Parità di genere. A Sassari dipendenti di Poste Italiane per il 71% donne

Poste Italiane entra nella top five della classifica sulla parità di genere delle società appartenenti all’indice FTSE MIB della Borsa di Milano stilata da Equileap, un’organizzazione indipendente che elabora dati e analisi sulla gestione della gender equality nelle più importanti imprese su scala internazionale. Nella provincia di Sassari, in cui la struttura che attiene agli uffici postali è guidata da una donna, la Dott. Serena Cretì, la presenza femminile in Poste Italiane arriva al 71%, dato superiore di ben 17 punti percentuali oltre la media nazionale e che colloca il nord Sardegna in cima alla speciale graduatoria regionale. Seguono, sempre con percentuali sopra media nazionale, la provincia di Nuoro (68%), l’Oristanese (64%), la città metropolitana di Cagliari e il Sud Sardegna che si attestano al 61% di presenza femminile tra i dipendenti. A livello nazionale, è composto da donne il 54% dei dipendenti del Gruppo Poste Italiane, l’incidenza del personale femminile tra quadri e dirigenti è pari al 46% e il 44,4% dei componenti del CdA è donna. Nell’ambito delle posizioni manageriali il 30% è ricoperto da popolazione femminile e il 20% è presente nelle posizioni di top management. In tale contesto, l’Azienda ha introdotto una serie di interventi di sensibilizzazione sull’importanza della presenza delle donne nel mondo del lavoro e sul sostegno alla genitorialità attiva, come ad esempio “Maam” (Maternity As a Master): un programma digitale mirato a rafforzare le capacità connesse all’esperienza della genitorialità utili anche al momento del rientro al lavoro. Il progetto è sostenuto anche da una community online che permette ai partecipanti di confrontarsi sulla integrando le varie esperienze, facilitando il processo di apprendimento e sviluppo delle competenze relazionali, organizzative e dell’innovazione da valorizzare anche nel contesto professionale. Prima azienda a livello internazionale a lanciare un simile progetto, Poste Italiane nel 2018 ha aperto il progetto “Maam” anche agli uomini che sono in procinto di diventare padri. Il riconoscimento di Equileap ha evidenziato pertanto le ottime performance aziendali in tema di equilibrio di genere all’interno del management e della composizione dei dipendenti, di parità retributiva ed equilibrio vita-lavoro e di politiche adottate per promuovere la parità di genere, adesione a iniziative internazionali, trasparenza e accountability. Matteo Del Fante, Amministratore Delegato di Poste Italiane ha dichiarato: “Il prestigioso riconoscimento di Equileap riflette il costante impegno di Poste Italiane a supporto della parità di genere ed è una testimonianza di una cultura aziendale basata sul rispetto e sulla valorizzazione della diversità”. L'attenzione di Poste Italiane verso il benessere dei propri dipendenti e delle loro famiglie, si concretizza attraverso specifici programmi volti a sostenere modelli organizzativi equilibrati nel dialogo e nello sviluppo di genere e, più in generale, nella valorizzazione della Diversity and Inclusion, dotandosi di una apposita policy aziendale. Al riguardo, sono attive molteplici iniziative su tutto il territorio italiano tra cui i parcheggi rosa, formule di flessibilità della prestazione lavorativa, azioni di sensibilizzazione e prevenzione pediatrica, misure di sostegno alla genitorialità azioni formative e di sviluppo della leadership femminile nonché di diffusione di modelli d’ispirazione per le giovani generazioni, unitamente a politiche di tutela della maternità e paternità tese a garantire un trattamento di miglior favore rispetto a quanto previsto dalla legge. Dallo scorso anno infine l’Azienda ha lanciato un programma denominato “Poste Mondo Welfare”, che consente ai dipendenti di convertire il premio di risultato in beni e servizi di welfare di utilità sociale, tra i quali rientrano anche servizi di cura genitoriale, intrattenimento educativo e di time saving in risposta alle principali esigenze di prossimità.

Poste Italiane. Ecco come i sardi investono i loro risparmi

In base ai dati diffusi da Poste Italiane, i sardi confermano la loro tradizionale vocazione al risparmio con uno stock - ad oggi - pari a oltre 1 milione di Libretti di Risparmio e circa 930mila Buoni Fruttiferi Postali. Statisticamente, si può dire che ogni cittadino della Sardegna possiede ad oggi almeno uno dei due prodotti postali e ogni famiglia residente nell’isola ha effettuato tre aperture o sottoscrizioni tra Buoni e Libretti. L’importanza di avere a disposizione uno strumento di risparmio garantito, flessibile e redditizio è emersa in maniera significativa anche nei mesi dell’emergenza sanitaria, caratterizzati anche da una forte incertezza, grazie alla possibilità di sottoscrivere Buoni Postali e di aprire Libretti di Risparmio Postale sul sito poste.it o tramite l’APP BancoPosta. La speciale “classifica” del risparmio postale è guidata dalla provincia di Sassari, che detiene il primato con un numero di Libretti che supera le 300.000 unità. Il capoluogo turritano e la sua provincia precedono la città metropolitana di Cagliari e la provincia del Sud Sardegna, collocate al secondo ed al terzo posto nella graduatoria regionale rispettivamente con 253.000 e 249.000 libretti attivi. A seguire la provincia di Nuoro con oltre 140.000 aperture ed infine Oristano con un numero che va oltre i 115.000 Libretti in essere. Rilevante anche il dato relativo ai Buoni Fruttiferi con un totale regionale che sfiora le 930.000 sottoscrizioni. In questo caso a detenere il primato è il Sud Sardegna (279.203 unità), seguito dalla provincia di Sassari (192.552), dalla città metropolitana di Cagliari (184.993) e dalla provincia di Oristano (167.829). Chiude la classifica la provincia di Nuoro con 104.744 Buoni fruttiferi attivi.

Poste Italiane. Dal 24 giugno anche in Sardegna pagamento in anticipo delle pensioni di luglio

Poste Italiane fa sapere che le pensioni del mese di luglio verranno accreditate a partire da mercoledì 24 giugno per i titolari di un Libretto di Risparmio, di un Conto BancoPosta o di una Postepay Evolution. I titolari di carta Postamat, Carta Libretto o di Postepay Evolution potranno prelevare i contanti dai 251 ATM Postamat presenti nella regione, senza bisogno di recarsi allo sportello. Coloro che invece non possono evitare di ritirare la pensione in contanti, nell’ufficio postale, dovranno presentarsi agli sportelli rispettando la turnazione alfabetica prevista da un apposito calendario che varia a seconda del numero di giorni di apertura dell’ufficio postale di riferimento. In Sardegna saranno aperti complessivamente, secondo varie modalità orarie, 437 uffici postali su 441 presenti sul territorio. Poste Italiane ricorda inoltre che i cittadini di età pari o superiore a 75 anni che percepiscono prestazioni previdenziali presso gli Uffici Postali, che riscuotono normalmente la pensione in contanti e che non hanno già delegato altri soggetti al ritiro della pensione, possono chiedere di ricevere gratuitamente le somme in denaro presso il loro domicilio, delegando al ritiro i Carabinieri. Per ulteriori informazioni, è possibile consultare il sito www.poste.it o contattare il numero verde 800 00 33 22.

Centenario nascita Alberto Sordi. Francobollo dedicato disponibile anche in Sardegna

Il francobollo ordinario, appartenente alla serie tematica “le Eccellenze italiane dello spettacolo” dedicato ad Alberto Sordi, nel centenario della nascita, sarà disponibile anche in Sardegna. A comunicarlo è Poste Italiane. L’emissione ha una tiratura di quattrocentomila esemplari ed ogni foglio è composto da quarantacinque esemplari. Stampato dall’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato S.p.A., in rotocalcografia, su carta bianca, patinata neutra, autoadesiva, non fluorescente e con bozzetto a cura di Claudia Giusto, il francobollo è disponibile a Cagliari presso gli sportelli filatelici degli uffici postali di Cagliari Centro (piazza del Carmine), Cagliari 10 (via San Benedetto), Quartu Sant’Elena 2 (via Verdi), Iglesias (serra Perdosa), Oristano Centro (via Mariano IV), Nuoro Crispi (piazza Crispi), Macomer (via Gramsci), Sassari Centro (via Brigata Sassari), Sassari 5 (via Luna e Sole), Alghero Centro (via Carducci), Olbia Centro (via Acquedotto) e Arzachena (viale Costa Smeralda). In particolare, la vignetta raffigura un ritratto di Alberto Sordi, tra i più grandi interpreti della commedia all’italiana; in alto si staglia la sua firma preceduta dalla consueta dedica che Sordi era solito scrivere a chi gli chiedeva un autografo “CARAMENTE”. Completano il francobollo la leggenda “ALBERTO SORDI”, le date “1920 – 2003” la scritta “ITALIA” e l’indicazione tariffaria “B”. L’annullo primo giorno di emissione sarà disponibile presso lo sportello filatelico dell’ufficio postale di Roma VR. Il francobollo ed i prodotti filatelici correlati, cartoline, tessere e bollettini illustrativi, possono essere acquistati oltre che presso gli Uffici Postali con sportello filatelico, anche presso gli “Spazio Filatelia” di Firenze, Genova, Milano, Napoli, Roma, Roma 1, Torino, Trieste, Venezia, Verona.

Oristano. Ripartenza di Poste Italiane con i nuovi tricicli elettrici

Poste Italiane rafforza la flotta green e continua a viaggiare ad energia pulita anche a Oristano. Sono infatti entrati in funzione in città 2 nuovi motocicli elettrici a tre ruote, per rendere ecologica, agevole e sicura la consegna dei pacchi e della corrispondenza. I nuovi tricicli sono alimentati elettricamente al 100%, hanno una potenza di 4 kW che garantisce una velocità massima di 45 km/h, in linea con i limiti imposti dal codice della strada nei centri abitati e sono dotati di un’autonomia energetica di circa 60 km, tale da permettere ai portalettere di consegnare la corrispondenza giornaliera con una sola ricarica. La particolare conformazione del veicolo a tre ruote, inoltre, ne aumenta la stabilità e la sicurezza per il conducente e permette l’installazione di uno speciale baule che aumenta la quantità di pacchi e lettere trasportabili: fino a 270 litri, contro i 76 dei motocicli tradizionali, caratteristica ancora più importante visto il costante aumento dei pacchi da consegnare grazie allo sviluppo importante dell’e-commerce registrato a seguito del lockdown. Per ogni nuovo mezzo, inoltre, Poste Italiane metterà in funzione anche una nuova colonnina elettrica per la ricarica, confermando la volontà di garantire una maggiore sostenibilità ambientale su tutto il territorio e permettere una sempre maggiore diffusione della propria flotta elettrica su tutte le regioni italiane. Il rinnovo della flotta aziendale è uno degli obiettivi di Poste Italiane che vuole ridurre in maniera significativa le emissioni inquinanti, come ha ribadito l’Amministratore Delegato di Poste Italiane, Matteo Del Fante, in occasione dell’incontro con i Sindaci d’Italia dello scorso 28 ottobre. Anche per questo le forniture dei nuovi tricicli elettrici proseguiranno nel corso di tutto il 2020, coinvolgendo numerose località su tutto il territorio nazionale. Con i nuovi tricicli elettrici, inoltre, la mobilità di Poste Italiane diventa ancora più sostenibile, in linea con l’ESG – Environmental Social and Governance, il piano d’azione in materia di sostenibilità ambientale e sociale che ha l’obiettivo di garantire la definizione degli indirizzi del Gruppo con ricadute positive per l’ambiente e per il territorio.

Cagliari. In servizio altri 18 nuovi tricicli elettrici di Poste Italiane

Poste Italiane potenzia la flotta green e continua a viaggiare ad energia pulita anche a Cagliari. Sono infatti entrati in funzione in città 18 nuovi motocicli elettrici a tre ruote, per rendere ecologica, agevole e sicura la consegna dei pacchi e della corrispondenza. Sale così a 31 il numero dei motocicli elettrici a disposizione dei portalettere della città di Cagliari, se si considerano i 13 mezzi già operativi sulle strade cittadine dal mese di Dicembre del 2018. I nuovi tricicli sono alimentati elettricamente al 100%, hanno una potenza di 4 kW che garantisce una velocità massima di 45km/h, in linea con i limiti imposti dal codice della strada nei centri abitati e sono dotati di un’autonomia energetica di circa 60 km, tale da permettere ai portalettere di consegnare la corrispondenza giornaliera con una sola ricarica. La particolare conformazione del veicolo a tre ruote, inoltre, ne aumenta la stabilità e la sicurezza per il conducente e permette l’installazione di uno speciale baule che aumenta la quantità di pacchi e lettere trasportabili: fino a 270 litri, contro i 76 dei motocicli tradizionali, caratteristica ancora più importante visto il costante aumento dei pacchi da consegnare grazie allo sviluppo importante dell’e-commerce registrato a seguito del lockdown. Per ogni nuovo mezzo, inoltre, Poste Italiane metterà in funzione anche una nuova colonnina elettrica per la ricarica, confermando la volontà di garantire una maggiore sostenibilità ambientale su tutto il territorio e permettere una sempre maggiore diffusione della propria flotta elettrica su tutte le regioni italiane. Il rinnovo della flotta aziendale è uno degli obiettivi di Poste Italiane che vuole ridurre in maniera significativa le emissioni inquinanti, come ha ribadito l’Amministratore Delegato di Poste Italiane, Matteo Del Fante, in occasione dell’incontro con i Sindaci d’Italia dello scorso 28 ottobre. Anche per questo le forniture dei nuovi tricicli elettrici proseguiranno nel corso di tutto il 2020, coinvolgendo numerose località su tutto il territorio nazionale. Con i nuovi tricicli elettrici, inoltre, la mobilità di Poste Italiane diventa ancora più sostenibile, in linea con l’ESG – Environmental Social and Governance, il piano d’azione in materia di sostenibilità ambientale e sociale che ha l’obiettivo di garantire la definizione degli indirizzi del Gruppo con ricadute positive per l’ambiente e per il territorio.

Cagliari. Cento anni del club rossoblù: un francobollo e un annullo speciale

“Spero che possano esserci, al termine di questo periodo, altre occasioni per celebrare i cento anni del Cagliari Calcio. Ma intanto voglio ringraziare di cuore Poste Italiane, in particolare i dirigenti di Cagliari, per un annullo filatelico dal sapore storico”.

Non poteva mancare il Sindaco di Cagliari, Paolo Truzzu, alla cerimonia che si è svolta questa mattina, sabato 30 maggio 2020, nel cortile del Palazzo Civico di via Roma, per l’apposizione dell’annullo filatelico speciale sul francobollo celebrativo appositamente creato da Poste Italiane per i cento anni del club del capoluogo sardo. Proprio il primo cittadino, affiancato dal presidente del Cagliari, Tommaso Giulini e da Marcello Lepuri, direttore della filiale di Poste Italiane Cagliari - Sud Sardegna, ha impugnato insieme agli altri due protagonisti, il timbro che è stato impresso simbolicamente su uno dei francobolli speciali, coniati appositamente per l’occasione.

“La squadra del cuore - ha aggiunto Truzzu - non è solo tifo, ma un fatto di appartenenza, qualcosa di antropologico, di popolare, che unisce identità, modi di vivere e stili di comportamento”.

A partire dalla 9,30, una apposita postazione con il personale di Poste Italiane ha accolto i numerosi tifosi che volevano assicurarsi il prezioso cimelio emesso dal Ministero dello Sviluppo Economico in omaggio al centenario del club sardo. Quattrocentomila gli esemplari messi in commercio che saranno a disposizione negli uffici postali, con il relativo annullo speciale inaugurato alle 11 in punto.

“Ci dispiace non averlo potuto festeggiare come avremmo voluto - le parole di Tommaso Giulini - ma questo gesto ci fa molto piacere e ora non vediamo l’ora di ributtarci sul campionato”.

Violenza di genere. Postamat Atm della Sardegna con il numero e l’app gratuita 1522 antiviolenza e antistalking

Poste Italiane sostiene le comunicazioni del Dipartimento Pari opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri contro la violenza sulle donne ed è al fianco nelle iniziative di sensibilizzazione. Sui monitor dei 251 sportelli Postamat Atm presenti in Sardegna sono visibili i messaggi istituzionali, il numero verde e l’app 1522 per la prevenzione e il contrasto ai fenomeni di violenza, stalking e maltrattamento. L'azienda ha da tempo sottoscritto un protocollo di intesa con il Ministero per le Pari opportunità che prevede la realizzazione di iniziative in grado di “rendere più efficaci e incisive le campagna di comunicazione promosse e realizzate dal Dipartimento, al fine di consentirne una capillare diffusione sul territorio nazionale”. In tal modo Poste concorre alla promozione dei principi di pari opportunità, di contrasto di ogni forma di violenza e di discriminazione coerentemente con il suo ruolo di azienda socialmente responsabile. Poste prosegue inoltre nella realizzazione del proprio piano di attività in materia di sostenibilità che prevede, tra l’altro, iniziative di sostegno al reinserimento lavorativo di donne in uscita dalle case rifugio, avviate a dicembre scorso con la Rete D.i.Re e l’Associazione di volontariato “Telefono Rosa”. Quanto poi all’attenzione rivolta dal Gruppo alle politiche di parità, Poste Italiane è risultata tra le aziende europee che vantano un punteggio più elevato dell’indice di diversità di genere (Gender diversity index, GDI) fra i maggiori Gruppi del listino Stoxx Europe 600 per la presenza femminile in posizioni di responsabilità, secondo quanto emerso dall’analisi dell’organizzazione “European Women on Boards” (Ewob). La ricerca conferma il peso e il ruolo assunto delle donne in Poste Italiane a tutti i livelli, testimoniata da una presenza pari al 55% della forza lavoro complessiva (69.000 unità), e dal fatto che il 59% degli oltre 12.800 Uffici Postali è affidato alla guida di una donna.
Sottoscrivi questo feed RSS

giweather joomla module