Trasporti. Solinas sentito dalla IX Commissione permanente della Camera

Il presidente della Regione Sardegna, Christian Solinas, ha partecipato all'audizione - in videoconferenza - nella IX Commissione permanente (Trasporti, poste e telecomunicazioni) della Camera per la discussione sullo stato dei trasporti e della mobilità nella Regione Sardegna.

“L’argomento dei trasporti è vitale per la Sardegna - ha sottolineato il governatore durante l'audizione. La nostra Isola ha necessità di potersi connettere pienamente con la terraferma e con i mercati per assicurare mobilità e sviluppo a cittadini e aziende. I grandi temi della continuità territoriale aerea e marittima, dei collegamenti interni, dell’ammodernamento della rete ferroviaria, sono argomenti centrali su cui la Regione sta investendo energie e risorse”.

“Attraversiamo una fase di transizione per quanto riguarda la continuità territoriale aerea e proprio in questo contesto sarebbe necessario che il Governo supportasse la Regione nei confronti dell’UE sostenendo le richieste e il diritto alla mobilità dei sardi, anche ipotizzando un sistema di frequenze e rotte che non incorra nel limite degli aiuti di stato”, ha puntualizzato il presidente ai Commissari, soffermandosi anche sulla vertenza che coinvolge i lavoratori Air Italy per la quale ha ribadito che “il Governo deve tenere conto delle professionalità e del capitale tecnologico dell’azienda da valorizzare nell’ambito della strategia nazionale di sviluppo del settore aeronautico, anche con la creazione di una compagnia ‘regionale. Siamo in una fase di proroga della continuità territoriale marittima e ciò rappresenta una incertezza per i cittadini e per il sistema economico, sarebbe quindi opportuno assicurare, nell’ambito della leale collaborazione tra le istituzioni, il rispetto del pieno e determinato coinvolgimento della Regione anche nella fase di predisposizione delle rotte”, ha precisato Solinas, che nella replica alle domande della Commissione ha evidenziato l’esigenza di procedere celermente al potenziamento della rete ferroviaria dell’isola: “vogliamo l’alta velocità in Sardegna e intendiamo sviluppare progetti che guardano al futuro per rivoluzionare il modo di abitare nella nostra terra”.

Air Italy. “Pronto un business plan per la nascita di una nuova compagnia”

A comunicarlo è il consigliere regionale del M5S, Roberto Li Gioi che ha dichiarato: “secondo quanto ho potuto apprendere da fonti assolutamente attendibili, negli ultimi mesi diverse figure professionali altamente qualificate hanno lavorato alla redazione di un business plan dedicato alla nascita di un nuovo vettore aereo. Un progetto d’impresa che, stando alle poche informazioni trapelate sinora, scorre su un doppio binario di intervento, un primo che riguarda le tratte in continuità territoriale e un secondo che valuta l’acquisizione di nuove fette di mercato nazionali e internazionali”. L'esponente del M5S ha spiegato: “questo progetto sembrerebbe essere pronto per la consegna, chiavi in mano, ad un imprenditore o ad una cordata di imprenditori seri che abbiano a cuore le problematiche dei trasporti che affliggono la Sardegna e che soprattutto sappiano conciliare il rispetto per il diritto alla mobilità dei sardi e il mantenimento dei livelli occupazionali, con un occhio di riguardo alla situazione degli ex dipendenti Air Italy che oggi si trovano in serie difficoltà. Quando si parla di imprenditore serio nel settore il primo nome che viene in mente non può essere che quello di sua altezza l’Aga khan. Perché quindi non provare a coinvolgerlo in questo progetto? A questo proposito - ha continuato il consigliere penstastellato - rivolgo un appello al Governatore Solinas e all’assessore Todde, affinché, sfruttando il Decreto rilancio e lavorando in sinergia, si riesca a cogliere questa opportunità e ad evitare che la vertenza Air Italy finisca nel dimenticatoio. La Regione non sprechi questa grande occasione per il territorio della Gallura e per tutto il Nord Sardegna, le cui ricadute positive sarebbero enormi. Basti pensare allo sviluppo economico che ne deriverebbe, e di cui oggi più che mai la nostra isola sente la necessità”.

“Mi rivolgo inoltre a tutti i rappresentanti politici del territorio – ha concluso Li Gioi – affinché si possa lavorare tutti assieme per restituire un futuro degno alle centinaia di famiglie che vivono nella disperazione”.

Viabilità. Inaugurato nuovo tratto della Sassari-Olbia

"Un nuovo tratto di 2 km della Sassari-Olbia è stato riaperto al traffico, frutto del lavoro che stiamo svolgendo come Regione nella modernizzazione delle infrastrutture stradali della Sardegna. Abbiamo chiesto ad Anas celerità nei lavori e attenzione per la nostra Isola, da tradursi anche in una ripresa delle attività nella fase immediatamente successiva all’emergenza Covid. Oggi registriamo cantieri aperti e lavori in fase di completamento, segno di una vitalità che fa ben sperare per il futuro”.

Sono le parole dell'assessore regionale dei Lavori Pubblici, Roberto Frongia, che commenta la realizzazione e la percorribilità del nuovo tratto di strada relativo al lotto 2 dell'Itinerario "Sassari Olbia", tra Ardara e Ozieri.

“Tutti i comparti della nostra economia, dall’edilizia all’agricoltura passando per il turismo, soffrono la mancanza di vie di collegamento e comunicazione adeguate che possano garantire efficienza nel trasporto di persone e merci – continua Frongia - Regione e Anas stanno lavorando fianco a fianco per portare a compimento quella rivoluzione infrastrutturale di cui la Sardegna ha bisogno”.

L’inaugurazione del nuovo tratto di strada relativo al Lotto 2 segue la formalizzazione del contratto per l’avvio della cantiere del lotto 4 della Sassari-Olbia di qualche giorno fa, che consentirà a breve di avviare le opere di completamento della strada che va dal km 36 + 100 in corrispondenza del termine del lotto 3, incluso lo svincolo di Oschiri fino al km 45 + 610 dopo lo svincolo di Berchidda bloccate da maggio 2018.

Mesina. Continuano le ricerche

Continua la caccia all'uomo delle forze dell'ordine che, alle prime luci dell'alba, hanno effettuato diverse perquisizioni presso abitazioni del centro abitato e negli ovili localizzati nel territorio comunale di Orgosolo. Nonostante gli sforzi di Polizia e Carabinieri, di "Grazianeddu" neanche l'ombra. Sull'ex primula rossa del banditismo sardo pende la conferma di una condanna a 30 anni di carcere. Una punizione molto pesante, soprattutto in considerazione dell'avanzata età di Mesina (78). E forse proprio per questo pare che "Grazianeddu" stia cercando di trattare la resa, attraverso la richiesta di condizioni detentive più favorevoli - come la detenzione domiciliare - proprio per motivi di età avanzata connessi motivi di salute. Intanto si intensificano i posti di blocco su tutto il territorio circostante Orgosolo, anche non viene esclusa la possibilità di una fuga all'estero.

La Maddalena. Medici militari a supporto del personale ospedaliero del Paolo Merlo

“Un segnale importante d’attenzione verso il territorio e gli abitanti di La Maddalena, reso possibile grazie alla sinergia fra le istituzioni. Una collaborazione fra i medici civili e militari che già durante le precedenti fasi dell’emergenza Covid si è rivelata preziosa”. Lo dichiara l’assessore regionale della Sanità Mario Nieddu. “La Difesa, accogliendo la nostra richiesta, invierà nell’isola tre medici – prosegue l’assessore della Sanità – a supporto del personale in servizio nell’area. L’assistenza sanitaria sarà così potenziata in un momento delicato per l’incremento delle presenze a seguito dei flussi turistici. Ringrazio il sottosegretario alla Difesa Giulio Calvisi e il Capo di stato maggiore, l’ammiraglio Giuseppe Dragone. Il supporto alla sanità civile conferma gli alti valori dei nostri militari a servizio della cittadinanza. Ancora una volta abbiamo messo in moto energie positive in grado di promuovere il dialogo fra le istituzioni a beneficio dei sardi”, conclude l’esponente della Giunta Solinas. Sull'iniziativa non mancano tuttavia le polemiche, come evidenziato dal consigliere regionale penstastellato Roberto Li Gioi che ha dichiarato: “indubbiamente plaudiamo a questa soluzione-tampone, che ci permetterà di far fronte ai concitati mesi estivi, tuttavia, non possiamo esimerci dal precisare che questo provvedimento non è frutto dell’impegno della Lega, né dell’assessore regionale alla Sanità, come invece sbandierato in queste ore dal capogruppo del partito in Consiglio regionale Dario Giagoni”.

Cagliari. Eliminato l’obbligo del contingentamento degli ingressi nei mercati civici

Con l’ordinanza n. 39 del 3 luglio 2020, a cura del primo cittadino Paolo Truzzu, viene eliminato l’obbligo del contingentamento degli ingressi nei mercati civici comunali, sia al chiuso che all’aperto, e nel mercato ittico. Pertanto, a partire da sabato 4 luglio, l’acceso ai mercati non sarà più soggetto a limitazioni pur permanendo l’obbligo di rispettare la distanza interpersonale di almeno un metro sia fra gli operatori, che fra questi e la clientela, che fra i clienti fra di loro. Rimane anche l’obbligo, per gli operatori e per i clienti, di usare le mascherine. Una particolare attenzione è quindi richiesta a tutti i concessionari e gli operatori del mercato i quali saranno direttamente responsabili del mantenimento della distanza minima fra i clienti del loro box, dell’uso delle mascherine da parte di questi e della messa a disposizione di tutti i presidi sanitari di igienizzazione richiesti dalle disposizioni attualmente in vigore.

Cagliari. Ersu: studenti sul piede di guerra per la riapertura delle cucine

Da ieri la mensa universitaria di via Trentino a Cagliari è occupata dagli studenti che non hanno gradito il nuovo menù dell'Ersu. In particolare la contestazione è focalizzata sul servizio mensa attuale, basato essenzialmente sull'erogazione di un lunch box da asporto che prevede una monoporzione di mortadella e una di formaggio, più un succo di frutta, una crostatina all'albicocca, mezzo litro d'acqua e due panini. Una situazione non più sopportabile, molto lontana dalle esigenze primarie degli studenti, desiderosi di un pasto più dignitoso. Da qui l'occupazione dei locali. L'Ersu intanto fa sapere che l'Ats ha espresso parere favorevole alla riapertura delle case dello Studente nei termini del regolamento. E' quindi probabile un ritorno alla normalità dopo le misure rese necessarie dall'emergenza sanitaria.

Incendi. Elicotteri del Corpo Forestale impegnati in diverse zone dell'isola

Come prevedibile, le elevate temperature e le raffiche di vento che hanno caratterizzato gli ultimi giorni di giugno e l'inizio di luglio hanno costituito un terreno fertile per il divampare di diversi incendi. In particolare, questo pomeriggio a Ghilarza sono dovuti intervenire due elicotteri del Corpo forestale per domare un incendio divampato in località Spadule Izzai. Coordinati dal Direttore delle Operazioni di Spegnimento, del Corpo forestale di Ghilarza, mezzi e squadre antincendio sono riusciti a spegnere le fiamme. Sempre in tema di incendi, anche nel Comune di Ussana e in quello di Dolianova sono dovuti intervenire gli elicotteri del Corpo Forestale per domare diversi roghi. Situazione simile anche a Mores, in località Pedras Frittas, dove è intervenuto un elicottero decollato dalla base di Anela.
Sottoscrivi questo feed RSS

giweather joomla module