Cagliari. Dignità e sicurezza in Piazza Matteotti: avviati i lavori più urgenti

L'obiettivo è quello di rendere di nuovo fruibile, riportare dignità e soprattutto sicurezza in uno dei luoghi simbolo della città e per questo, in attesa che si rifaccia il look con un intervento definitivo, sono iniziati in questi giorni i lavori per la sistemazione provvisoria di Piazza Matteotti che entro due mesi sarà riaperta ai cagliaritani. Verranno, infatti, realizzate alcune passerelle pedonali, larghe circa due metri, che permetteranno l'attraversamento della Piazza dal lato stazione verso il Largo e tra il capolinea dell'ARST e il Palazzo Civico. Le strutture saranno dotate di parapetti realizzati con gli stessi materiali presenti nell'Anfiteatro Romano e tutto intorno, per migliorare la sicurezza e il decoro, verranno ridisegnati gli spazi con la ghiaia bianca in modo da conferire un aspetto più ordinato a tutto lo scenario. I dettagli dell'intervento, sono stati illustrati oggi in una apposita conferenza stampa convocata dal Sindaco di Cagliari, Paolo Truzzu.

“Era ormai diventato difficile – ha spiegato il primo cittadino del capoluogo sardo – attraversare la piazza e camminarci. Ci sono stati alcuni incidenti capitati ai passanti e allora abbiamo dato il via libera ad un primo intervento per mettere in sicurezza Piazza Matteotti, creando un sistema di camminamenti semplice che consentisse l'attraversamento della stessa. Contemporaneamente abbiamo impedito l'accesso alle zone meno sicure. In poco tempo, questo intervento di permetterà di restituire ai cittadini un luogo simbolo della città in attesa di un intervento definitivo”.

L'Amministrazione, infatti, ha già in programma di realizzare un concorso di progettazione che consenta a professionisti di livello, di dare delle prospettive interessanti sulla riqualificazione della piazza. “È un luogo che richiedere un intervento strutturale più importante che riguarderà non solo la piazza ma tutta la via Roma” ha concluso il Sindaco che ha voluto al suo fianco l'Assessora ai Lavori Pubblici, Gabriella Deidda.

“Abbiamo utilizzato – ha precisato l'Assessora Deidda – i parapetti dell'Anfiteatro che poi potranno essere smontati e riutilizzati per altre opere di riqualificazione”.

“Quello relativo a Piazza Matteotti – ha voluto aggiungere Umberto Ticca, Presidente della Commissione Consiliare Lavori Pubblici – è stato uno dei primi argomenti affrontati per uno dei punti cruciali sia per gli eventi che come porta della città. Con questo intervento arriveremo con maggiore serenità al progetto futuro, ma abbiamo già fatto un passo avanti verso una piazza che a breve sarà fruibile e percorribile”.

In futuro, Piazza Matteotti dovrà diventare il biglietto da visita di una città che si apre sul Mediterraneo, gradevole e innovativa. E in attesa che le idee si trasformino in progetti specifici, il primo passo è stato quello di rendere i luoghi più sicuri e utilizzabili. A spiegare i dettagli tecnici dell'intervento è stato il Dirigente del Servizio Lavori Pubblici, Daniele Olla. “Con questi lavori, anche i disabili potranno riattraversare la piazza. Avevamo la necessità di eliminare le recinzioni di cantiere che creavano qualche problema e adesso restituiremo un attraversamento sicuro e illuminato che metterà in comunicazione il Largo con la Sazione e con l'ARST. Non sono previste panchine o spazi di stazionamento perché la piazza, all'interno, non è in sicurezza, ma verrà ridato decoro alla zona, tutelando anche gli alberi che si trovano all'interno della piazza”.

Cagliari. I chiarimenti dell'assessore Paolo Spano sulla sicurezza cittadina e sul Corpo della Polizia Locale

L’assessore Paolo Spano, in conferenza stampa oggi per fornire chiarimenti sui motivi che hanno portato alla decisione di affiancare agli agenti della Polizia Locale, quelli delle altre Forze dell’Ordine. Chiarimenti per l’Amministrazione Comunale resisi necessari “per smentire categoricamente alcuni organi di stampa che hanno diffuso articoli che, non solo ridicolizzano la nostra Polizia Locale, ma sono pericolosi”. Ad aprire l’incontro di Palazzo Bacaredda, l’assessore Spano che nell’affollata Sala del retablo ha anche scandito: “La nostra Polizia Locale non ha bisogno di essere supportata da nessuno. È stata strumentalizzata una mia dichiarazione secondo la quale, per i problemi di sicurezza del quartiere Marina, saranno operative seguendo un preciso calendario delle pattuglie interforze che di volta in volta vedranno affiancate la Polizia Locale, con la Polizia di Stato, con i Carabinieri e la Guardia di Finanza. Quindi, non si tratta di una richiesta di aiuto da parte della Polizia Locale, piuttosto di un preciso piano strategico per contrastare i diversi problemi di ordine pubblico e di sicurezza del quartiere Marina”. “Le dichiarazioni pericolose – ha aggiunto l’esponente della Giunta Truzzu e titolare della Sicurezza – riguardano invece il travisamento di alcune richieste fatte dai rappresentanti sindacali della Polizia Locale circa le fondine delle pistole in dotazione al Corpo, nell’ambito della Commissione consiliare permanente Sicurezza, tenutasi il 2 dicembre. Dichiarazioni, quelle, che risultano registrate nel verbale della seduta, consultabile da chiunque. Affermo con forza che la fondina in dotazione alla Polizia Locale di Cagliari è estremamente sicura. Affermare il contrario significa far passare un messaggio pericoloso. L’unica richiesta che è stata fatta dai sindacati è la seguente: “in caso di usura che comporta la rottura di una o più parti si dovrebbe ottenere subito l’immediato ricambio. I riferimenti ai fatti di Trieste erano solo per ricordare che anche i piccoli episodi di incuria possono sfociare in tragedia. Ribadisco perciò che le fondine della nostra Polizia Locale sono più che sicure perché sono fornite di tre livelli di sicurezza” “Un ultimo aspetto da rilevare – ha concluso Spano – tutte vengono chiamate Forze dell’Ordine. Ma la Polizia Locale è anche: Polizia Giudiziaria, Polizia Stradale, Polizia Amministrativa e infine si occupa di Pubblica Sicurezza”. All’incontro con i giornalisti non poteva mancare il comandante della Polizia Locale, Mario Delogu che, evidenziando come “quello di Cagliari sia l’unico Corpo della Polizia Locale in Sardegna che effettua un servizio H24”, ha tracciato il quadro delle sue attività. Comprese quelle di “contrasto al commercio abusivo e ai fenomeni di degrado urbano, legati, in special modo, al consumo di alcol nelle ore notturne nelle strade e nelle piazze del centro storico”. Fondamentale, inoltre, il ruolo degli agenti e degli ufficiali della Polizia Locale in ambito sanitario (trattamento e accertamento sanitario obbligatorio) che nel 2018 ha fatto registrare 90 interventi, al momento 70 in questo 2019 (3 soltanto negli ultimi giorni). Per ciò che concerne invece le sanzioni erogate per la violazione del Codice della Strada, nel 2018 se ne sono contate circa 80mila. Mentre i contatti registrati dal Centro Radio sono stati oltre 190 mila. Numeri e attività decisamente non trascurabili quelle svolte dalle donne e dagli uomini della Polizia Locale di Cagliari. E perciò, “questa conferenza stampa era necessaria per fare chiarezza con l’obiettivo di preservare la sicurezza di cittadini e visitatori su tutto il territorio comunale”, ha spiegato Marcello Polastri, presidente Commissione Politiche della Sicurezza.

Pula. Attacco dell'opposizione per la ruspa tra i bagnanti

I consiglieri di minoranza del Comune di Pula insorgono contro la ruspa impegnata nelle operazioni di pulizia dell'arenile nella spiaggia di Su Guventeddu. A dire il vero l'operzione di pulizia non è una novità in quanto viene effettuata da sempre. La novità è l'orario in cui si è svolto l'intervento che, al posto delle prime ore dell'alba, è stato pianificato in pieno giorno, in mezzo ad una spiaggia affollata di da diversi bagnanti, tra i quali numerosi bambini. Da qui l'attacco dell'opposizione in consiglio comunale, che fa sapere di considerare l'accaduto molto grave, non solo per il disagio arrecato ai bagnanti ma, soprattutto, per i rischi connessi all'incolumità delle persone presenti.

Ferragosto. Più sicurezza con i controlli delle forze dell'ordine

Estate Sicura, è questo il nome del piano adottato dalla Polizia di Stato per rendere più sicura Cagliari e provincia. Grazie anche alla collaborazione con i Carabinieri, Polizia Municipale e Guardia di Finanza, le prime settimane di lavoro congiunto hanno prodotto quasi 400 persone identificate, oltre 160 veicoli controllati, sei chili di droga sequestrati, 15 arresti e 10 denunce. In occasione del Ferragosto, è previsto un potenziamento delle attività di controllo, non solo presso le zone costiere, ma anche al centro storico e a tutte le aree di maggior afflusso turistico. A ciò si aggiunge il monitoraggio dei quartieri residenziali, tradizionalmente meno abitati a causa delle vacanze e per questo più soggetti al rischio di furti o intrusioni. In città è previsto, per questo fine settimana, un impiego di 12 pattuglie della Squadra Volante. A queste se ne aggiungeranno successivamente altre 12, facenti capo al Reparto Prevenzione Crimine. Ma i controlli riguarderanno anche le le strade, le stazioni ferroviarie, i porti e gli aeroporti.

Cagliari. Città nel caos per il concerto di Vasco Rossi

Mentre la viabilità soffre per il grande traffico causato dai divieti conseguenti l'arrivo del Blasco in città, i suoi fan continuano ad arrivare da tutta la Sardegna e la penisola. A tal proposito al porto è arrivata una nave della GNV, appositamente proveniente da Genova, con a bordo un numero importante di appassionati (circa 200) che assisteranno al grande concerto della Fiera. L'appuntamento, che rappresenta a pieno titolo un grande evento (previste 35 mila persone), ha letteralmente paralizzato alcune zone della città, blindata per le misure anti-terrorismo, penalizzando tantissimi cagliaritani che sono stati costretti ad inventarsi strade alternative per recarsi al lavoro o semplicemente per andare al Poetto. File di auto interminabili, irritazione degli automobilisti alle stelle, per non parlare dell'accampamento davanti alla Fiera, dove migliaia di fan bivaccano, creando non poco disagio agli abitanti della zona. Sui social crescono le critiche per la maldestra organizzazione dell'evento.

Cagliari. Sicurezza, lotta ad hacker e frodi informatiche, pre finali del corso curato dal Dipartimento ingegneria elettrica ed elettronica

Si sono svolte oggi, giovedì 6 giugno, dalle 9, nell’aula calcolatori “Lidia” della facoltà di Ingegneria e architettura dell'ateneo cagliaritano, le sfide finali tra gli allievi che hanno frequentato il corso di formazione e addestramento cyberchallenge.it. L'evento, che si svolge in contemporanea nazionale con altre diciassette Università coinvolte, vede il coordinamento di Giorgio Giacinto, docente al Diee (Dipartimento ingegneria elettrica ed elettronica). Venti i ragazzi selezionati a gennaio, provenienti dalle facoltà di Ingegneria e architettura, Matematica e Informatica dell’Università del capoluogo regionale, e dagli istituti superiori Brotzu (Quartu), Scano e Giua (Cagliari). La sfida contribuisce alla classifica nazionale e alle classifiche delle sedi locali. Nella giornata di venerdì 7 giugno, l’aula magna “Capitini” - facoltà Studi umanistici, Sa Duchessa - alle 12 si svolgeranno le premiazioni dei migliori tre classificati con un quarto allievo che verrà indicato dai docenti del corso. I quattro vincitori saranno i componenti della squadra che rappresenterà l’Università di Cagliari alla sfida nazionale a squadre che si svolgerà il 27 giugno a Chiavari. La finale nazionale del corso sulla sicurezza informatica si terrà al Comando interforze, luogo in cui è stato realizzato Ultravox, primo “cyber range” italiano. Ai lavori partecipano anche diverse aziende del comparto. I venti allievi hanno seguito il corso intensivo durato tre mesi e avviatosi a marzo. “Un cammino - spiega il professor Giacinto - estremamente impegnativo, svolto contemporaneamente in diciotto atenei italiani su iniziativa del Laboratorio nazionale di cybersecurity del Cini, il Consorzio interuniversitario nazionale per l’Informatica. Abbiamo avuto il supporto del Sistema di informazione per la sicurezza della Repubblica e del ministero della Difesa”. Su scala nazionale hanno presentato domanda di ammissione oltre tremila ragazzi fra i 16 e i 23 anni. Ma al corso sono stati ammessi venti allievi per sede. Le attività formative tenutesi in ateneo - responsabile Giorgio Giacinto - hanno avuto l’apporto didattico e scientifico di Davide Maiorca (ricercatore, Diee) e la collaborazione del gruppo di ricerca del Dipartimento di matematica e Informatica guidato da Massimo Bartoletti.

Messa in sicurezza incroci a raso SS131. Avviati i lavori preliminari

Avviati gli interventi preliminari per l'eliminazione degli incroci a raso sulla statale 131. I lavori che interessano il tratto di strada in provincia di Oristano, all'interno del territorio comunale di Bauladu, comporteranno delle limitazioni al traffico nella carreggiata in direzione Cagliari. Nello specifico, fino al 31 maggio, per tratti non superiori ai 300 metri, rimarrà chiusa al traffico la corsia di marcia tra il km 108,000 e il km 110,000, nella fascia oraria compresa tra le 7 e le 18 (esclusi i giorni festivi). La circolazione verrà deviata nella corsia di sorpasso libera dai lavori.

Cagliari. Evento informativo sul nuovo bando "ISI" dell'Inail

Pubblicato il 20 dicembre 2018, il bando mette a disposizione oltre 10 milioni di euro di incentivi a fondo perduto per le aziende sarde che vogliono investire in sicurezza. Il primo evento informativo sul territorio si terrà il 28 marzo dalle 9:30 alle 12:30 - nell’Auditorium di Banca Intesa San Paolo/CIS in viale Bonaria a Cagliari. Giunto alla sua nona edizione, il bando introduce alcune novità come l’incremento dello stanziamento; l’incentivazione degli interventi di adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale; due settori specifici di attività, tessile e pesca, in sostituzione dei settori del legno e della ceramica, previsti nel bando dello scorso anno; l’ampliamento e affinamento delle definizioni sulla classificazione degli interventi ammissibili. Nel corso dell’evento, organizzato dalla Direzione regionale Sardegna, saranno illustrate le principali peculiarità del nuovo bando e le novità; saranno forniti informazioni e chiarimenti, utili sia ai professionisti incaricati di curare l’istruttoria delle domande, sia alle ditte interessate ad ottenere il finanziamento di cui al bando 2018.
Sottoscrivi questo feed RSS

giweather joomla module