Lavoro. Quattrocento posizioni aperte al Club Esse

Con l'avvicinarsi della stagione estiva, la catena alberghiera italiana Club Esse si prepara ad assumere quattrocento persone nei settori direzione, ricevimento, cucina, servizio sala e bar, economato, housekeeping. Posizioni aperte anche per l'intrattenimento, l'animazione sportiva e l'assistenza bagnanti. La catena possiede nell'isola 12 i villaggi estivi, in gestione o in proprietà. In particolare, le assunzioni sono rivolte prioritariamente a personale alberghiero locale, in maniera tale da valorizzare i territori e le loro competenze, tradizioni e sapori tipici. Per questo motivo sono state aperte le selezioni di personale, attraverso un apposito tour di selezione che prevede diverse tappe nell'isola. Tra queste anche l'international Job Meeting, al quartiere fieristico del 28 e 29 gennaio. Tutte le informazioni sulla campagna di assunzioni sono consultabili sul sito del gruppo www.clubesse.it.

Parma. Operaio originario della Sardegna muore per sul cantiere di lavoro

E' l'ennesima morte bianca che, questa volta, è toccata ad un operaio di 31 anni di origini sarde. L'episodio, avvenuto ieri pomeriggio, si è verificato ad Antria di Monchio delle Corti, sull'Appennino Parmense. L'uomo era impegnato in un cantiere stradale quando è rimasto schiacciato fra un escavatore ed un muretto di contenimento riportando un grave trauma toracico. Nonostante il trasporto all'Ospedale 'Maggiore' di Parma, le sue condizioni sono risultate molto gravi ed il suo cuore ha cessato di battere. Avviate le indagini dei Carabinieri per verificare l'esatta dinamica dei fatti.

Pula. Un'associazione temporanea di impresa per garantire l'accoglienza dei turisti al sito archeologico

In attesa che venga pubblicata la nuova gara per la gestione dell'importante sito archeologico, che ogni anno accoglie tantissimi visitatori da diverse parti del mondo, sarà un'associazione temporanea di imprese (ATI) a gestire il sito. Si è giunti a questa soluzione grazie all'accordo tra i lavoratori, cooperative coinvolte e sindacati. Un accordo finalizzato al reinserimento di tutto il personale del Parco Archeologico di Nora. Cooptour Pula, Irei e Di-Segno, sono le tre organizzazioni che compongono l'ATI che ha preso in carico i lavoratori. Soddisfatto il primo cittadino di Pula, Carla Medau, che ha ringraziato i lavoratori per "avere lavorato gratuitamente 20 giorni pur essendo collocati in ferie dalle cooperative uscenti, garantendo professionalità e accoglienza verso migliaia di turisti". Ora l'attenzione è rivolta al nuovo bando di gara che dovrebbe dare più stabilità ai lavoratori e alla gestione del sito.

Nuoro. Candidata cameriera scartata per il colore della pelle

A denunciare il fatto il marito, impiegato comunale, che su un post su Facebook ha scritto: "Sono coniugato con una meravigliosa ragazza di colore appena stata oggetto di una gravissima discriminazione razziale. Contattata da una amica per un lavoro da cameriera in un matrimonio si è presentata insieme ad altre 49 ragazze dal colore neutro. La professionalità della donna selezionatrice, molto attenta ai particolari, ha fatto in modo che percepisse la pericolosità del diverso ritenendo che la cosa avrebbe potuto turbare la sensibilità degli invitati". A rendersi protagonista dell'asserito episodio di discriminazione sarebbe un'agenzia di selezione del personale, incaricata per il reclutamento di personale per un ristorante. La donna, da tempo residente a Nuoro, durante un'intervista rilasciata all'emittente televisiva Videolina ha espresso tutto il suo dolore e dispiacere per l'accaduto.

Controlli sul corretto versamento delle ritenute sui dipendenti

Nell’ambito delle attività di contrasto all’evasione fiscale, le Fiamme Gialle della Tenenza di Iglesias hanno concluso due controlli fiscali nei confronti di altrettante realtà commerciali del Sulcis Iglesiente, operanti, rispettivamente, una a Domusnovas nel campo del commercio al dettaglio e l’altra a Iglesias nel settore della ristorazione. I soggetti verificati sono stati individuati a seguito di specifica attività di intelligence che ha coniugato le risultanze dell’attività di controllo economico del territorio e l’analisi delle numerose informazioni contenute nelle banche dati in uso alla Guardia di Finanza. In particolare, l’azione dei Finanzieri è stata orientata alla verifica degli adempimenti previsti dalle normative fiscali relativi alla tenuta delle scritture contabili da parte del datore di lavoro quale sostituto d’imposta e sulle ritenute operate dallo stesso sui redditi da lavoro corrisposti ai dipendenti. L’attività ispettiva ha permesso di rilevare che i soggetti economici – il primo per l’annualità 2018 e il secondo anche per il 2017 - hanno omesso il versamento delle ritenute d’acconto ai fini IRPEF operate sulle buste paga a fronte di stipendi e T.F.R. corrisposti al personale dipendente per un importo pari, rispettivamente, a 636 euro in un caso e 987 nell’altro. I titolari delle attività ispezionate sono stati destinatari di una sanzione amministrativa pari, in ciascuna circostanza, al 30% dell’importo non versato.

Olmedo. Riprende la protesta dei 26 lavoratori della miniera di bauxite

Non c'é pace per i 26 lavoratori della miniera di bauxite che, dopo un'assemblea sindacale convocata dall'Ugl Sardegna, hanno chiesto un impegno della Regione per dare un futuro produttivo al sito estrattivo, rivedendo il programma approvato dalla precedente Giunta, che prevede la messa in sicurezza della miniera e la sua chiusura nel 2021. All'incontro era presente anche il presidente del Consiglio regionale Michele Pais che ha garantito il suo impegno per portare all'attenzione del Consiglio e della Giunta le rivendicazioni dei lavoratori. Per i sindacati la miniera non deve chiudere, nonstante le conquiste successive all'occupazione iniziata il 4 settembre del 2016, che hanno portato alla sottoscrizione di contratti a tempo determinato e part time.

Lavoro. Decreto salva-Ilva: misure anche per l'emergenza occupazionale nelle aree di crisi regionali

Saranno in totale novecento gli operai sardi che beneficieranno delle misure per l'emergenza occupazionale, inserite nel Decreto salva - Ilva, sottoscritto dal Presidente della Repubblica Mattarella. Nello specifico, si tratta degli operai impiegati nel polo industriale di Porto Torres (200) e Portovesme (700). Per tutti loro ci sarà una proroga, fino al 31 dicembre 2019, della mobilità scaduta a fine agosto. Il provvedimento firmato dal capo dello Stato crea i presupposti per un accordo su un prezzo dell'energia più basso che dovrebbe sbloccare il rilancio dell'ex Alcoa, passata alla svizzera Sider Alloys. Di fatto sono previste agevolazioni per le aziende che investono sull'energia verde, tema connesso ai cosiddetti "certificati bianchi e del Power Purchase Agreement per l'approvvigionamento di una quota di energia con contratti di energia green a lungo termine". Con il decreto sarà possibile attingere al Fondo per ridurre i prezzi dell'energia nelle aree dove è prevista la chiusura delle centrali a carbone.

Formazione e lavoro. In arrivo oltre 5 milioni per turismo, Master & Back e Best

Sono le tre misure a valere sulle risorse del Fondo Sociale Europeo per le quali la Regione Sardegna mette a correre oltre 5 milioni di euro. Nello specifico, per quanto riguarda il turismo si punta all'estensione della stagione turistica, attraverso la garanzia delle assunzioni nel periodo da marzo a dicembre, cosiddetto di spalla. In questo senso lo stanziamento della Regione, finalizzato ad abbattere i costi di esercizio delle strutture alberghiere ed extralberghiere, ammonta a 6 milioni di euro. Relativamente al Master & Back, alla misura verrà attributa un'attenzione particolare per fare in modo di stimolare l'autoimpresa e la messa a regime delle competenze e capacità acquisite durante i master presso atenei italiani ed esteri. Allo scopo è previsto uno stanziamento pari a 5,5 milioni di euro. Mentre per il Master & Back si tratta di un ritorno, totalmente nuovo è il contenuto della terza misura, denominata Best. Si tratta infatti di un programma molto specializzato che prevede l'erogazione di borse di studio da 35 mila euro da utilizzare per un'esperienza formativa nella Silicon Valley, Stati Uniti. Il programma, primo in Italia per tipologia, verrà reso possibile grazie anche alla partnership con Invitalia e Fulbright. Tutte le informazioni relative alle tre misure sono disponibili sul sito della Regione Sardegna.
Sottoscrivi questo feed RSS

giweather joomla module