Lavoro nero. Dall’inizio dell’anno individuati 73 lavoratori irregolari

E' il bilancio provvisorio delle attività di contrasto al lavoro nero ed irregolare svolte dalla Guardia di Finanza di Cagliari. Un fenomeno che impatta negativamente sul sistema contributivo nazionale oltre che sul mercato legale, pregiudicando gli interessi degli imprenditori e dei professionisti onesti e che, al tempo stesso, non tutela l’incolumità di chi viene assunto senza un regolare contratto, esponendolo a rischi di mancata assistenza in caso di infortunio. Gli ultimi casi riscontrati dalle Fiamme Gialle sono quelli individuati dalla tenenza di Sarroch e Muravera. Nel primo caso, i finanzieri hanno rilevato che una azienda di Pula, operante nel settore della ristorazione, impiegava due lavoratori in nero. Nel secondo caso, i militari della tenenza di Muravera hanno individuato un lavoratore in nero, impiegato presso un esercizio commerciale, anch’esso nel settore della ristorazione. In particolare, le attività svolte dai finanzieri hanno consentito di rilevare che tra il personale trovato intento a svolgere la propria attivita’ lavorativa, figuravano soggetti privi di qualsiasi regolarizzazione formale del rapporto di impiego, sia sotto il profilo contributivo che assicurativo. I titolari delle attività sottoposte a controllo sono stati segnalati alla locale Direzione Territoriale del Lavoro con la diffida a regolarizzare i lavoratori per il periodo di lavoro prestato in nero. In aggiunta, verranno multati con una sanzione amministrativa compresa tra i 1.500 e i 9.000 € per ciascun lavoratore irregolarmente impiegato.

Sanluri. Società evade oltre 200.000 euro e impiega 9 lavoratori in nero

E' quanto emerge dalla verifica fiscale effettuata dalla Guardia di Finanza della tenenza di Sanluri a carico di un soggetto economico del medio campidano operante nel settore sportivo. Dall'azione delle Fiamme Gialle si è potuto constatare che il soggetto ispezionato celava, sotto la veste di ente associativo – e quindi ente non lucrativo -, una vera e propria attivita’ commerciale. Di fatto, dei servizi erogati fruivano non solo dagli appartenenti all’ente, ma, per la maggior parte, anche clientela “esterna”, configurandosi cosi’ attivita’ a scopo di lucro e venendo meno al previsto scopo mutualistico. Le attivita’ ispettive, effettuate anche attraverso l’esame dei software utilizzati per la gestione degli accessi, hanno altresi’ rilevato che gli incassi per le prestazioni rese sono stati annotati, nelle relative scritture contabili, in misura inferiore a quella realmente conseguita. In sintesi, la società verificata ha svolto un’attivita’ commerciale sotto il fittizio schema di ente associativo, al fine di beneficiare delle relative agevolazioni fiscali riservate a queste categorie. La scoperta della sua reale natura ha comportato la sua riconducibilita’ alla disciplina prevista per le imprese commerciali. L’esito del controllo ha quindi permesso di constatare, per i 4 periodi di imposta presi in considerazione, la mancata dichiarazione di ricavi per complessivi 201.445 € ed un’ evasione iva per oltre 85.000 €. I controlli dei finanzieri hanno inoltre evidenziato che tutti i 9 dipendenti impiegati a vario titolo nell’attivita’, prestavano la propria attivita’ lavorativa senza una regolare assunzione. Il titolare dell’attività sottoposta a controllo è stato segnalato alla Direzione Territoriale del Lavoro di Cagliari per l’irrogazione di una maxisanzione pari a 54.000 €, con la diffida inoltre a regolarizzare i lavoratori per il periodo di lavoro prestato in nero.

Lavoro nero. Nel weekend di Pasqua individuati 19 lavoratori irregolari

La Guardia di Finanza del gruppo di Cagliari e della tenenza di Iglesias, nell’ambito dell’attivita’ finalizzata al contrasto del lavoro nero ed irregolare, ha effettuato diversi controlli nei confronti di attivita’ commerciali della provincia di Cagliari operanti nel settore della ristorazione. Il bilancio di tali attività ha portato all'individuazione di 19 lavoratori in nero. In tre distinti interventi, avvenuti nelle ultime 24 ore, i controlli delle Fiamme Gialle hanno evidenziato che 19 soggetti prestavano la propria attivita’ lavorativa senza alcuna regolare assunzione, circostanza che, oltre a costituire illecito amministrativo, non assicura ai lavoratori nessuna forma di tutela ed assistenza in caso, ad esempio, di infortunio. Nei confronti dei titolari, operanti nell’agro dell’iglesiente, del basso campidano e del Sarrabus, è’ stata contestata una violazione amministrativa per un importo fino a 9.000 € per ciascun lavoratore irregolarmente impiegato. In due interventi, i finanzieri hanno altresi’ riscontrato che nessuno dei lavoratori identificati era regolarmente assunto: una percentuale del 100% di irregolarita’. In questo caso, è stata inviata segnalazione all’Ispettorato Territoriale del Lavoro, per la prevista adozione del provvedimento di sospensione dell’attività a causa dell’impiego irregolare di personale in misura superiore al 20% del totale della forza lavoro. Le posizioni dei titolari delle attivita’ controllate sono state segnalate alla Direzione Territoriale del Lavoro di Cagliari con la diffida a regolarizzare i lavoratori per il periodo di lavoro prestato in nero. Il contrasto al lavoro “in nero” ed irregolare non punta solo al recupero delle imposte e dei contributi evasi dai datori di lavoro ed al contrasto di forme di concorrenza sleale che inquinano le corrette regole di mercato, ma mira anche a tutelare i lavoratori sia sotto il profilo delle condizioni lavorative – contrastando quindi tutte quelle forme di sfruttamento della manodopera - che sotto quello della sicurezza ed assistenza in caso di infortunio. In quest’ottica, come sottolinea il ten. Col. Andrea Aurora, capo ufficio operazioni del comando provinciale della Guardia di Finanza di Cagliari, in vista dell’approssimarsi della stagione a maggior affluenza turistica, e’ stato predisposto un ampio piano di interventi a contrasto anche di questa forma di illegalità.

Lavoro nero. Individuati due lavoratori in nero

La Guardia di Finanza, tenenza di Iglesias e tenenza di Sanluri, hanno concluso due attivita’ di controllo finalizzate al contrasto del lavoro nero ed irregolare. A seguito dei controlli sono stati individuati 2 lavoratori in nero, irregolarmente impiegati, rispettivamente, presso uno studio professionale di Carbonia e un’azienda agricola di Pula. Nello specifico, le attivita’ hanno consentito di rilevare che, tra il personale trovato intento a svolgere la propria attivita’ lavorativa, figuravano soggetti privi di qualsiasi regolarizzazione formale del rapporto di impiego, sia sotto il profilo contributivo che assicurativo, circostanza questa che, oltre a costituire illecito amministrativo, non assicura ai lavoratori alcuna forma di tutela ed assistenza in caso, ad esempio, di infortunio. I titolari delle attivita’ sottoposte a controllo sono stati segnalati alla locale Direzione Territoriale del Lavoro con la diffida a regolarizzare i lavoratori per il periodo di lavoro prestato in nero, nonche’ multati con una sanzione amministrativa compresa tra i 1.000 e i 9.000 € per ciascun lavoratore irregolarmente impiegato.

Sestu. Scoperta pizzeria con lavoratori in nero

La Guardia di Finanza di Cagliari ha individuato tre lavoratori in nero all’interno di una pizzeria con sede nel comune di Sestu. Nello specifico l’attività di controllo, effettuata dalle Fiamme Gialle, ha consentito la scoperta dei tre dipendenti, intenti a svolgere la propria attività lavorativa, privi di qualsiasi evidenza della regolarizzazione formale del loro rapporto di impiego, sia sotto il profilo contributivo che assicurativo. Una circostanza che, oltre a costituire illecito amministrativo, non assicura ai lavoratori alcuna forma di tutela ed assistenza in caso, ad esempio, di infortunio. Il titolare dell’esercizio commerciale sottoposto a controllo andrà incontro ad un provvedimento di sospensione temporanea dell’attività imprenditoriale a causa dell’impiego irregolare di personale. La sua posizione sarà segnalata alla Direzione Territoriale del Lavoro di Cagliari ed alla Direzione Provinciale Inps di Cagliari per gli ulteriori adempimenti di rispettiva competenza.

Cagliari. Lavoratori in nero in un ristorante del quartiere Marina

La Guardia di Finanza di Cagliari e la Direzione Provinciale dell’Ispettorato del Lavoro hanno individuato due lavoratori in nero presso un esercizio pubblico dedito alla ristorazione sito nel quartiere Marina di Cagliari. Nello specifico, le attività di verifica hanno consentito di rilevare che, tra il personale trovato intento a svolgere la propria attività lavorativa, figuravano due soggetti privi di qualsiasi regolarizzazione formale del loro rapporto di impiego, sia sotto il profilo contributivo che assicurativo, circostanza questa che, oltre a costituire illecito amministrativo, non assicura ai lavoratori alcuna forma di tutela ed assistenza in caso, ad esempio, di infortunio. Il titolare dell’esercizio commerciale sottoposto a controllo é stato destinatario di un provvedimento di sospensione temporanea dell’attività imprenditoriale a causa dell’impiego irregolare di personale in misura superiore al 20% del totale della forza lavoro. In aggiunta, lo stesso è stato diffidato alla regolarizzazione dei lavoratori per il periodo di lavoro prestato in nero.

Cagliari. Scoperti tre lavoratori in nero

La Guardia di Finanza di Cagliari, nell’ambito di un controllo fiscale che ha coinvolto un’attività commerciale operante nel settore della ristorazione, ha scoperto 3 lavoratori in nero. Nello specifico, durante il controllo finalizzato alla verifica del corretto assolvimento degli obblighi dei sostituti d’imposta, le Fiamme Gialle hanno rilevato che, tra i dipendenti dell’attivita’ commerciale, 3 di loro prestavano la loro attivita’ lavorativa senza una regolare assunzione. Circostanza che, oltre a costituire un illecito amministrativo, non assicura ai lavoratori alcuna forma di tutela ed assistenza in caso, ad esempio, di infortunio. Il titolare dell’attività è stato sanzionato con una multa il cui importo oscilla tra i 1.500 e i 9.000 euro per ciascun lavoratore irregolarmente impiegato. Inoltre, lo stesso è stato diffidato alla regolarizzazione dei lavoratori per il periodo di lavoro prestato in nero. La sua posizione è stata segnalata alla direzione territoriale del lavoro di cagliari ed alla direzione provinciale inps di cagliari per gli ulteriori adempimenti di rispettiva competenza.

Sanluri. Scoperto evasore totale per 152.000 euro e impiego di lavoratori irregolari

La Guardia di Finanza di Sanluri ha scoperto una società attiva nei servizi per enti pubblici, responsabile per un'evasione totale di 152 mila euro. La stessa azienda impiegava 4 lavoratori irregolari. Nello specifico, i controlli delle Fiamme Gialle hanno consentito di accertare che l’azienda in questione e’ risultata evasore totale per un’annualità. In aggiunta, nei periodi in cui ha presentato le dichiarazioni, ha applicato un’aliquota iva agevolata pur non avendone diritto. In particolare, i ricavi complessivi sottratti al fisco ammonterebbero a complessivi 152.000 €, mentre l’evasione i.v.a. sarebbe pari a 41.000 euro. Nel corso dell’ispezione sono stati accertati anche tre lavoratori irregolarmente assunti ed uno totalmente in nero, violazioni che hanno comportato l’applicazione di una sanzione amministrativa minima di 7.500 euro. La societa’ e’ stata diffidata alla regolarizzazione dei lavoratori per il periodo prestato in condizioni di irregolarita’ e segnalata alla direzione territoriale del lavoro di cagliari ed alla direzione provinciale inps di cagliari per gli ulteriori adempimenti di rispettiva competenza.
Sottoscrivi questo feed RSS

26°C

Cagliari

Clear

Humidity: 68%

Wind: 28.97 km/h

  • 17 Jul 2018 31°C 24°C
  • 18 Jul 2018 31°C 21°C