Abusivismo commerciale e sicurezza prodotti. Sequestrati circa 800 articoli

La Guardia di Finanza, Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Cagliari, tenenza di Sarroch e Muravera, hanno sottoposto a sequestro circa 800 articoli nell'ambito di tre distinti interventi. Il primo di questi e’ stato effettuato nei confronti di un esercizio commerciale attivo nel commercio al dettaglio di abbigliamento e accessori, operante nella zona centrale del capoluogo. Qui le Fiamme Gialle hanno riscontrato la vendita di merce in violazione delle norme contenute nel codice del consumo. Rinvenuti 290 prodotti, tra costumi ed accessori (in particolare vestiti, giochi e maschere carnevalesche) privi della corretta etichettatura poiche’ sprovvisti in alcuni casi della descrizione in lingua italiana e in altri casi dell’indicazione delle specifiche tecniche del prodotto o dell’importatore. Nel corso del secondo intervento, effettuato presso un negozio di Teulada, i finanzieri hanno individuato 450 articoli non conformi a quanto previsto dalle normative in materia di marcatura “CE”, di indicazioni da fornire al consumatore obbligatoriamente in lingua italiana (provenienza e tipologia di prodotto, materiali impiegati, istruzioni, precauzioni e destinazioni d’uso), nonche’ di indicazioni dell’importatore e del fabbricante dirette a garantire la corretta e completa informazione relativamente alle caratteristiche dei beni riconoscibili in prodotti sicuri. Tra gli articoli sequestrati, piccoli elettrodomestici, apparecchi elettrici, accessori per telefonia ed informatica. Analogo intervento a Muravera, dove, presso un esercizio commericiale del centro, sono stati rinventui 54 articoli elettrici “a bassa tensione” privi della marcatura “CE” o dell’idonea documentazione a tutela del consumatore. Oltre al sequestro degli articoli, per i titolari dei negozi coinvolti sono state comminate sanzioni pecuniarie fino a un massimo di € 10.000.

Abusivismo commerciale e sicurezza prodotti. Sequestrati oltre 5.000 articoli

La Guardia di Finanza di Cagliari, unitamente alla tenenza di Muravera hanno portato a termine, nei giorni scorsi, due distinti interventi che hanno portato al sequestro di oltre 5.000 articoli. In particolare, nel primo intervento, che ha visto coinvolto un esercizio commerciale operante nel Comune di Assemini, le Fiamme Gialle hanno riscontrato che molti articoli, quali costumi, accessori, vestiti, maschere e accessori, erano privi della corretta etichettatura in quanto sprovvisti in alcuni casi della descrizione in lingua italiana e in altri casi dell’indicazione delle specifiche tecniche del prodotto o dell’importatore. Per questo motivo sono stati sequestrati complessivamente 4.910 prodotti per un valore commerciale di circa 6.000 euro. In aggiunta, sono stete comminate sanzioni amministrative nei confronti del titolare del negozio per importi fino a 25.000 euro. Nel secondo intervento l’azione dei finanzieri si è concentrata nell'accertamento della veridicità in ordine all’apposizione sui prodotti commercializzati della prevista marcatura “CE” e della presenza di una serie di indicazioni da fornire al consumatore obbligatoriamente in lingua italiana (provenienza e tipologia di prodotto, materiali impiegati, istruzioni, precauzioni e destinazioni d’uso), nonche’ l’indicazione dell’importatore e del fabbricante. Dati funzionali a garantire la corretta e completa informazione relativamente alle caratteristiche dei beni riconoscibili in prodotti sicuri. In questo caso sono stati individuati 218 articoli, quali piccoli elettrodomestici, apparecchi elettrici, accessori per telefonia ed informatica, anch'essi non conformi alle caratteristiche di legge e per questo sottoposti a sequestro. Per le irregolarità riscontrate, il titolare del negozio è stato multato con una sanzione pecuniaria da un minimo di € 516 fino a un massimo di € 25.823.

Muravera. Occultati 594 mila euro. Scoperto evasore totale

La Guardia di Finanza della tenenza di Muravera hanno scoperto un evasore totale, responsabile dell'occultamento di ricavi per complessivi 594 mila euro e un’evasione i.v.a. per 109.600 euro. L'azienda verificata, ufficialmente una cooperativa e quindi senza scopo di lucro, celava invece una natura commerciale, operando con la sistematica inosservanza di qualsiasi normativa civilistico – fiscale e disiteressandosi di tutti gli obblighi contabili, dichiarativi e di versamento dei tributi, risultando, per le tre annualità sottoposte a controllo, evasore totale. I responsabili dell’azienda sono stati altresi’ denunciati all’autorita’ giudiziaria per la violazione del d.lgs. 74/2000 in ordine alle condotte di omessa dichiarazione delle scritture contabili e sottrazione fraudolenta al pagamento dell imposte.

Muravera. Scoperta evasione fiscale per 594 mila euro

La guardia di finanza di Muravera, nell'ambito dei controlli finalizzati al contrasto dell'evasione fiscale, ha individuato un evasore che ha occultato al fisco un importo globale pari a 594.000 €. La verifica fiscale delle Fiamme Gialle ha riguardato una società con sede nella zona nord orientale della provincia di Cagliari operante nel settore agricolo. L'azienda in questione, formalmente una cooperativa e quindi senza scopo di lucro, celava invece una natura commerciale, operando con la sistematica inosservanza di qualsiasi normativa civilistico – fiscale e disinteressandosi di tutti gli obblighi contabili, dichiarativi e di versamento dei tributi, risultando, per le tre annualità sottoposte a controllo, evasore totale. Nello specifico sono stati sottratti ricavi per complessivi 594.000 €, mentre l'evasione dell'i.v.a. ammonterebbe a 109.600 €. I responsabili dell’azienda sono stati denunciati all’autorita’ giudiziaria per la violazione del d.lgs. 74/2000 in ordine alle condotte di omessa dichiarazione delle scritture contabili e sottrazione fraudolenta al pagamento dell imposte.

Muravera. Si tuffa in acqua e muore

Una donna di 56 anni è morta nel pomeriggio sulla spiaggia di Muravera. In base ai primi rilievi la vittima si sarebbe tuffata in mare e sarebbe stata colta da un malore, probabilmente ascrivibile allo differenza di temperatura tra l'acqua tiepida e l'afa asfissiante che ha caratterizzato anche la giornata odierna. Inutili i soccorsi degli amici e dei medici del 118 che hanno tentato di rianimarla per oltre venti minuti senza risultato.

Muravera. Si tuffa in acqua e muore

Una donna di 56 anni è morta nel pomeriggio sulla spiaggia di Muravera. In base ai primi rilievi la vittima si sarebbe tuffata in mare e sarebbe stata colta da un malore, probabilmente ascrivibile allo differenza di temperatura tra l'acqua tiepida e l'afa asfissiante che ha caratterizzato anche la giornata odierna. Inutili i soccorsi degli amici e dei medici del 118 che hanno tentato di rianimarla per oltre venti minuti senza risultato.
Sottoscrivi questo feed RSS

Cagliari