Cagliari. Giardini storici di Sardegna all’Orto Botanico dell’Università

Si è conclusa oggi la tappa cagliaritana della manifestazione partita da Milis, che intende valorizzare i luoghi del nostro territorio, per farli diventare un punto di riferimento nell’ambito del turismo botanico. La passeggiata tra le bellezze naturali conservate nell’Hortus Botanicus Kalaritanus, promossa dall’organizzazione Giardini Storici di Sardegna, è iniziata ieri con le attività riservate agli operatori del progetto ITACA (Itinerari Turistici Accessibili e Aperti). È stato proprio Gianluigi Bacchetta, direttore generale dell’orto botanico, a guidarli alla scoperta del polmone verde dell’ateneo. Il parco consente infatti agli oltre 100 mila visitatori annuali di praticare percorsi agevoli, privi di barriere architettoniche. All’interno del parco si respira un’atmosfera di pace e armonia, merito dell’impegno costante dello staff, che lavora giornalmente per mantenere intatta la bellezza e la magia di questo luogo. "Numerosi ricercatori, impegnati negli studi di etologia vegetale - ha spiegato Gianluigi Bacchetta - hanno approfondito la particolare sensibilità delle piante: già numerose pubblicazioni scientifiche dimostrano che alcune specie vegetali reagiscono agli stimoli sonori. La reazione della pianta ad alcuni nostri comportamenti è evidente: la cura da parte nostra è sempre premiata con fioriture e una crescita armonica". Nella giornata di oggi, l’Eden cagliaritano ha incantato tantissimi visitatori. L’ingresso gratuito fino alle 17 ha permesso a tantissimi curiosi di farsi avanti tra i sentieri del giardino, per scoprirne, o riscoprirne, il fascino. Dalla cava romana alla maestosa «euphorbia canariensis», la pianta simbolo del giardino universitario, passando per la Fontana Pampanini fino alla meravigliosa vasca centrale, questa domenica non poteva che rivelarsi un grandissimo successo. Merito non solo delle bellezze naturali, ma anche degli spettacoli di Rossella Faa, Elio Turno Arthemalle e Raul Moretti che hanno mostrato quanto l’arte sia maggiormente fruibile se gli spettatori vengono immersi in uno scrigno verde di ben cinque ettari, contenente oltre duemila specie vegetali giunte dai luoghi più remoti del pianeta. Valeria Aresu

Cagliari. L'Orto Botanico tappa di Leggendo Metropolitano con "Bibiloteca Vivente"

L'ultima giornata del festival Leggendo Metropolitano, domenica 11 giugno, avrà come palcoscenico l'Orto botanico di Cagliari. Un appuntamento che mette al centro persone in carne ed ossa da consultare come dei veri e propri libri su argomenti molto attuali come migrazioni, omosessualità, apparenza e differenze linguistiche. Per questo motivo i protagonisti saranni i migranti, rappresentanti di etnie e religioni diverse e persone che parleranno di omosessualità. Una sorta di "Biblioteca Vivente", in grado di agevolare i lettori nella comprensione di situazioni e realtà non sempre di facile lettura e, talvolta, oggetto di atteggiamenti populisti. In questo senso i protagonisti dell'evento verranno assistiti dalla cooperativa sociale ABCittà per facilitare il dialogo con i visitatori, con l'obiettivo di abbattere i pregiudizi, attraverso la conoscenza. Soprattutto riguardo ad un tema, quello dei migranti, molto sentito dai cittadini cagliaritani, anche a seguito dei diversi sbarchi che si sono susseguiti negli ultimi mesi.

Cagliari. Riapre l'Orto Botanico

Dopo le devastazioni subite dal maltempo della scorsa settimana, l'Orto Botanico dell'Università di Cagliari riapre finalmente i battenti. Dal 31 gennaio sarà di nuovo visitabile secondo il consueto orario invernale tutti i giorni dalle 9 alle 14. Tra le novità, la convenzione recentemente siglata tra il Comune di Cagliari e l'Ateneo che consentirà a tutti i residenti di Cagliari, a partire da quest’anno, una riduzione su tutte le tariffe relative a biglietti, abbonamenti. Soddisfatto il direttore dell'Orto, Gian Luigi Bacchetta che sottolinea: “grazie al grande lavoro del nostro personale tecnico e alla preziosa collaborazione dell’Agenzia Forestas, nel corso della scorsa settimana è stato possibile provvedere all’abbattimento di tutti gli alberi compromessi dal maltempo, al ripristino di buona parte della viabilità interna e alla messa in sicurezza dei luoghi. Resta ancora molto da fare, alcune parti dell’Orto Botanico e le serre non saranno visitabili per parecchio tempo, ma siamo felici di riaprire”.

Cagliari. Si contano i danni all'Orto Botanico

Chiuso al pubblico per i danni causati dalla bufera dei giorni scorsi. Orto Botanico off limits per i visitatori, fino a quando il personale non avrà ripristinato l'area verde, le strutture e la viabilità interna, seriamente danneggiati dall'alluvione e dal forte vento. Dai primi rilievi, effettuati durante la serata di sabato, il problema più grave appare quello del pino crollato sul viale Sant'Ignazio da Laconi e che occupa l'intera carreggiata. Una situazione che ha richiesto la chiusura alla circolazione della strada, in attesa della rimozione dell'albero.

Cagliari. Presepe artistico nella grotta Gennari dell'Orto Botanico

Sabato 10 dicembre alle 10 nella Grotta Gennari dell’Orto Botanico di Cagliari (ingresso da viale Sant’Ignazio) verrà inaugurato il presepe artistico realizzato con le sculture lignee del maestro Gianni Salidu, recentemente scomparso. Il presepe si caratterizza per la sua composizione: 20 sculture realizzate con materiali lignei autoctoni e in particolare con legni di olivo, ginepro e mandorlo. Solo il bambin Gesù è realizzato in pietra. L'allestimento é stato reso possibile grazie alla collaborazione dell’Associazione Culturale “Sant’Antico abbraccia il mare” all'artista Tiziana Angius e all'impegno della moglie dello scultore, Pinella Bullegas. Il pubblico potrà visitare il presepe durante tutto il periodo natalizio, fino all’8 gennaio 2017, nella fascia oraria 9.00 - 14.00, tutti i giorni escluso i lunedì (riposo settimanale). Gli unici giorni di chiusura osservati dall’Orto saranno il 25 dicembre e il 1 gennaio, come accade in tutte le strutture museali. Per gli studenti regolarmente iscritti all’Università di Cagliari l’ingresso è sempre gratuito.
Sottoscrivi questo feed RSS

Cagliari