Luoghi francescani in Sardegna. Quattordici i comuni sardi coinvolti

Una iniziativa finslizzata a valorizzare, in chiave turistica, i luoghi francescani in Sardegna tra monasteri, santuari, eremi, luoghi di devozione sulle orme di San Francesco. Alghero, Bosa, Cagliari, Castelsardo, Fonni, Gesturi, Iglesias, Laconi, Luogosanto, Mores, Oristano, Pula, Sanluri e Sassari. Sono i 14 comuni coinvolti nella realizzazione della guida "Luoghi francescani in Sardegna", commissionata dalla Regione e pubblicata dalla casa editrice "Terre di Mezzo". L'obiettivo del volume è quello di diventare uno strumento prezioso per promuovere in maniera unitaria il turismo identitario e religioso, incentivando i luoghi di accoglienza pensati per un turismo 'lento', green e sostenibile.

Insularità. Proposta di legge costituzionale di iniziativa popolare su scala nazionale

Ad annunciarlo è Roberto Frongia, presidente del Comitato per l'Insularità, all'indomani dello stop dell'Ufficio regionale del referendum. Nello specifico, subito dopo le elezioni il Comitato inizierà la raccolta delle firme sulla prima proposta di legge costituzionale di iniziativa popolare mai presentata in Italia. L'obiettivo è quello di raggiungere cinquantamila firme, nelle principali città italiane e in tutte le 21 regioni d'Italia, per l'inserimento del principio di insularità in Costituzione. "La battaglia non può può restare una rivendicazione sarda - sottolinea Frongia - deve diventare una questione di diritti di cittadinanza che riguarda l'Italia intera". E in merito al quesito rigettato, il presidente del Comitato non ha dubbi: "siamo pronti a presentare ricorso al Tar la prossima settimana, sicuri di vincerlo". Nel frattempo, "stiamo anche sollecitando l'ampio fronte trasversale che sostiene il referendum a licenziare una legge in Consiglio regionale che garantisca ai sardi il diritto di esprimersi a ottobre nella consultazione referendaria". La nuova iniziativa, come la precedente, trova la più ampia condivisione tra le diverse forze politiche isolane.

Sanità. Servizi digitalizzati per i cittadini

Implementazione di nuove tecnologie per un servizio altamente qualificato e digitalizzato. E' questo uno degli aspetti più rilevanti del piano triennale 2018-2020 per lo sviluppo del sistema informativo dell'Azienda Tutela per la Salute. Inserita all'interno del processo di riorganizzazione e di sviluppo, l'implementazione delle nuove tecnologie prevede l'adozione di tecnologie diagnostiche basate sul trattamento in 3D e 4D delle immagini radiologiche digitali, dispositivi indossabili che consentono di monitorare gli stili di vita delle persone, reti di telemedicina, gestione dei casi di malattia cronica. A ciò si aggiunge la creazione delle cartelle e l'estensione dell'uso dei fascicoli sanitari elettronici dei pazienti, la programmazione e la pianificazione dei servizi erogati. Un'occhio di riguardo anche per le iniziative volte a migliorare gli standard di accoglienza e permanenza dei pazienti e dei loro familiari attraverso il miglioramento della user experience. Un progetto importante che getta le basi per un miglioramento della relazione tra i pazienti, gli assistenti e tutto il sistema sanitario.

Meridiana. Flotta rinnovata e assunzioni in vista

Ad annunciarlo è l'ambasciatore del Qatar, Abdulaziz Bin Ahmed Al Malki Al Jehani, in occasione della sua visita in Gallura per fare il punto sugli investimenti nell'isola. In base alle dichiarazioni dell'ambasciatore l'investimento dell'azienda comporterà l'assunzione di oltre 1.500 persone e punterà sulla qualità del servizio. Il piano industriale della compagnia verrà presentato ufficialmente lunedì 19 a Milano ma già da ora è noto che Meridiana sarà il primo vettore italiano ad avere in flotta il Boeing 737 MAX 8 e che arriverà anche un Airbus 330-200 per i nuovi collegamenti intercontinentali fra Milano E New York e Miami.

Commercio elettronico. La Sardegna tra i primi per gli acquisti sulla rete

A precederla solamente la Valle d'Aosta e il Trentino. Con una lusinghiera percentuale del 59,1% la Sardegna si piazza infatti al terzo posto in Italia per gli acquisti online. Un risultato che mette in evidenza come stiano cambiando le abitudini d'acquisto dei consumatori sardi che nel Mezzogiorno risultano i più attivi (primi della lista) primi gli acquisti sulla rete. A confermare il primato dell'isola è il rapporto denominato "Identikit dello shopping on line 2018-Report eShoppingAdvisor su acquisti e vendite online in Italia", commissionato dalla prima piattaforma pubblica di recensioni esterna ai siti, interamente dedicata agli acquisti sul web, specializzata in ecommerce, ideata da due imprenditori sardi, Andrea Carboni e Andrea Ghiani. La ricerca, effettuata sulla base della rielaborazione dei dati Istat mette in evidenza una progressione significativa del commercio elettronico nell'isola, considerando che nel 2012 solo il 45,2% dei sardi (con più di 15 anni e con accesso a internet in casa) aveva ordinato o comprato merci e/o servizi per uso privato sul web. Progressione anche per quanto riguarda le imprese che puntano sull'ecommerce. Con una percentuale pari al 13,76% la Sardegna si piazza all'ottavo posto in Italia. Un miglioramento di 10 punti percentuli rispetto al 2012. Unica nota dolente, il terzultimo posto nella classifica italiana per percentuale di imprese che possiedono un sito web/home page o almeno una pagina su Internet (circa il 56% delle imprese, dati aggiornati al 2017.

Meteo Sardegna. Allerta per nevicate e gelate

Il brusco abbassamento delle temperature delle ultime ore ha sortito i primi effetti. Già da questa mattina alcuni paesi come Fonni, Desulo e Gavoi hanno visto nuovamente i fiocchi di neve. Una fugace comparsa della neve anche nella zona circostante Tempio Pausania. In base alle previsioni della Protezione Civile a partire dalle ore 18 di oggi e sino alle 15 del 14 sono possibili delle nevicate al di sopra dei 700 metri. Ad essere maggiormente interessata, la parte centro-settentrionale dell'isola, soprattutto nella prima parte della giornata di domani. Prevista un'attenuazione del fenomeno a partire dal pomeriggio. Segnalazioni di pericolo per la viabilità che lungo la statale 389 e sull'altopiano di Campeda, sulla 131, si presenta difficoltosda, anche se i mezzi Anas sono impegnati nello spargimento di sale. Anche i tecnici dell'Ufficio Meteo dell'Aeronautica Militare di Decimomannu confermano che durante la giornata di San Valentino si potrebbero registrare nevicate a 6-700 metri nella parte centro orientale dell'isola e sull'altopiano di Campeda. Condizioni più miti nelle zone pianeggiati e costiere dove le temperature massime raggiungeranno gli 8, massimo 10 (contro i 2 e 4 gradi delle zone interne). Condizioni meteo in miglioramento a partire da giovedì.

Trapianti Sardegna. I dati del Centro Regionale Trapianti per il 2017

In base ai dati diffusi dal Centro Regionale trapianti per l'anno 2017, l'attività di prelievo e trapianti di organi e tessuti in Sardegna ha raggiunto livelli molto elevati. Il numero maggiore di donatori è stato registrato dall'Aou di Sassari, presso il Santissima Annunziata. Nel capoluogo di provincia i donatori effettivi sono 13. Sette di questi sono donatori multiorgano. E sempre al Santissima Annunziata, sono 33 gli organi prelevati, tra reni, fegato, cuore e polmoni. Sono 30, invece, quelli effettivamente trapiantati. Si tratta di un numero importante, in particolare per i polmoni, 4 quelli trapiantati. Un risultato raggiunto anche grazie a nuove metodiche di protezione polmonare, utilizzate durante il periodo di osservazione e assistenza al donatore.In totale nell'isola sono stati prelevati 121 organi tra reni, fegato, pancreas, cuore, polmoni e cornee. Di questi 100 sono stati effettivamente trapiantati. Per quanto riguarda il numero di donatori, 67 quelli segnalati mentre 39 sono stati quelli effettivi. Dal rapporto del Centro Regionale Trapianti, emerge inoltre una significativa attività effettuata dalle tredici Rianimazioni degli ospedali regionali. Oltre a Sassari, anche Cagliari, con l'Azienda ospedaliera Brotzu, ha fatto registrare un'attività abbastanza intensa. Risultati significativi anche a Nuoro con il San Francesco (Ats-Assl Nuoro).

Influenza. Calano i casi in Sardegna

Cala il numero di casi di influenza che ha colpito diversi sardi nel corso di questa prima parte dell'anno. Nonostante la diminuzione dei casi il livello di incidenza si mantiene comunque di "media intensità" con 9.81 casi per mille assistiti. Dalla quarta settimana del 2018 il numero di casi in Sardegna ha iniziato a diminuire, in linea con quanto verificato su scala nazionale. Nello specifico, a diminuire sono i casi appartenenti a tutte le fasce di età, in particolare in quelle pediatriche. Nella settimana dal 29 gennaio al 4 febbraio, il livello dell'incidenza è di 19.58 casi per mille assistiti nei bambini al di sotto dei cinque anni, 15.70 nella fascia di età tra 5 e 14 anni, nei giovani adulti, dai 15 ai 64 anni, l'incidenza è invece scesa a 5.39 casi per mille assistiti, 2.69 negli anziani over 65. I dati sono stati resi noti attraverso il rapporto Influnet che presenta i risultati nazionali e regionali relativi alla sorveglianza epidemiologica delle sindromi influenzali, elaborati dal Dipartimento Malattie Infettive dell'Istituto superiore di sanità sulla base delle segnalazioni che arrivano da medici e pediatri sentinella distribuiti sul territorio nazionale. Le fasce di età più a rischio rimangono quelle da zero a quattro anni, seguiti da quelli dai 4-14 anni. La minore incidenza tra i soggetti dai 14 ai 64 anni e un'ulteriore diminuzione dei casi per gli over 65, è invece dovuta alla vaccinazione o perché l'hanno già passata.
Sottoscrivi questo feed RSS

Cagliari