Peppineddu conch’e sindria. Di Rosaria Floris

In evidenza Peppineddu conch’e sindria. Di Rosaria Floris
Anche quella sarebbe stata un’altra mattina simile a tutte le altre per Peppineddu, un bel ragazzino che nulla aveva per essere soprannominato in quel modo, ma siccome figlio e nipote di Antonino e Fernando, dotati di una testa grossa e allungata tanto da assomigliare a un cocomero, anguria, anche lui veniva chiamato con il soprannome di “conch’e sindria”. La scuola Santa Caterina era poco distante dalla sua casa, oltrepassata Porta Cristina, piazza Martini, via del Fossario, ecco che incontra i suoi compagni con l’insegnante, anche lui conosciuto col nome di “caramella succiara” per via del viso allungato e del colore giallo dei capelli. Lo aspettavano per salire le scale canticchiando quello stupido ritornello: “Ita bona est cussa sindria, beni, beni Peppineddu beni chi da sperrausu aicci n’di cala su succiu”. Ormai era una abitudine e anche se sapeva di non possedere quella testa grossa, sentiva di non sopportare più certe angherie. “Prima o poi ara accabai“ diceva tra se e se. Sua madre, Nunziatina, issa puru filla de una allumingiara mali chi bendiat in su mercau de Sant’Arega puddas e ous, dda tzerrianta: Rosa gallina. “Non ci pensis lollotedd’e mamma, immoi puru candu calincuna mi circat nanta; “chini, sa filla de Rosa gallina?. E’ moda de is casteddaius donai allumingius, ma custu no bolit nai chi sa genti e su bixinau funti malus, as a biri, chi tui puru, una di pensendi a immoi, t’as a ponni a arriri arregordendi su maistru de iscola d’as arregordai comenti: “Caramella succiara”. Ma bai, bai a giogai, bai chi is amighixeddus ti funti tzerriendi.” Dopo un po’ si rivolge alla figlia: Mariedda, beni a mamma chi oi faeus cussa castangia chi s’at portau Fisineddu Sparedda, dda faeus buddia, aicci ndi faeus “marron glacee” chi a Peppineddu, e a mei puru praxint meda. Apustis po prandi apu postu in si pingiara una puddixedda in brodu cun bona cibudda, appiu,patatas perdusemini e tomata siccada, ah!, apu postu puru unu bell’ossu de boi, aicci po di donai prùs sabori. E tui filla mia, olis calincun’atra cosa a prandi?“ L’autunno era arrivato portando nell’aria profumi di castagne, funghi, melagrane, colorando l’orizzonte in brucianti tramonti. Panorama quello che visto dal Castello, ti rapiva il cuore e la mente, portandoti lontano, verso i confini dei sogni. E Peppineddu conch’e sindria, Marietta nebodi de Rosa Gallina, vivevano in quel quartiere di Castello senza rendersi conto che quello era dimora di re e regine. Rosaria Floris
Ultima modifica ilSabato, 29 Ottobre 2016 21:41

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Cagliari