Siria, guerra e fake news. Di Murizio Ciotola

In evidenza Siria, guerra e fake news. Di Murizio Ciotola
Il Pianeta è arroventato, le tensioni politiche tra i Paesi che si riversano in luoghi marginali per inasprire i loro scontri politico militari, generano migliaia e nel tempo, milioni di morti senza appello. la Siria è figlia di quel mai terminato scontro tra blocchi contrapposti, che prima si sorreggevano su ideologie opposte, adesso su banali e materialissimi valori privi in sé di alcun significato. Così è stata la Libia, spartita in tre aeree per soddisfare la "sete" di oro nero dei tanti Paesi di un occidente opulento, senza dover pagare alcun dazio allo Stato su cui insistono le risorse petrolifere. La destabilizzazione del M.O. avviata da anni, dal lontano 1947, dopo il passaggio del protettorato inglese al nuovo Stato ebraico, Israele, ha avuto momenti in cui si incominciò ad intravedere la fine di un conflitto, che aveva come epicentro Israele e la popolazione palestinese. L’omicidio di Rabin, avvenuto per mano di un folle, in un Paese che vanta i migliori servizi segreti del globo, costituisce l’inizio di quella nuova fase attraverso cui è stato possibile arrestare il processo di pace in corso ed impedire qualsiasi altro futuro, già minato in sé dagli eventi della guerra del golfo del 1990 e successivi ricorsi. Gli attori che si muovono nell’ombra e che quasi sempre portano nomi sconosciuti all’opinione pubblica, sono anche quelli capaci di costruire e produrre fatti inesistenti attraverso documenti artefatti, dei quali la veridicità può essere attestata solo da pochi, dagli stessi “pochi” che producono in campo avverso e con analoga capacità, documenti artefatti o totalmente irreali, per fatti inesistenti dagli effetti contrari. Fake news le chiamano oggi, ma sono falsità che da sempre sono state fornite attraverso canali ufficiali, delle istituzioni, per impedire la conoscenza della realtà. Non stiamo raccontando niente di nuovo e solo per parlare dei nostri fatti, dei misteri irrisolti nel nostro Paese, dei depistaggi organizzati e pianificati dagli organi militari, della polizia giudiziaria, dalle istituzioni governative e da qualche capo dello Stato, dovremmo riempire innumerevoli volumi enciclopedici. Le ultime e recenti foto e le immagini della vittime del gas nervino o similare, utilizzato in Siria, fanno accapponare la pelle, generano terrore e sdegno, alimentano reazioni pericolose e non meno violente, verso l’obiettivo accreditato come responsabile in una valutazione sommaria e veloce. Il giudizio attraverso i tradizionali organi mediatici, ma soprattutto per mezzo di una diffusione in rete, sui social-network, di immagini con didascalia semplificata e forzata, in una banale associazione di causa ed effetto, "Assad-strage con l’utilizzo di gas", ha già espresso una sentenza: intervento militare in Siria e destituzione del sovrano. Ancora una volta centinaia di innocenti, tra cui numerosissimi bambini, vengono sacrificati sull’altare di interessi internazionali, che non hanno nulla di umano. Per cercare di dipanare le nebbie e riuscire ad orientarci, ricordiamo le parole di Guido Olimpo sul Corriere della Sera, di qualche anno fa. Subito dopo il primo insediamento alla Casa Bianca di Barak Obama, Olimpo descriveva la variante della politica estera decisa dal nuovo vertice. Una nuova politica che non intendeva più far sventolare la bandiera degli Stati Uniti nei luoghi in cui si riteneva utile portare la “democrazia” o “liberare” le popolazioni dai dittatori locali, ma bensì approvava la variante con cui sostituire l’intervento delle ufficiali forze armate con quello dei servizi segreti, attraverso i quali addestrare gruppi locali da guidare e a cui affidare l’onere dello scontro, della ribellione. Se lo scacchiere mediorientale è oggi un territorio ardente e instabile, gran parte delle cause hanno origine fuori dai territori e dai Paesi che lo abitano, probabilmente non meno di questa ennesima e ripugnante strage in Siria. Maurizio Ciotola
Ultima modifica ilVenerdì, 07 Aprile 2017 20:01

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Cagliari