Scuola. Gli insegnanti sardi al Poetto per dire no all'emigrazione

Questa mattina gli insegnanti precari sardi hanno organizzato un flash mob alla prima fermata del Poetto di Cagliari per ribadire il no all’emigrazione forzata a cui li costringe il piano di assunzione della Buona Scuola di Renzi. Si sono schierati in riva al mare vestiti di bianco, con le valigie in mano e una sveglia per ricordare al Governo che “il tempo sta passando e vogliono risposte certe  per il loro futuro”. Durante la manifestazione sono stati letti alcuni passaggi della Costituzione e sono state sottolineate le richieste: in particolare l'esigenza che la legge nazionale sia corretta da norme di attuazione che tengano conto delle difficoltà legate all'insularità.

Ultima modifica ilGiovedì, 20 Agosto 2015 11:46

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Cagliari