Porto Torres. Emergenza idrica: scuole e asili chiusi

A causa del protrarsi dell'emergenze idrica il sindaco di Porto Torres, Sean Christian Wheeler, ha deciso di emettere un'ordinanza per la chiusura di scuole e asili nido per la giornata di venerdì 6 dicembre. Il provvedimento è finalizzato a garantire la tutela della salute di alunni, insegnanti e personale scolastico. Di fatto, senza l'erogazione dell'acqua, è praticamente impossibile utilizzare i servizi igienici e garantire la fruizione di acqua corrente all'interno degli edifici. Per poter procedere al ripristino dei servizi scolastici il Comune rimane in attesa di ricevere ulteriori dettagli dal gestore idrico in merito alla cessazione dello stato di emergenza.

Iglesias. "Si ripristini immediatamente la Radiologia del C.T.O."

E' quanto auspica la consigliera regionale del M5S, Carla Cuccu che, allo stesso tempo, conferma l'impegno del suo movimento per ripristinare la piena funzionalità della Radiologia del C.T.O.. "Una prassi oramai consolidata nell'amministrazione della sanità sarda quella di attendere il verificarsi di problematiche nei reparti e ambulatori ospedalieri degli ospedali di Iglesias per giustificarne il trasferimento con la dicitura "trasferimento temporaneo ad altro nosocomio per garantire le urgenze" per poi, invece, decretarne la chiusura definitiva invocando la mancanza di numeri per riaprirne le strutture. Così in questi giorni, nuovamente, è il turno della radiologia del CTO di Iglesias"- sottolinea l'esponente del M5S.

"Non resteremo a guardare silenti questo ulteriore rimbalzo di responsabilità per consentire di impoverire, ancora di più, la cittadina di Iglesias delle sue rinomate eccellenti tradizioni sanitarie. Da ben 3 ospedali di altissimo livello, capaci di garantire la mobilità attiva, dando risposte all'intero territorio regionale e nazionale, la cittadina si é ridotta ad avere un unico ospedale, il CTO ancora in fase di ristrutturazione. Sono state spese ingenti somme di denaro pubblico per la sua ristrutturazione e adeguamento dei macchinari - continua la consigliera regionale - ed ancora oggi apprendiamo dalla stampa di un nuovo guasto che ha mandato fuori uso la radiologia tradizionale. Gli iglesienti - conclude la Cuccu - hanno diritto a prestazioni sanitarie efficienti da erogarsi in tempo reale ed immediato".

Sicurezza sul lavoro. Presentato a Roma il progetto "Picasso" dell'ateneo cagliaritano

“Dopo 30 mesi di ricerca e sviluppo prototipale, si è concluso il progetto di ricerca "Rls on line - Picasso" (Fondi bando Bric Inail 2016). “Teso alla realizzazione della piattaforma collaborativa nazionale per la tutela della salute e della sicurezza del lavoro rivolta alla comunità dei rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza (Rls), il progetto - spiega Gianni Fenu, delegato del rettore, Maria Del Zompo, per l’informatica e responsabile scientifico del lavoro - è stato sviluppato dai ricercatori del dipartimento di Matematica e informatica in raccordo con il dipartimento di Giurisprudenza dell’Università di Perugia, l’Inail, le confederazioni e Fondazioni sindacali Di Vittorio e SindNova,”. In sostanza, un altro bersaglio scientifico, tecnologico e applicativo colto dai ricercatori dell’ateneo di Cagliari. Ma anche la conferma di una reputazione ad alto valore aggiunto in ambito nazionale. Presentato in anteprima venerdì scorso nella sede romana del Parlamento Europeo, il progetto della piattaforma ha avuto il plauso degli esperti. All’evento, con gli specialisti dell’Università del capoluogo hanno preso parte i rappresentanti dei ministeri di Lavoro e Salute, del coordinamento delle Regioni e dei sindacati. Per il gruppo di ricerca guidato dai docenti Gianni Fenu e Michele Marchesi (ordinario di Informatica) un ulteriore attestato di proficuità su un tema di particolare e stringente attualità. “Il modello collaborativo che abbiamo concepito e realizzato è fruibile da qualsiasi dispositivo in modo dinamico. Le tecnologie adottate nel portale e il ruolo giocato per la sicurezza dei lavoratori sono - rimarca il professor Fenu, presidente della facoltà di Scienze - un esempio della qualità e dell'attenzione della ricerca dell'ateneo anche su temi attuali e delicati del sistema nazionale lavorativo. Nel team ha avuto un ruolo particolare nell'ingegnerizzazione l’assegnista di ricerca Ilaria Lunesu. Ha inoltre collaborato allo sviluppo la società FlossLab, primo spin-off informatico dell'Università di Cagliari”. Il progetto “Rls on line: la Rete per il lavoro sicuro” ha l’obiettivo di sviluppare una piattaforma di raccolta, analisi e condivisione di conoscenze e buone pratiche per la prevenzione, finalizzata a supportare le figure di rappresentanza e tutela della salute e sicurezza sul lavoro. Il tutto con una particolare considerazione per il ruolo dei Rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza (Rls a livello aziendale, territoriale e di sito produttivo). L’insieme delle istituzioni e degli enti coinvolti conducono, anche attraverso il progetto Picasso, attività di studio e ricerca coordinate e volte alla valorizzazione e alla condivisione del patrimonio delle conoscenze in materia di salute e sicurezza sul lavoro. Gli studiosi dell’ateneo del capoluogo hanno finalizzato gli aspetti tecnologici ad elevata innovazione, tematiche che contribuiscono anche al rafforzamento del dialogo tra gli attori della prevenzione e la partecipazione attiva dei lavoratori.

Cagliari. Sino al 7 dicembre va in scena il “Babel Film Festival”

Cagliari luogo di confronto e di scambio, città in cui le diversità si incontrano e dialogano. Domenica 1° dicembre a “Sa Manifattura” si è svolta la serata inaugurale del "Babel Film Festival" alla presenza di Paola Piroddi, assessore della cultura, spettacolo e Verde pubblico e Stefania Loi, presidente Commissione Pari Opportunità del Comune di Cagliari. Un’occasione importante, quella che il Festival offrirà attraverso una trentina di appuntamenti per un’altra settimana, per chi nel fare cinema, e più in generale arte, trova un fonte di creatività nella diversità delle lingue minoritarie (siano esse lingue, dialetti, parlate, slang e quant’altro), nella loro forza figurativa e comunicativa. Quelle lingue espressive che proprio perché non son ridotte alla necessità di una comunicazione sostanzialmente funzionale e funzionalistica, orientano una visione del mondo poetica e più vicina alla vita comunitaria, quella cornice che fa diventare la vita degna di essere vissuta nella quotidianità. Cagliari ha una sua dimensione culturale legata all’apertura e all’incontro con le altre culture, e il primo incontro avviene con lo scambio linguistico. La ricchezza della parlata cagliaritana può ritrovare una sua forza anche grazie a un festival che è sicuramente, insieme al patrimonio della memoria storica audiovisiva della nostra città depositata presso la Società Umanitaria – Cineteca Sarda che organizza e presenta il festival, un momento di aggregazione e di offerta culturale che arricchisce la nostra città.

Cagliari. In Piazza Garibaldi il grande Albero di Natale

Dalle 18 di sabato 30 novembre, il Natale cagliaritano si arricchisce grazie all'albero di dieci metri collocato nella Piazza Garibaldi che illuminerà il cuore dello shopping del capoluogo e darà l'opportunità ai cittadini e a chi arriverà a fare compere nel cuore della città, di poter scattare qualche foto ricordo utilizzando uno sfondo molto suggestivo. Il posizionamento è stato fatto nelle prime ore di della mattina di sabato ed è stato coordinato dall'Assessorato alle Attività Produttive e Turismo che ha scelto di abbellire la Piazza Garibaldi con uno dei simboli del Natale. "L'imponente struttura - ha commentato l'Assessore Alessandro Sorgia - darà un tocco in più alle festività nella nostra città, che già da alcune settimane si sta preparando alle tradizioni natalizie con luminarie in varie parti di Cagliari, nei mercati civici, con animazioni e attrazioni varie, insegne adibite appositamente per l'occasione, mercatini in Piazza del Carmine, Piazza Yenne e Corso Vittorio Emanuele II. Sono in programma anche tanti eventi e molto altro, il tutto per arricchire ulteriormente quell'aria natalizia che già si respira e che avrà un altro elemento di grande interesse come questo Albero alto dieci metri, addobbato e illuminato. Sarà uno spettacolo unico che, sono certo, verrà immortalato con foto e selfie da tutti coloro che non vorranno perdersi uno spettacolo unico offerto da questa attrazione".

Cagliari. I ragazzi dell’istituto di Giustizia Penale in gara nel campionato invernale di vela con New Sardiniasail

Hanno avuto problemi con la Giustizia ma sono pronti a virare verso acque più tranquille e navigare nel mare della vita rispettando le regole. Ad iniziare dalle regate del campionato invernale di vela. Debutto domenica 1 dicembre a Cagliari dove si inizia a regatare con due – 17 e 18 anni – dei sei ragazzi in affidato dal Dipartimento di Giustizia di Cagliari. Gli altri 4 ragazzi saliranno a bordo dalla prossima regata.

“In questi anni abbiamo lavorato molto sulla formazione attraverso la partecipazione a diversi corsi, le lezioni e le esperienze con navigatori professionisti, la preparazione della barca per regate internazionali come la Middle Sea Rice e la partecipazione con qualche soddisfazione agonistica ad alcune regate – fa la cronistoria dei progressi dell’associazione il presidente di New Sardiniasail Simone Camba -. Ora è arrivato il tempo di affrontare la sfida del campionato”.

Le regate si disputeranno tutte nelle acque antistanti la spiaggia del Poetto. “Dopo la Rolex Middle Sea Race Limafotodinamico, la barca dell’associazione, è stata preparata per queste regate alleggerendola di tutte quelle attrezzature necessarie per l'altura – sottolinea il presidente Camba -pertanto dovremmo avere una barca molto più reattiva e veloce”. C’è voglia di far bene e raggiungere un buon risultato.

“Sono dei ragazzi molto motivati, hanno una gran voglia di imparare e crescere – conclude il presidente Camba -. Per loro rappresenta l’opportunità di imparare uno sport di gruppo dove è fondamentale rispettare le regole, ma pure l’occasione per apprendere teoria e pratica professionale utili anche per trovare lavoro nel mondo della nautica”.

L’associazione è supportata da Fotodinamico, Slam, Lega Navale Italiana sez. di Cagliari e ultimo ottimo arrivato Specialcar Group Spa, concessionaria in Sardegna per i marchi BMW, MINI, Motorrad e Maserati e a Cagliari e Oristano per Mercedes-Benz, Smart e Volvo.

Gradimento governatori regionali. Christian Solinas in coda alla classifica

In base ai dati elaborati da Swg, relativi al gradimento di 16 governatori regionali (non sono stati raccolti i dati di Umbria, Molise, Valle d'Aosta e Trentino Alto Adige) il governatore della Sardegna, Christian Solinas si piazza al terz'ultimo posto. Al primo posto, Luca Zaia, presidente della regione Veneto. Alle sue spalle il governatore dell'Emilia Romagna, Stefano Bonaccini. In particolare, per la raccolta e l'elaborazione dei dati sull'efficacia dell'operato amministrativo dei presidenti delle Regioni, è stato coinvolto un campione di 10.800 maggiorenni residenti in Italia. All'ultimo posto della speciale classifica, Mario Oliverio, presidente della Calabria, prossima a nuove elezioni.

Cagliari. Società edile non dichiara al fisco oltre 1 mln di euro

La Guardia di Finanza di Cagliari, 2a Compagnia, ha concluso una verifica fiscale nei confronti di una società, con sede in Cagliari, che non ha dichiarato per l’anno d’imposta 2017 ricavi per oltre 1 milione di euro. L'azienda in questione, è stato individuata a seguito di una specifica attività di analisi di rischio eseguita a livello centrale dal Nucleo Speciale Entrate del Corpo, ulteriormente approfondita a livello locale mediante le risultanze acquisite durante le attività di controllo del territorio. Attività che le Fiamme Gialle svolgono abitualmente per individuare quei soggetti economici che presentano delle discrasie tra i dati riportati nelle dichiarazioni dei redditi e il reale volume delle operazioni attive ricostruibili attraverso le banche dati. Nello specifico, nel controllo della società verificata, è emersa l'esecuzione di numerosi lavori edili per i quali la stessa avrebbe beneficiato di pagamenti con bonifici finalizzati a consentire ai committenti privati le detrazioni previste. Incrociando i dati dei bonifici in entrata con la contabilità della società, i finanziari hanno ricostruito il reale volume d’affari per l’annualità 2017 – peraltro non dichiarato al Fisco attesa l’omessa presentazione delle previste comunicazioni - contestando ricavi non dichiarati per 1.089.710 euro.
Sottoscrivi questo feed RSS

giweather joomla module