Università Cagliari. Ingegneria, premio nazionale ItCold al sardo Matteo Arricca

In evidenza Università Cagliari. Ingegneria, premio nazionale ItCold al sardo Matteo Arricca
Matteo Arricca (classe ’91) ha vinto il premio nazionale ItCold bandito dal Comitato italiano grandi dighe. L’ingegnere cagliaritano è stato premiato a Roma il 12 dicembre scorso per la tesi sulla diga di Mosul (“Geotechnical numerical model and Cosmo-SkyMed/Sentinel-1 interferometric analysis applied to the Mosul dam, Iraq”). Matteo Arricca si è laureato in Ingegneria civile lo scorso settembre discutendo la tesi che ha colto l’apprezzamento della giuria. Il lavoro di ricerca è stato curato dai relatori Maria Cristina Porcu, Fabio Soccodato (docenti dell’Università di Cagliari) e Pietro Milillo (ricercatore del Nasa Jet propulsion laboratory, CalTec Los Angeles, Stati Uniti). Fresco di laurea triennale conseguita alla facoltà di Ingegneria e architettura dell’ateneo di Cagliari, Matteo Arrica ha partecipato alla quinta edizione del Premio nazionale Itcold riservato alle tesi sull’ingegneria delle dighe. A pari merito i colleghi Riccardo Donatelli (La Sapienza, Roma) e Greta Sbragia (Università di Pisa). Ai vincitori un premio in denaro di 1.250 euro. La tesi di laurea di Matteo Arricca è stata sviluppata nell’ambito di una collaborazione internazionale tra la professoressa Porcu (docente di Dinamica delle strutture e ingegneria sismica) e Pietro Milillo, ricercatore al Nasa Jpl del California institute of technology di Los Angeles. Grazie alla proficua collaborazione che ha permesso di avvicinare ancor più la facoltà dell’ateneo a uno dei principali e più accreditati centri al mondo, l’ingegner Arricca ha svolto tre mesi di tirocinio Jpl con una borsa di studio Globus Placement dell’ateneo di Cagliari. “Al Jet propulsion laboratory, Matteo ha imparato ad acquisire ed analizzare i dati rilevati dalle costellazioni satellitari con il software Sarproz. Alcuni dei dati satellitari registrati per un periodo di tre anni su centinaia di punti sulla diga di Mosul - spiega la professoressa Porcu - sono stati poi utilizzati per validare un modello numerico della diga predisposto con il programma alle differenze finite Flac, nel quale viene simulato il fenomeno di dissoluzione degli strati di gesso e rocce solubili in fondazione. Il fenomeno continua ad avvenire nonostante sia rallentato dalle continue iniezioni di cemento (jet grouting) effettuate dalla Compagnia italiana Trevi che cura la manutenzione della diga per conto del governo iracheno. L'obiettivo finale del modello numerico è ricostruire la dinamica del fenomeno di subsidenza osservato da satellite per il monitoraggio dello stato di salute dell'opera”. I risultati del lavoro svolto sulla diga di Mosul saranno oggetto di una pubblicazione su una rivista internazionale nel 2019. Con Matteo Arricca anche Christian Sarritzu e Milena Scano hanno trascorso tre mesi al Jpl nel 2017. I neoingegneri laureatisi all’Università di Cagliari hanno vinto la borsa Globus Placement. Sarritzu ha sviluppato una tesi sul tema delle dighe e si è laureato con i professori Porcu, Soccodato e Milillo. Milena Scano ha presentato una tesi sull’utilizzo delle reti neurali per l’analisi di dati satellitari su aree urbane con, oltre ai relatori Porcu e Milillo, Augusto Montisci (Università di Cagliari).
Ultima modifica ilMartedì, 18 Dicembre 2018 16:44

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

3°C

Cagliari

Partly Cloudy

Humidity: 77%

Wind: 14.48 km/h

  • 03 Jan 2019 13°C 1°C
  • 04 Jan 2019 12°C 1°C