Cagliari. Individuato un evasore totale che ha occultato oltre 135.000 al fisco

La Guardia di Finanza di Cagliari, nell’ambito delle attività di contrasto all’evasione fiscale, ha individuato una società del capoluogo, operante nel campo dell’edilizia, che ha occultato al fisco oltre 135 mila euro. L'attività ispettiva, finalizzata alla verifica del corretto assolvimento degli obblighi delle disposizioni tributarie vigenti ai fini delle imposte dirette e dell’iva, ha fatto emergere l'inosservanza della normativa civilistico – fiscale. Di fatto venivano disattesi agli obblighi contabili, dichiarativi e di versamento dei tributi. Un comportamento che faceva della società in questione e per il periodo sottoposto a controllo, un evasore totale per complessivi 135.048 euro. A oltre 4.000 euro ammonta invece l'iva evasa.

Cagliari. Scoperta evasione fiscale per quasi 674.000 euro

La Guardia di Finanza di Cagliari, nucleo di Polizia Economico-Finanziaria, hanno portato a termine una verifica fiscale nei confronti di una societa’ di Cagliari operante nel settore dei trasporti. L’azione delle Fiamme Gialle, orientata alla verifica del corretto assolvimento degli obblighi delle disposizioni tributarie vigenti ai fini delle imposte dirette, dell’i.v.a. e dell’i.r.a.p., ha consentito l'emersione di un reddito non dichiarato per un importo complessivo pari a euro 673.919. In particolare dall'analisi della documentazione sottoposta a verifica i finanzieri hanno rilevato che un ingente contributo pubblico erogato in favore dell’azienda che trovava corrispondenza in contabilita’. Circostanza che indica una situazione reddituale inferiore al reale.

Truffe on line. Arrestato pluripregiudicato

Il nucleo di Polizia Economico-Finanziaria Cagliari della Guardia di Finanza ha eseguito una ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal G.i.p. presso il locale tribunale, a carico di un soggetto responsabile dei reati di truffa aggravata, falso in atto pubblico e violazione degli obblighi inerenti alla misura di prevenzione della sorveglianza speciale. La misura cautelare personale scaturisce dalle indagini, dirette dalla Procura della Repubblica cagliaritana, avviate a seguito di numerosissime denunce presentate, in Sardegna e in altre località della penisola, da persone raggirate in occasione di acquisti su internet. Il modus operandi adottato era sostanzialmente il seguente: dopo avere individuato nei siti di annunci gratuiti on line l’inserzione di ricerca di un particolare bene da parte di un soggetto, l’arrestato contattava via telefono o via mail la potenziale vittima e, fingendo di avere la disponibilità del pezzo cercato (in genere, si trattava di ricambi per auto o prodotti tecnologici), concordava le modalità di consegna e di pagamento, richiedendo il versamento anticipato del prezzo pattuito su carte Postepay a lui intestate. In questo modo, induceva quindi in errore l’ignaro acquirente circa la serietà della proposta di vendita ma poi, a pagamento effettuato, alla vittima non veniva spedito alcunchè. Le indagini hanno portato ad individuare il responsabile delle truffe, un pluripregiudicato già noto alle forze dell’ordine e sottoposto alla misura di prevenzione della sorveglianza speciale di pubblica sicurezza, ed al quale sono stati contestati 47 casi di truffa. Lo stesso, inoltre, si è reso responsabile del reato di falsità ideologica commessa dal privato in atto pubblico, per aver presentato una denuncia, dichiarando falsamente lo smarrimento di una carta prepagata postepay, che in realtà gli era stata sequestrata il giorno prima, al fine di ottenere il rimborso del relativo saldo. La misura cautelare in carcere è in linea con un recente orientamento giurisprudenziale, che qualifica tale tipologia di raggiri on line come una forma aggravata di truffa, a motivo della condizione di “minorata difesa” in cui si trova il potenziale acquirente il quale, in ragione del luogo di commissione del reato (internet), si trova in posizione di svantaggio rispetto ai truffatori.

Monserrato. Individuato evasole totale per oltre 176 mila euro

La Guardia di Finanza di Cagliari, nell'ambito delle attività volte a contrastare l'evasione fiscale, ha individuato un evasore totale che ha complessivamente occultato oltre 176.000 di euro al fisco. La verifica fiscale delle Fiamme Gialle ha coinvolto un professionista operante nel settore medico. Nello specifico, il professionista avrebbe operato senza osservare la normativa civilistico – fiscale, disattendendo agli obblighi contabili, dichiarativi e di versamento dei tributi e risultando, per le quattro annualità sottoposte a controllo, evasore totale per complessivi 176.259 euro.

Spaccio e diffusione di sostanze stupefacenti. Otto interventi della Guardia di Finanza di Cagliari

La Guardia di Finanza di Cagliari, nell'ambito delle attività finalizzate al controllo del territorio e al contrasto, spaccio e diffusione di sostanze stupefacenti, ha sequestrato 109 grammi di hashish, 10,5 grammi di marijuana, 0,3 grammi di cocaina, 0,4 grammi di eroina e 3 spinelli. I soggetti segnalati alla Prefettura sono 13, Denunciata 1 persona all'autorita’ giudiziaria. In particolare, a Cagliari, presso la stazione ferroviaria e quella degli autobus, le Fiamme Gialle hanno individuato sei soggetti italiani (di eta’ compresa tra i 17 e i 40 anni) in possesso, complessivamente, di 5,3 grammi di hashish, 3,3 grammi di marijuana e 0,4 grammi di eroina. La sostanza stupefacente e’ stata sequestrata e gli assuntori segnalati alla locale prefettura. Sempre nel capoluogo, lungo Viale Trieste, un soggetto italiano classe 1988 e’ stato trovato in possesso di 0,3 grammi di cocaina: anche per lui e’ scattata la segnalazione alla prefettura. Durante un controllo in Viale Diaz, i finanzieri hanno sequestrato 3 spinelli confezionati con marijuana in pregiudizio di un ragazzo italiano di 24 anni, le cui generalita’ sono state trasmesse all’autorita’ prefettizia. Nella centrale Piazza Matteotti, le Fiamme Gialle hanno proceduto al sequestro di 4 grammi di hashish nei confronti di un soggetto italiano di 38 anni, segnalandolo al prefetto. Durante la perlustrazione delle aree limitrofe a piazza S. Eulalia sono stati rinvenuti e sequestrati, nei confronti di ignoti, 2,2 grammi di marijuana e 2,8 grammi di hashish. E ancora, nei pressi di Colle San Michele, le pattuglie hanno sequestrato 5 grammi di marijuana nei confronti di un soggetto italiano, classe 1992, anch’egli segnalato alla locale prefettura. In Via dei Mille, un soggetto italiano classe 1996 e’ stato invece trovato in possesso di 55,2 grammi di hashish, 180 € in contanti e un bilancino. Per lui e’ scattata la denuncia a piede libero alla locale autorita’ giudiziaria. Nel medesimo contesto operativo, e’ stata segnalata una persona italiana, classe 1999, trovata in possesso di 2 grammi di hashish. A Capoterra, presso il parco pubblico “Liori”, sono stati segnalati 2 soggetti italiani – uno classe 1997 e l’altro 2000 – trovati in possesso, rispettivamente, di 0,5 grammi e 0,8 grammi di hashish. Durante la pelustrazione della zona, sono stati altresi’ rinvenuti e sequestrati 38,4 grammi di hashish contenuti in una pochette occultata tra le aiuole. La Guardia di Finanza fa sapere che i controlli proseguiranno senza sosta lungo tutte le direttrici su cui si muove lo spaccio e l’assunzione delle sostanze stupefacenti. Dall’individuazione dei canali di approvvigionamento al contrasto alla diffusione ed al consumo diffuso, al fine di garantire la sicurezza e l’incolumita’ di tutti.

Evasione fiscale. Società di onoranze funebri evasore totale

La Guardia di Finanza di Cagliari nell’ambito delle attività di contrasto all’evasione fiscale, ha individuato una società operante nel settore delle onoranze funebri che ha occultato al fisco ricavi complessivi per 286 mila euro. La verifica delle Fiamme Gialle, finalizzata ad accertare il corretto assolvimento degli obblighi derivanti dalle disposizioni tributarie vigenti in materia di imposte dirette, I.v.a. e I.r.a.p., ha fatto emergere l'inosservanza dell'azienda della normativa civilistico – fiscale, contabile e dichiarativa, con mancato versamento dei tributi per due annualità. Situazione, questa, che fa dell'azienda verificata un evasore totale.

Cagliari. Denunciato per evasione e impiego di lavoro nero

La Guardia di Finanza di Cagliari ha scoperto un evasore totale, responsabile per l'occultamento di 631 mila € al fisco e l'impiego di 4 lavoratori in nero. La verifica delle Fiamme Gialle, condotta nell’ambito delle attività di contrasto all’evasione fiscale, ha riguardato una società operante nel cagliaritano nel settore della ristorazione. Le attività dei finanzieri, oltre all'emersione dei ricavi sottratti al fisco, hanno consentito di accertare un’evasione i.v.a. per 61 mila euro. Il responsabile dell’azienda e’ stato denunciato all’autorita’ giudiziaria per la violazione del d.lgs. 74/2000 in ordine alla condotta di omessa dichiarazione. I controlli della Guardia di Finanza hanno inoltre evidenziato che, tra i dipendenti dell’attivita’ commerciale, 4 di loro prestavano la loro attivita’ lavorativa senza una regolare assunzione, circostanza che, oltre a costituire illecito amministrativo, non assicura ai lavoratori alcuna forma di tutela ed assistenza in caso, ad esempio, di infortunio. Per questo il titolare dell’attività è stato sanzionato con una multa il cui importo oscilla tra i 1.500 e i 9.000 euro per ciascun lavoratore irregolarmente impiegato. Inoltre, lo stesso è stato diffidato alla regolarizzazione dei lavoratori per il periodo di lavoro prestato in nero e la sua posizione è stata segnalata alla direzione territoriale del lavoro di cagliari ed alla direzione provinciale Inps di Cagliari per gli ulteriori adempimenti di rispettiva competenza

Cagliari. Sequestrati 240 kg di gpl in bombole detenuti in violazione della normativa antincendio

La Guardia di Finanza di Cagliari, nell'ambito di un’operazione volta al contrasto alle frodi nel settore delle accise sui prodotti petroliferi, ha effettuato un sequestro di bombole contenenti gas propano liquido stoccate all’interno di un deposito ubicato nella zona orientale della provincia di Cagliari. L’ispezione delle fiamme gialle ha fatto emergere la detenzione di un quantitativo di gpl superiore a quanto espressamente autorizzato nel previsto “certificato prevenzione incendi”, circostanza questa che pone in serio pericolo l’incolumita’ dell’esercente, dei clienti nonchè di coloro che si trovano nelle vicinanze della rivendita. Considerando i rischi connessi a tale situazione, i finanzieri hanno proceduto al sequestro di 240 kg di prodotto infiammabile. Il materiale e’ stato opportunamente cautelato e immediatamente trasportato in luoghi sicuri, autorizzati alla custodia. Il titolare della societa’ e’ stato denunciato alla locale autorita’ giudiziaria per violazione delle norme antincendio e delle disposizioni previste in materia di sicurezza e incolumita’ pubblica.
Sottoscrivi questo feed RSS

Cagliari