Sanità. Pili (Unidos) al ministro Lorenzin: "evitare la distruzione di 20 mila sacche di sangue"

In un momento in cui si discute sul deficit e sugli scandali del sistema sanitario della Sardegna, il deputato di Unidos, Mauro Pili, si appella al ministro della Salute Lorenzin per scongiurare il rischio distruzione di 20 mila sacche di sangue: "il governo deve commissariare senza perdere un solo giorno di tempo la Regione Sardegna e scongiurare la distruzione di 20 mila sacche di plasma". Sulla questione Pili ha presentato una apposita interrogazione, sottolineando che solo un tempestivo intervento del governo potrà evitare che le sacche vengano destinate all'inceneritore "per mere questioni burocratiche e per le inadempienze della Regione".

Servizi digitali. Italia 25a in Europa, Sardegna 12a in Italia

E' quanto emerge dal IV° rapporto denominato "Italia connessa", realizzato da TIM in collaborazione con Ernst and Young, sullo stato dell'arte dei servizi digitali nel nostro Paese. Un dato certamente non entusiasmante che mette in evidenza il ritardo italiano sui servizi digitali, rendendo ancora lontani gli obiettivi di Agenda Digitale. Nello specifico, il rapporto esamina il "Digital Economy and Society Index" (Desi), un indice sintetico che esprime il livello di sviluppo della connettività, del capitale umano, dell'uso di internet e dell'integrazione tra le tecnologie digitali (pubbliche e private), per tutti i 28 Paesi europei. In base agli indicatori utilizzati per il calcolo del Desi, l'Italia raggiunge un punteggio pari 0,36 (la media UE è di 0,50) che la piazza al 25° posto in Europa davanti a Grecia, Bulgaria e Romania. Declinato a livello regionale, il Desi mette in risalto il buon posizionamento delle regioni del Nord Italia con in testa Emilia Romagna, Lombardia e Lazio, tutte molto vicine alla media europea. Diverso è il discorso per la Sardegna che, raggiungendo il punteggio di 0,35 si posiziona al 12° posto tra le regioni italiane. Alla base di tale risultato, il modesto sviluppo di fattori determinanti quali la connettività, il capitale umano ed il livello di integrazione raggiunto dalle tecnologie digitali. Non male il livello di sviluppo dei servizi pubblici digitali (la Sardegna si piazza al 7° posto tra le regioni italiane), mentre di assoluto prestigio risulta essere il posizionamento per l'utilizzo di internet da parte dei cittadini (prima in Italia davanti a Lazio,Toscana e Umbria). Sempre secondo il rapporto TIM, la quota di risorse economiche stanziate dalla Sardegna per l'obiettivo tematico Agenda Digitale dei POR FESR 2014 - 2015, è inferiore ai 150 mln di euro. Un importo che posiziona la nostra isola al 6° posto tra le regioni italiane, dietro a Calabria e Lazio (circa 150 mln di euro), Campania ( 230 mln di euro), Puglia (oltre 250 mln) e Sicilia (poco meno di 350 mln). Federico Cheri

Sassari. Press tour internazionale per la promozione del nord Sardegna

Da ieri e fino a domenica la provincia di Sassari sarà protagonista di un educational tour che coinvolgerà diversi giornalisti e opinion leader turistici stranieri. Organizzata da assessorato regionale del Turismo, Artigianato e Commercio, Anci e Comune di Sassari, l'iniziativa rientra nell’accordo di programma tra Regione e Anci Sardegna nell’ambito del progetto Expo 2015. Obiettivo: mettere in luce e promuovere le attrazioni naturalistiche, culturali ed enogastronomiche della provincia di Sassari. I cosiddetti "influencer" saranno inviati, blogger e videomaker di testate bielorusse, britanniche, francesi, kazake, russe, spagnole, statunitensi, tedesche e ucraine. Oltre a scoprire i luoghi di interesse paesaggistico e i siti culturali, i partecipanti al press tour avranno la possibilità di prendere contatti con varie imprese di produzioni agroalimentari e vitivinicole locali. Tra i territori coinvolti, quelli di Alghero, Castelsardo, Osilo, Porto Torres, Sassari, Torralba e Usini.

Trasporti. Potenziamento della continuità territoriale da e per Milano

La capacità di posti sulle rotte da e per Milano verrà ampliata attraverso la sostituzione degli aerei Embraer 175 e 190 con i più capienti Airbus 319, 320 e 321. E' quanto stabilito ieri dal comitato di monitoraggio sulla continuità territoriale. Una decisione che si aggiunge alla decisione di Alitalia di impiegare quattro nuovi voli andata e ritorno tra il 28 dicembre e il 2 gennaio prossimi, sempre sui collegamenti da Cagliari e da Alghero, verso il capoluogo lombardo. Un "upgrade" dei vettori e dei voli aggiuntivi diretti a Milano che segue l’incremento complessivo di 35800 poltrone già messe in vendita dalla compagnia di bandiera sui voli da e per l’isola tra dicembre e gennaio.

Sanità regionale. Piano di rientro con risparmi da 328 milioni

Non si sono ancora spenti i clamori relativi agli sprechi denunciati dal quotidiano L'Unione Sarda che la Giunta Regionale annuncia, in dettaglio, i contenuti del Piano di Rientro per cercare di sanare il deficit di 400 milioni di euro della sanità isolana. In base a quanto stimato dalla Regione, sarebbero oltre 328 i milioni di risparmio previsti, derivanti da interventi specifici su dieci aree tematiche. Eliminazione di sprechi e doppioni, riqualificazione e razionalizzazione del servizio sanitario regionale: sono questi i cardini del Piano di Rientro regionale, illustrato ieri mattina dal Presidente della Regione, Francesco Pigliaru, con gli assessori della Programmazione e della Sanità, Raffaele Paci e Luigi Arru. Tra i settori oggetto di intervento, la governance del piano stesso, con controlli dei Lea (livelli essenziali di assistenza) e il monitoraggio dell’andamento della spesa trimestrali, con verifiche su bilanci preventivi e consuntivi, la certificabilità dei bilanci in sanità, il potenziamento del sistema informativo regionale, i rapporti con gli erogatori (riqualificazione della rete dei laboratori, revisione delle tariffe e verifica dell’appropriatezza delle prestazioni specialistiche, revisione dell’ offerta per dialisi, riorganizzazione della rete dei servizi di radiologia). A questo si aggiungono le azioni già avviate con la riforma della rete ospedaliera (con risparmio di 134 milioni) e la riorganizzazione delle cure primarie territoriali; interventi di promozione e tutela della salute mentale, interventi di riqualificazione delle reti a carattere socio-assistenziale, la sanità penitenziaria, della quale va ridisegnato l’assetto organizzativo, così da condurre i costi a un valore il più vicino possibile all’assegnazione statale, la riorganizzazione del sistema di emergenza-urgenza, con la nascita dell’Areus, la razionalizzazione e riqualificazione del personale delle due attuali Centrali operative, del Centro di coordinamento trapianti, della struttura regionale di Coordinamento Sangue. Altra caratteristica del Piano di Rientro è la centralizzazione degli acquisti di beni e servizi, con un risparmio previsto di circa 48 milioni di euro, mentre, per quanto riguarda il personale, con il nuovo assetto istituzionale verranno approvate le nuove Linee tendenziali per la distribuzione tra le aziende sanitarie, alla fine del 2016 potranno esserci le nuove piante organiche, entro il 2017 i primi concorsi unici regionali. Il riordino della rete ospedaliera, secondo le stime del Piano di Rientro, porterà a un risparmio di 114 milioni, 47 milioni in meno si spenderanno grazie al sistema di acquisti centralizzato, 36 milioni risparmio dalle azioni, in parte già avviate, di contenimento della spesa farmaceutica, 18 milioni con due soli centri per il farmaco e la riduzione delle giacenze. Il nuovo assetto delle ASL dovrebbe comportare un risparmio immediato di 11 milioni 400 mila euro.

Assicurazioni. In diminuzione i costi per le polizze RC Auto

I costi per le assicurazioni auto continuano a diminuire in tutto il territorio nazionale. In Sardegna il calo dei costi per la polizza Rc auto risulta più marcato rispetto a tutte le altre regioni italiane. A fronte di un calo medio nazionale del -2,42% nell'ultimo trimestre, nell'isola i costi per assicurare una vettura sono scesi del 5,19% da agosto a novembre. I dati sono stati diffusi dall'Osservatorio Rc Auto di Facile.it e Assicurazione.it.

Migranti. Nuovi sbarchi a Porto Pino

Un nuovo sbarco di migranti si è verificato ieri nella zona di Porto Pino. Si tratta di 8 algerini, avvistati verso le 5:30 di mattina da a una 'persona che passava per strada. Bloccati dai Carabinieri della Compagnia di Carbonia, sono stati identificati e trasferiti nel Centro prima accoglienza di Elmas. Il giorno prima, sempre nella stessa zona, sono sbarcati altri 7 migranti.

Impresa. Piano per l'internazionalizzazione: approvate le direttive di attuazione

Sono state approvate ieri dalla Giunta Regionale le direttive di attuazione del Piano triennale per l’internazionalizzazione 2015-2018. Processi burocratici più snelli e rapidità nell'erogazione delle risorse dovrebbero facilitare l'accesso ai fondi da parte delle piccole e medie imprese con sede operativa in Sardegna. Nelle prossime settimane il primo banco di prova con la pubblicazione del bando per l'erogazione della prima tranche di 2,5 milioni di euro sui 16 milioni complessivi previsti dal Piano. Oltre alle piccole e medie imprese, potranno beneficiare dell'opportunità anche associazioni temporanee di imprese, contratti di rete, consorzi e società consortili. Tra le filiere ammissibili: agroalimentare, innovazione e alta tecnologia, energia e costruzioni, mobilità, moda e design, turismo e beni culturali. Oggi, presso la sede della Fondazione Banco di Sardegna, a Cagliari, si svolgerà un workshop dedicato alle imprese che operano nel settore dell’agroalimentare. L’evento, curato e organizzato dalla Regione in collaborazione con la SFIRS e l’ICE (Istituto per il Commercio Estero) avrà inizio alle ore 10. Previsti gli in interventi dell'assessore dell'Industria, Maria Grazia Piras, dell'assessore Elisabetta Falchi (Agricoltura) e dei funzionari dell’ICE. Seguirà una tavola rotonda sui temi dell’export alla quale prenderanno parte rappresentanti di Amazon Italia e del mondo imprenditoriale regionale.
Sottoscrivi questo feed RSS

Cagliari