Meteo Sardegna. Allerta per nevicate e gelate

Il brusco abbassamento delle temperature delle ultime ore ha sortito i primi effetti. Già da questa mattina alcuni paesi come Fonni, Desulo e Gavoi hanno visto nuovamente i fiocchi di neve. Una fugace comparsa della neve anche nella zona circostante Tempio Pausania. In base alle previsioni della Protezione Civile a partire dalle ore 18 di oggi e sino alle 15 del 14 sono possibili delle nevicate al di sopra dei 700 metri. Ad essere maggiormente interessata, la parte centro-settentrionale dell'isola, soprattutto nella prima parte della giornata di domani. Prevista un'attenuazione del fenomeno a partire dal pomeriggio. Segnalazioni di pericolo per la viabilità che lungo la statale 389 e sull'altopiano di Campeda, sulla 131, si presenta difficoltosda, anche se i mezzi Anas sono impegnati nello spargimento di sale. Anche i tecnici dell'Ufficio Meteo dell'Aeronautica Militare di Decimomannu confermano che durante la giornata di San Valentino si potrebbero registrare nevicate a 6-700 metri nella parte centro orientale dell'isola e sull'altopiano di Campeda. Condizioni più miti nelle zone pianeggiati e costiere dove le temperature massime raggiungeranno gli 8, massimo 10 (contro i 2 e 4 gradi delle zone interne). Condizioni meteo in miglioramento a partire da giovedì.

Maltempo. Neve nel nuorese, regna l'abbandono

Le prime nevicate, cadute nel nuorese, mettono ancora una volta a nudo le inefficienze delle istituzioni. Questa volta ad essere chiamata in causa è la Provincia di Nuoro che, come denunciato dal sindaco di Desulo, è arrivata tardi a liberare le strade. In particolare il primo cittadino si lamenta del fatto che le strade avrebbero dovuto essere liberate durante la prima mattinata, proprio quando gli studenti e i lavoratori partono per raggiungere le sedi di studio e di lavoro. In effetti, la denuncia sembra trovare conferme dalla testimonianza di chi, come chi scrive questo articolo, è transitato nei tratti di strada in questione ben più tardi. Intorno alle 13.15 nel tratto di strada da Desulo a Fonni si è abbattuta una vera e propria bufera di neve che, nel giro di pochi istanti, ha continuato a rendere quasi impraticabile il fondo stradale. Una situazione surreale. Nessun mezzo della Provincia all'orizzonte, il cellulare che non prende e il senso di abbandono che inizia farsi largo, anche per chi, come il sottoscritto, non è più un giovanotto. Immaginatevi cosa hanno pensato gli studenti provenienti da Desulo bloccati su un pullman, impossibilitato a proseguire per Nuoro a causa della neve. Speriamo che i disagi patiti possano stimolare chi di competenza ad implementare adeguate e strutturali azioni correttive, soprattutto in vista della stagione invernale, ormai già iniziata. Federico Cheri

Meteo. Ritorna la neve nel nuorese

Maltempo e abbassamento delle temperature hanno fatto comparire la neve sulle campagne e sulle strade nuoresi sopra i 1.200 metri. Da ieri notte e per le prime ore della mattina di oggi la neve ha imbiancato il Bruncuspina e la strada provinciale Fonni-Desulo dove gomme termiche e catene sono diventate protagoniste. Neve abbondante anche oltre i 1200 metri. In particolare nel passo Tascusì (1.250 metri), dove la situazione ha raggiunti livelli critici. L'innalzamento delle temperature nel primo pomeriggio ha fatto sì che la neve si sciogliesse, consentendo il miglioramento della viabilità stradale.

Maltempo. Nuorese e Gallura sferzate dalla neve e dal gelo

Notte di gelo e neve per tutto il nuorese. Nel capoluogo barbaricino la temperatura è arrivata fino a -4 gradi. Una situazione che ha spinto il primo cittadino, Andrea Soddu, a diramare un'ordinanza di chiusura delle scuole di ogni ordine e grado. Per oggi niente lezioni anche in molti altri centri della Barbagia e dell'Ogliastra. Piena emergenza per Fonni dove la neve ha raggiunto i 50 centimetri. Allertata la Protezione Civile e l'Agenzia Forestas che si è adoperata con operai e mezzi. Sulle strade della provincia operano gli spazzaneve. Situazione delicata anche in Gallura dove il forte vento e la neve hanno bloccato diversi collegamenti marittimi. In particolare già da ieri sono bloccati i collegamenti Santa Teresa-Bonifacio a causa delle raffiche di vento di tramontana che soffia oltre i 100 chilometri all'ora. Raffiche a 70 km nel porto dell'Isola Bianca di Olbia. Scuole chiuse da ieri anche a Tempio Pausania, Aggius, Bortigiadas, Buddusò e Padru.
Sottoscrivi questo feed RSS

Cagliari