Università Cagliari. Open day Saras con studenti di Ingegneria meccanica e chimica

Nell’ambito del programma #DigitalSaras, si è tenuto oggi L'Open Day - Laboratorio Industry 4.0 - presso il sito industriale Sarlux di Sarroch. Per l'occasione l'azienda di raffinazione petrolifera ha invitato gli studenti del corso di laurea magistrale in Ingegneria meccanica e chimica. L’evento - curato da Pier Francesco Orrù, docente di Sistemi di ingegneria industriale dell'Università di Cagliari, si inserisce all'interno delle strategie dell'Ateneo volte a rafforzare i rapporti e le relazioni con le aziende del territorio e in particolare con il gruppo Saras. Tema principale dell’Open Day, quello riguardante il programma di digitalizzazione della raffineria con le cosiddette “tecnologie abilitanti”. Ovvero, cloud, big data e data analysis, industrial internet, cyber security e augmented reality. Nel programma sono state individuate ottanta possibili applicazioni, definite quelle prioritarie e un team dedicato ha già avviato le prime otto sperimentazioni: di queste, una verrà presentata oggi nel dettaglio. Ai lavori ha preso parte anche Dario Scaffardi, vice presidente esecutivo e direttore generale Saras spa, Carlo Guarrata, amministratore delegato Sarlux srl, Giuseppe Citterio, direttore pianificazione e sviluppo.

Cervelli sardi all'estero. Borsa di studio e premio per lo specializzando in radiologia

Si chiama Giuseppe Corrias, lo specializzando della scuola diretta da Luca Saba all’Università di Cagliari, che viene premiato dall’Issnaf e prosegue le ricerche nel prestigioso Memorial Sloan Kettering cancer center di New York. Laurea in Medicina nel 2013 conseguita all’Università di Cagliari e specializzando all'ultimo anno in radiologia, Corrias ha ricevuto un premio da 10.500 dollari dall’Issnaf, Fondazione scientifica senza scopo di lucro costituita da specialisti italiani negli Stati Uniti. Il quasi trentenne, originario di Arzana, è impegnato da alcuni mesi nello studio e nella ricerca di eccellenza in ambito diagnostico nel settore oncologico. La borsa di studio finanziata dall’Issnaf (Italian scientists and scholars in North America foundation - http://www.issnaf.org ) è basata sui lavori di ricerca sul cancro con particolare attenzione alla risonanza magnetica e alla tomografia computerizzata. Oltre al premio degli scienziati residenti nel Nord America, lo specialista ogliastrino è stato premiato anche dalla rete Globus: un riconoscimento legato alla destinazione di alto pregio scientifico. Il suo tutor al Memorial Sloan Kettering è il professor Lorenzo Mannelli. Tra le tematiche oggetto di studio, le metodiche di imaging nella risonanza, nella Tac e nella Pet, con particolare attenzione ai tumori su fegato e pancreas. Un settore in cui la radiologia ha un ruolo chiave. Il successo di Corrias rispecchia l'importante ruolo svolto dalla scuola di Radiologia dell'Ateneo Cagliaritano, un centro riconosciuto anche a livello internazionale per lo sviluppo delle tematiche più attuali, una formazione innovativa, tecnologie e dinamiche cliniche all’avanguardia, relazioni e confronto con i più accreditati centri di ricerca al mondo. “Stiamo investendo molto in ambito neurologico, neuro-vascolare, vascolare, ginecologico ed oncologico. La capacità - spiega Luca Saba, ordinario di Diagnostica per immagini e radioterapia del dipartimento Scienze mediche e sanità pubblica dell’Università del capoluogo – di formare giovani arricchendoli di competenze internazionali, rappresenta un elemento di crescita futura per il nostro sistema sanitario e accademico. La nostra collaborazione con la Fondazione - sottolinea il professor Saba - si è aperta quest’anno a seguito di una serie di conferenze sull'immagine oncologica tenute un ateneo da Lorenzo Mannelli”. Il programma di scambio dell’Università di Cagliari, denominato Globus, promuove la mobilità studentesca in ambito extraeuropeo e consente di trascorrere un periodo di studio o tirocinio in atenei e centri di ricerca non europei. Inoltre, permette di svolgere anche altre attività formative, quali tirocini, frequenza di corsi e superamento di esami e, in alcune sedi specifiche, ricerca volta a preparare la tesi finale.

Cagliari. L'Ateneo in disaccordo con il ministero per le asserite criticità delle scuole di specializzazione

Le criticità sollevate dall'Osservatorio del ministero dell'Istruzione in merito all'operatività delle tre scuole di specializzazione dell'Ateneo cagliaritano (Nefrologia, Chirurgia Generale e Merdicina dello Sport), hanno suscitato la ferma reazione del rettore, Maria Del Zompo, che si prepara a sostenere le controdeduzioni del caso. Di fatto il rischio è quello della chiusura, con evidenti conseguenze per tutta la popolazione studentesca della Sardegna. Le nuove regole del ministero impongono il raddoppio del corpo docente per tutte le scuole di specializzazione, senza però tener conto di particolari situazioni, come quella tutta sarda, caratterizzata dalla vastità del territorio, dalla bassa densità abitativa e dai servizi di trasporto tutt'altro che adeguati. "Il nostro corpo docente - ha sottolineato Del Zompo - è congruo e numericamente adeguato". E per quanto riguarda le nuove regole, il rettore conferma la volontà degli Atenei di impegnarsi per rispondere ai requisiti stabiliti dal ministero "compatibilmente con la progressiva diminuzione delle risorse statali". Intanto si punta a guadagnare del tempo prezioso per l'adeguamento completo ai nuovi criteri. In questo senso viene fatto un appello al mondo politico sardo.
Sottoscrivi questo feed RSS

13°C

Cagliari

Breezy

Humidity: 69%

Wind: 40.23 km/h

  • 10 Dec 2018 15°C 12°C
  • 11 Dec 2018 15°C 10°C