BANNER 300X250

Ristoranti. I sindaci premono per la riapertura serale

“Sì a riapertura dei ristoranti la sera”. E' quanto emerge dall'incontro di domenica 21 febbraio tra Governo ed Enti Locali. In particolare, riassumendo le esigenze dei sindaci del territorio nazionale in quattro punti principali, il presidente dell’ANCI nazionale, Antonio Decaro, ha esposto il pensiero delle amministrazioni locali che vorrebbero da subito la riapertura delle attività di ristorazione anche nelle ore serali. Una posizione sposata anche dal primo cittadino di Cagliari, Paolo Truzzu, impegnato come i suoi colleghi, affinchè, perfezionando e modificando il sistema dei parametri, si possa arrivare ad una progressiva riapertura delle attività di ristorazione anche la sera.

”Sono favorevole alla riapertura dei ristoranti anche la sera - ha dichiarato Truzzu - anche perché dalle 18 alle 22, con i locali chiusi, è possibile che si creino assembramenti altrove -come case private, piazze, luoghi all’aperto - difficili da presidiare, con il rischio che le situazioni vadano fuori controllo”.

A corroborare l'aspettativa dei sindaci per un rapido cambio di rotta, in direzione delle riaperture serali, i quattro punti principali presi in considerazione dal presidente ANCI, De Caro:

1) "Il sistema dei parametri per stabilire le limitazioni su basi certe funziona, ha fatto tenere sotto controllo la curva e ci ha evitato un nuovo lockdown generalizzato. Per questo riteniamo che debba restare in vigore, anche se gli indici da utilizzare possono essere modificati sulla base delle indicazioni delle autorità scientifiche al tavolo tecnico con le Regioni".

2) "I ristoranti, a condizione del rispetto di protocolli rigidi sulle distanze, devono poter riaprire anche di sera: la consumazione al tavolo assicura condizioni di sicurezza maggiori rispetto agli assembramenti che purtroppo si creano fuori dai locali che fanno il servizio di asporto delle bevande, soprattutto con l'arrivo della bella stagione".

3) "Bisogna lavorare immediatamente a un piano vaccinale in grado di gestire la vaccinazione di massa che confidiamo di dover organizzare da marzo. Un piano che per funzionare deve coinvolgere i sindaci per l'utilizzo delle strutture comunali che permettono di concentrare numerosi punti di vaccinazione, come i palazzetti dello sport".

4) "Infine occorre procedere con speditezza al finanziamento dei nuovi ristori".

Cagliari. Galleria Comunale d'Arte: la Collezione Ingrao si arricchisce del Fondo di Arte Sacra

Quarantacinque sculture e otto dipinti andranno ad arricchire la già importante Collezione Ingrao che da giovedì 21 gennaio è stata ulteriormente impreziosita dalla selezione di opere del Fondo di Arte Sacra della Collezione stessa. Ospitato dalla Galleria Comunale d'Arte, il nuovo allestimento, che arriva nella stessa settimana di riapertura dei Musei Civici di Cagliari dopo i due mesi di stop dovuti alla normativa sul contenimento del Covid-19, è stato presentato oggi dal Sindaco del capoluogo sardo, Paolo Truzzu, affiancato dall’Assessora alla Cultura, Paola Piroddi. Alla presentazione hanno partecipato anche l’Arcivescovo di Cagliari, Monsigor Giuseppe Baturi e l’erede universale di Francesco Paolo Ingrao, Elisa Mulas, che quasi venti anni fa donò l’intera Collezione al Comune così come era nei desideri del proprietario della stessa.

“È una gioia - ha commentato il Sindaco Truzzu - poter festeggiare la riapertura dei musei cittadini con questa nuova mostra. La reazione di tutti noi a questi quasi dodici mesi difficili, è stata quella di chiusura, di una ricerca di una tana per trovare un posto sicuro che ci permettesse di combattere la paura. Ora bisogna avere la capacità di trovare le soluzioni per abbandonare questa tana recuperando le occasioni della vita normale perché questa esperienza ha messo a dura prova sia la nostra socialità che la spiritualità di ognuno di noi. Ecco, dobbiamo recuperare il nutrimento dello spirito e questo è quello che può aiutarci a fare l’arte”.

“Questa mostra - ha aggiunto l’Assessora Piroddi - è nutrimento per lo spirito e siamo contenti di poter ripartire con un allestimento del genere. Volevamo dare un segnale importante alla città e per noi ha un valore importante la presenza dell’Arcivescovo. Tra l’altro, abbiamo, in collaborazione con l’UNICEF, avviato alcune iniziative importanti per creare spazi più fruibili nei nostri musei e stiamo predisponendo delle aree per l’allattamento e il cambio dei bambini ”.

Musei come luogo di cultura ma anche pronti a venire incontro alle esigenze dei visitatori e a sposare gli aspetti religiosi, così come è stato fatto con l’allestimento del Fondo di Arte Sacra. E la bellezza delle opere, unita al loro significato spirituale, ha colpito anche l’Arcivescovo di Cagliari, Giuseppe Baturi.

“Tutto questo è suggestivo per due elementi: in un momento di crisi, allarghiamo lo spazio di bellezza, sia naturale che artistica perché la bellezza rilancia l’uomo al di là dei limiti. Se, infatti, la pausa mi costringe nella solitudine, è la speranza che mi fa cercare altri spazi. In secondo luogo, mi colpisce il contenuto: c’è una bellezza che attinge all’immane patrimonio della Fede. Nel Crocifisso vedo radunati i valori migliori e il Crocifisso va contemplato perché non merita uno sguardo fugace”.

Emozionata ma allo stesso tempo felice per questa nuova vita di una parte della Collezione Ingrao, la signora Elisa Mulas che ha affidato a poche righe i suoi ringraziamenti: “Sono grata per questa esposizione perché per troppo tempo è mancata. Nonostante la pandemia e con mezzi insufficienti siete riusciti a realizzare questo evento e spero che presto si possa ammirare l’intera collezione artistica per tutti coloro che sanno apprezzare l’arte”. La Galleria Comunale d’Arte resterà aperta dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 18 e le visite potranno essere prenotate online all’indirizzo: https://sistemamuseale.museicivicicagliari.it/ Per informazioni è a disposizione la mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. Il costo del biglietto intero è di 6 euro (3 euro per quello ridotto).

Cagliari. Incontro tra il Sindaco, Paolo Truzzu e il Generale di Brigata della Guardia di Finanza, Massimiliano Mora

Si é svolto questa mattina, presso il Municipio, l'incontro tra il primo cittadino, Paolo Truzzu e il nuovo Comandante Provinciale della Guardia di Finanza, Generale di Brigata Massimiliano Mora.

“Torno sempre con piacere qui perché mi sento un cagliaritano d'adozione”, ha commentato nel corso dell'incontro il Generale Mora che, in passato, ha già avuto un’esperienza lavorativa nel capoluogo sardo presso l’allora Nucleo di Polizia Tributaria.

Durante il colloquio sono stati affrontati i temi di stretta attualità che coinvolgono la città, rinnovando la collaborazione tra l'Amministrazione Comunale e la Guardia di Finanza. Tra i punti di maggiore attenzione, la tutela dell'economia sana, che si muove sul piano della piena legalità. In questo senso il sindaco Truzzu e il Generale Mora hanno concordato sulla necessità di contrastare i fenomeni legati non solo all'evasione ma a tutte le fattispecie contrarie alla legge. Prima dei saluti, il Sindaco Truzzu ha voluto donare al Generale Mora una stampa con lo skyline di Cagliari.

Cagliari. Incontro in Municipio con il nuovo comandante della Legione Carabinieri Sardegna

Il nuovo comandante della Legione Carabinieri Sardegna, generale di brigata Francesco Luigi Gargaro, questa mattina è stato accolto al Municipio dal sindaco Paolo Truzzu. Un incontro proficuo e costruttivo in cui sono state gettate le basi per le future collaborazioni, soprattutto in tema di sicurezza. Pugliese di brindisi, 54 anni, già allievo della Scuola militare Nunziatella, l'alto ufficiale ha lunga esperienza territoriale, avendo comandato le Compagnie di Bianco, Viareggio e Roma Casilina, il Gruppo di Castello di Cisterna e i comandi provinciali di Catania e di Roma, oltre che il 10° Battaglione Campania a Napoli. Ha inoltre maturato esperienza all’Ufficio Operazioni del Comando generale dell’Arma, all’ufficio Personale Marescialli e anche da capo ufficio del comandante generale dell’Arma. Gargaro prende il posto del generale di divisione Giovanni Truglio, che adesso ricoprire l’incarico di comandante della Divisione Unità Mobili dell’Arma a Roma. Con gli auguri di buon lavoro e una stretta di mano virtuale, il sindaco Truzzu ha omaggiato il comandante Gargaro con una pergamena ricorso in cui è ritratto il profilo del panorama delineato dai monumenti e dagli edifici caratteristici di Cagliari.

Cagliari. Revoca dell'incarico per l'assessore dello Sport, Paolo Spano

Da un semplice raffronto tra quanto specificato nel Programma di Mandato targato Truzzu e i risultati fino a qui raggiunti - nello specifico per quanto riguarda lo sport - la notizia della revoca dell'incarico all'assessore Paolo Spano, sicuramente non sorprende gli sportivi cagliaritani e tutti gli operatori che, a vario titolo, vivono di sport. Di fatto, l'assessorato in questione, considerato tra i più importanti nell'ambito delle strategie di sviluppo del capoluogo, di certo non ha brillato per operosità e lungimiranza. Lo stesso assessore, ai più sconosciuto, pare non si sia distinto per iniziative di rilievo degne di essere ricordate. Prima di lui Cagliari aveva raggiunto risultati brillanti e una certa visibilità, a livello nazionale, quale città ideale per l'attività sportiva. Ora invece .......... Una situazione che non deve essere sfuggita al primo cittadino, Paolo Truzzu, che con proprio decreto n. 6493/2020 ha revocato la nomina di Spano ad assessore delle Politiche della sicurezza, Sport e Patrimonio. Meglio tardi che mai ..... Al suo posto subentra Carlo Tack, avvocato specializzato in diritto amministrativo e diritto del lavoro di 45 anni, che assume le deleghe al Patrimonio, Polizia Municipale, Sicurezza Urbana e Stradale, Politiche di regolazione dei fenomeni migratori, Sport.

Federico Cheri

Cagliari. Il console romeno Ungureanu incontra il primo cittadino

Il primo cittadino, Paolo Truzzu, ha incontrato questa mattina il console presso l’Ambasciata di Romania nella Repubblica Italiana Cosmin Gabriel Ungureanu, che presiede il seggio per le elezioni al Parlamento della Romania, del 5 e 6 dicembre, allestito al Palazzo Civico di via Roma. I romeni residenti in città, al 31 dicembre 2019, sono 1682 su circa 15.000 residenti, della stessa nazionalità, in tutta la Sardegna. Il console Ungureanu era accompagnato da Ferciug Lorena Ana-Maria, una ragazza di 18 anni che studia al liceo scientifico Euclide di Cagliari ed è la più giovane componente del seggio elettorale di Cagliari. I Romeni residenti possono votare nei seggi di Cagliari e di Olbia dalle ore 7:00 alle ore 21.00

Cagliari. Incontro tra Sindaco e direttore del Museo Archeologico

Questa mattina il primo cittadino, Paolo Truzzu, ha ricevuto in Municipio il direttore del Museo Archeologico, Francesco Muscolino. L'incontro, che segna la rinnovata e stretta collaborazione tra il Comune di Cagliari e il Museo, ha riguardato quali temi principali, il sostegno allo sviluppo del Museo in chiave internazionale e la rivitalizzazione della Cittadella nel contesto più ampio di tutta l’area di Buoncammino. I due esponenti delle istituzioni hanno affrontato anche altri temi che, in clima di cordiale collaborazione, hanno riguardato le modalità operative comuni. È stata anche l’occasione di affrontare il tema della recente autonomia speciale conferita al Museo Archeologico, la più importante sede espositiva di antichità della Sardegna, punto di riferimento nell’area mediterranea per gli oltre quattromila oggetti che raccontano una storia lunga circa settemila anni, dalla Preistoria fino all’Alto Medioevo.

Cagliari. Ulteriori misure di prevenzione del contagio da Covid 19

Il sindaco Paolo Truzzu, con propria Ordinanza n. 95 del 19 novembre 2020, ha disposto ulteriori misure di prevenzione del contagio da Covid 19, in vigore dal 20 novembre 2020 e fino al 3 dicembre 2020. In particolare, nei quartieri di Marina, Stampace, Castello, Villanova, i distributori automatici cosiddetti “h 24” che distribuiscono bevande e alimenti confezionati con eccezione di quelli ubicati all’interno delle strutture pubbliche e private, purché abbiano esclusivo accesso dalla struttura ospitante e non siano dotate di ingressi autonomi e diretti sulla pubblica via (ad esempio non esaustivo: uffici pubblici e privati, ospedali, caserme, etc.), dovranno osservare gli stessi orari dei bar e ristoranti secondo le modalità indicate nel DPCM 3.11.2020 ossia dovranno restare chiusi dalle ore 18.00 alle ore 05.00. I minimarket, la cui attività di vendita di prodotti alcolici dopo le ore 18.00 favorirebbe gli assembramenti e i comportamenti vietati, dovranno osservare gli stessi orari dei bar e ristoranti secondo le modalità indicate nel DPCM 3.11.2020 ossia dovranno restare chiusi dalle ore 18.00 alle ore 05.00. Sono fatti salvi i distributori automatici delle farmacie e parafarmacie e i distributori h24 limitatamente alla vendita di articoli parafarmaceutici e/o di igiene personale. Il provvedimento riguarda i tratti di strada di via Roma, piazza Ingrao, piazza Matteotti e vie perimetrali della piazza Matteotti nei tratti ad essa limitrofi, viale Trieste (nel tratto compreso tra via Roma e la via Pola), via Pola (nel tratto compreso tra viale Trieste e il Corso Vittorio Emanuele II), Corso Vittorio Emanuele II (nel tratto compreso tra la via Pola e la via Palabanda), via Palabanda (nel tratto compreso tra il Corso Vittorio Emanuele II e la via Sant'Ignazio da Laconi), via Sant'Ignazio da Laconi (nel tratto compreso tra la via Palabanda e la via Portoscalas), via Portoscalas (nel tratto compreso tra la via Sant'Ignazio da Laconi e la via Ospedale), via Ospedale sino all'intersezione con via San Giorgio, via San Giorgio, via Santa Margherita, nella piazza Yenne, nella via Scalette Santa Chiara, nella via Manno, scalette Monache Capuccine, via Cima, via Manno, Piazza Martiri, Piazza Costituzione, viale Regina Margherita, nonché le strade Regina Elena, Piazza Giovanni Marghinotti e viale Enrico Endrich.
Sottoscrivi questo feed RSS

giweather joomla module