Cagliari. Francisco Porcella maestro di surf per i ragazzi speciali

In un clima di allegria e divertimento Francisco Porcella, campione mondiale di Surf e ballerino d'eccezione a Ballando con le Stelle, si è cimentato nel ruolo di maestro di surf per i ragazzi speciali della società Olimpia Onlus. Con lui, per i venti giovani disabili, è stata un'esperienza davvero indimenticabile. Dopo una prima fase di elementi teorici a terra, i giovani hanno affrontato le onde del mare, cercando di mettere in pratica quanto imparato dal campione. Molto soddisfatto per la "bellissima esperienza", Porcella ha sottolineato come la Sardegna si presti in maniera eccezionale per imparare a utilizzare il surf. Molto contenti anche i discenti che hanno vissuto una giornata davvero speciale.

Cagliari. Chiarimenti sul servizio bus notturni in occasione delle Notti Colorate

Non tardano ad arrivare i chiarimenti dell'assessore comunale Alessandro Sorgia, a seguito delle critiche esternate dal Comitato Bus Notturni sulle modalità operative del servizio di trasporto svolto in occasione delle Notti Colorate. "L’attacco del Comitato Bus Notturni sul servizio per le Notti Colorate mi pare una strumentalizzazione fuori luogo – dichiara Sorgia – della quale mi rammarico. Il Comitato – di cui non conosco i rappresentanti né i componenti – avrebbe potuto chiedere un incontro con le istituzioni per avere tutte le informazioni su un’iniziativa i cui obiettivi sono stati peraltro comunicati con la massima chiarezza in una conferenza stampa pubblica. Il mio Assessorato ha chiesto all’Azienda CTM di estendere, nei giovedì di agosto delle Notti Colorate, il servizio della linea 1 dopo la mezzanotte, orario di chiusura degli esercizi commerciali. In questo modo le due corse complete della linea 1, che terminano all’1 e 20 del mattino, hanno consentito e consentiranno a cittadini, lavoratori e turisti l’utilizzo del mezzo pubblico durante le manifestazioni di Notti Colorate. Non abbiamo mai inteso rappresentare questa iniziativa come l’avvio di un nuovo servizio notturno di carattere generale, al quale sono comunque favorevole – continua Sorgia. Del resto anche il Presidente della società, l’Avv. Roberto Porrà, da me interpellato in questo senso – termina Sorgia – ha già dato la piena disponibilità a riprogrammare il servizio notturno qualora i chilometri necessari venissero ricompresi nel contratto di servizio con la Regione Autonoma della Sardegna. Penso che il tema dell’estensione del servizio notturno nella città di Cagliari sarà senz’altro oggetto dell’attenzione del Sindaco Paolo Truzzu e del collega Assessore della Mobilità”.

Sassari. Sassari e la Faradda con #IOVADOALMUSEO

A Sassari è Festa Grande. La Faradda de li Candelieri riecheggia nelle vie della città, con i suoi colori, le sue atmosfere, il suo fascino e regala un tripudio di emozioni che ne sottolineano il grande valore identitario. Nella giornata di mercoledì 14 agosto 2019, per la Faradda de li Candelieri, evento religioso tra i più sentiti e importanti in Sardegna, la Pinacoteca nazionale di Sassari, situata nel cuore della città antica, dalle 9.00 alle 18.00, nell’ambito delle manifestazioni organizzate dal Polo museale della Sardegna per #IOVADOALMUSEO , con biglietto d’ ingresso gratuito, offrirà alla cittadinanza e ai numerosi turisti un evento dal titolo Sassari e la Faradda. Simboli di una tradizione , con la possibilità di ammirare le opere della collezione permanente ed eccezionalmente le due opere di Grafica riferite al tema della Grande Festa: “Candelieri e Parai di Giuseppe Biasi” – Lineoleografia a colori. 1936 e “I Parai di Battista Ardau Cannas”- Xilografia su carta. XX secolo. Durante la Faradda viene sciolto il voto alla Beata Vergine Assunta che avrebbe salvato la città di Sassari dalla peste del 1652. I Candelieri interpretano, con i Gremi delle Corporazioni di Arti e Mestieri, il sentimento popolare. La processione, lenta e ordinata, arriva nella Chiesa di Santa Maria di Betlem dove, con solennità e grazia, i portatori dei candelieri fanno girare per tre volte il grande cero da sinistra a destra e poi di nuovo da destra a sinistra. Il rito, per deferenza, si ripete davanti al Sindaco della città, nel silenzio più totale, come avveniva nel Medioevo dinanzi al Podestà, e si tramanda da più di sette secoli.

Dorgali. Approda a Cala Gonone "Pesce fuor d'acqua”, progetto fotografico di Carla de Gioannis e Gaetano Mura

Dopo Cagliari ed Alghero la mostra "Pesce fuor d'acqua"approda, con il gratuito patrocinio del Comune di Dorgali, in una sede naturale per questi eventi: l'Acquario di Cala Gonone, con inaugurazione alle 19 di sabato 10 agosto. Fedele alla sua mission “Conoscere è il primo passo per poter proteggere”, l’Acquario è da sempre impegnato in un’opera di divulgazione in difesa dell’ambiente: dal consumo responsabile delle risorse alla salvaguardia della biodiversità, dalla lotta a tutte le forme di inquinamento al riciclo e riutilizzo dei materiali. Quest’anno l’Acquario ha incentrato la sua proposta didattica rivolta alle scuole proprio sull’inquinamento da plastica in mare, coinvolgendo gli oltre 4.000 alunni che visitano la struttura ogni anno con un laboratorio di riciclo, “Il riciclaquario”, che, attraverso il recupero di rifiuti in plastica, ha permesso ai ragazzi di creare piccole opere d’arte. La mostra, allestita all’interno del percorso espositivo dell’Acquario, sarà visitabile dal 10 al 18 agosto dalle 10:00 alle 18:00. Il martedì e il sabato è prevista l’apertura notturna, dalle 21:00 alle 23:00. “Pesce fuor d'acqua” è il progetto fotografico di Carla de Gioannis e Gaetano Mura. Sportivi, compagni di vita e di avventure marine. Le sempre più precarie condizioni del mar Mediterraneo e degli Oceani hanno ispirato la coppia: “La plastica e la micro plastica satura i nostri mari più rapidamente di qualsiasi altra forma di inquinamento” sostengono i due sportivi. "Tutta la plastica necessaria per il nostro progetto è stata recuperata in mare e tra le scogliere. Questa è stata tristemente la parte più semplice e rapida del nostro lavoro. Abbiamo viaggiato per la Sardegna, la nostra isola, alla ricerca di luoghi ancora relativamente poco coinvolti da questo fenomeno dilagante. Proprio questi luoghi straordinari possono essere un forte simbolo di speranza e d'ispirazione per sensibilizzare tutti partendo dai piccoli gesti personali per poi dilagare su scale più grandi”. Il lavoro è solo all'inizio: “Ci siamo appassionati al nostro progetto tanto da intravederne un work in progress che, partendo dalle coste della nostra isola, possa proseguire in altri luoghi del pianeta coinvolgendo persone come il pesce rosso che nella persona di Martina Ardizzoni si è prestata per alcuni scatti".

Furti nelle farmacie ospedaliere. Maggiori controlli e videosorveglianza nelle farmacie degli ospedali

A richiederlo sono le consigliere del Gruppo Movimento 5 Stelle Carla Cuccu e Elena Fancello, a seguito del maxi furto di medicinali, avvenuto nella farmacia dell’ospedale Santissima Trinità di Cagliari per un valore di 720 mila euro, come riportato dagli organi di stampa. In particolare, la richiesta delle due consigliere regionali è rivolta al Presidente Solinas e all’assessore alla Sanità Mario Nieddu, se è vero che gli altri ospedali sardi possano contribuire a fornire parte delle loro scorte di farmaci chemioterapici per i pazienti oncologici dell’Ospedale di Is Mirrionis, nel quale questi costosissimi medicinali sono stati saccheggiati. “Il Problema dei furti di farmaci si è esteso anche alla Regione Sardegna e la farmacia dell’ospedale Santissima Trinità – fanno sapere Cuccu e Fancello – parrebbe sprovvista di un sistema di videosorveglianza, così come di un servizio di vigilanza. Il furto del 4 agosto comporta gravi conseguenze non solo per il sistema sanitario regionale e per l’attività ospedaliera ma soprattutto per i pazienti che potrebbero dover interrompere le cure terapeutiche”. Nonostante le rassicurazioni date dai responsabili dell’ospedale, i quali hanno assicurato che il furto non avrà alcun riflesso sui pazienti, le consigliere dei Cinquestelle chiedono di poter sapere a quanto ammonta effettivamente il danno subito dal Santissima Trinità e come il Presidente Solinas e l’assessore Nieddu intendano affrontare il problema sicurezza, considerato che l’assenza di un servizio di videosorveglianza è una tematica comune ad altri presidi, come ad esempio il Servizio Farmaceutico Ospedaliero di Iglesias.

Agenzia Nazionale per i Giovani. Finanziate in Sardegna 2 stazioni radio

Finanziate in Sardegna 2 stazioni radio dall’Agenzia Nazionale per i Giovani - l’ente vigilato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri e dalla Commissione Europea, che si occupa per l’Italia dei programmi europei rivolti ai giovani - nell’ambito del Fondo Nazionale Politiche Giovanili. Fanno parte del primo network radio istituzionale di “Ang In Radio” e viaggiano sul canale digitale. La rete amplificherà le iniziative dell'Agenzia legate alle politiche giovanili, attraverso un approccio peer-to-peer, ma sarà soprattutto uno strumento per informare e ascoltare i giovani, spesso protagonisti delle trasmissioni radiofoniche insieme ad esperti del mondo della cultura, dell'informazione, del lavoro e della società e della politica. Una radio libera, senza censura, dove i ragazzi potranno raccontarsi, confrontarsi, crescere. Ad aggiudicarsi il bando sono state l’Associazione Studentesca Universitaria Unica Radio e l’associazione Carovana S.M.I e coinvolgeranno direttamente 20 ragazzi che puntano a raggiungere 10mila loro coetanei, coinvolgerli e influenzarli sulle tematiche del cambiamento sociale, dell’inclusione, della dispersione scolastica e della partecipazione attiva. «Ciascuna radio rappresenterà un “presidio” dell’ANG a livello territoriale – spiega Domenico De Maio, Direttore dell’Agenzia Nazionale Giovani - dovranno raccontare occasioni ed opportunità rivolte ai giovani, progetti del territorio rivolti alle nuove generazioni, nonché i progetti finanziati nell’ambito dei programmi europei gestiti da ANG come Erasmus+ ed ESC realizzati nella propria regione. L’iniziativa ha l’obiettivo di promuovere il protagonismo giovanile, di realizzare “spazi” e “luoghi” di incontro delle nuove generazioni, promuovere networking ed occasioni concrete per fare rete con altre realtà locali per sviluppare creatività, promuovere il talento e favorire innovazione e nuove progettualità rivolte al territorio». All’unica stazione di Roma inaugurata lo scorso marzo, se ne aggiungono in totale altre 44 presenti in 13 regioni d’Italia (6 in Emilia Romagna, Campania e Lazio, 4 in Lombardia e Puglia, 3 in Veneto, Marche e Sicilia, 2 in Basilicata, Piemonte, Sardegna, Calabria e una in Toscana) e saranno “on air” grazie ad un finanziamento dell’Agenzia Nazionale per i Giovani nell’ambito del Fondo Nazionale Politiche Giovanili. Nasceranno tanti piccoli “megafoni” per ascoltare la voce dei ragazzi anche in quartieri complessi come Corviale nella periferia di Roma, dove si parlerà di educazione alla legalita`, oppure in una zona a rischio come Giugliano in Campania, nella “Terra dei fuochi”, coinvolgendo le scuole sui temi di riciclaggio e disabilità. Ma anche piccoli comuni di aree interne e rurali, o nel quartiere Veronetta di Verona, sede di scontri sociali e tensioni tra cittadini di italiani e di origine straniera. In Sardegna un studio allestito su un furgone girerà la ragione per informare ed ascoltare i giovani. «La sfida lanciata in questo progetto, dai proponenti, è la testimonianza che la partecipazione giovanile, anche attraverso la radio, può avere un impatto sul cambiamento sociale. Noi ci crediamo!» conclude De Maio. Hanno potuto accedere al bando associazioni senza fine di lucro, attive nei settori dell’inclusione e della partecipazione giovanile da almeno 1 anno, ottenendo fondi dai 5mila € ai 7,5mila €. È possibile ascoltare ANG inRadio tramite app scaricabile gratuitamente su store IOS o Androis o tramite il sito www.agenziagiovani.it. Inoltre, sono stati da poco pubblicati i risultati del secondo round di valutazione dei programmi europei che gestisce l’Agenzia Nazionale per i Giovani. Grazie ad Erasmus+ saranno circa 250mila euro che andranno ad 14 progetti che coinvolgeranno direttamente 805 ragazzi, di cui il 25% provenienti da situazioni di svantaggio. L’Agenzia Nazionale per i Giovani è un ente governativo, vigilato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri e dalla Commissione Europea, istituito dal Parlamento italiano in attuazione della Decisione 1719/2006/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio d’Europa. Gestisce in Italia i programmi europei Erasmus+ e Corpo Europeo di Solidarietà e iniziative di concerto con il Governo con risorse nazionali del fondo Politiche Giovanili. Offre ai ragazzi dai 13 ai 30 anni opportunità ed occasioni in tema di mobilità, formazione, educazione, volontariato e scambio. In un mercato del lavoro in continua evoluzione l’acquisizione di competenze non formali attraverso la partecipazione a progetti di scambio, solidarietà o attività di volontariato rende i ragazzi più spendibili nel mercato del lavoro, migliorando così la loro occupabilità. L’Agenzia, attraverso i programmi europei che gestisce, risponde in particolare a questa esigenza. La dotazione finanziaria per il 2019 per i due principali programmi europei che gestisce per l’Italia, è di oltre 20 milioni, che saranno destinati interamente ad iniziative rivolte ai giovani dai 13 ai 30 anni.

Pula. Al via la prima edizione del Nora Summer Festival

L'area verde davanti alla spiaggia di Nora ospiterà il 9 agosto la prima edizione del Nora Summer Festival, una festa caratterizzata dalla presenza di numerosi deejay che si alterneranno con le loro performance. Tra questi Marascia (elettronica), Laddo (house/elettronica), Nick Tixi (dance/edm), Richard Bee (elettronica), 4AM (hiphop), Alberto Bacchi (reggaeton/moombahton), Alessandro Serra (deep house). A partire dalle 19 inizia lo spettacolo, che durerà circa 10 ore, con accesso libero e gratuito. Il festival, nato nel 2018 per iniziativa della Pro Loco e sulla base di un'idea di alcuni giovani di Pula, avrebbe dovuto esordire già l'anno scorso. L'evento si caratterizza per essere l'unico appuntamento musicale del genere dance/commerciale nel Sud Sardegna, con artisti 100% isolani. L'obiettivo è quello di farlo diventare un appuntamento fisso, in grado di richiamare sempre più appassionati del genere e persone interessate a conoscere il territorio di Pula.

Golfo Aranci. Riapre l'ufficio postale

Terminati gli interventi di ristrutturazione, ha riaperto oggi l’Ufficio Postale di via Armando Diaz 10 a Golfo Aranci. Nel periodo dell’intervento Poste Italiane ha garantito ai clienti di Golfo Aranci, uno sportello dedicato presso la sede di via Rudargia 82 a Porto Rotondo. L’Ufficio Postale di Golfo Aranci è dotato di tre sportelli, disponibili per tutte le operazioni finanziarie e postali. A disposizione della clientela anche un ATM Postamat di ultima generazione, accessibile 24 ore su 24 per il prelevamento di denaro contante e per tutte le altre operazioni consentite, e il servizio Wi-Fi gratuito. Con la riapertura della sede sono stati ripristinati, anche per il mese di agosto, i consueti orari: dal lunedì al venerdì dalle 8.20 alle 13.35 e il sabato fino alle 12.35. La riapertura dell'ufficio postale rientra tra le iniziative di Poste Italiane, finalizzate a garantire i servizi essenziali, almeno per il mese di agosto, per i paesi della Sardegna a vocazione turistica.
Sottoscrivi questo feed RSS
giweather joomla module