Cagliari. Sequestrate 1404 etichette e marchi contraffatti

La Guardia di Finanza, Comando Provinciale di Cagliari, nell’ambito del quotidiano e costante controllo economico del territorio, ha attenzionato un esercizio commerciale del capoluogo, operante nel settore della vendita al dettaglio di borse e prodotti tessili, da tempo oggetto di osservazione in quanto interessato da un cospicuo via vai di soggetti extracomunitari che effettuavano acquisti al suo interno. Proprio in considerazione di questi movimenti, effettuati principalmente da soggetti noti per la vendita ambulante di materiale non originale, i Baschi Verdi hanno deciso di accedere all’interno del negozio per verificare l’eventuale presenza e commercializzazione di prodotti contraffatti. Durante l’accesso, i militari hanno individuato, oltre a 106 borse riportanti marchi contraffatti riconducibili alle case di moda Michael Kors e Loius Vuitton, anche 1404 etichette metalliche riportanti le effigi dei già citati brand, unitamente ad altri del settore quali Chanel, Prada, Liu Jo e Guess. Il rinvenimento, inoltre, di borse ed accessori neutri (non riportanti cioè alcun marchio), simili per forma e stile a quelli prodotti dalle case madri, ha avvalorato la tesi per la quale i militari hanno individuato un centro di assemblaggio e distribuzione di prodotti di moda di alto livello contraffatti. Per la titolare del negozio, una extracomunitaria di 38 anni, già gravata da specifici precedenti di polizia per i reati di contraffazione e ricettazione, è scattato il sequestro della merce illecita rinvenuta e la denuncia alla locale Autorità Giudiziaria.

Olbia. Lavoro nero in Costa Smeralda: sigilli al cantiere

Scoperti otto lavoratori in nero, impiegati in un cantiere edile nei pressi di Liscia di Vacca, dove alcune aziende romane e locali stanno realizzando una decina di ville di lusso per un valore di diversi milioni di euro. A condurre l'operazione la Guardia di Finanza di Palau e gli ispettori del lavoro di Sassari. I lavoratori in questione sono risultati irregolari, senza copertura assicurativa e regolare assunzione. Sospese dall'attività tre delle aziende coinvolte nella realizzazione delle ville. Durante il controllo sono emerse anche diversi inadempimenti in materia di salute e sicurezza sicurezza sul luogo di lavoro, alla base del provvedimento di sequestro del complesso residenziale in costruzione e del deferimento dei responsabili all'autorità giudiziaria di Tempio Pausania.

Cagliari. Bloccati con 108 ovuli di eroina e cocaina

Due nigeriani di 23 e 25 anni sono sbarcati all'aeroporto di Elmas, provenienti da Milano, con un carico di 108 ovuli di eroina e cocaina. Ad accorgersi del "carico" sospetto i Carabinieri e i finanzieri in servizio presso lo scalo cagliaritano. Il tutto é accaduto nella notte tra domenica e lunedì. I due, che manifestavano segni di evidente nervosismo, sono stati fermati per un controllo mentre uscivano dall'aerostazione. I militari del Radiomobile della Compagnia di Cagliari e delle Fiamme Gialle, dopo averli perquisiti, hanno quindi deciso di trasportarli presso il Policlinico di Monserrato per l'effettuazione di apposite radiografie. L'esito é stato, é proprio il caso di dirlo, "stupefacente". I due nigeriani avevano infatti ingerito complessivamente 108 ovuli, per un peso totale di 1200 grammi e per un valore di mercato di circa mezzo milione di euro. Arrestati, i due sono stati trasferiti nel carcere di Uta.

Alghero. Yacht utilizzato come albergo galleggiante. Denunciati i proprietari

Esercizio abusivo dell'attività di locazione. E' questa l'accusa formulata dalla Guardia di Finanza per due 30 enni di Alghero e Porto Torres che hanno fatto della loro imbarcazione un "albergo" galleggiante, con tanto di pubblicità su diversi siti internet. A seguito di una serie di verifiche sulle imbarcazioni ormeggiate nei porti della Sardegna nord occidentale e nello specifico nella riviera del Corallo, le Fiamme Gialle hanno notato lo yacht di lusso dei due denunciati che, dopo ulteriori accertamenti, è risultato essere adibito a "boat&breakfast" da almeno due anni. Per fruire del servizio i turisti effettuavano regolari prenotazioni e pagamenti on line. Una volta a bordo, l'imbarcazione, sempre ormeggiata in porto, veniva di fatto utilizzata anche come struttura ricettiva. Un utilizzo difforme rispetto a quanto accertato dai finanzieri, visto che lo yacht poteva essere utilizzato solo come mezzo da diporto e non come un 'albergo' galleggiante. A seguito della denuncia i due proprietari dovranno pagare una multa compresa tra i 65 e i 264 mila euro.

Scoperta evasione fiscale per oltre 184 mila euro. Medico di Cagliari e commerciante nei guai

Continuano i controlli della Guardia di Finanza di Cagliari finalizzati a contrastare il fenomeno dell'evasione fiscale. Questa volta ad essere beccati con le mani nella marmellata un medico e una società operante nel campo del commercio al dettaglio di articoli sportivi. L’azione delle Fiamme Gialle è stata orientata alla verifica del corretto adempimento delle disposizioni tributarie vigenti ai fini dell’I.V.A., delle imposte dirette e dell’I.R.A.P. In entrambe le circostanze le attività ispettive sono state avviate sulla scorta di una segnalazione elaborata a livello centrale, conseguente all’esito di un’analisi effettuata su una platea di contribuenti con indici di anomalia per quel che riguarda la presentazione delle previste dichiarazioni dei redditi e I.V.A. Nel primo caso gli investigatori hanno accertato che un medico di base di Cagliari ha omesso di presentare, per l’annualità 2016 oggetto del controllo, la dichiarazione fiscale ai fini delle imposte dirette, occultando così al fisco ricavi per oltre 60.000 € e configurandosi, pertanto, evasore totale. Nel caso invece della società operante nel settore del commercio dell’abbigliamento sportivo, l’azione dei finanzieri è stata incentrata sulla ricostruzione analitica del reddito, sia attraverso l’esame della documentazione reperita all’avvio della verifica, sia attraverso le banche dati a disposizione, in cui sono contenuti tutti i dati relativi alle fatture emesse e ricevute da ogni contribuente titolare di Partita I.V.A. Gli elementi raccolti hanno permesso di accertare che il soggetto verificato, per le 3 annualità sottoposte a controllo, dal 2015 al 2017, non ha presentato le dovute dichiarazioni dei redditi e dell’imposta sul valore aggiunto, occultando al fisco ricavi per quasi 124.000 € con una evasione di I.V.A. di 11.000 €, qualificandosi pertanto quale evasore totale. Contestualmente i militari hanno anche contestato l’omessa presentazione di appositi modelli “intrastat” connessi alle transazioni commerciali con paesi comunitari.

Evasione. Scoperti 2 proprietari che hanno nascosto al fisco redditi di locazione per oltre 86 mila euro

La Guardia di Finanza di Sarroch ha concluso due controlli fiscali nei confronti di altrettanti soggetti economici privati operanti nel territorio cagliaritano. L’attività di controllo, scaturita da una preliminare attività di ricerca ed analisi delle diverse realtà economiche del territorio che risultano aver concesso in locazione tre immobili di proprietà, hanno fatto emergere delle difformità nelle corrispondenti dichiarazioni dei redditi ed I.V.A. Nel primo caso il controllo ha permesso di appurare che per le annualità 2015 e 2016, un soggetto privato, proprietario di una villa ubicata in località Chia, nel Comune di Domus De Maria, aveva omesso di indicare nella dichiarazione dei redditi, regolarmente presentata, ricavi percepiti per l’affitto dell’immobile a turisti nel periodo estivo, per complessivi 43.000 €, sottraendoli così al fisco. Da un accertamento fiscale effettuato, invece, nei confronti di un altro cittadino, proprietario di due immobili commerciali ubicati a Cagliari ed a Quartu Sant’Elena locati a due imprese operanti rispettivamente nel campo della ristorazione e del commercio al dettaglio di articoli di biancheria e maglieria, è emerso che lo stesso, per l’annualità 2015 sottoposta a controllo, aveva omesso di indicare nella dichiarazione dei redditi, ricavi per complessivi 43.600 € percepiti dalla locazione dei citati immobili.

Cagliari. Evasione fiscale per quasi 222 mila euro

La Guardia di Finanza di Cagliari, nell’ambito delle attività di contrasto all’evasione fiscale, ha concluso due diversi accertamenti nei confronti, rispettivamente, di un professionista del capoluogo operante nel campo degli studi medici e di una un’impresa individuale operante nel settore della mediazione nel commercio di bevande. L’azione delle Fiamme Gialle è stata orientata alla verifica del corretto adempimento delle disposizioni tributarie vigenti ai fini dell’I.V.A. e delle imposte dirette. Nel primo caso le attività ispettive di verifica sono state avviate sulla scorta di una segnalazione elaborata a livello centrale sulla base di un’analisi effettuata su una platea di contribuenti, la cui posizione, presentava indici di anomalia per quel che riguarda la presentazione delle previste dichiarazioni dei redditi e I.V.A. I finanzieri quindi hanno accertato che un “medico di base” di Cagliari aveva omesso di presentare la dichiarazione fiscale ai fini delle imposte dirette per i periodi d’imposta dal 2014 al 2016, occultando al fisco ricavi per complessivi 178.230 € configurandosi, pertanto, evasore totale per i medesimi anni. Nel secondo caso, invece, a seguito di un controllo fiscale avviato nei confronti di un agente di commercio dell’hinterland cagliaritano, operante nel settore delle bevande alcoliche, i militari hanno accertato che il contribuente oltre a non aver istituito tutta la documentazione fiscale obbligatoria per legge, aveva anche omesso di presentare le dichiarazioni I.V.A. e imposte dirette per gli anni dal 2014 al 2016, configurandosi, pertanto, evasore totale ed occultando al fisco ricavi per quasi 43.758 €. Per entrambi i soggetti verificati è scattata la proposta, al competente ufficio finanziario, dell’applicazione delle misure cautelari a garanzia del credito erariale.

Guardia di Finanza. Scoperti quasi 200 mila euro di canoni di locazione occultati al fisco

La Guardia di Finanza di Sarroch ha concluso un controllo fiscale nei confronti di una società edile del cagliaritano che ha concesso in locazione un suo ramo d’azienda ad altra società operante nel settore turistico. L’attività di controllo si inserisce nell’ambito di una preliminare attività di ricerca ed analisi delle diverse realtà economiche del territorio che risultano aver concesso in locazione immobili o settori della propria attività, al fine di riscontrare se i compensi percepiti in ragione dei canoni di affitto richiesti, abbiano trovato successivamente corrispondenza nelle previste dichiarazioni. All’atto del controllo, le Fiamme Gialle hanno provveduto ad esaminare la documentazione verificata e a confrontarla con le risultanze censite negli archivi informatici centralizzati. La verifica ha permesso di appurare che i ricavi percepiti dalla cessione temporanea di ramo d’azienda, seppur certificati da idonea documentazione contabile, non venivano inseriti nella prevista dichiarazione dei redditi, la quale peraltro non era trasmessa ai competenti Uffici Finanziari. L’azienda controllata, per gli anni 2016 e 2017, ha omesso quindi di dichiarare al Fisco ricavi per 199.583 €, configurandosi conseguentemente quale evasore totale. Per le irregolarità riscontrate, l’impresa è stata inoltre segnalata all’Agenzia delle Entrate di Cagliari al fine di sottoporre a sequestro cautelativo i beni aziendali, a titolo di garanzia dei debiti verso l’Erario. Il tema della verifica del corretto inserimento nella dichiarazione dei redditi dei canoni di locazione percepiti, siano essi derivanti dall’affitto di immobili per fini abitativi o commerciali o dalla cessione temporanea di rami di azienda, è un argomento che rappresenta un valore aggiunto dell’operatività del Comando Provinciale di Cagliari nella quotidiana attività di contrasto all’evasione fiscale. Difatti, le specifiche peculiarità locali, analizzate sulla scorta di una dettagliata analisi di contesto che circoscrive le specifiche dinamiche economiche locali, spingono l’attività del Corpo a monitorare lo specifico settore con puntuale attenzione, attraverso il monitoraggio delle numerose realtà locative, ricognite sia attraverso la quotidiana attività di controllo economico della provincia che l’esame delle diverse inserzioni pubblicate soprattutto on line. Con l'intervento effettuato il recupero di canoni di locazione non dichiarati al Fisco nel corso del 2018, da parte della Guardia di Finanza, ammonta a complessivi 2.058.800 €.
Sottoscrivi questo feed RSS

3°C

Cagliari

Partly Cloudy

Humidity: 77%

Wind: 14.48 km/h

  • 03 Jan 2019 13°C 1°C
  • 04 Jan 2019 12°C 1°C