Cervelli sardi all'estero. Borsa di studio e premio per lo specializzando in radiologia

Si chiama Giuseppe Corrias, lo specializzando della scuola diretta da Luca Saba all’Università di Cagliari, che viene premiato dall’Issnaf e prosegue le ricerche nel prestigioso Memorial Sloan Kettering cancer center di New York. Laurea in Medicina nel 2013 conseguita all’Università di Cagliari e specializzando all'ultimo anno in radiologia, Corrias ha ricevuto un premio da 10.500 dollari dall’Issnaf, Fondazione scientifica senza scopo di lucro costituita da specialisti italiani negli Stati Uniti. Il quasi trentenne, originario di Arzana, è impegnato da alcuni mesi nello studio e nella ricerca di eccellenza in ambito diagnostico nel settore oncologico. La borsa di studio finanziata dall’Issnaf (Italian scientists and scholars in North America foundation - http://www.issnaf.org ) è basata sui lavori di ricerca sul cancro con particolare attenzione alla risonanza magnetica e alla tomografia computerizzata. Oltre al premio degli scienziati residenti nel Nord America, lo specialista ogliastrino è stato premiato anche dalla rete Globus: un riconoscimento legato alla destinazione di alto pregio scientifico. Il suo tutor al Memorial Sloan Kettering è il professor Lorenzo Mannelli. Tra le tematiche oggetto di studio, le metodiche di imaging nella risonanza, nella Tac e nella Pet, con particolare attenzione ai tumori su fegato e pancreas. Un settore in cui la radiologia ha un ruolo chiave. Il successo di Corrias rispecchia l'importante ruolo svolto dalla scuola di Radiologia dell'Ateneo Cagliaritano, un centro riconosciuto anche a livello internazionale per lo sviluppo delle tematiche più attuali, una formazione innovativa, tecnologie e dinamiche cliniche all’avanguardia, relazioni e confronto con i più accreditati centri di ricerca al mondo. “Stiamo investendo molto in ambito neurologico, neuro-vascolare, vascolare, ginecologico ed oncologico. La capacità - spiega Luca Saba, ordinario di Diagnostica per immagini e radioterapia del dipartimento Scienze mediche e sanità pubblica dell’Università del capoluogo – di formare giovani arricchendoli di competenze internazionali, rappresenta un elemento di crescita futura per il nostro sistema sanitario e accademico. La nostra collaborazione con la Fondazione - sottolinea il professor Saba - si è aperta quest’anno a seguito di una serie di conferenze sull'immagine oncologica tenute un ateneo da Lorenzo Mannelli”. Il programma di scambio dell’Università di Cagliari, denominato Globus, promuove la mobilità studentesca in ambito extraeuropeo e consente di trascorrere un periodo di studio o tirocinio in atenei e centri di ricerca non europei. Inoltre, permette di svolgere anche altre attività formative, quali tirocini, frequenza di corsi e superamento di esami e, in alcune sedi specifiche, ricerca volta a preparare la tesi finale.

Ricerca. In arrivo 400 mila euro con il bando "Young Investigator Training Program"

Acri, Fondazioni bancarie, compresa la Fondazione di Sardegna, mettono a correre un importo globale di 400 mila euro per incentivare il lavoro dei giovani ricercatori, attraverso l'assegnazione di 110 premi. Gli importi messi a disposizione partono dai tremila euro per i giovani ricercatori dell'area europea e arrivano i quattromila euro per quelli impegnati nell'area extra-europea. Obiettivo di fondo del bando "Young Investigator Training Program" è quello di supportare la ricerca negli atenei di Cagliari e Sassari, agevolando la mobilità dei giovani ricercatori. In questo senso l'iniziativa consentirà a quanti siano impegnati in strutture di ricerca all'estero, di stabilire e consolidare rapporti con gruppi di ricerca italiani per la definizione di programmi di interesse comune. Ma anche di inserirsi nell'attività dei centri ospitanti con la produzione di lavori e con la presentazione di ricerche a congressi internazionali (scelti da una commissione Acri) che si svolgeranno in Italia dall’1 gennaio al 31 dicembre 2017. I fondi verranno assegnati come “Premi alla ricerca”. Nel 2015 anche il team guidato dal professor Fabrizio Pilo (dipartimento Ingegneria elettrica ed elettronica, Università di Cagliari) ha fruito del premio. Per le domande di partecipazione c'è tempo fino al 31 agosto. I risultati della selezione saranno comunicati entro il 30 novembre 2016. Info: www.acri.it - 06 68184.1

Ricerca. Nuove prove sulle tracce di vita in assenza di ossigeno

I ricercatori dell'Università di Cagliari hanno trovato nuove prove a sostegno dell’esistenza di organismi multicellulari in grado di trascorrere la loro intera esistenza in totale assenza di ossigeno. La scoperta, documentata attraverso una pubblicazione su una prestigiosa rivista scientifica, è di un team internazionale di ricercatori provenienti dall’Università di Cagliari. Tra loro, Antonio Pusceddu, professore associato di Ecologia al Dipartimento di Scienze della Vita e dell’Ambiente, dall’Università Politecnica delle Marche, dall’Università di Basilea e dal Natural History Museum of Denmark. Le ricerche, partite circa sei anni fa, sono state effettuate nel bacino anossico l’Atalante, a 4000 m di profondità nel centro del Mediterraneo. Un ambiente tra i più ostili sul nostro pianeta, caratterizzato da totale assenza di ossigeno, acidità persistente (pH di circa 2), concentrazione di sale elevatissima (oltre 600 g per litro). Proprio qui sono state individuate tre specie di piccoli organismi multicellulari (i Loriciferi), apparentemente in grado di poter poter portare avanti il loro ciclo vitale. La scoperta, conferma che gli ambienti profondi, e in particolar modo quelli estremi come i bacini anossici ipersalati del Mediterraneo profondo, nascondono ancora molte sorprese alla scienza.

Sardegna Ricerche. Nominato nuovo DG e revisore dei conti

Sono Giorgio Pisanu e Agostino Galizia, rispettivamente il nuovo direttore generale e il nuovo revisore dei conti di Sardegna Ricerche. Si conclude così la ristrutturazione organizzativa di Sardegna Ricerche che diventa Agenzia con l'obiettivo di garantire più efficienza nel funzionamento e minori costi di gestione per le casse pubbliche. La trasformazione da Consorzio in Agenzia arriva a 30 anni dalla sua istituzione, sollecitata dalla Corte dei Conti. Con il nuovo direttore generale e il revisore dei conti decade di fatto il consiglio d'amministrazione con tutti i costi ad esso connessi. La nuova Agenzia regionale continuerà ad occuparsi di assistenza alle piccole e medie imprese, promozione della ricerca e dello sviluppo tecnologico, erogazione - a favore di imprese singole o associate - di servizi finalizzati all'introduzione di nuove tecnologie, alla modernizzazione della gestione e al sostegno delle attività aziendali. Soggetti partecipati dell'Agenzia restano il Crs4 ("Centro di ricerca, sviluppo e studi superiori in Sardegna"), PCR ("Porto Conte Ricerche") e la Fondazione IMC ("Centro marino internazionale - Onlus").
Sottoscrivi questo feed RSS

Cagliari