Turismo e sviluppo al tempo del Coronavirus. Primo Forum delle Città Costiere del Mediterraneo

Si è svolto questa mattina, rigorosamente in videoconferenza, il primo Forum delle Città Costiere del Mediterraneo. Un confronto tra rappresentanti istituzionali di Comuni d'oltre confine che stanno riaprendo le spiagge dando il via alla "Fase 2" delle misure contro la pandemia da Coronavirus. La conferenza telematica, che ha visto la partecipazione dell’assessore alle Attività produttive, Turismo e Sviluppo del territorio di Cagliari, Alessandro Sorgia, è stata indetta dal Comune israeliano di Ashdod che, con i suoi 11 km di spiaggia, sta affrontando problematiche simili a quelle poste dalla riapertura del Poetto. Al dibattito hanno partecipato anche sindaci e assessori di Cipro, Grecia, Francia e Spagna. Durante il dibattito una convergenza particolare è emersa fra Cagliari e Ashdod. “Aree metropolitane simili per popolazione – ha riferito Sorgia - entrambi i centri sono infatti ricompresi in ambiti territoriali che possono considerarsi virus free. Pertanto, pronti per il rilancio del turismo balneare, a precise condizioni di prevenzione e sicurezza”.

“Le misure che l’Amministrazione di Cagliari sta predisponendo di concerto con le linee guida regionali – ha spiegato l'Esponente dell'Esecutivo Truzzu - hanno destato interesse tra i partecipanti alla videoconferenza. In futuro il Forum allargherà il campo di interesse anche ad altri temi economici e culturali, quali, per esempio: sviluppo delle attività portuali e nuove tecnologie”.

L’assessore Sorgia ha infine manifestato la "disponibilità ad affrontare la possibilità di un gemellaggio fra Cagliari e Ashdod” e l'importanza di valorizzare il network delle Città Costiere del Mediterraneo per la realizzazione di percorsi specifici per lo sviluppo turistico del territorio.

Sottoscrivi questo feed RSS

giweather joomla module