Triennale di Milano. Premio Urbanistica 2018 alla Rete ciclabile della Sardegna

Il 21 novembre scorso alla Triennale di Milano il team di ricercatori del Cirem (Centro interuniversitario ricerche economiche e mobilità delle Università di Cagliari e Sassari), con il progetto della Rete ciclabile della Sardegna nella categoria "Innovazioni tecnologiche per la gestione urbana", ha vinto Premio Urbanistica 2018. Il premio è stato conferito da Urbit, società operativa dell'Istituto nazionale di urbanistica che si occupa dell'organizzazione di Urbanpromo. Italo Meloni - direttore del Cirem dal 2014, ordinario di Pianificazione dei trasporti, dipartimento Ingegneria civile, ambiente e architettura dell’Università di Cagliari - è stato premiato da Stefano Stanghellini (presidente Urbit), Valentina Cosmi (relazioni esterne Urbit, coordinamento Premio urbanistica) e Paolo Galuzzi (direttore rivista Urbanistica). L'Istituto nazionale di urbanistica ha inoltre dedicato ai vincitori un supplemento alla rivista Urbanistica 160. Inoltre, anche quest'anno la Rete ciclabile della Sardegna è presente all'interno della gallery online di Urbanpromo. Lo staff coordinato da Italo Meloni ha individuato una rete che si snoda lungo il territorio isolano per circa 2.100 chilometri e vede coinvolti numerosi centri abitati, aree naturali, siti Unesco, punti di interesse e nodi di trasporto extraregionali e interregionali. “Nel 2015 la Regione Sardegna ha riconosciuto la mobilità ciclistica come fattore strategico nella pianificazione regionale delle infrastrutture prioritarie. Con l’Arst soggetto attuatore e Cirem per l’impostazione metodologico-scientifica, è stata avviata la definizione del Piano regionale della mobilità ciclistica con la contestuale attivazione della procedura di Valutazione ambientale strategica (Vas). Questo processo - spiega il professor Meloni - ha consentito la costruzione di un vero e proprio progetto di territorio esteso all’intera isola. I lavori hanno portato lo scorso 31 luglio all’adozione del Piano unitamente alla Vas, da parte della Giunta regionale”. Il Piano ha visto l’applicazione di una metodologia pianificatoria che individua attraverso un approccio di sistema un complesso di interventi, azioni e misure integrate di infrastrutturazione fisica e sociale finalizzate a promuovere l’uso della bicicletta come mezzo di spostamento quotidiano, di svago, sport e turismo. Nel Piano sono individuati gli itinerari della rete ciclistica regionale. Tra questi, si individuano 52 itinerari per una lunghezza totale di 2.649 km (di cui 550 km bici più treno); 256 centri abitati attraversati; 231 territori comunali attraversati; 63 Sic, 22 Zps, due parchi nazionali e quattro regionali in prossimità della Rete; tre siti Unesco (un sito patrimonio mondiale, un geoparco e una riserva della biosfera). Ma non solo. In prossimità della Rete sono presenti 747 punti di interesse (di cui 248 spiagge), tre borghi di eccellenza, otto porti commerciali (24 porti turistici), 49 stazioni ferroviarie e 432 fermate Arst extraurbane. Nella ricerca il professor Meloni ha coinvolto giovani ricercatori e dottorandi, specialisti in architettura, ingegneria, sociologia e marketing. Tra questi, Beatrice Scappini, Giovanni Tuveri, Ilaria Argiolas, Nicola Mura, Cristian Saba, Veronica Zucca, Francesco Porru, Eleonora Sottile, Vittoria Concas, Matteo Gravellu, Marco Garau, Francesco Piras e Lucia Pintor. “L'idea è quella di pianificare e attuare un sistema di mobilità incentrato sull’uso della bicicletta con l'individuazione di una serie di azioni, misure e interventi combinati, coordinati e integrati di natura infrastrutturale, fisica e sociale. L'obiettivo è quello di diffondere l'utilizzo della bicicletta, aumentando il numero dei ciclisti, tra spostamenti feriali e festivi. Il Piano di un sistema di mobilità ciclistica in un territorio come sardo - aggiunge Italo Meloni - si configura come un Progetto che promuove sia un diverso modo di visitare e fruire del territorio, sia occasioni e opportunità di crescita economica valorizzando i territori attraversati e integrando differenti contesti, costieri e dell'entroterra, a bassa e alta intensità insediativa”. Un percorso con una filosofia precisa: “Legittimare la mobilità ciclistica e le ciclovie come oggetto strategico delle politiche regionali”.

Cagliari. Approvato il progetto definitivo dei collegamenti tra le piste ciclabili in città

Nell'ambito del Programma Operativo Nazionale Città Metropolitane 2014-2020 (Asse 2: Sostenibilità dei servizi pubblici e della mobilità urbana), su proposta dell'assessore alla Mobilità, Luisa Anna Marras, la Giunta comunale ha approvato il progetto definitivo per il completamento dei collegamenti tra piste ciclabili esistenti in città. Il progetto prevede la connessione dei percorsi già esistenti e consentirà di realizzare una rete ciclabile in cui si rafforzano i collegamenti tra le diverse zone della città, che andrà a inserirsi nel disegno più ampio di ciclabilità verso gli altri comuni della Città Metropolitana. La delibera segue infatti l'approvazione di tre dei cinque corridoi finanziati con le risorse PON Metro: quello di Monte Mixi, quello per il collegamento tra il Poetto e Sant'Elia, quello di Terramaini. Di prossima approvazione il progetto definitivo che disegna il percorso ciclabile tra Cagliari e Quartu, mentre è in gara la progettazione del corridoio Cagliari-Elmas. Nello specifico, il progetto, condiviso come gli altri con le associazioni più rappresentative dei ciclisti cittadini, porterà alla realizzazione dei collegamenti delle piste ciclabili tra via Paoli e via Sonnino lungo piazza Garibaldi, tra via dei Giudicati e via Is Mirrionis attraverso via Liguria e via Campania, tra via Dante e via Sonnino lungo via San Lucifero e tra via Sonnino e la Darsena attraverso via Campidano, con la realizzazione dell'attraversamento protetto nella rotatoria di via Sonnino, per un totale di tre nuovi chilometri di percorsi riservati alle biciclette. Una volta realizzati tutti, i sei progetti del PON Metro faranno crescere di 28 chilometri le piste esistenti, che ora si sviluppano per circa 24 chilometri. Le nuove piste avranno un fondo colorato e riqualificato e specifica segnaletica orizzontale e verticale. Gli interventi di messa in sicurezza di chiusini e caditoie, assieme alla riqualificazione del manto stradale dove necessario, contribuiranno alla sicurezza dei ciclisti, così come la realizzazione in alcuni tratti di cordoli protettivi e attraversamenti ciclopedonali rialzati. Il progetto delle connessioni tra le piste ciclabili è inserito in un disegno più ampio, che prevede anche la realizzazione di due velostazioni e il rafforzamento del servizio di bike sharing, sempre a valere sulle risorse dell'Asse 2 del Pon Metro 2014-2020. Proprio con l'obiettivo di migliorare il servizio delle biciclette in condivisione, che ha raggiunto oggi i 270 abbonati, è stato appena pubblicato sul sito istituzionale del Comune il bando di gara per la fornitura di 60 biciclette a pedalata assistita, dotate di software antifurto, da utilizzare nella modalità a flusso libero.

Piste ciclabili. Sardegna prima in Italia per aumento percentuale dei percorsi

Un trend, quello delle piste ciclabili, che ha visto in Sardegna una moltiplicazione dei tracciati, aumentati del 301,5% nell'arco di sei anni (2011 - 2016). Oltre alla Sardegna, prima su scala nazionale per presenza di piste ciclabili, la Sicilia, con un aumento dei tracciati del 91% e la Basilicata (+ 73,1%). La concentrazione maggiore dei circuiti per le due ruote si registra nei comuni capoluogo (anche delle ex province), dove la lunghezza dei percorsi è quasi quadruplicata (da 20,4 a 81,9 chilometri). Cagliari emerge quale centro con le piste ciclabili più lunghe (62 km nel 2016, con un aumento dell'839,4% rispetto al 2011). Segue Carbonia (7,4 km nel 2016, dato invariato rispetto al 2011), Olbia (5 km nel 2016; non è disponibile il dato relativo al 2011), Oristano (3,8 km nel 2016, + 18,8% sul 2011), Sassari (2,4 km nel 2016, + 9,1% sul 2011) e Tortolì (1,3 km nel 2016, + 30% sul 2011). Non pervenuti i dati 2011 - 2016 per i comuni di Nuoro, Tempio Pausania, Lanusei, Sanluri, Villacidro e Iglesias. L'indagine è stata elaborata grazie ai dati del Centro Studi Continental su dati Istat. A livello nazionale, durante il periodo di riferimento (2011 - 2016) la lunghezza delle piste ciclabili nei comuni capoluogo di provincia è passata da 3.592,2 km a 4.370,1 km, con un aumento del 21,7%. Le regioni in cui ci sono più piste ciclabili sono Emilia Romagna (1.285,8 km), Lombardia (707,6 km) e Veneto (538,9 km).
Sottoscrivi questo feed RSS

14°C

Cagliari

Windy

Humidity: 59%

Wind: 57.93 km/h

  • 10 Dec 2018 15°C 12°C
  • 11 Dec 2018 15°C 10°C