Cagliari. Sgominata banda di nomadi "caminanti"

Erano dediti a raggiri ai danni di anziani e persone sole, truffe degli specchietti retrovisori con i falsi incidenti stradali e furti in genere. La Polizia di Cagliari ha sgominato una banda di nomadi "caminanti", gruppo originario di Sicilia e Calabria, da tempo accampato lungo la bretella che collega la Provinciale 387 con la zona industriale di Settimo San Pietro. Il blitz, effettuato dall'Ufficio Prevenzione della Divisione Anticrimine della Questura, è la conseguenza delle numerose segnalazioni provenienti da vari comuni dell'isola. Una volta raggiunto il campo nomadi, le forze dell'ordine hanno identificato 14 adulti e 9 minorenni. Nel campo erano presenti 3 autocaravan, 5 caravan, alcuni anche di lusso, e 8 auto. Ad una donna è stato notificato un foglio di via obbligatorio e due decreti di rimpatrio nel comune di residenza in provincia di Catania emessi il 24 e 28 giugno 2017 dal Questore di Sassari. Altri due nomadi, una donna e un uomo, sono stati denunciati per inottemperanza ai provvedimenti di rimpatrio. Un altro foglio di via non è stato notificato perché uno dei componenti del gruppo si è reso irreperibile. Precedenti anche per altre persone appartenenti alla banda.

Cagliari. Sgominata banda di nomadi "caminanti"

La crisi del commercio si fa sentire anche in Sardegna dove la riduzione del comparto ha fatto registrare un - 17,7% negli ultimi dieci anni. Peggio hanno fatto la Valle d'Aosta (-21%), la Sicilia (-20,8) e il Piemonte (-18,6). Alla scomparsa dei negozi si contrappone la crescita sul fronte della ristorazione e della ricettività turistica. In base alla Confesercenti, che ha confezionato i dati, l'eccesso dell'offerta e la contrazione della domanda a causa della crisi, avrebbe accelerato il processo di selezione naturale delle attività commerciali, in particolare i negozi. Di fatto - come sottolineato da Confesercenti - la gente va più facilmente al ristorante che ad acquistare abbigliamento, alla ricerca di maggiore "socialità". Una ulteriore causa di crisi delle attività commerciali sarebbe inoltre ascrivibile all'imperante fenomeno della contraffazione e la crescita della grande distribuzione. Chi invece sorride sono gli operatori attivi nel comparto delle vacanze. Qui la crescita è costante, in particolare per le strutture extralberghiere.

Omicidio Settimo San Pietro: il figlio Igor confessa

Interrogato presso l'ospedale CTO di Iglesias, Igor Deiana, figlio adottivo della coppia uccisa a Sattimo San Pietro, ha confessato di aver ucciso i genitori. Il giovane era stato catturato ieri sera dai Carabinieri, in collaborazione con la Polizia, dopo un conflitto a fuoco in cui è rimasto ferito. Arrestato inizialmente con l'accusa di tentato omicidio nei confronti delle forze dell'ordine, dovrà ora rispondere dell'uccisione dei due coniugi.

Settimo San Pietro. Coppia di pensionati barbaramente uccisi

Scoperti questa mattina i corpi senza vita di due pensionati, barbaramente uccidi all'interno della loro abitazione. A lanciare l'allarme, il cognato che non li sentiva da alcuni giorni. Dai primi rilievi, effettuati della squadra mobile di Cagliari, dal commissariato di Quartu e dal medico legale i due coniugi potrebbero essere stati ammazzati a colpi di bastone. Gli inquirenti hanno rintracciato uno dei due figli adottivi della coppia, che si è attivato per tornare in Sardegna da Roma, dove risiede. Sono invece in corso le ricerche per rintracciare l'altro figlio che, in base alle testimonianze dei vicini, sarebbe uscito di casa lunedì mattina alle 7,30 con il pick up del padre.
Sottoscrivi questo feed RSS

Cagliari