Comune Cagliari. Firmata l'ordinanza con le prescrizioni antincendio 2018

Il sindaco Massimo Zedda, con propria ordinanza n. 24 del 24 maggio 2018, ha disposto le consuete prescrizioni comunali antincendio e per la manutenzione e pulizia dei terreni incolti che causano rischi per la propagazione di incendi, con conseguente grave pregiudizio per l'incolumità pubblica delle persone e dei beni. In particolare, i proprietari, i conduttori, i detentori a qualsiasi titolo di terreni, appartenenti a qualunque categoria d'uso del suolo, siano di proprietà di Enti pubblici o di privati (soggetti giuridici o persone fisiche) nonché i responsabili di cantieri edili e stradali, i responsabili di strutture turistiche, artigianali e commerciali, con annesse aree pertinenziali private, devono procedere agli interventi di pulizia e di manutenzione che dovranno essere tutti effettuati ciclicamente in modo da garantire la perfetta pulizia e manutenzione dei luoghi entro e non oltre il 1° giugno del corrente anno, e successivamente, ogni qualvolta necessario, e comunque fino al 31 ottobre 2018. In caso di inadempienza sono previste sanzioni amministrative pecuniarie da 50 a 500 euro.

Guardia di Finanza. Operazione “Eclissi”: scoperta un’ingente frode al bilancio nazionale

I finanzieri del nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Cagliari e gli ispettori del Corpo Forestale e di Vigilanza Ambientale della Sardegna, nell’ambito di articolate e complesse attività di polizia giudiziaria, dirette dalla locale procura della repubblica, stanno dando esecuzione al sequestro preventivo, anche per equivalente, disposto dal g.i.p. di Cagliari, nei confronti di un’associazione a delinquere ritenuta responsabile di una rilevante truffa aggravata ai danni dello stato e di lottizzazione abusiva. Coinvolte due società, alle quali è stata attribuita la cosiddetta responsabilità parapenale, prevista per gli enti attraverso i quali sono perpetrati determinati illeciti penali. I provvedimenti cautelari reali hanno ad oggetto 2 impianti fotovoltaici ed i pertinenti terreni, per un’area complessivamente pari a 18 ettari, ubicati nei comuni di San Giovanni Suergiu e Santadi, nonché, per equivalente, oltre 130 tra fabbricati e terreni, dislocati in Sardegna ed in Emilia Romagna, e 280 tra conti correnti e cassette di sicurezza nonché quote societarie, sino a concorrenza del complessivo importo di circa 16 milioni di euro, corrispondenti agli indebiti vantaggi ottenuti fraudolentemente. Destinatari del sequestro sono 5 soggetti: due operatori del settore delle energie rinnovabili (i due imprenditori sono rispettivamente uno di origini romagnole, ma residente a Sant’Anna Arresi e l’altro romano. Coinvolto inoltre il professionista di fiducia di questi ed altri 2 soggetti organici al consorzio illecito, a cui sono state ascritte responsabilità penali per truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche, ai danni del gestore dei servizi energetici (g.s.e.) di Roma. Gli accertamenti economico-finanziari e le intercettazioni telefoniche hanno consentito di disvelare che l’articolato meccanismo di frode si è realizzato attestando falsamente che l’attività esercitata dalle due aziende titolari degli impianti fotovoltaici sarebbe stata prevalentemente agricola, anziché, come acclarato tramite le complesse investigazioni, rivolta essenzialmente alla produzione di energia elettrica. Inoltre, per ottenere i benefici, il sodalizio ha raggirato il g.s.e., presentandogli anche un progetto totalmente difforme da quello approvato dagli uffici tecnici comunali di San Giovanni Suergiu e Santadi, ove insistono gli impianti, ricorrendo così in responsabilità penali in materia di lottizzazione abusiva. Non di meno, le strutture realizzate a tal fine, qualificate falsamente come serre fotovoltaiche, in realtà non sono state funzionali all’esercizio di attività agricola, che, infatti, ha prodotto ricavi irrisori, bensì utilizzate quali meri supporti a sostegno dei pannelli fotovoltaici adoperati strumentalmente per la produzione su scala industriale di energia elettrica. Conseguentemente, i predetti impianti ed i terreni su cui insistono, del valore di svariati milioni di euro, sono stati colpiti dal provvedimento cautelare reale in quanto corpo del reato di truffa aggravata ai danni dello stato, contestato all’associazione delittuosa. È stata, altresì, applicata la normativa sulla responsabilità amministrativa degli enti, che consente il sequestro per equivalente anche a carico delle due società agricole, proprietarie degli impianti per le produzione di energie alternative, considerate fittiziamente rivestire tale qualificazione giuridica, essendo state, invero, ritenute vere e proprie imprese commerciali. Proprio in ragione di tale ultimo aspetto e nella logica volta a radiografare in modo trasversale ogni elemento emerso dalle indagini, le fiamme gialle hanno valorizzato le risultanze rilevate in ambito penale, effettuando ulteriori approfondimenti tipici della polizia economico-finanziaria, che hanno riguardato gli aspetti fiscali della complessiva vicenda investigata. In esito a tali attività, è emerso che le due imprese, attribuendosi la fittizia qualificazione giuridica di “azienda agricola”, hanno anche beneficiato illegittimamente del regime tributario agevolato di tassazione su base catastale del reddito prodotto, in realtà non spettante trattandosi di una vera e propria attività imprenditoriale assoggettata ad un carico fiscale ben più oneroso. Nel dettaglio, gli specialisti del nucleo di Polizia Economico-Finanziaria hanno ricostruito la complessiva posizione tributaria delle società, riqualificando i redditi dichiarati e constatando la sottrazione a tassazione di ricavi per circa 21 milioni di euro, oltre all’appostamento contabile di costi non deducibili per quasi 2,6 milioni di euro. Sono tuttora in corso, da parte della Guardia di Finanza, anche specifici approfondimenti diretti ad individuare le eventuali responsabilità amministrative per danno erariale conseguenti ai comportamenti tenuti dai componenti dell’associazione illecita per aver indotto in errore il g.s.e. Sul possesso dei requisiti richiesti per accedere alle predette provvidenze pubbliche, erogate a titolo di “contributi tariffe incentivanti fotovoltaico”. L’operazione in questione costituisce un continuum delle attività a presidio del settore, come hanno dimostrato gli esiti conseguiti lo scorso anno, allorquando, nell’ambito dell’analoga operazione “helios”, è stata scoperta l’indebita percezione di contributi pubblici per oltre 22 milioni di euro e un conseguente danno erariale di pari entità, nonché un’evasione fiscale per oltre 42 milioni di euro. Allora furono 6 i soggetti denunciati per violazioni di natura penale, tributaria ed amministrativo-contabile.

Cagliari. Al via la 10a edizione di Leggendo Metropolitano

Ideato e promosso dall'associazione Prohairesis, ritorna a Cagliari, dal 7 al 10 giugno, Leggendo Metropolitano. Il celebre festival internazionale di culture e tecniche avanzate avrà come titolo "Tengo famiglia" e si svolgerà principalmente tra i Giardini Pubblici e il Teatro Civico di Castello. L'articolato programma prevede 40 incontri con oltre 70 personalità nazionali e internazionali della letteratura, della scienza e della cultura. Tra queste lo studioso delle scienze cognitive Daniel C. Dennett, autore del volume "L'io della mente"; Moni Ovadia, lo scrittore cinese Yu Hua, il turco Hakan Günday, la spagnola Almudena Grandes, l'inglese Jeffrey Archer e gli italiani Carlo D'Amicis e Giampiero Mughini. Tra i temi peculiari della manifestazione, la famiglia, la sostenibilità ambientale, la cultura, la scuola e la disabilità. Il tutto condito dalle note musicali del pianista Francesco Libetta, dedicato a Scarlatti, alle "Arie di famiglia" proposte dall'associazione Musiceverywhere, al jazz dei cagliaritani Andrea e Alessandro Angiolini, e allo spettacolo di Moni Ovadia che domenica 10 chiuderà il Festival. Diversi anche gli eventi collaterali dedicati all'ambiente e alla città. Uno per tutti, il laboratorio Biblioteca Vivente, iniziativa finalizzata a ridurre i pregiudizi e favorire il dialogo, già sperimentata l'anno scorso all'Orto botanico. Spazio ancvhe ai più giovani con il BookCamp, insieme ai laboratori creativi Street Books e Bibliositting (curati dall'associazione Miele Amaro) e il Biblioterapista, l'originale libraio che cura i suoi pazienti con i libri.

Cagliari. Donne di Carta, il lavoro che unisce e che divide. Incontro - seminario

L’Università di Cagliari e Giulia giornaliste promuovono un incontro-seminario su alcuni temi di grande rilevanza sociale: lavoro delle donne, discriminazioni di genere, divario salariale, molestie sessuali e sessiste sul lavoro. L'appuntamento è per mercoledì 23 maggio presso l'Aula Motzo, Facoltà di Studi Umanistici dell’Università di Cagliari, dalle ore 10.00 alle 13.00. Studiose, economiste, professioniste, imprenditrici, forniranno dati ed elementi per tracciare il quadro aggiornato relativo alla nostra isola. Elisabetta Gola, docente di Teoria dei linguaggi tra le promotrici del convegno, afferma: “ci sono ancora schemi, pregiudizi e stereotipi che spesso rendono più complicata la vita lavorativa delle donne rispetto a quella dei colleghi. Divisioni e barriere che devono essere superate nel rispetto della diversità e specificità proprie di ciascun genere.” Oltre alla rettrice dell’Università di Cagliari, Maria Del Zompo e alla Presidente della Facoltà di Studi Umanistici Rossana Martorelli, intervengono l’Assessora regionale al lavoro Virginia Mura che farà il punto sulle misure a favore dell’occupazione femminile e per l’impresa, la Consigliera di parità, Tiziana Putzolu, che analizzerà il fenomeno delle molestie nell’ambito delle discriminazioni, l’avvocata Valeria Aresti che si occuperà di molestie e stalking sulla base di sentenze su casi locali. “La disparità di genere sul lavoro deve essere affrontata con un approccio multidisciplinare, sostiene Susi Ronchi, coordinatrice di Giulia giornaliste. Servono ottiche, competenze diverse e l’attenzione quotidiana dei media per comprenderne a fondo le origini e contrastarne gli effetti”. La riflessione sarà sollecitata dalla presentazione del libro della giornalista Mara Cinquepalmi “Donne di carta”. Intervengono anche l’imprenditrice Luisella Cardia (PRO.MI.S.A.), la Segretaria regionale della Cgil Caterina Cocco, la consulente del lavoro Francesca Bragaglia, la presidente di Lamas e Sardegnasopratutto Maria Antonietta Mongiu, la direttrice della CNA di Rieti Enza Bufacchi che proporrà una riflessione sulle differenze di stile di leadership e sulla necessità di formazione nella direzione del rispetto delle differenze di genere, le docenti universitarie Francesca Ervas (filosofa del linguaggio), Michela Floris (esperta in Economia famigliare), e Valentina Favrin che racconterà la realtà della tratta delle donne migranti. La tavola rotonda, coordinata dalla giornalista Carmina Conte, sarà preceduta da un’introduzione dei Presidenti dell’Ordine dei giornalisti Francesco Birocchi, del Corecom Mario Cabasino, dell’Assostampa Celestino Tabasso. Partecipano gli studenti dell’Istituto Superiore Primo Levi di Quartu, nell’ambito dell’alternanza Scuola/Lavoro. L’evento rientra nella manifestazione ”25 novembre tutto l’anno”, promossa dalla Rettrice e dal Comitato Unico di Garanzia, cui la Facoltà di Studi Umanistici aderisce.

San Sperate. Al via Sant'Arte, festival di arti visive

Promosso dalla Fondazione Sciola, in collaborazione con l'Università di Cagliari, con il contributo di Fondazione di Sardegna e Comune di San Sperate e col patrocinio del Ministero dei Beni Culturali e dell'Assessorato Regionale della Cultura, dal 25 al 27 maggio parte la prima edizione di Sant'Arte. Un festival di arti visive il cui filo conduttore è rappresentato dal tema principale dell'evento, ovvero: "ambiente e storia, arte e racconto". Una iniziativa che valorizza mezzo secolo di murales, nel ricordo di Pinuccio Sciola, artista scomparso due anni fa. Tre giorni caratterizzati da dibattiti e laboratori con residenti e visitatori, invitati ad esprimersi con le mani per le creazioni artistiche e con i piedi per camminare tutti insieme in una festosa parata. Spazio anche alle discussioni sul possibile sviluppo turistico-economico-culturale del paese, per ribadire - come ha sottolineato la direttrice della Fondazione organizzatrice, Maria Sciola che "si può vivere di bellezza". Tra gli ospiti di spicco il filosofo Diego Fusaro e le rappresentanti della Biennale di Cerveira, in Portogallo, Margarida Barbosa e Ana Vale Costa.

Quartu S. Elena. Un successo la 12a edizione di Giocomix

Giunto alla sua 12a edizione Giocomix ha dimostrato ancora una volta di essere un successo. Ospitato presso l'hotel Setar, il festival del gioco e del fumetto è stato preso d'assalto da numerosi appassionati. Bambini, adolescenti e più grandi, tutti insieme per vivere la particolare atmosfera fatta di fumetti, videogiochi, tornei e le gare dei cosplay. Il numero di visitatori, attraverso le diverse edizioni, cresce in maniera esponenziale. Nel 2010 erano appena quattrocento. Nel 2015 cinquemila. Boom di presenze nel 2017: sedicimila. E proprio sulla base di questi risultati anche per il 2018 le aspettative sono molto alte. All'interno degli spazi che ospitano la manifestazione si può trovare di tutto: dalle costruzioni Lego, ai gadget, i fumetti, videogiochi e tanto altro. E tra le novità, in arrivo la Gaming island, una associazione sociale e sportiva che intende radunare tutti i giocatori che vogliono praticare la loro disciplina preferita in un contesto di percorsi che prevedono la presenza di coach e di regole.

Gonnesa. Eseguita autopsia sul giovane che sfigurò Valentina Pitzalis

E' stata eseguita al Policlinico di Monserrato l'autopsia sul corpo del giovane, riesumato su ordine del Gip di Cagliari e del pm che sta coordinando l'inchiesta aperta dopo l'esposto presentato dai familiari del defunto. La prima inchiesta della Procura si era chiusa con l'archiviazione perché gli investigatori avevano accertato che era stato lui stesso ad appiccare le fiamme, nel tentativo di bruciare la moglie, Valentina Pitzalis, a seguito di una lite. Per avere gli esiti dell'autopsia saranno necessarie diverse settimane. In base alla prima ricostruzione, effettuata all'indomani dell'accaduto, sarebbe stato proprio lui ad appiccare le fiamme che sfigurarono gravemente la moglie Valentina Pitzalis. L'inchiesta, riaperta a seguito dell'esposto della famiglia del giovane, vede ora indagata Valentina Pitzalis per incendio doloso e omicidio. Il difensore della donna ha dichiarato di attendere l'esito degli esami istologici e tossicologici dei tessuti prelevati dai periti per accertare con precisione le cause della morte.

Alghero. Le alghe minacciano la stagione turistica. Protesta degli operatori turistici

Stagione a rischio per la presenza consistente di posidonia nei litorali algheresi. Portate dalle forti mareggiate le alghe preoccupano gli operatori balneari e turistici locali che, supportati da diverse forze politiche di destra (Forza Italia, Fratelli d'Italia, Nuovo Centrodestra, Azione Alghero, Lega Nord, Psd'Az e Gruppo misto di minoranza) hanno organizzato un sit-in sopra la posidonia che domina sulla spiaggia di San Giovanni, a ridosso del porto turistico. Diversi i suggerimenti per cercare di risolvere la situazione prima dell'avvio della stagione. Tra questi, il consigliere regionale forzista, Marco Tedde, propone la rimozione immediata delle alghe. Il rappresentante del Sindacato Italiano Balneare suggerisce invece di portare la posidonia presso l'azienda agricola della Regione, a Surigheddu. Intanto cresce il malcontento degli operatori che mettono in guardia le istituzioni: "i turisti chiedono conto di questa situazione e i tour operator stanno per desistere".
Sottoscrivi questo feed RSS

Cagliari