Impresa. Burocrazia bestia nera degli imprenditori

In base ad un rapporto diffuso dall'Osservatorio Nazionale CNA la burocrazia continua ad essere la bestia nera degli imprenditori. Gli adempimenti burocratici per aprire un'attività sono talmente invasivi che incidono in maniera determinante sul tempo e i soldi di chi vuole cimentarsi in un'attività imprenditoriale. Molto spesso la stessa idea di creare una nuova impresa è costretta a naufragare di fronte a tutti gli insopportabili, asfissianti e costosi passaggi burocratici che è necessario percorrere. Qualche esempio? La stessa CNA ha calcolato che per aprire un salone di bellezza in Sardegna, occorre sottoporsi a 65 adempimenti che coinvolgono 26 enti diversi e comportano una spesa di 17.535 euro. Per un bar l'impresa é ancora più in salita: 71 passaggi che coinvolgono anche in questo caso 26 enti, con i quali, se sfortunati, ci si può dover interfacciare fino a 41 volte perché ad alcuni ci si deve rivolgere varie volte con una spesa che sfiora i 15mila euro. La situazione non cambia se si intende aprire un'autofficina: 86 adempimenti complessivi e ben 30 enti con cui interfacciarsi sino a 48 volte e oltre 18.550 euro di costi da affrontare. Insomma, un vero salasso in termini di tempo e denaro. Ma non finisce qui. Occorre infatti tenere in considerazione gli adempimenti obbligatori in materia di salute e sicurezza sul lavoro (da 2mila a quasi 6mila euro), tasse sulle insegne, ristrutturazione locali e assunzione di un apprendista. Tutto questo, di fronte ad una Pubblica Amministrazione che appare sempre più distante dal cittadino e sempre più autoreferenziale.
Sottoscrivi questo feed RSS

14°C

Cagliari

Rain

Humidity: 87%

Wind: 6.44 km/h

  • 13 Dec 2018 14°C 7°C
  • 14 Dec 2018 15°C 11°C