Emergenza incendi. Fiamme a Flumini di Quartu, Castiadas e Villagrande Strisaili

Ci risiamo. Ancora uno sbarco di migranti nelle coste del Sulcis che sembra la meta preferita degli algerini. Questa volta sono arrivati in dieci. Tre di loro sono stati intercettati dalla Guardia Costiera di Sant'Antioco mentre erano ancora a bordo di un barchino. Altri sette sono stati individuati presso la spiaggia di Is Arenas bianca, nella zona di Teulada vicino al poligono militare. Tutti quanti, dopo le procedure di identificazione e le visite di rito, sono stati trasferiti nei centri di accoglienza.

Mutui e prestiti. In Sardegna aumentano mutui, surroghe e prestiti finalizzati

Secondo il Barometro Crif sulle richieste di mutui e prestiti da parte delle famiglie sarde, nel corso del 1° semestre 2017 il numero di richieste di nuovi mutui e surroghe ha fatto registrare una crescita del +4,1% rispetto allo stesso periodo del 2016. Il dato risulta essere in controtendenza rispetto a quello nazionale che ha fatto registrare un calo del 5,7%. L'aumento di richieste più significativi si è manifestato nelle province dell'Ogliastra (+27,3%), Medio campidano (+8,1%) e Olbia-Tempio (+6,2%). Più moderato l'incremento nel capoluogo di regione (+5,5%). A Nuoro le richieste sono invece calate (-5,7%). Per quanto riguarda gli importi medi richiesti (inferiore alla media nazionale), la provincia di Cagliari si piazza la primo posto con 112.212. Al secondo posto Olbia-Tempio (110.116 euro). Il Medio Campidano è invece il territorio che ha fatto registrare i valori più contenuti (82.871 euro). In crescita anche le richieste di prestiti finalizzati all'acquisto di beni/servizi (auto, moto, arredo, elettronica ed elettrodomestici, ma anche viaggi, spese mediche, palestre ecc.). Durante il 1° semestre 2017 in Sardegna si è assistito ad una crescita pari allo 0,6% rispetto allo stesso periodo del 2016. Gli aumenti di richieste più significativi sono stati quelli di Ogliastra (+5,6%) e Cagliari (+4,2%).

Sanità. Tagli agli ospedali periferici. La replica della Rete Sarda Difesa Sanità Pubblica

La Rete Sarda Difesa Sanità Pubblica, a mezzo della sua portavoce, Claudia Zuncheddu, non ci stà e chiede un diritto di replica, affidato ad una nota stampa che viene di seguito integralmente riprodotta. "La Commissione Sanità mentre esulta sulla stampa, conferma i tagli agli ospedali periferici. E’ grave che l’emendamento ieri sottoscritto dalla Commissione Sanità, con cui si confermano i tagli temuti, venga spacciato come una conquista per i territori disagiati. La Rete Sarda Difesa Sanità Pubblica, denuncia l’irresponsabilità della Commissione Sanità, che all’unanimità promuove un emendamento di sintesi ingannevole e irrispettoso dei bisogni dei territori. Denuncia l’arroganza trasversale della Commissione Sanità nell’ignorare le richiede di audizione presentate dalla Rete dei comitati, sottraendosi ad un confronto leale e costruttivo. E’ palese che la Commissione Sanità con tutte le parti politiche si è allineata alle scelte scellerate della Giunta sottoscrivendo i tagli sulle U.O. di Chirurgia Generale degli ospedali di Bosa, Isili, La Maddalena, Muravera e Sorgono. Di fatto confermano i tagli della chirurgia H24, indispensabile per garantire anche le urgenze, sostituendola con una chirurgia programmata, a bassa intensità di cure. “Una chirurgia elettiva ridotta che effettua interventi in day-surgery e/o in week-surgery con attività non prettamente di urgenza” dicono, senza neppure chiedersi chi farà le guardie chirurgiche e ancor meno che fine faranno i pazienti complessi operati. Eppure si sa che la complicanza in chirurgia è sempre dietro l’angolo e solo l’assistenza attenta evita tragedie. Parlano di “Pronto Soccorso integrato alla struttura complessa del DEA di riferimento che garantisce il servizio e l’aggiornamento relativo”, senza spiegare che il Dea (Dipartimento d’Emergenza ad Alta Specialità) è presente solo in ospedali di livello superiore, per cui il Dea di riferimento di cui parlano, è in altra sede spesso molto distante e di difficile raggiungimento. L’emendamento non cita altri servizi strategici irrinunciabili come ad esempio: punti nascita, cardiologia etc. intanto prevede lo smantellamento dei laboratori d’analisi. La Commissione Sanità arriva a stravolgere la Giurisprudenza per ingannare le collettività sarde in lotta per la difesa degli ospedali dei territori disagiati. E’ paradossale che l’emendamento ingannevole e fuorviante sia stato tratto integralmente dal DM del 2 aprile 2015 n. 70. Quindi estrapolato anche da una pessima legge e presentato come la panacea per i mali della Sanità nei territori disagiati. E’ una beffa culturale prima che politica che questi consiglieri di tutte parti politiche presenti in Commissione, non sappiano che la funzione di un emendamento è teso a migliorare una Legge e non il contrario. Annunciamo il proseguimento delle lotte".

Sanità. Tagli agli ospedali periferici. La replica della Rete Sarda Difesa Sanità Pubblica

L'assessora alla cultura del Comune di Assemini è stata oggetto di una vignetta sessista pubblicata sul profilo Facebook "Comix Assemini". Nello specifico è stata pubblicata un'immagine ritoccata dell'assessora attraverso la quale i cittadini vengono invitati a partecipare alla "Sagra del würstel", con tanto di scritta "vi aspetto" dentro la nuvoletta e due würstel che richiamano un fallo a corredo della vignetta. Un gesto che ha suscitato lo sdegno dei colleghi di Giunta dell'assessora che hanno sottolineato la viltà dell'attacco subito con "squallide immagini sessiste pur di denigrare i componenti della Giunta". Ancora più risoluto il primo cittadino, Mario Puddu, che ha commentato: "un disegno che lascia pochi spazi a dubbi. Questa non è ironia, ma solo becero maschilismo". Ma a sorprendere il sindaco di Assemini e la sua Giunta è l'indifferenza di certi esponenti regionali e locali, in altre occasioni "scandalizzati per questo volgare modo di far ironia".

Turismo. Storia e cultura della Sardegna sottovalutate sul web

Solo l'8% dei turisti sceglie la nostra isola per le sue bellezze artistiche, culturali e archeologiche, mentre il 74% la sceglie per il sole e per il mare. Quanto emerge dalla ricerca "Economia e Turismo" della CNA, sarebbe riconducibile ad un'offerta digitale della Sardegna turistica quasi esclusivamente incentrata "sullo stereotipo della vacanza balneare". I dati elaborati da CNA lo confermerebbero, visto che il 62% delle pagine web in lingua inglese dedicate alla nostra regione sono esclusivamente focalizzate sul mare, le coste, il cibo e il vino. Storia e cultura vengono trascurate, tanto che soltanto il 9% dei siti web di matrice anglosassone ne parla. Una criticità che penalizza il patrimonio culturale locale, potenziale attrattore di un'altra fetta importante di turismo internazionale. Nessun problema invece per quanto riguarda il settore enogastronomico, ampiamente pubblicizzato sul web.

Turismo. Storia e cultura della Sardegna sottovalutate sul web

L'attività di indagine e monitoraggio dell'Arpas, effettuata a seguito dell'inchiesta sulla Fluorsid per presunto disastro ambientale, ha rivelato che la presenza di inquinanti nell'aria, acqua e suolo delle zone di Macchiareddu e Santa Gilla è rimasta complessivamente invariata rispetto agli anni precedenti. I risultati della rilevazione, durati quasi un mese, sono stati discussi oggi in occasione della convocazione del Tavolo tecnico permanente, coordinato dalla presidenza della Regione Sardegna. Soddisfazione da parte dei vertici di Arpas, che si sono confrontati con il presidente della Giunta Regionale, Francesco Pigliaru, gli assessori regionali della Sanità e dell'Ambiente, Luigi Arru e Donatella Spano e i sindaci interessati dei territori coinvolti.

Meteo. Arriva Caronte. Temperature in rialzo

A confermarlo è l'Ufficio Meteo dell'Aeronautica militare di Decimomannu. Le prossime giornate saranno caratterizzate dall'arrivo di Caronte, con temperature che potranno raggiungere i 40 gradi. Già da mercoledì le temperature arriveranno a 38 gradi nelle zone più interne dell'Isola. Una situazione che rimarrà tale almeno fino a lunedì prossimo. La sensazione di caldo verrà amplificata dalla prevista assenza di vento. L'unica possibilità di ventilazione è connessa alla probabile presenza di un debole scirocco che, comunque, non servirà ad alleviare l'effetto cusato dalle temperature roventi.
Sottoscrivi questo feed RSS

20°C

Cagliari

Mostly Sunny

Humidity: 74%

Wind: 6.44 km/h

  • 19 Jul 2018 31°C 21°C
  • 20 Jul 2018 30°C 22°C