Vertenza Aias. Arrivano due stipendi

Confederazione sindacale sarda, Fials, Ugl, Isa e Confintesa trovano l'accordo con l'assessore regionale alla Sanità, Luigi Arru e il direttore generale dell'Ats, Fulvio Moirano. Le numerose manifestazioni in piazza hanno portato all'impegno della Regione per il pagamento immediato di 5,1 milioni, a fronte delle fideiussioni presentate da Aias. L'importo consente di sbloccare la difficile situazione e garantire il pagamento dei primi due stipendi arretrati. In base all'accordo raggiunto ci sarebbe anche una proroga della convenzione Ras-Aias con la clausola che entro il 31 luglio sia istituito il tavolo politico tecnico in cui l'azienda si presenti con un piano industriale e un piano di rientro degli stipendi dovuti ai dipendenti. Altri punti principali dell'accordo sono l'interesse comune per la salvaguardia dei posti di lavoro, l'assistenza ai malati e a tutti i soggetti deboli ospiti delle strutture Aias e l'impegno comune a vigilare affinché l'Aias osservi le normative cogenti in materia di salari, sicurezza e formazione, nei confronti dei lavoratori e degli ospiti delle strutture.

Piste ciclabili. Sardegna prima in Italia per aumento percentuale dei percorsi

Un trend, quello delle piste ciclabili, che ha visto in Sardegna una moltiplicazione dei tracciati, aumentati del 301,5% nell'arco di sei anni (2011 - 2016). Oltre alla Sardegna, prima su scala nazionale per presenza di piste ciclabili, la Sicilia, con un aumento dei tracciati del 91% e la Basilicata (+ 73,1%). La concentrazione maggiore dei circuiti per le due ruote si registra nei comuni capoluogo (anche delle ex province), dove la lunghezza dei percorsi è quasi quadruplicata (da 20,4 a 81,9 chilometri). Cagliari emerge quale centro con le piste ciclabili più lunghe (62 km nel 2016, con un aumento dell'839,4% rispetto al 2011). Segue Carbonia (7,4 km nel 2016, dato invariato rispetto al 2011), Olbia (5 km nel 2016; non è disponibile il dato relativo al 2011), Oristano (3,8 km nel 2016, + 18,8% sul 2011), Sassari (2,4 km nel 2016, + 9,1% sul 2011) e Tortolì (1,3 km nel 2016, + 30% sul 2011). Non pervenuti i dati 2011 - 2016 per i comuni di Nuoro, Tempio Pausania, Lanusei, Sanluri, Villacidro e Iglesias. L'indagine è stata elaborata grazie ai dati del Centro Studi Continental su dati Istat. A livello nazionale, durante il periodo di riferimento (2011 - 2016) la lunghezza delle piste ciclabili nei comuni capoluogo di provincia è passata da 3.592,2 km a 4.370,1 km, con un aumento del 21,7%. Le regioni in cui ci sono più piste ciclabili sono Emilia Romagna (1.285,8 km), Lombardia (707,6 km) e Veneto (538,9 km).

Cagliari. Esperti della NASA in Ateneo

Satelliti radar per monitorare dighe e altre strutture civili. In Ateneo arrivano gli esperti della Nasa per il workshop curato dagli specialisti cagliaritani Maria Cristina Porcu, Augusto Montisci. Tre dipartimenti coinvolti (Dimcm: Ingegneria meccanica, chimica e dei materiali, Diee: Ingegneria elettrica ed elettronica e Dicaar: Ingegneria civile, ambientale e architettura), ottanta tra studenti e specializzandi in aula, un percorso di relazioni internazionali pluriennale, tre studenti con tesi di laurea maturate tra Mosul e il Jet propulsion laboratory di Los Angeles: un insieme che mette in evidenza buone pratiche, temi innovativi, progetti di ricerca multidisciplinari e di rilievo planetario. Il workshop tenutosi nei giorni scorsi nell’aula magna della facoltà di Ingegneria è stato il collante di un segmento di eccellenza dell’Università di Cagliari. Ai lavori – aperti dal presidente della facoltà di Ingegneria, Corrado Zoppi – ha preso parte anche l’Ordine degli ingegneri. I lavori, curati, dai docenti Maria Cristina Porcu (Dimcm) e Augusto Montisci (Diee), con la collaborazione di Fabio Soccodato (Dicaar), hanno avuto per cornice il monitoraggio delle strutture civili terrestri con l’impiego di sistemi e tecnologie avanzate attraverso l’uso di satelliti controllati da remoto (Civil structures health monitoring using advanced satellite remote sensing techniques). Al workshop sono intervenuti Pedro Calderòn (Departamento de ingeniería de la construcción, Università di Valencia) e Pietro Milillo (ricercatore al Nasa Jet Propulsion Laboratory, California Institute of Technology - Pasadena, Los Angeles). Un insieme di competenze indispensabile per affrontare tematiche particolarmente innovative, delicate e attuali. Il professor Calderon, esperto in monitoraggio strutturale con tecniche classiche ed innovative (fibre ottiche), si occupa di un possibile affiancamento delle tecniche di monitoraggio da remoto (con dati satellitari) a quelle più tradizionali da eseguire in loco. La collaborazione tra la professoressa Porcu e i professori Calderòn e Jose Adam (Università di Valencia) vanta anche un Bilateral Agreement per lo scambio Erasmus di studenti e docenti. La collaborazione tra Pietro Milillo e Maria Cristina Porcu è nata su un tema di ricerca ambizioso: la possibilità di utilizzare dati satellitari radar ad apertura sintetica per il monitoraggio di fenomeni di interesse dell’ingegneria civile. Un progetto che ha coinvolto anche i professori Montisci, esperto in elaborazione ed analisi di big-data e di reti neurali artificiali, e Soccodato, esperto in Ingegneria geotecnica. Il workshop internazionale è stato preziosa occasione anche per una sorta di check up dei lavori di ricerca e mobilità degli studenti. Sono stati coinvolti nel lavoro di ricerca anche tre studenti della laurea magistrale in Ingegneria civile-indirizzo strutture, che hanno sviluppato le tesi di laurea su questi temi e sono stati per novanta giorni al Nasa Jpl da vincitori di Borsa Globus Placement. Matteo Arricca e Christian Sarritzu, con la supervisione dei professori Porcu, Soccodato e Milillo, hanno sviluppato la loro tesi sulla diga di Mosul, in Iraq, soggetta ad un pericoloso fenomeno di subsidenza a causa della presenza di strati di roccia molto solubile. Sarritzu si è laureato a marzo con 110/110 e lode, mentre Arricca si laureerà nella sessione di settembre/ottobre. Milena Scano, seguita da Porcu, Montisci e Milillo, discuterà la tesi - Metodi basati sulle reti neurali per un sistema di monitoraggio in ambito urbano ed extraurbano - entro questo mese. Maria Cristina Porcu è stata Visiting professor al Nasa Jpl con il programma Mosglob-mobilità docenti. Pietro Milillo è attualmente a Cagliari come Visiting professor nell’ambito del Programma finanziato dalla Regione Sardegna, invitato dal Augusto Montisci, e tiene il corso “Synthetic aperture radar (Sar) interferometry: processing, geophysical and engineering applications”. La partecipazione al corso dà diritto a crediti per gli studenti in Ingegneria civile, elettrica e meccanica.

Sassari. Danni provocati dalle raffiche di vento

Pomeriggio caratterizzato da una vera e propria bufera di vento. In diverse zone della città sono stati abbattuti diversi alberi. In particolare in via Paganini, via Nesta, via Buonarotti, via Besta, nella zona industriale di Predda Niedda e in viale San Pietro, di fronte alle cliniche universitarie. A Monte Ore, l'impianto di sollevamento di Abbanoa è stato messo fuori uso. Intorno alle 17 la linea elettrica, gestita dalla società che eroga i servizi idrici in Sardegna, è stata bloccata da un guasto. Immediato l'intervento dei tecnici che hanno proceduto alla riparazione e al riavvio dell'impianto. Le forti raffiche di vento hanno procurato diverso lavoro ai Vigili del Fuoco che sono intervenuti per rimuovere i fusti e i rami dalle strade e per ripristinare le condizioni di sicurezza, anche se l'allarme non è ancora cessato. Anche Oristano ha fatto i conti con il forte vento, responsabile per diversi disagi che hanno comportato l'abbattimento di diversi alberi.

Orune. Tentato omicidio per padre e figlio

Si sarebbe consumato questa notte, il tentato omicidio che ha visto coinvolti un padre e il figlio mentre si stavano recando nell'ovile. Il tentativo di uccidere i due fortunatamente non è andato a segno. Rimasti illesi, padre e figlio hanno allertato le forze dell'ordine che, giunte sul posto, hanno avviato le indagini per risalire agli autori del gesto.

Sassari. Campagna contro l'azzardopatia

Parte da Sassari la campagna contro l'azzardopatia promossa dall'associazione Crew e finanziata dall'assessorato regionale della Pubblica istruzione. Alla presentazione del progetto “Azzardopatia – Scomettiamo su di te”, finalizzato alla sensibilizzazione sui rischi derivanti dal gioco d'azzardo patologico, erano presenti la consigliera regionale Daniela Forma, prima firmataria di una proposta di legge regionale per contrastare il gioco d'azzardo patologico, insieme al consigliere regionale Raimondo Caciotto e al presidente del Consiglio Regionale, Gianfranco Ganau. Proprio lo stesso Ganau ha sottolineato che "quello che serve è una sensibilizzazione contro i rischi per combattere la ludopatia, che sia strutturata in maniera capillare per contrastare un fenomeno che oggi coinvolge soprattutto i giovani. Manca indubbiamente un quadro normativo regionale che metta a sistema le attività di prevenzione e informazione. Per questo a fine maggio è stata depositata una proposta di legge, prima firmataria la consigliera regionale Daniela Forma insieme al consigliere regionale Raimondo Caciotto, oggi qui presente insieme a me per ringraziare l'associazione Crew e i comuni coinvolti in un progetto importante per il quale il Consiglio regionale è pronto a fare la propria parte. "La proposta - ha continuato il Presidente del Consiglio Regionale - prevede un intervento organico da parte della Regione Sardegna, attraverso la definizione di un piano biennale che stabilisce le attività in ordine alla prevenzione, alla cura e riabilitazione dei soggetti problematici e patologici. Le azioni sono mirate a sensibilizzare sui rischi del fenomeno, i minori, i più deboli e le persone economicamente disagiate, quelli più esposti a questo tipo di patologia che oggi è stata riconosciuta anche livello nazionale tra i livelli essenziali di assistenza. La proposta è al momento ferma in sesta commissione – ha chiarito il presidente del Consiglio – il mio impegno sarà quello di sollecitare la discussione affinché il testo possa arrivare il più rapidamente possibile in Aula per un'approvazione definitiva della legge e avere così dei chiari riferimenti normativi anche nella nostra Regione». All'incontro con la stampa erano presenti Lisa Benvenuto dell'associazione Crew, capofila del progetto, l'assessora alle Politiche sociali del comune di Sassari, Monica Spanedda, il sindaco e la consigliera comunale di Alghero, Mario Bruno e Giusy Piccone e Marco Ladu dell'associazione Mondo X. Il progetto di sensibilizzazione, sostenuto anche dai comuni di Sassari e Alghero prevede la promozione di trenta incontri pubblici in tutta l'isola, il coinvolgimento di venti istituti scolastici, eventi teatrali, attività di animazione, comunicazione e informazione e anche la realizzazione di due concorsi per la creazione di un videospot. Lunedì 16 luglio sarà il comune di Alghero ad ospitare il primo degli incontri nei territori, mentre il comune di Sassari accoglierà la manifestazione conclusiva di tutto il progetto prevista a novembre.

Sant'Anna Arresi. Nuovo sbarco di migranti

Le spiagge del Sulcis confermano il loro appeal per i migranti che decidono di raggiungere il nostro Paese. Ultimo in ordine di tempo lo sbarco presso la spiaggia di Porto Pino di questa mattina. In totale sono giunti nell'isola 11 algerini, di cui 10 uomini e una donna, tutti in buone condizioni di salute. L'ennesimo sbarco nelle spiagge del Sulcis segue quelli degli ultimi giorni che, complici le favorevoli condizioni climatiche, hanno fatto registrare l'arrivo di 33 migranti nelle ultime 48 ore. Tutti quanti, dopo le visite mediche di rito, sono stati trasferiti nel centro di accoglienza di Monastir.

Oristano. Arriva il Gas Naturale Liquefatto

La società Edison Spa ha ottenuto il rilascio della concessione demaniale marittima - della durata di 50 anni - per una superficie a terra di 11.140,24 mq e relativo specchio acqueo di 7.857,46 mq. per la realizzazione di un banchinamento a supporto dell'approdo di navi gasiere, a servizio di un deposito costiero di Gnl (Gas Naturale Liquefatto) e di unità navali che intenderanno utilizzare Oristano come hub mediterraneo per l'approvvigionamento di carburante. L'area interessata è quella portuale di Oristano, lungo il canale navigabile sud del porto industriale. Oltre al via libera per la concessione demaniale, il Comitato di Gestione dell'AdSP del Mare di Sardegna ha espresso parere favorevole anche l'iter procedurale per la creazione di un ulteriore impianto a Porto Torres.
Sottoscrivi questo feed RSS

27°C

Cagliari

Partly Cloudy

Humidity: 81%

Wind: 35.40 km/h

  • 20 Jul 2018 32°C 20°C
  • 21 Jul 2018 31°C 23°C