricorda che quella de La Maddalena è un’area disagiata, con collegamenti marittimi cadenzati, per questo motivo “è impensabile – sottolinea - che il trasporto in elicottero sia attivo solo per quelle patologie in cui il fattore tempo è determinante. È evidente che l'offerta sanitaria de La Maddalena versa in uno stato di evidente e progressiva diminuzione, nonostante sull'isola vi siano più di 50.000 persone nel periodo estivo in aggiunta ai circa 12.000 abitanti stabili per tutto l'anno, costretti a fare riferimento all'ospedale di Olbia, sempre più congestionato e ormai al collasso. Chiedo al presidente Solinas e all’assessore alla Sanità Nieddu in che modo intendano garantire nuova operatività all'Ospedale Paolo Merlo affinché possa diventare una struttura capace di garantire un efficiente servizio sanitario ai cittadini, residenti o turisti”. A margine del suo intervento, la consigliera denuncia inoltre di non aver ancora ricevuto copia della bozza di riforma predisposta dall'assessore Nieddu. A tal proposito rimarca: "non è dato sapere quale sia l'idea di sanità che questa Giunta intende dare ai sardi per garantire loro cure efficienti e adeguate”.
Ultima modifica ilLunedì, 16 Settembre 2019 16:29

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

giweather joomla module