Fabbrica di bombe Domusnovas. Il Comitato Riconversione Rwm chiede un incontro urgente con il sindaco di Iglesias

Le notizie relative al possibile ampliamento della fabbrica di bombe nel territorio comunale di Iglesias hanno sucitato la reazione del Comitato Riconversione Rwm che, in una lettera rivolta la primo cittadino della città mineraria, richiede un incontro urgente "al fine di riesaminare la situazione creatasi e riflettere su quali strumenti si possano mettere in campo per evitare il programma di ampliamento". Un programma che, a detta del Comitato . "coinvolgerebbe ulteriormente la Città nel commercio degli armamenti verso paesi in guerra, compromettendone anche le basi morali". La richiesta di incontro, da parte del Comitato, segue la recente presa di posizione del Presidente della Regione Sardegna, Francesco Pigliaru, volta a promuovere il rispetto integrale della Costituzione, salvaguardando i posti di lavoro. "Il ventilato investimento - si legge nel comunicato stampa del Comitato - non aumenterebbe la solidità del tessuto produttivo del territorio che invece risulterebbe inevitabilmente legato a scelte politiche e ad esiti bellici completamente estranei, con il continuo rischio della chiusura improvvisa del sito, più volte paventato dallo stesso management della RWM Italia Spa". Per questo motivo il Comitato si appella "all'umanità, l'entusiasmo e l'amore per la Città" del primo cittadino iglesiente affinché si possa parlare di "politiche di sviluppo dell'Iglesiente verso direzioni e prospettive di lavoro alternative, pacifiche e sostenibili, come quelle sulle quali il Comitato sta lavorando insieme a imprenditori, esperti e docenti dell'Università di Cagliari".

Iglesias. Simposio sulle attività minerarie nel Mediterraneo

L’Associazione Mineraria Sarda, in collaborazione con l’Istituto Europeo di Innovazione e Tecnologia (EIT), organismo indipendente dell’UE con sede a Budapest, organizza il quinto Simposio “Attività minerarie nel bacino del Mediterraneo. Mining activities, critical raw materials: issues and challenges for sustainable development”. I lavori si terranno presso l’aula magna dell’Istituto Minerario “Asproni – Fermi”, in via Roma 45 a Iglesias, dal 29 al 30 giugno. Consolidando il lavoro di ricerca e confronto tecnico e scientifico di respiro internazionale maturato nelle precedenti edizioni ospitate nella palazzina Bellavista di Monteponi, il simposio si propone di coinvolgere tutti quei soggetti che hanno interessi o che operano nel campo delle risorse minerarie in ambito Mediterraneo. Questa tensione alla condivisione di temi e studi di interesse comune nel panorama estrattivo tra Europa, Asia e Africa, risiede nello stesso spirito dell’Associazione Mineraria Sarda, promotrice dell’evento, sorta nel 1896 con l’auspicio che gli studi effettuati possano essere tramandati ai futuri studenti per le loro ricerche. Il simposio nasce aperto a tutti i contributi e comprende volutamente una vasta gamma di argomenti: dagli aspetti legali, all'attività mineraria, dall’esplorazione alla produzione, dalla riabilitazione ambientale fino agli aspetti commerciali, legali e storici dell’attività estrattiva. I lavori congressuali, distribuiti nell’arco di due giornate, sono articolati in tre sessioni tematiche che coinvolgeranno i grandi temi del recupero delle materie prime e dell’economia circolare, dell’esplorazione e delle attività minerarie, della caratterizzazione e del recupero ambientale. Tra i partecipanti che hanno garantito la loro adesione le università di Cagliari, Milano, Napoli, Sassari e Torino, insieme ad aziende ed enti di ricerca, quali Alta Zinc ltd, ECOMIN, SVIMISA, Flyability e Carbosulcis, insieme a numerosi sponsor e patrocinatori industriali ed istituzionali. Il simposio è organizzato in collaborazione con l’Ordine degli Ingegneri di Cagliari. In questo senso agli ingegneri partecipanti al convegno saranno riconosciuti 3 CFP per la giornata del 29 e 3 CFP per quella del 30. Ulteriori informazioni e programma completo su www.simposioams.it.

Iglesias. Sardegna Isola della Pace 5 e 6 maggio

Il 5 maggio, dalle 9.30 alle 13.30, presso il Teatro Electra, convergeranno ad Iglesias numerosi giornalisti invitati da NetOne, rete internazionale di giornalisti per la pace e dalla rivista "Città Nuova", per un seminario sul tema "Giornalismo e Pace - Legami di pace ed economie di guerra tra Yemen e Sulcis-Iglesiente", nel quale sarà centrale la questione delle bombe sarde, responsabili della morte di migliaia di persone in Yemen. L'iniziativa "Sardegna - Isola della Pace" intende testimoniare che costruire la pace è possibile anche a partire da uno dei territori maggiormente contaminati dall'escalation bellica che, da anni, coinvolge il mondo e l'Italia. Aprirà il Convegno il Presidente dell'Ordine dei Giornalisti della Sardegna, Francesco Birocchi. Tra gli altri, parteciperanno: Giorgio Beretta (Rete italiana disarmo), Maurizio Simoncelli (Archivio disarmo), Nico Piro (inviato Rai - Foreign Affairs), Nello Scavo (Avvenire), Marinella Correggia (saggista e giornalista), Paolo Gentili (CEI), Teresa Piras (Movimento non violento), Efrem Tresoldi (Nigrizia), Rosa Siciliano (Pax Christi), Marta D’Auria (Riforma), Roberto Comparetti (Il Portico), Roberto Loddo (Manifesto sardo), Cristina Montoja (NetOne), Giorgia Bresciani (Radio in Blu), Giampaolo Atzei (Sulcis-Iglesiente Oggi), Carlo Cefaloni (Città Nuova), Giulio Meazzini (Città Nuova), Cornelia Isabelle Toelghies (Africa Express). Nella stessa mattinata, presso la Sala "R. Lepori", dalle ore 10.30 alle ore 13, si svolgerà l'incontro pubblico "Porta il tuo pezzetto di Pace ad Iglesias". Il titolo prende spunto dall'idea che così come oggi si parla (Papa Francesco) di "guerra mondiale a pezzi", allo stesso modo possiamo parlare di "pace mondiale a pezzi", alla quale ognuno può dare il proprio contributo. Il programma prevede riflessioni ed esperienze sulla pace. Interverrà Lisa Clark, tra i vincitori del premio Nobel per la pace 2017, che presenterà la campagna "Italia, ripensaci! Nel pomeriggio il programma continuerà con la presentazione del libro "Giornalismo di Pace" e con alcuni laboratori tematici per piccoli gruppi, sempre presso l'Electra, alle 16.30. La sera, in Piazza Sella dalle ore 18 si svolgeranno, prima una breve cerimonia in cui verrà consegnato alla Città di Iglesias il premio "Chiara Lubich per la Fraternità - 2018" a cura di Stefano Cardinali delegato dell'associazione "Città per la Fraternità" - (Ritirano il premio Sindaco, Consiglieri Comunali e Assessori) e poi un ricco programma di testimonianze, riflessioni, proposte e contributi artistici di cantanti e attori che offriranno gratuitamente il loro apporto. In caso di proibitive condizioni meteo il programma verrà svolto nella Sala "R.Lepori" in via Isonzo. Interverrà anche Bonyan Gamal, giovane donna yemenita membro dell'ONG "Mwatana for Human Rights" che ha recentemente denunciato la distruzione di un intera famiglia a causa dell'esplosione di una bomba prodotta in Sardegna. Domenica 6, con raduno in Piazza Municipio alle 10.30, si svolgerà la Run for Unity 2018, una iniziativa internazionale del Movimento "Ragazzi per l'Unità" che si svolge in tutto il mondo alla stessa ora locale in modo da percorrere simbolicamente il globo nell'arco di 24 ore, per dire che l'unità è possibile. In caso di maltempo l'appuntamento è presso il Centro Giovanile S.Barbara in piazza Gorizia 15. La manifestazione è aperta a tutti quanti vogliono portare un loro contributo, anche in termini critici, purchè costruttivi, in particolare durante il Seminario all'Electra. Anche la dirigenza della RWM Italia Spa, i lavoratori, le rappresentanze sindacali, gli esponenti politici, religiosi e della società civile.

Iglesias. Congresso internazionale per i 20 anni del Centro Studi SEA

Dal 26 al 28 aprile si terrà al teatro Electra di Iglesias, il 4° Congresso internazionale del Centro Studi SEA. Il simposio di studi storici e sociali, organizzato in occasione del ventennale della fondazione del Centro (1998-2018), ha il titolo “Legami socio-economici, culturali e religiosi tra Europa mediterranea e America Latina in età moderna e contemporanea” e vedrà riuniti nella città mineraria una trentina di studiosi e ricercatori provenienti da università e centri di ricerca della Sardegna e del resto d’Italia, oltre che di Spagna, Francia, Colombia, Cile e Uruguay. Il programma del Congresso si articola in due sessioni e un seminario. La prima sessione, prevista per giovedì 26 aprile, è dedicata a “Chiesa e società nelle aree europee dell’Impero di Spagna e Portogallo e nell’America spagnola e portoghese in età moderna e contemporanea”, con coordinatori Giampaolo Atzei (Centro Studi SEA), Carolina Cabezas Cáceres (Rivista «Ciencias de la Documentación» - Cile) e Manuela Garau (Centro Studi SEA). La seconda sessione si terrà venerdì 27 aprile ed avrà come tema “Nuovi studi e ricerche d’archivio sull’emigrazione dal bacino del Mediterraneo all’America Latina nei secoli XIX e XX”, coordinatori Annamaria Baldussi (Università di Cagliari), Martino Contu (Centro Studi SEA) e Maria Cristina Secci (Università di Cagliari). Completa il programma il seminario di sabato 28 aprile, “Miniere dismesse e riqualificazione ambientale. Un confronto tra Sardegna e Cile”, coordinato da Tarcisio Agus (Parco Geominerario Storico ed Ambientale della Sardegna), Maria Grazia Cugusi (Centro Studi SEA) e Giuseppe Doneddu (Università di Sassari). I temi oggetto del Congresso ripercorrono gli obiettivi di ricerca perseguiti dal Centro Studi SEA nei suoi vent’anni di vita. Il Centro Studi sulla Sardegna e sui rapporti storici, culturali, sociali ed economici con l’Europa e l’America Latina fu costituito il 15 dicembre 1998 a Villacidro da un gruppo di giovani ricercatori attivi tra l’Iglesiente e il Campidano. Dal 2015 è associato a CLACSO (Consejo Latinoamericano de Ciencias Sociales), membro dell’UNESCO, diventando la prima istituzione italiana, con codice Clacso IT001, a far parte della prestigiosa istituzione internazionale operante nel campo delle scienze sociali. Dal 2002 al 2018, il Centro di ricerche di Villacidro ha pubblicato oltre 60 lavori scientifici in volume, dei quali 52 sono contributi dati alle stampe con la propria Casa Editrice denominata “Centro Studi SEA”. Dal 2011, pubblica la rivista scientifica digitale, peer review, open access “Ammentu”, nata in memoria del socio Don Giovannino Pinna, prematuramente scomparso nel gennaio di quello stesso anno. Riconosciuta dal MIUR, dal 2014 è pubblicata in collaborazione con le Edizioni Aipsa di Cagliari. È consultabile su www.centrostudisea/ammentu Il Congresso si tiene con il patrocinio del Consorzio del Parco Geominerario Storico e Ambientale della Sardegna, del Comune di Iglesias e dell’Ufficio per le Comunicazioni Sociali della Diocesi di Iglesias. Hanno offerto il loro patrocinio anche l'Università degli Studi di Cagliari, l'assessorato del lavoro, formazione professionale, cooperazione e sicurezza sociale della Regione Sardegna, l’ambasciata dell’Uruguay in Italia, l'Associazione Mineraria Sarda, più altri enti di ricerca e organismi internazionali, europei e latino-americani. Inizio lavori: giovedì 26 aprile alle ore 9.00 nel teatro Electra, in piazza Pichi a Iglesias.

Iglesias. Manifestazione contro i bombardamenti in Siria

Lunedì 23 aprile la Rete della Pace della città di Iglesias, organizza un presidio in Piazza Sella dalle ore 9.30 alle ore 19.30 e, a seguire, una fiaccolata per le vie del centro contro il bombardamento della Siria e contro tutte le guerre. L'iniziativa, che si inserisce all'interno della campagna nazionale “Cessate il fuoco! Fermiamo le guerre in Medio Oriente”, ha come slogan “Passi e gesti di pace”. Ad essere invitati non solo i cittadini ma anche le scuole che, per esprimere un gesto di pace, potranno offrire una scatola di colori, un fiore, un rametto d’olivo, un disegno in dono per i bambini profughi a causa delle guerre (solo in Siria i piccoli rifugiati sono 600.000 di cui il 70% non scolarizzati). Il programma prevede alle ore 17.00 lo svolgimento dell’iniziativa “Parliamo di pace, di nonviolenza, di fraternità”, libere espressioni multiculturali. Alle ore 19.00 è la volta della fiaccolata che da piazza Sella arriverà fino a piazza Municipio, attraversando il centro storico.

Iglesias. Furto alla biglietteria di Porto Flavia

L'assenza momentanea dei responsabili della biglietteria è costata 1.200,- euro. E' questo l'importo sottratto da ignoti alle casse del sito minerario di Porto Flavia, durante il giorno di Pasqua. Il complesso portuale-minerario, creato a Masua di fronte allo scoglio di Pan di Zucchero, è stato visitato da un numero significativo di turisti che hanno scelto il Sulcis per il fine settimana pasquale. Quando la bigliettaia si è resa conto del furto ha subito chiamato il Comune e il 112. I Carabinieri della Compagnia di Iglesias hanno avviato le indagini, anche attraverso l'utilizzo dei filmati di una telecamera vicina alla biglietteria.

Cagliari. Sequestrati oltre 1,5 kg di sostanza stupefacente e strumenti per lo spaccio

Durante le attivita’ di contrasto allo spaccio e alla diffusione delle sostanze stupefacenti, la Guardia di Finanza di Cagliari, insieme ai colleghi di Iglesias e con l’ausilio delle unita’ cinofile, hanno arrestato un trentatreenne cagliaritano residente a Quartu Sant’Elena. Durante l'operazione, effettuata nella serata di giovedi 8 marzo in via della Musica a Quartu Sant’Elena, le Fiamme Gialle hanno notato un soggetto che, alla vista delle auto di servizio, si dava ad una vana fuga liberandosi di un involucro. I militari, raggiunto il fuggitivo, recuperavano un pacchetto contenente 21,92 grammi di hashish suddivisi in venti dosi. Considerando inoltre che a carico del fermato risultavano gravare altri precedenti specifici in materia, i finanzieri hanno effettuato una perquisizione domiciliare presso l'abitazione dell'uomo che portava al rinvenimento di ulteriori 1181,64 grammi di hashish - suddivisi in dodici panetti - ed altri 69 grammi suddivisi in 30 dosi. In aggiunta, sono stati rinvenuti 257,25 grammi di marijuana e 3 grammi di anfetamina, unitamente ad attrezzature (grinder e taglierini) e sostanze specifiche da taglio, nonche’ bustine per il confezionamento in dosi. Il soggetto veniva pertanto tratto in arresto ed accompagnato presso la casa circondariale di uta e la sostanza stupefacente sequestrata.

Iglesias. Minacce al primo cittadino: indagato un uomo di 48 anni

Individuato dalla Polizia di Stato il presunto autore delle scritte intimidatorie rivolte al sindaco, Emilio Gariazzo. L'indagato sarebbe un uomo di 48 anni, di Iglesias, denunciato a piede libero. Le indagini, condotte dagli agenti del Commissariato di Iglesias e dalla Digos di Cagliari con la collaborazione degli specialisti della Scientifica, avrebbero fatto emergere dei riscontri investigativi durante la perquisizione dell'abitazione dell'uomo. Tuttora in corso l'effettuazione di ulteriori accertamenti e verifiche.
Sottoscrivi questo feed RSS

28°C

Cagliari

Sunny

Humidity: 76%

Wind: 35.40 km/h

  • 20 Jul 2018 32°C 20°C
  • 21 Jul 2018 31°C 23°C