BANNER 300X250

Alluvione. In arrivo le risorse per le aziende danneggiate

Sono in arrivo in tempi brevi 10 milioni per le aziende danneggiate dall’alluvione e altri 3 milioni dei 5 stanziati in precedenza per intervenire sulle strade rurali. A ciò si aggiunge il via libera a quasi venti milioni per i Consorzi di bonifica, per i crediti vantati con Enas, e alla stabilizzazione degli avventizi, e alla proroga degli aiuti alle associazioni degli allevatori. Sono alcune delle misure urgenti approvate ieri con l’assestamento di bilancio, grazie agli emendamenti presentati dalla Giunta Regionale, per sostenere il comparto agricolo. L'obiettivo è quello di dare un primo e rapido ristoro agli agricoltori e un segnale concreto di attenzione della Giunta al settore in vista di un ritorno alla normalità, come sottolineato dal presidente Christian Solinas. In particolare, 10 milioni di euro vengono affidati all’Agenzia Laore per i primi interventi urgenti a favore di aziende agricole che hanno subito danni a causa dell’alluvione del 28 novembre scorso. Tre milioni di euro serviranno invece a integrare le risorse della sottomisura 4.3.1 del Programma di sviluppo rurale 2014-2020 per ampliare il numero delle domande finanziabili presentate per “investimenti volti a migliorare le condizioni della viabilità rurale e forestale”. Con l’assestamento di bilancio vengono anche sbloccati 19,7 milioni a favore di Enas (Ente acque della Sardegna) per rimborsare i Consorzi di bonifica dei costi energetici sostenuti per il sollevamento delle acque. “Sono stati stanziati altri due milioni di euro – evidenzia l’assessore regionale dell’Agricoltura, Gabriella Murgia – per la stabilizzazione degli avventizi dei Consorzi di bonifica. Con questo passaggio importante chiudiamo una lunga vertenza, che abbiamo ereditato dal passato e seguito costantemente in Assessorato, sbloccando l’assunzione di decine di lavoratori, che aspettavano da tempo una soluzione positiva, e mettendo in condizione i Consorzi di operare con i giusti organici”. Con un altro emendamento sono stati prorogati fino al 31 gennaio del 2022 gli aiuti alle associazioni degli allevatori previsti dalla legge regionale 21 del 2000. Saranno anche estesi alle mense delle case di riposo gestite dalle amministrazioni comunali i finanziamenti destinati alle campagne di educazione alimentare per stimolare il consumo di prodotti agroalimentari sardi.

Agricoltura. Arrivano i pagamenti di Argea per oltre 13 mila beneficiari

Sono in corso i primi pagamenti agli agricoltori disposti da Argea in qualità di organismo pagatore della Regione Sardegna. In questi giorni si stanno erogando, rispettando la scadenza del 30 novembre prossimo, gli anticipi delle domande presentate da 13.345 beneficiari, per un totale di 57 milioni 234.961 euro, delle misure connesse a superfici e ad animali 10, 11 e 14 dell’annualità 2020 del Programma di sviluppo rurale.

“Il ruolo di organismo pagatore regionale di Argea – sottolinea il presidente della Regione, Christian Solinas – ci consente di gestire direttamente le ingenti risorse comunitarie, in un rapporto immediato con la Commissione europea, e di velocizzare i pagamenti, a grande beneficio dei nostri agricoltori e di tutto il comparto. In un contesto che rafforza l’autonomia della Regione, proseguiamo così nel percorso di semplificazione amministrativa e taglio della burocrazia, due degli obiettivi che questa Giunta si è data da subito”.

“Un risultato importante – commenta l’assessore regionale dell’Agricoltura, Gabriella Murgia – raggiunto nonostante le mille difficoltà causate da un’emergenza sanitaria ed economica che si sta protraendo da mesi, ottenuto grazie al grande lavoro di squadra dell’Assessorato, della dirigenza e di tutto il personale di Argea, dopo il riconoscimento di organismo pagatore regionale avvenuto il 16 ottobre scorso. Abbiamo creduto fortemente in questo nuovo ruolo dell’Agenzia, che avrà sempre di più una rilevanza strategica a sostegno dei nostri agricoltori”.

Continuità territoriale. Taglio rotte Tirrenia: la posizione della Regione

“La Regione sostiene e rafforza la richiesta della Federazione delle Associazioni Sarde in Italia con cui si stigmatizza il drammatico taglio delle rotte annunciato dalla Tirrenia, fortemente penalizzante per gli emigrati sardi e le loro famiglie”.

A dichiararlo è l’assessore regionale del Lavoro, Formazione e Cooperazione Sociale, Alessandra Zedda, in merito alla lettera della FASI indirizzata al Ministro dei Trasporti, Paola De Micheli, sulla mancata proroga prevista dal Decreto Rilancio di febbraio 2020 e non reiterata dopo la scadenza del 18 luglio. Già il 15 febbraio scorso, prima del drammatico esplodere della pandemia, l’Assessore Zedda, in occasione del Convegno di Saronno, alla presenza del viceministro Margiotta, di esponenti politici di maggioranza e opposizione, degli operatori ed esperti dei trasporti e di oltre 300 rappresentanti dei Circoli dei Sardi, aveva ribadito che “la continuità territoriale è una battaglia politica trasversale che coinvolge un popolo intero. Il diritto alla mobilità con collegamenti efficienti è un punto essenziale e irrinunciabile”. Nonostante le diverse interlocuzioni con il Governo e le sollecitazioni a una tempestiva presa di posizione per la definizione del bando, l’assessore regionale dei Trasporti, Giorgio Todde, afferma che “è fondamentale che anche l’Unione Europea faccia capire all’Italia in primis e alla Sardegna poi, come muoversi in questa tematica storica che per troppo tempo è stata un blocco allo sviluppo e che può diventare sia lo strumento per dare effettività al diritto alla mobilità dei cittadini sardi, sia l’apertura delle nostre realtà imprenditoriali a nuovi mercati”.

“Ci troviamo di fronte alla improcrastinabile necessità di affrontare con urgenza la preoccupante situazione relativa ai trasporti da e per la Sardegna – sottolinea la vicepresidente regionale Zedda - auspicando quanto prima alla immediata attivazione delle procedure per la definizione del bando”.

Lavoro. Pubblicato l'avviso per le coop di tipo B per i contributi in conto occupazione

Pubblicato l’Avviso per la concessione di contributi in conto occupazione che prevede un sostegno economico, nell’ambito del regime di Aiuti “de minimis”, a favore delle Cooperative Sociali di tipo “B” iscritte all’albo regionale, in attuazione della Legge Regionale del 22 aprile 1997. La dotazione finanziaria complessiva di 4 milioni e 500 mila euro - equamente ripartita per gli anni 2020, 2021 e 2022 - prevede la concessione di un contributo in conto occupazione a ciascun socio lavoratore nella misura del 50 per cento della retribuzione lorda prevista dal contratto collettivo nazionale di categoria, oppure nella misura dell’80 per cento per ciascun socio appartenente alle categorie di persone svantaggiate. La presentazione delle domande potrà essere effettuata, a partire dalle ore 10 del 27 novembre 2020 ed entro e non oltre le ore 23.59 del 9 dicembre 2020, esclusivamente utilizzando l’applicativo reso disponibile dalla Regione Sardegna nell’ambito del Sistema Informativo del Lavoro e della formazione Professionale (SIL) all’indirizzo: www.sardegnalavoro.it. L’ordine cronologico di invio telematico delle stesse richieste costituisce unico elemento di priorità nell’assegnazione dell’aiuto. Le Cooperative e i Consorzi di Cooperative, all’atto della presentazione della Domanda, prenoteranno la quota parte di risorse richieste per il singolo destinatario.

Regione Sardegna. Assestamento di bilancio: 400 milioni di euro per imprese e famiglie

La Giunta Regionale ha approvato l’assestamento di bilancio, una manovra da oltre 400 milioni per affrontare l’emergenza e rafforzare gli interventi già programmati a favore di imprese e famiglie, con uno sguardo verso la ripresa. In particolare, come sottolineato dal presidente della Giunta Regionale, Christian Solinas, "l’attuazione dell’Accordo Quadro del 20 luglio 2020 tra il Governo e le autonomie speciali, relativo al ristoro delle minori entrate a seguito dell’emergenza Covid-19, ha consentito di non tagliare la spesa già programmata e di destinare i saldi di entrate pregresse ai nuovi interventi”.

“È un provvedimento” - evidenzia l’assessore regionale Fasolino - “che oltre a contabilizzare i ristori delle minori entrate conseguenti al Covid-19 interviene a favore del sistema economico e sociale sardo fortemente penalizzato dalla pandemia, destinando 221 milioni alle imprese e all’occupazione, 28 milioni alle politiche sociali, 20 milioni alla sanità, 34 milioni all’agricoltura, 5 al comparto scolastico, 9 agli investimenti. Viste le numerose aspettative, e per ampliare l’elenco dei beneficiari, abbiamo incrementato di ulteriori 50 milioni il ‘Fondo emergenza imprese’, strumento che ha riscontrato grande attenzione come misura in grado di attenuare gli effetti economici della pandemia attraverso prestiti e sovvenzioni rivolti alle imprese e ai professionisti sardi. Abbiamo stanziato le risorse per un intervento a sostegno del settore taxi e del noleggio con conducente, con un contributo in grado di fornire un po’ di sollievo ad un settore pesantemente danneggiato dalla limitazione degli spostamenti: la contrazione dei flussi turistici, l’annullamento delle gite scolastiche e di alcuni eventi sportivi a causa dell’emergenza sanitaria hanno pesantemente inciso sull’attività del settore”.

La manovra precede anche interventi volti a portare avanti azioni già attuate con altre norme, come alcune disposizioni in materia di lavoro, agricoltura, tutela del territorio, e in materia di Personale.

“L’assestamento di bilancio – prosegue Fasolino – guarda anche al dopo-emergenza con azioni di prospettiva, con interventi a favore degli enti locali e con un programma di investimenti da attuarsi nel quadriennio che destina 22,5 milioni al potenziamento degli alloggi dedicati agli studenti, 3 milioni di euro agli interventi urgenti sulla viabilità. Ancora, 3 milioni sono destinati alle opere di salvaguardia dall’erosione costiera e 6 milioni al sostegno e al potenziamento della rete dei servizi di assistenza per le persone adulte affette da Disturbo dello Spettro Autistico. Ora, con il contributo vitale del Consiglio – conclude l’assessore – confidiamo di approvare rapidamente un provvedimento che da un lato risponda alle due emergenze, quella sanitaria e quella economica che affliggono migliaia di imprese e di lavoratori; dall’altro apra la strada verso quel nuovo modello di sviluppo volto a salvaguardare il presente e restituire un futuro alle nuove generazioni”.

Sanità. Il Consiglio dei Ministri impugna la riforma sanitaria regionale

Il Consiglio dei Ministri impugna la riforma sanitaria voluta dall'attuale Giunta Regionale che di fatto riporta in vita le otto ASL con propria personalità giuridica. Il provvedimento segue ai già trasmessi in precedenza a Giunta e Consiglio Regionale. Al centro dell'azione del CdM gli articoli della riforma che riguardano la nomina dei direttori generali nelle aziende sanitarie, gli elenchi regionali degli idonei alle cariche di vertice aziendali e la nomina dei commissari straordinari.

Lavoro. Posticipata la scadenza del bando per il potenziamento delle cooperative

Su impulso delle associazioni di categoria, la Regione ha posticipato al 23 novembre la scadenza dell’Avviso, rivolto a cooperative e loro consorzi per l'ottenimento di contributi finalizzati al potenziamento economico delle attività produttive e dei servizi. La data di chiusura dei termini rimane invariata alle 23.59 del 30 novembre 2020 e le domande potranno essere presentate utilizzando esclusivamente l’applicativo reso disponibile dalla Regione Autonoma della Sardegna nell’ambito del Sistema Informativo del Lavoro e della formazione Professionale (SIL) all’indirizzo: www.sardegnalavoro.it.

“Vogliamo andare incontro alle esigenze del comparto consentendo al maggior numero di imprese cooperative di poter partecipare al bando - ha dichiarato l’assessore regionale del Lavoro, Alessandra Zedda. Mutualità e solidarietà sono alla base del sistema cooperativistico e la Regione intende promuovere e favorire anche lo sviluppo dei questi elementi per far crescere l'economia".

Sottoscrivi questo feed RSS

giweather joomla module